Lo strangolatore di Boston - Film (1968)

Lo strangolatore di Boston
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Boston Strangler
Anno: 1968
Genere: giallo (colore)
Papiro: cartaceo

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/06/08 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 16/12/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 30/06/08 12:20 - 8507 commenti

I gusti di Cotola

Discreto film, ispirato a fatti realmente accaduti, in cui Fleisher si dimostra un regista non banale costruendo un film abbastanza teso ed avvincente in cui c'è spazio anche per qualche interessante spunto di riflessione. L'uso dello split screen a volte è gratuito ed eccessivo, ma all'epoca andava tanto di moda. Ottimo il cast su cui spicca però uno straordinario Tony Curtis che dà vita ad una prova attoriale davvero da urlo (che meriterebbe di essere gustata in originale). In definitiva un film che merita la visione.

Lovejoy 16/07/08 14:20 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Thriller ispirato a fatti realmente accaduti, si avvale di un buon copione che la mano sapiente del veterano Fleischer ben sfrutta. Cast affiatato. Spicca, su tutti, la memorabile prova di un Curtis in un ruolo insolito per lui e proprio per questo assolutamente aderente al personaggio. In seguito non si ripeterà mai piu. Ottimi anche Kennedy e Fonda. Appare anche Murray Hamilton, in seguito Larry Vaughn ne Lo Squalo di Spielberg.

Daniela 3/09/09 08:26 - 11837 commenti

I gusti di Daniela

La vera vicenda di Albert Di Salvo, operaio schizofrenico serial killer negli anni sessanta, è narrata dal regista in uno stile secco e senza compiacimenti. Nella prima parte, cerca di ricreare la complessità dell'indagine, attraverso un piglio documentario ed il ricorso massiccio allo split screen. Ma è la seconda parte, quella dei colloqui fra il pacato poliziotto Fonda e il tormentato Curtis (che non ha consapevolezza di essere un assassino), a risultare più avvincente, grazie all'eccezionale prova di quest'ultimo in un ruolo non abituale

Puppigallo 22/04/10 18:00 - 4966 commenti

I gusti di Puppigallo

Ha un leggero retrogusto di datato, qua e là dispensa un po' di retorica (Fonda che parla delle armi che tolgono soldi per la cura dei malati) e l'utilizzo della suddivisione dello schermo, alla lunga, può sembrare più un esercizio di stile. Ma siamo comunque al cospetto di un buon film, ben recitato (su tutti, Fonda e un ispirato Curtis), che ci presenta una difficile indagine, con parecchi indiziati (il "colonnello"; l'allucinato, messianico, egocentrico; il timorato Eugene) e un assassino che darà vita a un serrato faccia a faccia (le sue versioni; la psiche) proprio con Fonda. Riuscito.
MEMORABILE: L'assassino, già piegato sulla vittima, tituba quando si vede allo specchio, quasi fosse stupito di essere lui (in seguito, ci sarà un perchè).

Homesick 25/04/10 18:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’entrata in scena di Curtis a metà film segna una netta cesura tra la prima parte, indiziaria e aderente ai parametri del giallo-poliziesco – delitti, indagini, sospetti, false piste - e la seconda, che vira verso un sondaggio della psiche schizofrenica del serial killer; in ambedue i casi la regia di Fleischer non devia dal registro oggettivo del fatto di cronaca, concluso in un biancore abbacinante che rispecchia la patologia ormai incurabile dello “strangolatore di Boston”. Riflettori puntati su Curtis, che infonde al suo Albert Di Salvo gelo, dolore, incredulità e impotenza.

Galbo 26/04/10 13:45 - 11976 commenti

I gusti di Galbo

Ispirato alla reale vicenda di un operaio schizofrenico, Lo strangolatore di Boston si può definire un film riuscito, che ha per oggetto lo sdoppiamento della personalità. Merito della bontà del film va alla regia di Fleischer che si tiene alla larga da inutili spettacolarismi e sopratutto alla straordinaria interpretazione di Curtis.

Il Gobbo 15/05/10 13:30 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Eccellente thriller di Fleischer, con un taglio apparentemente giornalistico in realtà sottilmente sabotato dal ricorso allo split-screen talmente spinto da ridefinire il quadro come una tavola a fumetti, rendendo il film assai più astratto di quanto l'aderenza alla cronaca non farebbe supporre. Molto bene Curtis (in una parte insidiosa) e Fonda. L'atmosfera generale, la fotografia, annunciano il poliziesco metropolitano prossimo venturo. Da vedere.

