LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/04/14 DAL BENEMERITO XAMINI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/07/15
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Xamini 26/04/14 12:53 - 993 commenti

I gusti di Xamini

Commediuccia dell'assurdo che fa sorridere quel tanto che basta ma non offre niente di che. Quasi interamente incentrata sul volto da perdente del buon Mastandrea che duetta con i comprimari esattamente come ci si aspetterebbe. Neppure Battiston incide più di tanto. La nota migliore riguarda forse la parte della Vukotic e quella dei due montanari.

Manfrin 4/05/14 10:16 - 323 commenti

I gusti di Manfrin

Mazzacurati esce di scena omaggiato dai tanti camei degli attori diretti nei suoi vari film e con un prodotto figlio del suo stile, con protagonisti sconfitti nella vita ma sempre carichi di speranza. Divertente ma pure amaro termina sulle Dolomiti, dove ci si sente più vicini al cielo.

Zaratozom 19/05/14 00:35 - 56 commenti

I gusti di Zaratozom

Come in un ritrovo tra vecchi amici, la sceneggiatura del film offre l’occasione per la passerella d’addio del grande regista padovano. Inutile disquisire sulla bontà del prodotto filmico; questo è un convivio di grandi attori che, consapevolmente o meno, si trovano qui per celebrare le gesta di un amico. Restano, per gli spettatori, le risate e il testamento di un autore innamorato dei deboli, delle minoranze senza voce e di un nordest a tratti epico e folkloristico. Una terra da riscoprire pur con tutti i suoi limiti. Adorabili, se visti con gli occhi di Mazzacurati.
MEMORABILE: Il breve cameo di Orlando e Bentivoglio: esilarante.

Paulaster 27/11/14 10:27 - 2681 commenti

I gusti di Paulaster

Nell’insieme delle tante partecipazioni Mazzacurati si congeda col passaggio finale nella natura. La commedia purtroppo dice poco, si susseguono solo le vicende legate all’inseguimento del tesoro nascosto. La Ragonese non convince, Mastandrea nei panni del bonaccione stride e non basta la vivace parlata veneta a far simpatia; positivi comunque i camei di Bentivoglio e Marzocca. Lo stile registico è immutato ma è meglio ricordarlo per gli affondi nel mondo dei perdenti.

Capannelle 11/12/14 16:17 - 3691 commenti

I gusti di Capannelle

Divertente commedia giocata con elementi tutto sommato semplici (equivoci, fughe, etc) ma sempre con i tempi giusti e una buona sinergia tra gli interpreti principali, tra i quali forse l'unico sacrificato è Battiston in un ruolo poco caratterizzato. Ruoli del tutto fugaci per Orlando e Bentivoglio, mentre Mazzocca, la Vukotic, Balasso e la Ricciarelli acquistano un senso.

Ilcassiere 4/05/15 10:01 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Dispiace, per ovvie ragioni, dover dire che questa opera di Mazzacurati non sia un granché, ma purtroppo è la verità. Si tratta di una commedia abbastanza banale e prevedibile che non trova brillantezza né nelle interpretazioni dei protagonisti, tutti abbastanza sottotono, né nella regia, che non presenta particolari elementi degni di nota. Ancora una volta il regista si schiera dalla parte dei più deboli, ma questa volta con poca lucidità. Bella la fotografia nell'ultima parte girata tra le montagne, ma è comunque un po' poco.

Vitgar 28/05/15 12:01 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Quasi presentendo la fine Mazzacurati ci omaggia di un film in cui vi è la summa del suo modo di fare cinema. Una carrellata dei suoi personaggi sbilenchi sempre alle prese con pressanti problemi quotidiani che cercano di risolvere nei modi più strani. Situazioni surreali raccontate con il solito ironico gusto e la consueta umanità dell'ottimo regista veneto. Ultimo omaggio alla sua terra, dalla laguna alle montagne. Bravi gli attori protagonisti e carrellata a mo' di cameo degli attori che più gli sono stati vicini. Da vedere.

Nando 30/05/15 07:22 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Il commiato di Mazzacurati, che realizza una commedia on the road abbastanza surreale in cui si sorride e si riflette. Bravo Mastandrea, ben coadiuvato dalla Ragonese mentre Battiston appare lievemente sacrificato. Numerosi i cameo di interpreti famosi, tra cui segnalo la Ricciarelli e un doppio Albanese.

Hackett 31/05/15 08:30 - 1720 commenti

I gusti di Hackett

Mazzacurati ci mancherà proprio per il suo talento nel raccontare la provincia e nel trattegiare i personaggi che la abitano. Il film è l'ennesima testimonianza del talento di un regista che sapeva girare commedie non banali, con un occhio attento alle difficoltà quotidiane della gente. Emozionante la carrellata dei suoi attori preferiti, tra i quali manca forse solo quel Marco Messeri con cui aveva iniziato.

Galbo 6/07/15 16:17 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Il congedo di Carlo Mazzacurati avviene con una commedia che conferma la capacità del regista di raccontare storie che restano saldamente ancorato alla provincia veneta. In questo caso la vicenda della ricerca di una sedia che contiene un tesoro è raccontata con toni leggeri ed ironici oltre che con una buona caratterizzazione dei personaggi principali. A rendere omaggio al regista molti dei suoi attori "storici", ma Valerio Mastandrea e Isabella Aragonese, per la prima volta diretti dal regista, non sfigurano.

