La battaglia di Hacksaw Ridge

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Hacksaw Ridge
Anno: 2016
Genere: guerra
Regia: Mel Gibson
Note: Tratto da una storia vera.
Numero commenti presenti: 18
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Se c'è chi va in guerra imbracciando il fucile c'è anche chi ci va rifiutandosi di farlo ma servendo ugualmente al meglio il Paese. Non è facile capirlo per chi è abituato a ragionare unidirezionalmente, nell'Esercito, ma è quello che Desmond Doss seppe dimostrare nella battaglia di Hacksaw Ridge del 1945, quando gli americani, durante la Guerra del Pacifico, combatterono ad Okinawa contro i giapponesi. Mel Gibson individua un episodio emblematico nella storia degli Stati Uniti in cui evidenziare la stretta connessione tra la religione e il popolo americano, la necessità dello stesso di credere in qualcosa che vada oltre l'immanente per trovare la forza di combattere. La ferma scelta di Doss (Garfield) di non toccare le armi viene inizialmente... Leggi tuttoscambiata per vigliaccheria, ma saranno gli sviluppi inattesi a modificare il punto di vista mentre il film racconta la sua parabola. Partendo da una prima parte palesemente attendista ma affrontata con rigore e incrociando solo incidentalmente l'inevitabile fase di addestramento delle reclute (curioso vedere poi Vince Vaughn in un ruolo da sergente di ferro), Gibson mostra già la risolutezza con cui Doss difende la sua difficile scelta di fronte a superiori che lo giudicano mezzo matto. Uno scontro non banale d'ideologia le cui sfumature si perderanno nel momento della battaglia, quando gli americani saliranno dal basso sull'altipiano roccioso per conquistarlo. Qui Gibson abbandona ogni riflessione per tuffarsi a corpo morto nello scontro, reso con una ferocia e un realismo sanguinario che lascia sconcertati. Senza rifugiarsi nelle solite riprese a mano cui oggi sembra non si possa rinunciare per caricare di realismo l'azione, le immagini acquistano solidità non rifuggendo dalla chiarezza ma anzi abbandonandovisi nella ricerca del dettaglio splatter. Non è facile ricordare scene di guerra altrettanto crude e visivamente impressionanti. La spettacolarizzazione del sangue, che già nella PASSIONE aveva lasciato il segno, torna in primo piano per comunicare l'orrore della guerra, quasi come se l'intento primario di Gibson fosse la messa in scena della carneficina, da giustificare con il corollario della "missione per conto di Dio". E se il tema è affrontato con una certa superficialità imbevuta di una retorica che porta a qualche scena eccessivamente melodrammatica (fors'anche per la non felicissima scelta di Garfield come protagonista), l'epica grandiosità della messa in scena (dovutamente supportata dalla tonante colonna sonora di Rupert Gregson-Williams e da ralenti "infuocati") riporta l'attenzione lì dove si voleva stesse, facendoci dimenticare qualche zoppicamento di troppo nelle fasi sentimentali o familiari (benché la figura del padre abbia una sua forza non comune).
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/09/16 DAL BENEMERITO TAXIUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 3/06/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Noncha17 9/02/17 17:00 - 87 commenti

I gusti di Noncha17

Impostato un po' come Full metal jacket - con una prima parte improntata sull'addestramento e una seconda sul campo di battaglia - il film si destreggia bene tra le autocommiserazioni nazionalistiche e le svisate citazioni religiose di cui è pieno. Questo, però, non intacca minimamente l'effetto provocato dalle esplosioni sparateci in faccia con tanto di brandelli di uomini americani e facce asiatiche (solo quelle: i cosiddetti "musi gialli"). Così come arriva dritto al centro il messaggio: la guerra porta la morte, la carità tiene in vita.
MEMORABILE: Il mattone; Il prelievo di sangue; "Hollywood"; La scalata della parete rocciosa della scarpata; Le "autoesplosioni" e l'harakiri; L'"angelo" Doss.

Taxius 5/09/16 20:23 - 1634 commenti

I gusti di Taxius

Hacksaw Ridge è un film sugli americani ma non americano; è infatti quasi totalmente privo della retorica e del patriottismo caratteristici di altri film (americani) dello stesso genere e questo è il punto a favore: lo rende più digeribile a chi americano non è. Il punto debole invece è l'invadenza del tema religioso tanto caro a Mel Gibson. Le scene di guerra sono straordinarie, con sequenze molto veloci e violente, ma non eccessive. Il film non stanca e le due ore di visione passano velocemente. Da vedere.

