Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/08/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 18/08/07 01:12 - 4994 commenti

I gusti di B. Legnani

Palloso. L’ho trovato di una noia quasi letale. Davvero faccio fatica a capire il grande successo di questa pellicola ma, visto che ha preso la bellezza di sette Oscar (“di cui due - film e regia - super e almeno quattro immeritati", scrive Massimo Bertarelli), devo pensare che la colpa sia mia. La vicenda autobiografica di Karen Blixen, dei suoi uomini e della sua sifilide, mi è scivolata via senza toccarmi granché.

Galbo 21/12/07 15:38 - 11695 commenti

I gusti di Galbo

Trasposizione cinematografica di una parte dell'avventurosa vita di Karen Blixen, danese trapiantata in africa ed autrice dell'omonimo libro di memorie dedicato in gran parte al continente nero. L'opera di Pollack è piuttosto rispettosa dell'originale letterario e affronta le esperienze della scrittrice con notevole lirismo anche se il film soffre qua e là di una lentezza eccessiva. Non si può tuttavia rimanere indifferenti alla splendida (e non sempre convenzionale come si potrebbe credere) fotografia africana. Brava la Streep.

Funesto 17/12/10 14:26 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Ennesima prova che i film che ti costringono a vedere a scuola restano sullo stomaco e non calano mai! A prescindere da ciò, ho comunque dei motivi per bocciare Out of Africa: la storia non suscita mai il minimo interesse ed è anche diluita in momenti inutili, tediosi e sdolcinati (e la sceneggiatura ha avuto un Premio Oscar!), la Streep ha recitato di sicuro meglio altrove e, con buona probabilità, la noia è stata la più forte mai provata vedendo un film. Poi grazie, con un tal budget la confezione come poteva essere se non ultrachic? Letale!
MEMORABILE: L'arrivo in Africa.

Il Gobbo 30/07/10 23:41 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Mega-cartolina di insostenibile barbosità, elaborata premeditatamente per l'Academy da artefici e con attori di sicuro mestiere, ma lontanissimo dai potenziali modelli, inclusi grandi polpettoni alla Lean, di cui non ha oltretutto il respiro, data la storia. Micidiale.

Giacomovie 6/09/10 18:27 - 1368 commenti

I gusti di Giacomovie

Le note di Mozart avviano una storia da romanzo che si prende le sue pause descrittive, tanto che può essere suddivisa in due parti. Nella prima si racconta la passione di una Streep mai così bella per l’Africa e nella seconda inizia la sua storia d’amore con un personaggio impavido e romantico (che trova in Redford l’interprete ideale). La vicenda sentimentale ha reso famoso il film ma manca di vero pathos melodrammatico, compensato dallo sfondo avventuroso nel quale risalta la forza della natura africana. Musiche da ricordare di John Barry. ***

Markus 1/09/11 08:53 - 3439 commenti

I gusti di Markus

La vicenda narra di una danese emigrata nell'Africa nera; lì troverà gioie e dolori. Film destinato evidentemente a un pubblico femminile di quel tempo poiché il fascino della storia d’amore, dell'ambientazione in costume, del bel viso illuminato dal caldo sole africano (e da filtri perennemente gialli/arancioni) puntati sul biondo Robert Redford, fomentò pruriti al basso ventre a qualche signora; i maschietti, invece, troveranno l'opera di una tediosità pazzesca che fa pesare la palpebra fino a cadere nella catalessi. Visto al cinema.

Rambo90 4/07/12 16:39 - 6858 commenti

I gusti di Rambo90

La confezione è la qualità migliore del film: un'ottima fotografia, un'accurata ricostruzione d'epoca, una bella colonna sonora e un cast di grandi attori. La storia invece è banalissima, trattata con una freddezza che impedisce allo spettatore di essere davvero coinvolto emotivamente. Meglio la prima parte, più veloce, con scenari mozzafiato, che la seconda, con una storia d'amore scialba e lungaggini insostenibili. Nel complesso un buon film, sopravvalutato all'epoca.

Noodles 3/02/20 17:25 - 1243 commenti

I gusti di Noodles

Sotto l'aspetto della confezione, il lavoro non si discute. La fotografia è straordinaria (ma i paesaggi africani ci mettono del loro), la musica è molto bella e la recitazione sempre degna di nota. Ma il film è noiosissimo. La storia inoltre è blanda di per sé e il tutto va a peggiorare; colpa del ritmo compassato e della durata esagerata. Inoltre, pur tentandoci in tutti i modi, il film non riesce mai davvero a emozionare e si arriva con fatica alla fine. Una delusione.

