In fondo alla piscina

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1971
Genere: thriller (colore)
Note: aka "La Ultima Señora Anderson", "The Fourth Mrs Anderson", "The Fourth Victim". Doppiaggio: Carroll Baker: Rita Savagnone - Michael Craig: Pino Colizzi - la domestica: Anna Miserocchi - il detective: Ferruccio Amendola
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Carrol Baker, una piscina, possibili moventi legati al denaro... Gli elementi tipici del giallo dell'epoca concentrati in un film italo-spagnolo ambientato in Inghilterra, con un protagonista elegante (Craig) che sembrerebbe essere la reincarnazione di Barbablù. Come definire d'altra parte chi in tre anni si sposa tre volte e per tre volte perde la moglie in circostanze poco chiare? L'ultima vittima, in ordine di tempo, è una giovane che affoga nella piscina della villa, notata dalla fida domestica (Campa) e solo in un secondo tempo recuperata dal marito, che non sembra poi così scosso (perché dovrebbe? Dopotutto per lui è pratica abituale). Immediatamente sospettato, Arthur subisce l'inevitabile...Leggi tutto processo, dal quale viene tuttavia assolto con formula piena. Il commissario (Lopez Vazquez) però, e con lui il detective delle assicurazioni, vuole vederci chiaro perché le coincidenze restano comunque troppe. "Barbablù", intanto, si rifà una vita e dopo poco... ci ricasca. Questa volta è una nuova vicina di casa, Julie Spencer (Baker), a farsi decisamente avanti tuffandosi in piscina senza chiedere il permesso per poi flirtare spudoratamente. Prima ancora di accorgersene Arthur è già risposato, col commissario deciso a spiarne le mosse in ogni modo. Prima di un'ultima parte (entra in scena la Malfatti!) in cui come da prassi esploderanno metaforicamente i fuochi d'artificio con una serie di colpi di scena pretestuosi e piuttosto improbabili, la trama si svolge linearmente, senza grandi sorprese e con lo spagnolo Lopez Vazquez che, forte dei propri trascorsi comici in Spagna, azzarda un'interpretazione tra il serioso e il caricaturale (lo doppia Ferruccio Amendola) poco in sintonia con la direzione thriller della vicenda, alla quale manca in ogni caso una tensione minima in grado di renderla interessante. Di buono ci sono le location nei pressi di Dover, con la Baker che si sporge dalle immancabili bianche scogliere, e qualche notevole squarcio bucolico percorso dalle auto in velocità, ma nei suoi ingranaggi con pallidi richiami a REBECCA il film non ingrana mai: Craig è fin troppo rigido, la Baker meno maliziosa del previsto e la Malfatti marginale (spunta anche Enzo Garinei, unica altra presenza italiana nel cast), mentre Pietro Umiliani provvede a uno score di maniera che non lascia il segno. Come il film d'altronde, privo di guizzi che lo possano elevare da una routine non disdicevole ma scarsamente coinvolgente, datato nel suo sonnacchioso incedere e risaputo anche nei minimi scontri coniugali ("Perché sei entrata in questa stanza chiusa? Cosa cercavi?"). I sospetti si sprecano, in ogni direzione, e fanno presagire un finale da seguire attentamente che però non trova mai il modo di stupire per particolari invenzioni. Così ci si trascina stancamente fino ai titoli di coda senza sussulti nel ricordo di certi intrecci lenziani che vincevano il confronto: più scintillanti, incalzanti, vivi...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/09/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/01/22
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 15/09/07 11:45 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Co-produzione italo-spagnola gialla piuttosto modesta. La storia prima delinea una trama ben precisa (un possibile uxoricida assolto si risposa, la nuova moglie morirà?) per poi cambiare completamente direzione (e questa è l'unica sorpresa che può invogliare alla visione). La baker è deliziosa, la Malfatti perfetta. Non male le musiche di Piero Umiliani, Vazquez interpreta probabilmente il poliziotto più stupido nella storia del cinema giallo italiano.

Undying 15/08/08 00:37 - 3814 commenti

I gusti di Undying

La predominanza di un taglio "spagnolo" (nazione che, all'epoca, prediligeva tematiche condivise dai cineasti italiani) dovuto alla regia impone al film un registro psicologico distante dai limitrofi gialli classici. L'apporto italiano in sceneggiatura, dato da Sabatino Ciuffini, non permette al film di raggiungere risultati simili ai coèvi thriller nostrani. Di buono, oltre alla serietà della messa in scena ed alla professionalità del cast, si segnala la perfetta colonna sonora di Piero Umiliani ed il professionale doppiaggio d'epoca.

