LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/03/07 DAL BENEMERITO ALMAYER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Almayer 30/03/07 12:51 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Splendido film di Comencini. Cast straordinario: Nino Manfredi, Mario Adorf, Gian Marià Volonté, sceneggiatura di Age, Scarpelli, Comencini e Monicelli, montaggio di Baragli, musiche di Piero Umiliani. Delizioso film di "fuga", e a mio avviso i Cohen l'hanno preso a riferimento per Fratello dove sei?. Una classica commedia all'italiana, con interpreti d'eccezione e una bella sceneggiatura. Straconsigliato.

Daniela 12/04/18 08:09 - 9106 commenti

I gusti di Daniela

Tre detenuti mettono a punto un ingegnoso piano di evasione, coinvolgendo forzatamente un quarto che tenta di fare la spia al direttore... Capolavoro misconosciuto della commedia all'italiana, un affresco in chiaroscuro (gli assassini sono capacità di gesti di umanità, i buoni di tradimenti e vigliaccherie) che nella prima parte sembra una versione carceraria dei Soliti ignoti e nella seconda assume un andamento picaresco imprevedibile fino all'epilogo amarissimo. Manfredi mattatore sempre presente, ma non gli è da meno Adorf nei panni di Tagliabue. Film aspro, verace come le vongoline.
MEMORABILE: La simulazione dell'incidente; La fuga; La bimba sequestrata; In fuga con la futura suocera

Skinner 18/12/09 19:57 - 593 commenti

I gusti di Skinner

Un capolavoro, c'è poco da dire. Straordinaria prova d'attori (film della vita per Adorf, indimenticabile Tagliabue) ma sopratutto sceneggiatura tra le migliori della commedia all'italiana, con pochissime concessioni alle aspettative dello spettatore. Da vedere e far conoscere.

Renato 26/02/10 23:25 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Uno strano film, ben diverso dalle commedie all'italiana del periodo. Tra i pregi l'ottimo cast sfruttato a dovere, da Manfredi (perfetto per la parte) ad un Adorf di notevole sgradevolezza (almeno nella prima parte), da Bussières a Volonté. Sinceramente mi ha convinto un po' meno il tono agrodolce della pellicola, che porta ad un finale senza dubbio intelligente ma direi ben poco emozionante. Particina per Ennio Antonelli (un galeotto).

Matalo! 3/04/10 16:50 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Problemi con la censura e col pubblico (si vedeva un'Italia troppo misera) per un buon film di Comencini, tra i migliori della carriera. Escamotage della lettera all'avvocato di Manfredi, scritta in un italiano "alto" e stentato per raccontare la storia di un'evasione paradossale. Eccezionale cast tra cui un insolito Volontè; le gag in cui Manfredi è incastrato son sempre di alto livello (specie quella della sedia). Manca un po' di sale e il film non esplode pienamente ma comunque resta una pellicola insolita nel filone della commedia, un film duro.

Giùan 5/09/12 23:09 - 2881 commenti

I gusti di Giùan

Tra le commedie italiane "più avanti" degli anni '60. Comencini (che lo produsse in cooperativa con sceneggiatori e Alfredo Bini) sfrutta l'aggressivo script di Age e Scarpelli non in direzione grottesca (come accadrà poi a Scola), ma nel senso di un apologo malinconicamente (sur)realistico su un umanità sottoproletaria, che il boom non lo vede e semmai ne paga il fio. Manfredi è un infame burino Candide, impossibilitato antropologicamente a trar partito da ogni lezione. Adorf batte Volontè in verità e gigioneria. Brutto sporco e commoventemente cattivo.
MEMORABILE: Adorf col fazzoletto per contenere l'ascesso; Volontè che si tira dietro nella fuga (ex) promessa sposa e suocera; Il pescatore "traditore" di Nino.

B. Legnani 3/11/12 21:39 - 4676 commenti

I gusti di B. Legnani

Bel film di Comencini (***), commedia agrodolce con alcuni tocchi così italiani che più italiani non si può (Volonté che riappare in compagnia a Roma, la scena a tre con Manfredi, la Moriconi e De Ceresa...). Interpretazioni ottime, storia interessante (con qualche buchetto di sceneggiatura, ma non importa), notazioni curiose, trovate divertenti (la figlia del minatore...). Per gli amanti del western: si cita l'allume della zona del canalone di Tolfa. Da vedere.