Puppigallo 4/02/17 00:53 - 4467 commenti

I gusti di Puppigallo

La prima parte è preoccupante, con un protagonista faccia da schiaffi ridens, nonostante il padre sia a dir poco disturbato (trauma da guerra). Il tutto condito con la storiella d’amore e l’addestramento con commilitoni ai limiti della macchietta. Dà la sensazione di essere poco genuino e molto costruito e ripulito. Poi però, quando la battaglia diventa protagonista, tutto cambia, fortunatamente in meglio, persino nel momento in cui il “vigliacco” sembra essere guidato da una volontà superiore, facendo leva su fede e convinzioni. Non convince pienamente (bifronte), ma merita un'occhiata.
MEMORABILE: Alla recluta: "Quando sei morto?"; Salva anche due giapponesi, ma "muoiono" prima di arrivare al campo; I veri protagonisti intervistati (toccante).

Belfagor 7/02/17 22:01 - 2617 commenti

I gusti di Belfagor

Dopo aver deluso sia nell'ambito bellico che in quello religioso, Gibson sembra aver trovato un equilibrio. Pur non rifuggendo dall'artificiosità hollywoodiana, infatti, questo film ha il pregio di offrire un ritratto coerente del suo protagonista (interpretato da un discreto Garfield) e di affrontare la guerra da un punto di vista insolito. Un buon cast di contorno dona spessore a personaggi altrimenti stereotipati, soprattutto Weaving come padre ubriacone e Vaughn pseudo-Hartman. Le scene di guerra colpiscono per la loro brutalità.

Rambo90 9/02/17 02:10 - 6246 commenti

I gusti di Rambo90

Parte in sordina per poi trasformarsi in un film poderoso e quasi perfetto. Un apologo sulla guerra e sul valore della vita umana raccontato con la forza delle grandi storie epiche da un Gibson in gran forma registica che non tralascia nulla: sangue, violenza, dramma ma anche ironia e sentimenti. Nulla sfugge alla sceneggiatura e lo spettatore rimane avvinto, da tale spettacolo. Garfield bravo, Vaughn fantastico e persino Worthington in parte. Scene di battaglia splendide e d'un crudo realismo. Peccato per l'inizio, quasi perfetto.

124c 13/02/17 11:44 - 2749 commenti

I gusti di 124c

Il film del riscatto non solo di Mel Gibson, che dirige un'opera bellica ben fatta e ben recitata, ma anche di Andrew Garfield che, a differenza di Tobey Maguire, si lascia alle spalle l'ombra dell'Uomo Ragno per calarsi magnificamente nei panni di un soldato americano che compie il suo dovere salvando vite e non uccidendo nessun nemico. Accanto al bravo Garfield, si fanno notare il severo padre Hugo Weaving, il sergente tutto d'un pezzo Vince Vaughn e il soldato di Sam Worthington. Teresa Palmer è brava, ma solo un piccolo intermezzo femminile.

Capannelle 26/02/17 00:47 - 3667 commenti

I gusti di Capannelle

Sembrava che Gibson avesse esagerato nel descrivere l'impatto di quest'uomo sulla battaglia: granate schiaffeggiate, battaglioni che lo aspettano pregare, giapponesi curati... Eppure quasi tutto quello che si vede è successo veramente. Ciò nondimeno una visione idealista è presente, ma non è questo il problema quanto il riproporre diversi momenti narrativi già visti in altri capolavori del genere bellico. Buoni comunque l'inquadramento del cast di attori e il ritmo della battaglia.

Bruce 28/02/17 10:52 - 998 commenti

I gusti di Bruce

Straordinario film di guerra diretto da Gibson che realizza la sua opera più riuscita, equilibrata e senza eccessi. La vicenda reale è già di per sé incredibile e toccante, ma è il modo nel quale la stessa viene narrata per immagini e suoni a renderla ancor più coinvolgente. Dalla dimensione familiare, bucolica e luminosa, si arriva al fronte, vero macello, notturno e infernale. Il protagonista trova nella fede e nelle proprie convinzioni assolute la ragione di vita e la forza per essere un vero eroe. Scene di guerra tra le migliori mai girate.