Piero68 6/07/15 09:17 - 2752 commenti

I gusti di Piero68

Distribuito postumo nelle sale cinematografiche, La sedia della felicità è l'ultimo, impagabile lavoro del grande regista padovano. Commedie come queste riconciliano il pubblico con il prodotto cinematografico made in Italy. Perché se già la sceneggiatura prevede una serie di ingranaggi che girano al punto giusto, la sapiente mano del regista fa sì che tutti gli attori diano prove di grande spessore. Come lo strabordante Mastandrea, unico con i suoi sguardi. Semplicemente geniali poi le carrellate di camei presenti nel film. Da non perdere.
MEMORABILE: Lo spirito di Vumba; Il furto della sedia al mago; Da Nives; El mecagnedo e El mefradel.

Tarabas 1/10/15 10:52 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Non fosse per la generale simpatia dell'operazione si dovrebbe parlare di un film inutile, già visto e senza un minimo di originalità (a cominciare dal palese rimando a un vecchio film di Mel Brooks, a sua volta tratto da un racconto russo). Persino nel repertorio dello stesso Mazzacurati c'erano già almeno due film sostanzialmente identici per temi e toni (La lingua del Santo e A cavallo della tigre). Di un terzo episodio non si sentiva il bisogno. Forse presagendone la fine imminente, gli attori cari al regista partecipano con un cameo.

Il ferrini 27/08/16 23:58 - 1647 commenti

I gusti di Il ferrini

Graziosa commedia con un sempre ottimo Mastandrea che stavolta ha come spalla la brava e simpatica Ragonese, Battiston - prete - un po' defilato ma incisivo, nonché una serie di illustrissimi comprimari, fra i quali spicca (curiosamente) Balasso, efficace nei panni dello strozzino. La storia ha ritmo e può vantare molte gag riuscite, si sorride spesso e il "tesoro" inseguito diventa presto di secondaria importanza rispetto alle rocambolesche avventure dei protagonisti. Divertente.
MEMORABILE: Mastandrea che di fronte al fucile spianato del pecoraro se ne esce con un: "morbido!", reminescenza della fantastica serie Buttafuori.

Rambo90 18/06/16 23:07 - 6275 commenti

I gusti di Rambo90

Grottesco e divertente, l'ultimo film di Mazzacurati è un'originale e bizzarra commedia, veloce nel ritmo e simpaticissima nell'abbozzo di personaggi completamente sopra le righe. La sceneggiatura è ricca di gag riuscite, con l'unica pecca di avere forse poca coesione tra i vari sketch. Mastandrea in gran forma, coadiuvato da una gradevole Ragonese e da un Battiston fantastico. Completano il quadro uno stuolo di illustri camei, tra i quali spiccano in particolare quelli di Marzocca e della Vukotic. Da vedere.

Lou 23/05/18 16:17 - 934 commenti

I gusti di Lou

Mazzacurati ci lascia con una storia leggera, gradevole e scanzonata, giocata su una rocambolesca ricerca di un tesoro nascosto in una sedia. Si tratta di una farsa delicata, senza troppe pretese, ambientata nella provincia veneta di cui viene riportato un quadro di malinconica semplicità. Buona l'interpretazione da parte di un gruppo di attori italiani di comprovata professionalità.

Rocchiola 22/08/19 08:25 - 849 commenti

I gusti di Rocchiola

L’ultima opera di Mazzacurati funge un po' da summa di tutto il suo cinema, dall’ambientazione nella provincia veneta all’umanissimo sguardo verso gli emarginati. Una surreale e divertente caccia al tesoro sullo sfondo di un’Italia marginale stretta nella morsa dalla crisi economica e popolata da un campionario umano di stralunate figure minori. Più che Mastandrea e la Ragonese, corretti ma non entusiasmanti, contano infatti gli spassosi camei affidati agli attori preferiti dal regista, che gli rendono omaggio con affettuose apparizioni.
MEMORABILE: L’impiegata sadomaso; Il pagamento con il pesce; Balasso avido noleggiatore di apparecchi estetici; I gemelli Albanese; Il volo del prete Battiston.

Pigro 30/11/19 10:44 - 7704 commenti

I gusti di Pigro

Ennesima versione cinematografica della grottesca e concitata caccia al tesoro già portata sullo schermo in Una su 13 e nel Mistero della 12 sedie, che ben si sposa con la vocazione di Mazzacurati all’avventura di piccoli eroi di provincia. Qui la declinazione in salsa da nuova commedia italiana si accresce del progetto ‘all stars’ che riempie di camei la narrazione. Film piacevole e divertente, con frizzanti spunti sul costume e l’attualità. Peccato che il finale si ammosci con un’idea farraginosa e un banale pistolotto sentimental-melenso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rocchiola • 22/08/19 08:28
    Call center Davinotti - 1116 interventi
    Disponibile in bluray marchiato 01 Distribution. Video ed audio sono praticamente perfetti.