Roger 24/11/12 11:38 - 143 commenti

I gusti di Roger

Ottima commedia dotata di un suo realismo nel dipingere un'umanita lacera, sporca, dolente, intenta ad arrabattarsi come può per sopravvivere. Ottimo Adolf nella parte del delinquente che rivela una insospettata umanità, ma immenso è Manfredi nella parte dell'ingenuo e un po' suonato poveraccio costretto dagli eventi a... cavalcare la tigre dell'esistenza.
MEMORABILE: Il linguaggio... epistolare che Manfredi usa con il suo avvocato.

Motorship 2/02/13 17:01 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Girato in pieno boom economico, ma ambientato in un'Italia molto misera, questo poco conosciuto film di Comencini è da considerarsi un piccolo gioiello della nostra commedia. Una malinconica e dolente rappresentazione di come sopravvivere alla povertà dilagante, con un piccolo accenno grottesco, soprattutto per l'epoca. Ottima la sceneggiatura, scritta a otto mani, così come è ottimo e molto ben sfruttato il cast (soprattutto Manfredi e Adorf, ma anche Volontè non scherza). Bella la OST di Umiliani. Finale amaro. ****
MEMORABILE: Il finale.

Puppigallo 23/11/13 11:07 - 4487 commenti

I gusti di Puppigallo

Storia di poveracci ben scritta e, soprattutto, ben interpretata, con tanto di "fuga da Alcatraz" de noantri. Qua e là scende un po' di livello, ma nel complesso riesce a mostrare la faccia finto sporca dell'Italia di quegli anni, grazie a interpretazioni piuttosto gustose, quasi caricaturali, ma sempre e comunque piacevoli. I due protagonisti fuggiaschi sono affiatati; e anche chi avrà a che fare con loro, darà il suo contributo alla riuscita della pellicola. Commedia agrodolce, dove quello che può sembrare il vero delinquente senza scrupoli, è in realtà una sorta di giusto.
MEMORABILE: Manfredi al pescatore: "Basta vongoline...magari una frittatina di cipolle"; "Chiamerò mio figlio Tagliabue". "E se è femmina?". "Tagliamucca".

Gabrius79 12/04/14 21:45 - 1183 commenti

I gusti di Gabrius79

Una splendida fotografia in bianco e nero, Nino Manfredi e Gianmaria Volontè in stato di grazia e una storia interessante e piuttosto coinvolgente fanno da contraltare a una sceneggiatura un po' zoppicante. Ciò non toglie che Luigi Comencini abbia fatto comunque un lavoro onesto. Bene anche Mario Adorf.

Rambo90 5/05/14 18:13 - 6276 commenti

I gusti di Rambo90

Una commedia in bilico tra grottesco e amarezza, dove Comencini nella prima parte diverte mentre nella seconda sembra ricalcare il viaggio di ritorno di Tutti a casa, con esiti un po' meno felici e qualche eccessiva lungaggine. La pellicola funziona quando è in scena Manfredi, davvero bravissimo, mentre affonda leggermente nei momenti di Volontè con la moglie e nel bizzarro personaggio del pescatore. Bella la fotografia in bianco e nero, memorabile il finale.

Homesick 15/11/15 17:00 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

I drammi umani e societari si possono esporre con grande efficacia anche avvalendosi dei toni della commedia tragica, contesto più che mai congeniale a Manfredi, che per la sua fisicità e modo di parlare - e per di più sotto la guida di Comencini, regista ideale per queste tematiche - aderisce al meglio al ruolo del poveraccio dall'animo buono maltrattato da persone ed eventi. Accanto a lui si fanno notare Adorf, animalesco fino ai rapidi slanci di umanità in extremis, e i ritratti vividi e veraci di Volontè, Bussières, Moriconi e De Ceresa.
MEMORABILE: La simulazione dell'incidente e la denuncia da parte del pescatore; la figlia del minatore.