Nancy 10/03/17 00:13 - 771 commenti

I gusti di Nancy

Mel Gibson alle prove con la Seconda Guerra Mondiale si rifà alla storia del primo obiettore di coscienza, ottimamente interpretato da Garfield, senza aggiungervi inutili fronzoli eroici/patriottici. La prima parte, quella dell'addestramento, ricorda moltissimo Full metal jacket con tanto di sergente Hartman/Vince Vaughn; nella seconda parte, tutta o quasi ambientata sul campo di battaglia, si vede il vero talento del regista, che molto riprende da maestri della guerra come il Fuller di L'urlo della battaglia. Poco di gratuito-americano: da vedere.

Jandileida 11/04/17 22:36 - 1222 commenti

I gusti di Jandileida

La prima parte sembra quella di un film Disney qualsiasi, con la storia d'amore abbastanza banale tra il soldatino e l'infermierina: qui ci si salva giusto perché Weaving fa il suo con mestiere. Però poi si prende quota con l'intermezzo nel campo d'addestramento e la corte marziale. E con l'arrivo a Okinawa il film ha la sua mezz'ora di gloria: era dallo sbarco in Normandia di Spielberg che non si ricordavano scene di guerra girate con cotanti piglio, ritmo e brutalità. Gibson, insomma, regala un buon film di genere anche con un cast abbastanza anonimo.

Saintgifts 22/04/17 10:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Diviso a metà dove c'è la storia di Desmon Doss, ma c'è anche la battaglia di Hacksaw Ridge. La storia di Doss, raccontata fin dall'infanzia è quella più importante, anche se meno spettacolare, la battaglia è una vicenda di guerra, vista tante altre volte, ma qui filmata molto bene e con grande realismo. Le due cose sono intersecate bene, seppur in un qualche modo divise. Gibson approfitta ampiamente per mostrare il suo punto di vista e giudicare, separando nettamente i buoni (meno buoni nella vita di caserma) dai cattivi, anzi dai cattivissimi.
MEMORABILE: Il padre di Desmond si presenta davanti alla corte marziale.

Didda23 14/06/17 14:55 - 2268 commenti

I gusti di Didda23

Dopo una prima parte abbastanza scontata e convenzionale (con tanto di addestramento Full metal jacket-style) la pellicola entra nel vivo nelle stupefacenti scene di battaglia: la macchina da presa compie movimenti mirabolanti, regalando alla spettatore uno spettacolo bellico davvero incredibile (ai limiti dello splatter). Le scelte registiche e fotografiche (zero riprese con camera a mano) optano per la chiarezza d'insieme, aumentando la fruibilità della pellicola. Qualche piccolo difettuccio (la scelta di Garfield e la morale cristiana) è perdonabile. Intrattenimento di classe superiore.
MEMORABILE: "Ti prego, mio Signore, aiutami a trovarne ancora uno"; I cunicoli dei giapponesi.

Galbo 1/07/17 07:40 - 11274 commenti

I gusti di Galbo

Potente è un aggettivo che sembra calzare ai film del regista Gibson. Questo affresco bellico non fa eccezione e fornisce una drammatica rappresentazione di un significativo episodio della seconda guerra mondiale. La messa in scena della battaglia è la più riuscita dai tempi del Ryan di Spielberg ma il film (a parte qualche piccolo cedimento) centra anche la caratterizzazione del personaggio principale del quale si percepiscono sincerità e idealità. Un ottimo lavoro è quello sulla direzione degli attori. Da vedere.

Piero68 12/10/17 14:42 - 2749 commenti

I gusti di Piero68

Ne è passata di acqua sotto i ponti dal mediocre attore di "racconta cosa è successo qui!" al sublime regista di questo film che nella parte bellica è praticamente perfetto. Alcune scene sembrano addirittura dei moderni dipinti in movimento. A pari merito con il carnaio di Spielberg e qualche volta anche una spanna più su, al momento è sicuramente il film bellico più realistico mai girato. Propedeutici i primi 40 minuti, che danno modo comunque di dimostrare a Garfield la maturità raggiunta e la sua bravura anche in ruoli "seri".
MEMORABILE: Smitty e lo "scudo umano"

Nando 20/02/18 01:24 - 3441 commenti

I gusti di Nando

Anche senza imbracciare un fucile si può essere veri eroi nel truculento Secondo Conflitto Mondiale. Una prima parte interlocutoria, in seguito scontri bellici belluini e il coraggio di una ragazzo che odia le armi. Una pellicola potente e al tempo stesso che genera riflessioni; Gibson dimostra di essere a proprio agio nel genere guerra e realizza una validissimo prodotto che si avvale di appropriati interpreti.

