La strega in amore - Film (1966)

La strega in amore
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/02/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 3/02/08 17:33 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dal romanzo “Aura” di Fuentes, una storia di streghe, malìe, prodigiose erbe messicane e reincarnazioni dalla trama eccessivamente prolissa ma fotografata in eleganti chiaroscuri che richiamano certe pellicole gotiche italiane coeve; anzi, stanze e corridoi fanno venire in mente quelle del futuro Segno del comando. Tuttavia Damiani resta nel dramma e le implicazioni horror-fantastiche sono solo accennate. Musiche esotico-rituali di Bacalov accompagnano i sensuali incantesimi della Schiaffino e della Ferrati.
MEMORABILE: L’amplesso «senza usare le mani» tra la Schiaffino e Johnson.

Ronax 18/10/11 01:50 - 1275 commenti

I gusti di Ronax

Prima di accreditarsi come il mafiologo ufficiale del cinema italiano, Damiani ha battuto varie strade compreso questo singolare gotico-fantastico venato di torbido erotismo. Ambientato in un fatiscente palazzo nobilare nel cuore di Roma, il film ha i suoi punti di forza nella enigmatica e sensuale Rosanna Schiaffino e nella luciferina Sarah Ferrati, ma inciampa in un cast maschile poco convincente a partire da uno spaesato Volontè. Di gran classe la livida fotografia in bianco e nero, funzionale all'atmosfera mortuaria che avvolge la vicenda.
MEMORABILE: La scatenata danza rituale delle due donne di fronte all'allibito Richard Johnson.

Cotola 9/12/11 14:00 - 9143 commenti

I gusti di Cotola

Affascinante pellicola di Damiani, che intriga ed inquieta nonostante ritmi abbastanza dilatati e sviluppi narrativi non del tutto imprevedibili (e il titolo non aiuta). Parzialmente incompiuto da un punto di vista narrativo (specie riguardo il rapporto Consuelo-Aura), può invece contare su una confezione curatissima e di grande valore: in particolare la magnifica fotografia di Leonida Barboni.Bella anche la colonna sonora di Bacalov, spaziante in diversi generi musicali; convincenti le prove delle due protagoniste femminili. Deludente il cast maschile.

Il Gobbo 24/05/12 09:30 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Gioiello del fantastique italiano, che partendo dal bellissimo racconto lungo di Fuentes (ma prendendosi molte libertà) riesce allo stesso tempo a emanciparsi dal gotico nazionale e a rivisitarne alcuni stilemi, in particolare la figura femminile. Il tutto in veste elegante, con soluzioni visive, scenografiche e sonore raffinate. Indimenticabile. Occhio, c'è anche Scratuglia!
MEMORABILE: La danza.

Dusso 27/06/12 08:36 - 1566 commenti

I gusti di Dusso

Oggi molto datato (il titolo dice già tutto), il film scorre ripetivo. Le premesse erano sicuramente migliori, quindi per lo svolgimento un po' di delusione resta. Splendido il bianco e nero comunque (a colori il film avrebbe perso davvero moltissimo), mentr ottima la Ferrati che affossa la Schiaffino; deliziosa Ester Carloni come antiquaria.

Lucius 5/12/12 18:31 - 3015 commenti

I gusti di Lucius

Un titolo dozzinale cela invece una pellicola ricca di occulto e ambiguità. L'interpretazione della Schiaffino risulta fascinosa e stravagante, come richiesto dal suo personaggio; ottima anche quella della vera protagonista del film. Un'antica residenza romana racchiude un terribile segreto. Tra polvere e antichi testi e un'erotismo giustamente mai pruriginoso, ma calibrato, per evitare di stemperare la magia e il fascino dell'ambiguità e del mistero, lo spettatore si addentrerà in un viaggio ancestrale. Hai mai sentito parlare di streghe?