Pessoa 19/06/17 17:38 - 1096 commenti

I gusti di Pessoa

Bella commedia all'italiana per Comencini che prende spunto da un manipolo di perdenti per raccontarci la parte oscura del boom economico. La trama è quella di un escape-movie in cui si alternano risate, sorrisi e bocconi amari, grazie anche a un cast eccezionale dove Manfredi primus inter pares si divide la scena con Adorf e Volontè. La sceneggiatura lascia giustamente spazio agli attori e nelle scene in cui loro tre non sono presenti tende a perdere consistenza. Ritmo non eccezionale ma nel complesso sicuramente una piacevole visione.
MEMORABILE: Manfredi e i fichi secchi; La bambina Marcella, il dialogo fra Manfredi e la Moriconi circa la taglia.

Paulaster 6/02/19 10:07 - 2685 commenti

I gusti di Paulaster

Galeotto verrà obbligato a evadere dai compagni di cella. Se la partenza appare più vicina alla commedia all'italiana, non vengono risparmiate una certa realtà carceraria e modi da delinquenti. Quartetto ben assortito (solo la vicenda dell'onore di Volontè appare modesta) in cui Manfredi stempera un clima poco allegro (le minacce ai bambini). Sceneggiatura non filantissima dopo l'evasione. Buona idea la voce narrante con lo sforzo di apparire grammaticalmente corretta.
MEMORABILE: Il rapimento della bambina che chiedeva un passaggio; Il trucco per uscire dalla porta della cella; La cartolina sullo spioncino.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 3/11/12 21:41
    Consigliere - 13757 interventi
    Didda23 ebbe a dire: Ho il dvd, finita la partita ti faccio sapere. Grazie. Se hai tempo, metti un fotogramma del direttore del carcere?
    Ultima modifica: 3/11/12 21:43 da B. Legnani
  • Discussione Matalo! • 5/11/12 12:15
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Ciao Buono; mi cercavi? Per questo film?
  • Discussione B. Legnani • 5/11/12 15:01
    Consigliere - 13757 interventi
    Matalo! ebbe a dire: Ciao Buono; mi cercavi? Per questo film? Info sul finale. Vedi sopra. ciao
  • Discussione B. Legnani • 9/11/12 00:14
    Consigliere - 13757 interventi
    Didda23 ebbe a dire: Ho il dvd, finita la partita ti faccio sapere. Mmmmhhh... ma a quale partita ti riferivi?... ;-))))
  • Discussione Cotola • 9/11/12 00:54
    Consigliere avanzato - 3606 interventi
    Buono, che domande fai... la Rubentus...ça va sans dire.... (Questa Didda non me la pedona!!)
  • Curiosità Mauro • 16/11/12 15:55
    Disoccupato - 9509 interventi
    Si dovrebbe trattare del primo film di Ennio Antonelli (non accreditato nel cast), secondo l'elenco dei film da lui girati segnalati da imdb.
  • Musiche Samuel1979 • 5/01/13 16:04
    Call center Davinotti - 2960 interventi
    In una sequenza Manfredi canta la canzone "Il Mare" di Giorgio Consolini - Sergio Bruni.
  • Curiosità Daniela • 12/04/18 08:21
    Consigliere massimo - 5020 interventi
    Prodotto in cooperativa da Alfredo Bini, Age, Scarpelli, Mario Monicelli e Luigi Comencini, questo ultimi quattro autori anche del soggetto e della sceneggiatura. Fotografia in bianco e nero di Aldo Scavarda. Ha avuto un remake dichiarato con lo stesso titolo nel 2002, diretto da Carlo Mazzacurati, ma con una trama molto modificata nella quale viene dato spazio alle vicende del protagonista prima di finire in carcere, che invece nel film diretto da Comencini sono risolte nelle poche sequenze iniziali relative alla maldestra simulazione della rapina stradale.
  • Discussione Zender • 12/04/18 16:05
    Consigliere - 43820 interventi
    Brava Dany che sei riuscita a mettere il link, perfetto! Ovviamente non te lo dovessi ricordare o avessi problemi basta chiedere.
  • Discussione Daniela • 12/04/18 22:12
    Consigliere massimo - 5020 interventi
    Zender ebbe a dire: Brava Dany che sei riuscita a mettere il link, perfetto! Ovviamente non te lo dovessi ricordare o avessi problemi basta chiedere. Scoperto l'inghippo, non posizionavo giusto l'uguale