Dahmer - Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer - Serie TV (2022)

Dahmer - Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer (serie tv)
Media utenti
Durata: 10 episodi
Titolo originale: Dahmer - Monster: The Jeffrey Dahmer Story
Anno: 2022
Genere: fiction (colore)
Regia: Vari
Note: Aka "Dahmer". Serie ideata da Ian Brennan e Ryan Murphy. I registi degli episodi sono: Jennifer Lynch, Paris Barclay, Clement Virgo, Gregg Araki, Carl Franklin
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/09/22 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 28/09/22 04:46 - 8205 commenti

I gusti di Herrkinski

Dahmer è uno dei serial-killer più portati sullo schermo negli anni; questa serie Netflix è però senza dubbio la trasposizione definitiva e più accurata delle gesta del famigerato assassino cannibale, raccontata con stile non lineare attraverso gli anni, dall'infanzia fino alla morte. Non si punta sui momenti grafici, invero più suggeriti che mostrati, ma non manca l'atmosfera macabra e degradata; notevole anche il ritratto dei familiari e delle altre persone coinvolte nelle gesta del maniaco. Eccellenti Peters e Jenkins, spettacolari le ricostruzioni d'epoca e le scenografie.

Corinne 14/10/22 20:06 - 420 commenti

I gusti di Corinne

Con qualche licenza filmica rispetto alla vicenda reale che la rende più fluida e meno documentaristica, questa serie non si limita a mostrarci le efferatezze del cannibale di Milwakee ma cerca di spiegare, senza dare una risposta definitiva, come nasce un mostro, e dedica ampio spazio alle conseguenze,agli imperdonabili errori commessi dalle istituzioni. Peters rende benissimo il vuoto emotivo e l'alienazione del vero JD, anche se forse l'originale risultava meno sinistro. Lode anche agli attori che interpretano il padre e la vicina che tenta invano di far intervenire la polizia.
MEMORABILE: L'episodio con il ragazzo sordomuto, a ricordarci che le vittime non erano carne da macello e avevano famiglie distrutte dal dolore; Il sandwich.

Piero68 21/10/22 13:08 - 2961 commenti

I gusti di Piero68

Insieme a Ted Bundy è il serial killer più riproposto al cinema. In questo caso una fiction di dieci puntate che inquadra magnificamente il contesto, l'epoca, la psicologia e, anche se mancano scene realmente splatter, l'efferatezza. Un bravo davvero a Evan Peters che interpreta magistralmente un vero e proprio mostro, sotto tutti gli aspetti. La sceneggiatura sceglie una narrazione non lineare e, anche a se a volte è difficile stare dietro ad alcuni salti temporali, si rivela una scelta vincente. Alcuni dettagli, come la necrofilia sfrenata, vengono saggiamente omessi.

Il ferrini 22/10/22 23:55 - 2400 commenti

I gusti di Il ferrini

Celebrata fiction che sarà presto ricollocata nella mediocrità in cui deve stare. Niente che riesca a provocare meraviglia o interesse, eppure il nostro ne combina di tutti i colori, dalla necrofilia al cannibalismo; nondimeno tutto appare piatto, prevedibile, didascalico. Ma la cosa più assurda è che alla fine i personaggi che dovrebbero essere positivi, in primis la vicina di appartamento, finisci per odiarli. La madre è una macchietta inutile, le vittime carne da macello senza profondità. Bravo Peters ma è tutto  televisivo nel senso più deteriore del termine.

Muttl19741 24/10/22 01:30 - 164 commenti

I gusti di Muttl19741

Serie televisiva che si divide in due parti: la prima ci presenta il vissuto del terribile assassino in modalità non lineare fino al suo arresto. È una parte cupa, opprimente ma anche noiosa e ripetitiva, pur se il racconto a salti temporali è efficace. La seconda ci conduce verso il finale e ci presenta un'atmosfera più leggera, quasi rilassata. Purtroppo sembra diventare persino un'apologia del serial killer e rimane un dubbio atroce che si tenti di far entrare lo spettatore in empatia con lo psicopatico cannibale. Eticamente irrispettoso e inaccettabile. Attori notevoli.

Voloerrand 5/12/22 19:48 - 43 commenti

I gusti di Voloerrand

Ottima prova attoriale del protagonista (un eccellente Peters), bene la denuncia verso la solita raffazzonata, omofobico-razzista e superficiale risposta delle forze dei corpi di polizia americani (si veda una qualunque docuserie su serial killer) ma andiamo... Dahmer viene dipinto come una povera vittima, della famiglia, di se stesso, del sistema. Come una persona fragile che si pente e implora la punizione, quando invece basterà vedere anche un solo filmato vero dell'epoca per apprezzarne immediatamente un infinito narcisismo patologico, un continuo compiacimento per le sua gesta.

Frakax 18/01/23 20:14 - 23 commenti

I gusti di Frakax

Probabilmente il prodotto più maturo e riuscito dell’incredibilmente prolifico Ryan Murphy. Storytelling in perfetto equilibrio tra studio psicologico del protagonista (e dei suoi familiari) e spaccato socio-antropologico di un’epoca. Accurata e suggestiva la ricostruzione storica, bravi tutti gli attori, giusta misura nel mostrare/suggerire le efferatezze di Dahmer. Da vedere.

Anthonyvm 25/05/23 16:06 - 5829 commenti

I gusti di Anthonyvm

Notevole biopic, violento ma mai gratuito, preciso senza cadere nel didascalico, che nell'arco di dieci puntate riesce a fornire con dovizia di dettagli un resoconto veritiero a livello cronachistico, un ottimo tratteggio psicologico del serial killer (grande performance di Peters, sobria e inquietantissima), ma anche un'esposizione del dramma personale di chi perse familiari e amici per mano di Jeff, con tutti i nei sociali che la vicenda ha evidenziato (la negligenza della polizia nei confronti delle minoranze). Si avverte qualche passaggio prolisso, ma l'insieme convince in toto.
MEMORABILE: La fuga fortunosa dell'ultima "preda"; Gli agenti che riconsegnano il ragazzino al suo carnefice; Il panino sospetto; I "camei" di Ed Gein e di Gacy.

Diamond 21/05/24 10:10 - 248 commenti

I gusti di Diamond

Biopic (abbastanza fedele alla vera storia) su uno dei più noti serial killer statunitensi. Un eccellente Peters interpreta un personaggio ben delineato, la narrazione si mantiene sospesa in delicato (ma riuscito) equilibrio tra cronaca e fiction senza risultare né fredda né melensa, anche quando va a trattare le reazioni dei familiari. Attenta e adeguata la ricostruzione storica, riuscita l'atmosfera degradata che permea le azioni di Dahmer, bene anche il cast di contorno.

Niecy Nash HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina La fortuna di CookieSpazio vuotoLocandina Selma - La strada per la libertàSpazio vuotoLocandina Reno 911!: MiamiSpazio vuotoLocandina When they see us
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.