Saintgifts 12/01/13 09:22 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il mito dell'eterna giovinezza unito a quello dell'uomo di trovare la donna ideale (dal lato prettamente sessuale e stregante, appunto), il tutto tratto da un racconto di Fuentes, danno il la a Damiani per un film che cattura per diversi motivi. Intanto la necessità di capire i comportamenti femminili (quelli maschili sono da subito fin troppo evidenti) e poi di vedere dove si andrà a parare e, una volta vista, la conclusione sarà l'unica accettabile, oltre che spettacolarmente filmica. Buona la scelta della Schiaffino e di un torbido Volontè.

Giùan 2/05/17 11:37 - 4619 commenti

I gusti di Giùan

Controversa e destabilizzante commistione tra linee narrative del gotico all'italiana e le atmosfere morboso-decadenti di certa autorialità anni '60 (mi vien da pensare ad alcuni film di Bolognini, soprattutto). Damiani centra particolarmente il mood funereo del film, venato però da un pervadente erotismo ovviamente "thanatosiano". Il ticket Schiaffino (di palpitante carica sensuale)/Ferrati (megera stregonesca) è riuscitissimo, riducendo a inerme controparte un Johnson comunque credibile e un esasperatamente kafkiano Volontè. Intrigante score di Bacalov.

Alex1988 2/05/19 18:34 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Conturbante opera di Damiano Damiani, trae spunto dal romanzo di Carlos Fuentes, "Aura" (il nome della protagonista femminile). La confezione è più che buona e anche gli interpreti, in particolare la Schiaffino, riescono a dare il giusto spessore ai loro personaggi. Probabilmente i prodotti che Damiani realizzerà in seguito gli hanno sottratto il blasone che meritava. Da vedere.

Minitina80 12/03/20 19:21 - 2994 commenti

I gusti di Minitina80

Un gotico a tutti gli effetti, traslato in epoca moderna ma con tutti i crismi che hanno contraddistinto il genere al loro posto. Soffre un ritmo eccessivamente blando e una ripetitività di fondo che rendono la visione pesante, lasciando affiorare la noia. Difetti che in parte vengono compensati da un bianco e nero gradevole, anche se datato e legato agli anni Sessanta. Migliore il cast femminile, più smaliziato e maggiormente in parte rispetto a quello maschile, meno incisivo. Dura quei dieci minuti in più di troppo.

Damiano Damiani HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Quien sabe?Spazio vuotoLocandina Il giorno della civettaSpazio vuotoLocandina L'istruttoria è chiusa: dimentichiSpazio vuotoLocandina Perché si uccide un magistrato

Faggi 18/08/20 12:23 - 1551 commenti

I gusti di Faggi

In un antico e labirintico palazzo romano, tra ombre livide e luci d'acquario, sulle note preziose di Bacalov... Consuelo, inquietante e dall'età imperscrutabile; Aura, giovane e bella. Tra loro gli uomini, soggiogati. Aura ammalia, nebulizza erotismo e seduce all'istante; appare e scompare misteriosamente. Chi è? L'enigma è in atto. Damiani alle prese con l'oscurità, l'eterna giovinezza e l'eterno femminino, l'amore folle e la stregoneria. Il film è buono, con segmenti notevoli (gli amplessi, la sessione di scherma, le danze inebriate - per esempio). Rosanna Schiaffino splendida.

Nicola81 3/11/20 16:58 - 2884 commenti

I gusti di Nicola81

Poco prima di lanciarsi con ottimi risultati nel cinema di denuncia, Damiani firma quello che probabilmente è il suo film più anomalo, un mix di gotico e fantastico dalle venature morbose. Indubbiamente originale e ben confezionato (fotografia di Barboni, musiche di Bacalov), risulta però penalizzato da una certa piattezza sia in termini di ritmo che di prevedibilità degli eventi. Splendida la Schiaffino, ottima la Ferrati in una delle sue rarissime apparizioni sul grande schermo, Johnson se la cava, peccato per Volontè sprecato in un personaggio secondario e non nelle sue corde.