Cotola 4/03/09 23:45 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Modestissimo thrillerino spagnolo che fa il verso ai film di Lenzi (basti guardare la protagonista principale) ma che non ha il minimo nerbo narrativo, tanto da presentare situazioni poco interessanti e del tutto usuali, compreso il blando colpo di scena finale. Solo per gli amanti del genere ed i fan sfegatati della Baker.

Deepred89 25/04/10 14:02 - 3488 commenti

I gusti di Deepred89

Gialletto spagnolo esile esile, dotato di un curioso spunto di partenza ma piuttosto povero di idee, che si ingarbuglia inutilmente nel secondo tempo. Nonostante questa sceneggiatura tutt'altro che impeccabile ed una regia non proprio memorabile, il film non è da buttare: la fotografia e il motivo musicale di Umiliani non sono niente male e l'intreccio ogni tanto incuriosisce. Belle anche le voci del doppiaggio, nonostante la sincronizzazione non sia sempre perfetta. Insolita per il genere la totale assenza di scene di nudo o violenza.

Lucius 23/06/10 20:01 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Un titolo bellissimo e alcune sequenze probabilmente ispiratrici del nostro La casa con la scala nel buio (tipo la scena in cui la vicina entra senza permesso nel parco della villa per farsi il bagno in piscina) per un discreto giallo dalle buone atmosfere. Il personaggio della Baker è eccessivo ed invadente, il film avrebbe ottime potenzialità, ma che vengono però disattese nel girato.

Il Dandi 16/11/10 16:52 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Giallo spagnolo in chiave para-lenziana (con la Baker protagonista e musiche di Piero Umiliani). Poveristico ma professionale, prevedibile ma corretto. Non disprezzabile, in definitiva, ma non certo un tassello fondamentale del filone: l'intreccio (a metà tra Dietro la porta chiusa e Il dolce corpo di Deborah) è uguale a tanti, ed essendo privo degli ingredienti più gustosi della formula (psichedelia e scene sexy) rischia pure di annoiare.
MEMORABILE: "Pronto? Sono Julie Spencer, è lì Julie Spencer?"

Corinne 26/01/12 22:50 - 412 commenti

I gusti di Corinne

Pensavo fosse un titolo imprescindibile nel suo genere invece è soltanto un thrillerino mediocre, con un colpo di scena prevedibilissimo ed un secondo inaspettato ma per niente efficace. Si lascia tuttavia guardare, in attesa della spiegazione finale.

Fauno 13/02/12 12:05 - 2075 commenti

I gusti di Fauno

Coproduzione di tutto rispetto. Trama ed ambientazioni eccellenti; se la Baker è in netto calo c'è la Malfatti a far da punta di diamante come già in molti altri film, anche quando recita poco. Non particolarmente truculento, ma nemmeno così scontato (anzi, di colpi di scena ce ne sono parecchi). Simpatico il commissario nella sua impotenza e nelle sue considerazioni surreali.

Homesick 22/04/14 07:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le premesse si riagganciano a certo Hitchcock (Rebecca, Il sospetto); la “lenziana” Baker entra in scena facendo avvertire aria di complotti, mentre la Malfatti conferisce un’aura gotica, tanto che nelle sue visioni all’interno della sinistra dimora si scorgono ombre di danze macabre. Di fatto privo di tensione, il film si appoggia a sobrietà e correttezza e alle frequenti parentesi umoristiche affidate al ben poco sagace commissario José Luis López Vázquez. Flemmatico e imperturbabile il protagonista Michael Craig; Enzo Garinei insolitamente doppiato da Gianfranco Bellini.
MEMORABILE: Le visioni della Malfatti nella casa.

Faggi 29/04/17 15:39 - 1527 commenti

I gusti di Faggi

Sulle note da enigma lounge del maestro Umiliani; Carrol Baker, in un ruolo para-lenziano, si muove ambigua nella trama di questo thriller che si colora di giallo/meló, sbiadito da una messa in scena (leggi regia) insipida, priva di quei lampi di stile che, illuminando la superficie figurativa/cinematica e il narrato, lo avrebbero distanziato dal convenzionale. Verso il finale, che non esalterà lo spettatore esigente, Marina Malfatti ondeggia, folle, in una delle poche sequenze di riuscita suggestione.

Eugenio Martin HA DIRETTO ANCHE...

Myvincent 17/08/17 14:11 - 3190 commenti

I gusti di Myvincent

Carrol Baker, icona del cinema giallo di Umberto Lenzi, ci diletta con l'usuale ruolo di bella e misteriosa nell'eclettico mondo dei riccastri tormentati. Tutto perché c'è un vedovo sospetto su cui indagare accuratamente. Bella pellicola da annoverare tra quelle del periodo 70s, si arricchisce verso la fine di una Marina Malfatti d'annata e incisiva. Tratto da un racconto pubblicato su Hitchcock magazine, è un gioiellino da non perdere.

