La seconda notte di nozze

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 9/02/07 12:23 - 2872 commenti

I gusti di Caesars

Il miglior Pupi Avati degli ultimi tempi. Un film molto delicato che fa della notevole intepretazione di Antonio Albanese il suo punto di forza. Sorprendente anche l'esordio cinematografico di Katia Ricciarelli, sempre molto misurata. Siamo poi sicuri che il personaggio interpretato da Albanese sia quello intelletualmente meno dotato, visto che almeno lui è conscio dei propri limiti? Consigliato a chi ama il cinema di Avati fatto di venature malinconiche.

Homesick 20/02/07 18:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Emiliano-pugliese e postbellico. Ancora una volta un racconto ricco di ricordi, malinconia, minimalismo, amara realtà. Avati ribadisce la sua straordinaria abilità nel dirigere i protagonisti, riuscendo a far recitare non-attori come la Ricciarelli o a far cambiare completamente registro a comici come Marcorè e Albanese. Robert Madison veste i panni niente meno che del compianto Enzo Fiermonte. Trionfo di amarcòrd, quindi. Film molto valido. Consigliato.

Almayer 29/03/07 14:52 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Avati prosegue per la sua strada, raccontandoci un'Italia dell'immediato dopoguerra con un Nord povero e disastrato e un Sud abbiente e florido. In questo scenario di strade polveroso la storia di Liliana (una bravissima Katia Ricciarelli) e di Giordano, uno straordinario Albanese che fa il cacciatore di bombe. Attori diretti con perizia (ma non è una novità), tutti azzeccati nei ruoli. Ad esempio Marcoré, perfetto nella parte del truffaldino da dopoguerra, una specie di "eroe del nostro tempo" (e sì che non mi era piaciuto ne Il cuore altrove).

Galbo 6/05/08 05:47 - 11549 commenti

I gusti di Galbo

Tra i migliori film di Avati realizzati negli ultimi anni (insieme a Il cuore altrove), ripropone tutti i temi cari al cinema del regista emiliano. La ricostruzione dell'ambiente della provincia italiana e dei bisogni e necessità della popolazione sono centrali in quest'opera che è in parte anche un road movie tipicamente nostrano ed una storia di odi ed incomprensioni familiari che trovano ottima espressione in alcune buone intepretazioni del cast (Marisa Merlini). Bella la prova di Antonio Albanese.

Pigro 5/09/08 08:09 - 8236 commenti

I gusti di Pigro

Picchiatello naif è innamorato della cognata, ormai vedova, al punto da prendere in casa lei e il figlio ladro e opportunista. Una storia tenera e delicata, con un ottimo cast: Nercorè laido, Ricciarelli in efficace understatement e soprattutto un eccellente Albanese, che incarna il mistero di un universo interiore che cerca di uscire. Pupi Avati evita la solita operazione nostalgia, portandoci saldamente e con emozione sul bilico di menti vacillanti all’indomani della devastazione bellica, tutte in cerca di un nuovo centro di gravità.

Stefania 29/08/09 15:40 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

La triste eredità della guerra: le mine inesplose che Giordano fa brillare, poi la stanchezza e la miseria di Liliana e la famelica, fanciullesca pretesa di Nino di diventare finalmente qualcuno: magari un attore di cinema! Col suo stile pacato e minimale, Avati narra una storia semplice e ci fa innamorare di questi personaggi animati dal desiderio di rinascere dalle proprie rovine, di tornare a immaginare un futuro. Come l'Italia di allora.

Cotola 29/10/09 23:11 - 7760 commenti

I gusti di Cotola

Solito film avatiano dai toni garbati e malinconici e dai risultati medi: senza infamia e senza lode. Può piacere o meno ma Avati ha un suo stile che mantiene inalterato nel tempo: il modo di girare i film è quello così come i toni e le storie. Peccato che spesso le sue pellicole non abbiano più mordente. Buona la prova degli attori.

Daniela 22/04/10 10:21 - 9989 commenti

I gusti di Daniela

Di mestiere fabbrica confetti e fa saltare le mine, convinto che se deve morire qualcuno è meglio che muoia lui piuttosto che uno "normale", dividendo la grande proprietà di famiglia con due vecchie zie inacidite. La sua vita cambierà con l'arrivo della cognata vedova e del figlio di lei, ladro per vocazione. Fra i film della vena intimistica di Avati, il migliore degli ultimi anni, grazie alla bella ambientazione nella campagna pugliese e ad un cast azzeccato, in cui spicca per finezza Albanese, eccellente nel ruolo del matto saggio.
MEMORABILE: "Aveva nove anni e fece una gran luce".

Nando 26/03/11 10:12 - 3515 commenti

I gusti di Nando

Garbata commedia di Avati che narra con il solito tocco l'Italia post-bellica attenendosi all'attenta ricostruzione e cercando un sempre discreto delineamento dei personaggi. Il risultato è una buona narrazione provvista di un cast interessante che vede un'esordiente e convincente Ricciarelli, un timido ed intenso Albanese ed un laido tentatore Marcorè.

Zutnas 13/11/12 19:05 - 85 commenti

I gusti di Zutnas

Madre e figlio colpiti dalla carestia decidono di partire per la Puglia per farsi aiutare dal cognato di lei che non vedono ormai da anni. Ambientato al termine della Seconda Guerra Mondiale, ci dà un bello spaccato dell'Italia del periodo, fatta di persone semplici e ingenue (lo zio Albanese) e piene di voglia di emergere. Molto belle le ambientazioni e le immagini del sud Italia.