Anthonyvm 14/01/21 15:55 - 5846 commenti

I gusti di Anthonyvm

Noir psicologico vestito da racconto gotico, il film di Damiani incanta col suo avvolgente bianco e nero e con la sua atmosfera decadente, in un riuscito connubio di erotismo (elegantemente soffuso ma vivido, quasi spinto per l'epoca) e sovrannaturale. Nel confronto fra i due sessi, a risaltare sono soprattutto le fragilità e le meschinità di entrambi, tra vanità, opportunismo e rozza brutalità. Il ritmo lento e la lunghezza eccessiva inducono qualche sbadiglio, anche perché il "colpo di scena" è intuibile sin dal titolo, ma il buon cast e la confezione pregevole si fanno gradire.
MEMORABILE: Aura che si spoglia; Lo scontro fra Volonté e Johnson; Il corpo sulle rotaie; Il ballo delle due donne; La particina di Ivan Rassimov; Il cupo finale.

Zampanò 12/04/21 17:10 - 382 commenti

I gusti di Zampanò

Damiani e Liberatore tentano il thriller esoterico adattando un romanzo di Fuentes. La prima parte ammalia, la seconda si avvita, però il coupe de théâtre infiamma il finale. Ferraro e Schiaffino danzano a tempo sul copione, Johnson monoespressivo; inoltre non si perdona mai a un personaggio ciò che lo spettatore ha capito da un pezzo. Buona prova di Volontè, schermidore affatturato. Tra gli autori degli effetti speciali anche Carlo Rambaldi. Non male, ma forse si poteva osare di più.

Noodles 14/03/22 08:22 - 2298 commenti

I gusti di Noodles

Film assolutamente atipico nella filmografia di Damiano Damiani, una pellicola il cui genere è difficile individuare tanto è bravo il regista a passare dal dramma ad atmosfere torbide e a contesti gotici come niente fosse e sempre con la medesima maestria. È strano anche vedere Gian Maria Volontè in un ruolo diverso dal solito. Cast molto valido, fotografia bellissima. È da sottolineare però che il ritmo cala spesso e che alcune parti si concentrano troppo sui dialoghi, diventando soporifere. Il castello morboso che regge tutto, però, tiene sino alla fine. Curioso e consigliato.

Von Leppe 21/05/24 19:10 - 1271 commenti

I gusti di Von Leppe

Il titolo può far pensare a una commedia, come ne hanno fatte tante, sul tipo Ho sposato una strega o Una strega in Paradiso... invece questo film è un mystery dal sapore magico e dall'atmosfera cupa, con una buona trama e una notevole ambientazione in un antico palazzo romano. Purtroppo si dilunga troppo nelle situazioni sentimentali, senza veramente entrare nel genere horror, restando così una pellicola dal vago senso di irrisolto e che non soddisfa appieno lo spettatore, considerando il tema trattato.

Trivex 18/06/24 23:53 - 1752 commenti

I gusti di Trivex

Particolare e sorprendente, alla fine davvero notevole! Originale il soggetto e la sua elaborazione, "moderno" e provocatorio, vietato ai minori, all'epoca! Schiaffino diabolica, sensuale, brava e bellissima, gli altri tutti al posto giusto. Location come polverose antichità, fatte apposta per contenere il mistero delle due donne che si muovono insieme, come se fossero comandate da un cattivo sortilegio. Il regista è avanti anni luce e questo è un suo degno prodotto difficile da classificare: italiano e geniale, forse basta così.
MEMORABILE: Una di fronte all'altra, come davanti a uno specchio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Homevideo Trivex • 19/06/24 00:15
    Archivista in seconda - 1318 interventi
    Alla sua uscita, il film fu vietato ai minori di 18 anni, dopo aver subito alcuni tagli.

    Derubricato senza divieti nel 1993

    Fonte: Italia Taglia
    Ultima modifica: 19/06/24 10:07 da Trivex