Hackett 28/02/18 18:46 - 1719 commenti

I gusti di Hackett

Bel cinema di respiro epico quello di Gibson, che porta sullo schermo una storia di eroismo alternativo che fa del ripudio delle armi un'arma e rende nota una curiosa vicenda della Seconda Guerra Mondiale. Garfield da principio potrebbe non convincere, ma il suo sorriso sbeffeggiante si rivelerà idoneo nel tratteggiare un personaggio fuori dai soliti schemi. Ottime le scene di battaglia che riprendono una crudezza che riporta alla mente un soldato Ryan di qualche anno prima.

Daniela 29/07/19 16:46 - 8972 commenti

I gusti di Daniela

Scopiazzata da pellicole migliori la prima parte dall'infanzia rurale con padre violento alle vessazioni in caserma, indubbiamente ben diretta la seconda in cui Gibson non lesina con la macelleria conferendo alle scene di battaglia un raccapricciante realismo. Resta la contraddizione fra l'intento di rendere omaggio ad un eroe ligio al rispetto del sesto comandamento e la spettacolarizzazione della guerra evidente nella sequenza del contrattacco in cui Gibson, a differenza del protagonista, non mostra alcuna pietà umana nei confronti dei "musi gialli" nemici.

Cotola 6/02/20 19:18 - 7332 commenti

I gusti di Cotola

Lo spunto di partenza è intrigante ed avrebbe meritato sviluppi diversi e risultati migliori. Ma era ovvio che nelle mani di Mel Gibson non poteva venirne fuori qualcosa di troppo diverso da quello che è: anzi, poteva anche andare peggio. Circa il narrato puro e semplice, la prima parte è copiata smaccatamente da altre pellicole che gli mangiano in testa. La seconda invece è ottimamente girata: energica e violenta, non lesina il grand guignol che però ci può stare in nome del realismo. Ovvio il finale trionfalista e revanchista da cui il buon Mel non è proprio riuscito ad astenersi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 28/02/17 14:27
    Consigliere - 43719 interventi
    Oscar 2017 come miglior montaggio (John Gilbert) e miglior sonoro (Kevin O'Connell, Andy Wright, Robert Mackenzie e Peter Grace).
  • Discussione Piero68 • 12/10/17 14:58
    Gestione sicurezza - 234 interventi
    Piccola curiosità da amante della storia e degli armamenti usati nei conflitti. Il sergente interpretato da Vaughn ha come arma una pistola mitragliatrice M3 Grease Gun, invece del classico Thompson M1A1. La cosa mi sembra abbastanza inverosimile visto che nel 45 questo tipo di arma, prodotta in non tantissimi esemplari e non molto affidabile, era destinata principalmente ai carristi (e infatti correttamente si vedono come equipaggiamento nel film Fury di Ayer), agli uomini dell'OSS e reparti particolari. Non certo ad una divisione di fanteria operante in prima linea nello scenario del Pacifico. L'M3 infatti ebbe più larga diffusione nella Guerra in Corea e in Vietnam, grazie alla sua evoluzione M3A1 che eliminò gran parte dei difetti iniziali. Qualcuno sa dirmi qualcosa in più?
    Ultima modifica: 16/10/17 09:37 da Piero68
  • Discussione Didda23 • 12/10/17 15:55
    Comunicazione esterna - 5689 interventi
    Sinceramente Piero non me ne intendo di armi. Interessante la cosa. Comunque non toglie nulla ad un film staordinario fra le più belle sorprese di quest'anno secondo me...
  • Discussione Piero68 • 16/10/17 09:31
    Gestione sicurezza - 234 interventi
    Didda23 ebbe a dire: Sinceramente Piero non me ne intendo di armi. Interessante la cosa. Comunque non toglie nulla ad un film staordinario fra le più belle sorprese di quest'anno secondo me... Ovviamente! Gli ho dato 4 *! Comunque grazie lo stesso! Aspetterò se qualcuno ne sa di più! P.S. A chi di competenza. Se volete linkare nel mio commento la citazione "racconta cosa è successo qui!" appartiene al film We were soldiers