Rambo90 4/05/11 01:29 - 7234 commenti

I gusti di Rambo90

Ottimo poliziesco che segue nei minimi dettagli i veri fatti che portarono all'arresto di DeSalvo, lo strangolatore di Boston. Il ritmo lento è ravvivato da un ottimo uso del montaggio, con split screen ben utilizzati e da belle inquadrature. Inoltre c'è un cast davvero impressionante: svetta Tony Curtis nel ruolo di DeSalvo (bravissimo nel far vedere come l'assassino fosse in fondo anche vittima di sè stesso), ma non gli sono da meno i grandi Henry Fonda e George Kennedy. In parti minori ci sono anche Hamilton e James Brolin. Da vedere.
MEMORABILE: Gli interrogatori di Curtis nella parte finale.

Schramm 19/04/12 15:28 - 3040 commenti

I gusti di Schramm

Ogni società ha i criminali che si merita, e quella americana partorisce psicopatici della risma di Albert Di Salvo. La sua divaricazione mentale prodotta dalle schizotipie sociali e culturali è restituita a suon di split-screen che scindono lo schermo in due emisferi cerebrali. E' solo la prima di una serie di acute e azzecate finezze tecnico-semantiche che hanno permesso a quest'opera di invecchiare alla grande, anzi di non invecchiare affatto. Vi sono un paio di licenze poetiche rispetto al vero, e paradossalmente si assopisce proprio quando fa il suo ingresso Curtis, ma son peli nell'uovo.

Lucius 26/09/12 01:01 - 2979 commenti

I gusti di Lucius

Originale per la confezione, classico per il tema trattato. Ispirato a fatti realmente accaduti pecca per qualche lungaggine e per alcuni termini decisamente desueti, ma nel complesso risulta alquanto interessante sia per i fatti di cronaca ai quali si è ispirata la sceneggiatura che per il tema della doppia personalità. Un documento giornalistico a tutti gli effetti, con ottimi caratteristi e una regia poliedrica e particolare.

George Kennedy HA RECITATO ANCHE IN...

Nicola81 13/07/14 15:45 - 2527 commenti

I gusti di Nicola81

Datato per certi versi, efficacemente moderno per altri. A parte l'utilizzo dello split screen, Fleischer adotta uno stile freddo e distaccato, che nulla concede allo spettacolo e ai facili sentimentalismi. I delitti vengono mostrati con rapida concisione, ma interessano soprattutto il loro impatto sull'opinione pubblica, le infruttuose indagini della polizia e la personalità del killer, senza rinunciare a qualche velata critica alla società americana. Bravi Fonda e Kennedy, ottimo Curtis. Qualche licenza rispetto alla realtà, ma ci può stare.

Lythops 25/10/15 17:40 - 987 commenti

I gusti di Lythops

Film lucido, analitico, mette in scena una vicenda realmente accaduta in cui un operaio affetto da doppia personalità uccide e a volte violenta donne indifese. Interessante per la tecnica narrativa, spesso basata sul mascherino, per l'interpretazione degli attori scritturati e soprattutto per il modo in cui si snodano gli eventi, è un'opera valida anche dal punto di vista psichiatrico che nulla concede, come sarebbe stato commercialmente logico, al voyerismo per concentrarsi sui fatti. Apprezzabile anche come poliziesco.
MEMORABILE: La ricostruzione finale dei delitti.

Pinhead80 24/07/16 00:01 - 4371 commenti

I gusti di Pinhead80

Un film molto interessante soprattutto per come viene introdotta poco alla volta la figura del serial killer. Se la prima parte ci racconta le gesta dello psicopatico, la seconda invece cerca di sondare l'insondabile follia della mente umana. Buona anche la scelta di dividere lo schermo in modo da vedere diversi punti di vista che creano maggior suspence soprattutto negli attimi che precedono i delitti. Pesantuccia la parte finale dell'interrogatorio-sfida Fonda-Curtis.

Ira72 5/06/17 08:51 - 1222 commenti

I gusti di Ira72

Piacevole poliziesco che deve il buon giudizio soprattutto allo stile e al cast. La trama, in effetti, pur essendo ispirata alla cronaca, non ha in sé nulla che non sia già stato visto. La narrazione è piuttosto lenta, priva di scene truci che terrebbero alta l'attenzione. Compensano queste mancanze l'utilizzo dello split screen e il duetto Curtis/Fonda, virando verso un genere psicologico che viene a concentrarsi nella seconda parte del film. Una durata inferiore sarebbe stata apprezzata.