Pupi Avati HA DIRETTO ANCHE...

Furetto60 5/06/13 11:59 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Rivisto ad anni di distanza, la “replica” conferma la prima impressione: più ombre che luci. Spiace per Avati che è un regista sensibile come pochi, capace di riproporre, con attenta ricerca delle location (stupenda la cassettiera da ufficio in legno), situazioni e periodi remoti, ma la vicenda è più posticcia che debole, non avvince, in parte salvata dalle performance di Albanese e Marcorè, mentre la Ricciarelli è ingessata e fuori contesto (inspiegabile come l’abbiano pure premiata)!
MEMORABILE: La masseria; Nino, senza un minimo di scrupolo, spinge la madre a prostituirsi.

Mco 5/06/13 12:05 - 2167 commenti

I gusti di Mco

La vita difficile di vedova con figlio a carico nel secondo dopoguerra sembra trovare pace nel rifugio in Puglia. Qui il fratello del marito offre loro casa e amore, soprattutto nei confronti della donna, da sempre amata. Avati mena le danze da par suo, con ritmi che ben si adattano al racconto, teso a mostrare la lenta ripresa di un gruppo di individui, ognuno verso i suoi obiettivi. Marcoré ha un ruolo minore ma incisivo, la Ricciarelli è convincente ma l'acme interpretativo lo raggiunge Albanese, totalmente in empatia col personaggio.
MEMORABILE: "Mi ha sedotta... completamente" sussurra, in macchina, con un filo di voce, la figlia del notaio a un incredulo Giordano a seguito del furto.

Saintgifts 2/10/13 13:14 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Cambiano i nomi e i volti dei protagonisti, ma non lo stile. Evidentemente Avati, oltre a scriversi i suoi film (riconoscibili anche senza la firma) riesce a guidare gli attori esattamente come vuole lui, sia che siano "vergini" (Katia Ricciarelli), oppure scafati (Albanese, Marcorè). Menzione speciale anche per la Merlini e la Luce. La "stravaganza" della storia fa a gara con quella dei personaggi; una stravaganza che può rasentare una realtà, anzi, l'arricchisce con l'apporto di tutti, anche del minore dei protagonisti; nessuno rimane anonimo.

B. Legnani 25/01/15 02:28 - 4864 commenti

I gusti di B. Legnani

Tiene decisamente bene per quasi un'ora, per calare un po' e riprendersi poi nel finale. Avati si conferma grande manovratore di attori, perché riesce a dare credibilità ad un'interessantissima Ricciarelli. Albanese, la Merlini e la Luce sono semplicemente perfetti, mentre Marcoré non mi è parso ideale attore per il personaggio interpretato. Salvatore Billa è uno dei due ricettatori!Come spesso càpita con l'Avati sentimentale, è un film discreto, al quale manca qualcosa per definirlo buono.

Lythops 22/06/16 13:12 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Due sono le cose che si ricordano di questo film: l'eccellente, totale prova di Albanese che si dimostra un attore drammatico formidabile e la stessa frase di inizio e fine film, che immalinconisce e impreziosisce il tutto. Apprezzabile lo scavo psicologico anche se troppo spazio è stato lasciato al caustico personaggio interpretato da Marcorè. Buoni la scenografia, anche se con un errore piuttosto rilevante (la linea ferroviaria elettrificata con palificazione moderna) e il commento musicale. Si alternano momenti intesi ad altri trascurabili.

Ultimo 19/12/17 14:58 - 1428 commenti

I gusti di Ultimo

Uno dei migliori prodotti di Pupi Avati degli Anni 2000, grazie a una regia solida e convincente e a una buona prova del cast. Spicca su tutti Albanese (il matto che di mestiere fa saltare le mine in un paesino disperso della Puglia), che vedrà la sua vita cambiare con l'arrivo dell'ex cognata. Azzeccata e ben costruita l'ambientazione nell'italia del dopoguerra. Cede un po' nella seconda parte, ma si perdona.
MEMORABILE: La reazione delle zie all'arrivo della Ricciarelli e Marcorè; Albanese con lo scudo "anti mine".

Paulaster 8/01/20 09:51 - 3000 commenti

I gusti di Paulaster

Sminatore mezzo matto convolerà a nozze con la vedova del fratello. Clima del primo postguerra: l'accento va alle difficoltà economiche con un piccolo omaggio ai giovani defunti. Il tema del matrimonio ogni tanto perde centralità a causa del personaggio di Marcorè, che offusca il sentimento a favore del vile denaro. Confezione sufficiente per rappresentare il periodo storico, non produce nemmeno l'effetto nostalgia, anche per dialoghi che sembrano moderni nel linguaggio.
MEMORABILE: La madre da scambiare con lo spinterogeno; La lettera di risposta; La figlia del notaio sedotta.

Il ferrini 26/01/21 10:19 - 1783 commenti

I gusti di Il ferrini

Insieme al papà di Giovanna il miglior Avati della decade 00. Anche in questo caso il protagonista è borderline ma al centro della storia non c'è la morte ma l'amore. Albanese pesca dal suo vasto catalogo espressivo e porta in scena un personaggio tanto fragile nella vita quanto dirompente sullo schermo, mentre la piccolezza d'animo dei parenti che lo circondano (soprattutto le zie) rammenta la famiglia del Serafino di Germi. Ottima, al solito, la ricostruzione degli ambienti e la descrizione di quella provincia spietata tanto cara al regista.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.