Siska80 9/10/20 12:25 - 1587 commenti

I gusti di Siska80

Chilometrico quanto deprimente drammone in cui si salva, oltre agli stupendi paesaggi, la bravura del cast (principalmente dell'elegante e intensa Meryl Streep). Immancabile il triangolo amoroso, che tuttavia non viene riscattato da un finale degno (che vagamente ricorda quello de L'amore è una cosa meravigliosa), a seguito del quale si ha la sensazione di aver assistito a una sorta di documentario dalla magnifica fotografia e con protagonisti (umani e animali) interessanti, ma nulla di più.

Daniela 14/08/21 19:48 - 10751 commenti

I gusti di Daniela

Donna europea trapiantata in Kenya tentenna tra il marito barone, inaffidabile e donnaiolo impenitente e un bel cacciatore romantico dall'animo inquieto, ma il suo amore più grande è quello per la terra d'Africa... Dal romanzo autobiografico della scrittrice danese, un film che sembra fatto apposta per far incetta di statuette: regia altamente professionale, fotografia sontuosa di David Watkin, ost solenne di John Barry, due divi al culmine del loro glamour, tanti animali, tramonti, indigeni, amori e tradimenti, lacrime e nostalgia. Tutto molto bello, tutto molto noioso.

Robert Redford HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Patrick78 • 9/04/10 15:52
    Magazziniere - 546 interventi
    Edizione Blu Ray Disc disponibile dal 23/06/2010 etichetta UNIVERSAL PICTURES.
  • Discussione Il Dandi • 23/12/10 14:37
    Contratto a progetto - 1491 interventi
    Funesto ebbe a commentare:
    Ennesima prova che i film che ti costringono a vedere a scuola restano sullo stomaco e non calano mai!

    Accidenti, speravo che almeno la tua generazione fosse sfuggita, ancora ve lo fanno vedere a scuola?!
  • Discussione Funesto • 23/12/10 14:45
    Fotocopista - 1417 interventi
    In occasione dello studio dell'Africa... in V ginnasio -.-'. Poche settimane fa.
  • Discussione Il Dandi • 23/12/10 15:12
    Contratto a progetto - 1491 interventi
    Il vostro docente è pure in ritardo sul programma di un anno, allora!
  • Discussione Funesto • 23/12/10 17:51
    Fotocopista - 1417 interventi
    No, non direi... è solo una prof molto appassionata di cinema che ama propinarci film in certi momenti del programma. Chissà se è iscritta qui sul Davinotti...
  • Homevideo Gestarsh99 • 15/01/12 22:28
    Scrivano - 18042 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Universal:



    DATI TECNICI

    * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 DTS: Italiano Francese Spagnolo Tedesco Giapponese
    5.1 DTS HD: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Inglese NU Francese Tedesco Spagnolo Danese Finlandese Greco Norvegese Portoghese Svedese Coreano Cinese Olandese
    * Extra La canzone dell'Africa
    Commento audio
    Scene eliminate
    Trailer
  • Homevideo Xtron • 10/02/12 10:58
    Servizio caffè - 1903 interventi
    Il dvd Universal ha una durata di 2h34m17s

    Il formato video è 1.85:1 Anamorfico
    Ultima modifica: 15/12/18 08:17 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 11/07/16 19:16
    Pianificazione e progetti - 23176 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (martedì 6 dicembre 1988) di La mia Africa:

  • Homevideo Daidae • 14/12/18 21:42
    Compilatore d’emergenza - 962 interventi
    È uscito in vhs per per "CIC"
  • Curiosità Siska80 • 12/10/20 14:55
    Addetto riparazione hardware - 463 interventi
    In una scena, Karen Blixen viaggia su un terreno pericoloso per portare i carri di rifornimento al reggimento di suo marito. Durante la notte, un leone attacca uno dei buoi e Karen cerca di respingerlo con una frusta. A Meryl Streep era stato assicurato che il leone sarebbe stato legato ad una delle zampe posteriori in modo che non potesse avvicinarsi troppo. Quando la scena è stata girata tuttavia, il leone si è avvicinato di più di quanto la Streep avesse previsto. La paura stampata sul suo viso è quindi reale.

    Fonte: Imdb