Faggi 23/11/17 17:24 - 1533 commenti

I gusti di Faggi

La vicenda magnetizza immediatamente, la tensione gialla è restituita con rigore classicista e, al contempo, invenzione (sperimentazione) sixties (audace l'uso dello split screen). La superficie figurativa è smaltata; le soluzioni registiche e il cromatismo fotografico si concedono in una danza sincronizzata che non fa una piega. La naturalezza espressiva delle interpretazioni completa la giustezza formale; riesce anche nell'impresa di fare da preludio alle atmosfere cupe, socialmente torbide, del poliziesco metropolitano settantiano.

Rufus68 26/05/20 23:26 - 3608 commenti

I gusti di Rufus68

Un film come se ne facevano una volta, di impianto affidabile, con un cast solidissimo e l'andamento lento e sicuro del classico. Nonostante la materia scabrosa (le parafilie, gli omicidi) Fleischer evita i compiacimenti, i sussulti e gli scandali facili al pari delle sciocche pruderie delineando il ritratto d'un uomo schiacciato dalla propria psiche in un mondo che sembra estraneo e in pieno disfacimento (simbolica, a tal riguardo, la scena del delitto durante il funerale di Kennedy, l'ultimo re). Meno convincente l'ultima mezz'ora.

Anthonyvm 23/11/22 15:43 - 4342 commenti

I gusti di Anthonyvm

Gran bel biopic del sapiente Fleischer, diviso in due parti che differiscono per genere e stile (la prima didascalica indagine poliziesca condotta dall'acuto Fonda, la seconda allucinato thriller psicologico retto dalla sorprendente prova di Curtis). Benché lo script non segua certamente alla lettera il ben più fumoso caso dello strangolatore (per molti versi ancora irrisolto), il film, col suo clima asettico e morboso, resta un caposaldo del cinema sui serial killer (il monito finale pre-credits sembra sollecitare gli studi di profiling che vedranno la luce nella decade successiva).
MEMORABILE: L'uso barocco dello split screen e delle mascherine; I flashback di Curtis durante gli interrogatori, fra falsi ricordi e intromissioni del presente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 26/11/09 11:17
    Scrivano - 5613 interventi
    Horst Buchholz fu considerato per il ruolo del protagonista.

    Fonte: Imdb
  • Discussione Undying • 5/05/10 02:09
    Controllo di gestione - 7593 interventi
    Ipocrisia e pregiudizio nella morale comune

    Interessante un passaggio de Lo strangolatore di Boston che sembra riflettere, con lucida visione, aspetti del vivere quotidiano e tendenze sociali all'ordine del giorno.

    Ad un certo punto compare un professore omosessuale che colleziona, nella sua prestigiosa biblioteca, anche opere meno nobili, tipo quelle sadiane.
    Pur essendo innocente la polizia sospetta di lui proprio a causa della presenza del libro di de Sade...
  • Curiosità Zender • 20/09/16 18:03
    Pianificazione e progetti - 46431 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo Digital • 20/04/17 11:23
    Portaborse - 3651 interventi
    Dvd Golem disponibile dal 14/06/2017. (trattasi di ristampa).
  • Curiosità Daniela • 23/07/19 12:09
    Gran Burattinaio - 5847 interventi
    Nel film la colpevolezza di Albert DeSalvo è data per accertata senza ombra di dubbio e lo stesso è descritto come uno schizofrenico affetto da disturbi di personalità che commette gli omicidi in uno stato di incoscienza scordandosi subito dopo di quanto successo.
    Nella realtà, a DeSalvo non fu mai diagnosticata una patologia di questo genere e, nonostante avesse confessato di essere l'autore dei 13 omicidi avvenuti a Boston fra il 1962 e il 1962 ed attribuito al cd "strangolatore", la giuria non credette alla sua versione ed egli venne condannato all'ergastolo per altri crimini di natura sessuale.
    Allo stato attuale, l'ipotesi più probabile è che si sia trattato di un mitomane entrato in contatto con l'autore di alcuni degli omicidi in questione, il che spiegherebbe la sua conoscenza di particolari non divulgati all'opinione pubblica.

    Fonti:
    http://www.latelanera.com/serialkiller/serialkillerdossier.asp?id=AlbertDeSalvo&pg=4
  • Homevideo Digital • 24/01/22 11:19
    Portaborse - 3651 interventi
    Dvd e blu-ray A&R Productions disponibile dal 11/02/2022.
  • Homevideo Mortician • 10/03/22 20:14
    Galoppino - 104 interventi
    Il DVD A&R, che gode di un'ottima qualità audio/visiva, ha un piccolo difetto: quando accedo alla sezione degli extra purtroppo non mi fa selezionare le varie voci (galleria fotografica, trailer e poster e locandine) e conseguentemente non mi permette di tornare al menù principale, rimanendo di fatto bloccato. Tale difetto non si riscontra fortunatamente nella copia, sempre in mio possesso, in blu-ray.