Ira72 9/09/17 23:21 - 1168 commenti

I gusti di Ira72

Consapevole di una modestissima copia di un déjà vu, ammetto che me lo sono comunque goduto. Saranno il fascino del periodo, le ambientazioni gradevoli, la Baker e la Malfatti - che già, solo a guardarle, fanno thriller anni 70 - tutto sommato il film scorre. Senza grandi guizzi, ma senza nemmeno tanti sgradevoli orpelli pretenziosi. Un film modesto, che nulla toglie e nulla aggiunge. Ma intrattiene gradevolmente. Peccato per la figura dell'ispettore (Vazquez), che toglie molto fascino al film. Farsesco, inutile, ingombrante. Finale ingenuo.

Nicola81 1/06/21 22:44 - 2394 commenti

I gusti di Nicola81

Un giallo ampiamente citazionista e per questo abbastanza prevedibile nel suo complesso per chi bazzica il genere. Eppure l'intreccio raggiunge picchi di inverosimiglianza che paradossalmente qualche mezza sorpresa ci scappa comunque. La regia di Martin è abbastanza anonima (sesso e violenza del tutto assenti, difficile credere che sia lo stesso regista di Una candela per il diavolo), ma scorrevole e supportata da un buon cast: corretto Craig, la Baker sempre affascinante, allucinata la Malfatti, simpatico l'ispettore un po' imbranato di Vazquez. Discrete le musiche di Umiliani.

Noodles 16/08/21 20:10 - 1464 commenti

I gusti di Noodles

Pessimo giallo italo-spagnolo, che prende spunti qua e là da altri film dello stesso genere e li mischia in maniera pedestre, non riuscendo a generare la minima nota di tensione o di interesse. I presunti colpi di scena non fanno alcun effetto, la sceneggiatura è confusionaria al massimo, la regia anonima. Se si aggiungono anche i dialoghi pessimi e un commissario che è una sorta di parodia e rovina continuamente momenti altrimenti vagamente interessanti, la delusione è totale. Si salvano le protagoniste femminili e i begli scorci inglesi. Il resto è da dimenticare.

Keyser3 25/10/21 23:18 - 280 commenti

I gusti di Keyser3

Nemmeno l'amore sconfinato per il giallo settantiano e per le sue molteplici derivazioni riesce a giustificare questa stantia e sconclusionata produzione italo-spagnola con ambientazione d'oltremanica. Sceneggiatura bucherellata, parti umoristiche irritanti (affidate al commissario), una propensione a mischiare esageratamente le carte ne fanno un prodotto trascurabile. L'unica cosa di valore è il doppiaggio, che raccoglie diversi nomi di livello (Colizzi, Romano, Bellini, la Savagnone, la Simoneschi fra gli altri).

Ronax 21/11/21 02:07 - 1053 commenti

I gusti di Ronax

Nonostante la presenza di due icone dei thriller complottistici, la Baker e la Malfatti, si differenzia da questi ultimi per l'assenza di sangue e di erotismo e si colloca piuttosto nei territori del giallo classico di ambientazione britannica. L'idea alla base della sceneggiatura è piuttosto modesta e ampiamente prevedibile nonostante i ripetuti colpi di scena, ma la regia di Martin, unita a una buona fotografia, è sufficientemente professionale per rendere il prodotto abbastanza godibile. Discreta la prova del cast, su cui primeggia una luciferina Malfatti dallo sguardo spiritato.
MEMORABILE: Le visioni della Malfatti nella casa abbandonata.

Digital 14/01/22 14:22 - 1194 commenti

I gusti di Digital

Thriller spagnolo che si rifà palesemente ai gialli Italiani di Lenzi, a partire dalla protagonista, una sempre piacevole Carroll Baker quarantenne. Tecnicamente non è nemmeno fatto male, con una fotografia piuttosto ricercata e la suadente colonna sonora di Umiliani, ma i pregi finiscono qui. Di contro ha un ritmo pachidermico, una totale assenza di tensione e un colpo di scena finale facilmente subodorabile. Film del tutto evitabile, consigliato unicamente ai fan più irriducibili della Baker o per gli amanti di certo cinema dei primi anni Settanta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 20/09/09 12:16
    Scrivano - 5618 interventi
    Scheda di doppiaggio

    Carrol Baker e' doppiata da Rita Savagnone
    Michael Craig e' doppiato da Pino Colizzi
    Marina Malfatti si doppia da sola
    Jose Luis Lopez Velasquez e' doppiato da Ferruccio Amendola
    L'avvocato dell'accusa e' doppiato da Carlo Romano
    L'assicuratore e' doppiato da Giampiero Albertini
    L'avvocato difensore e' doppiato da Glauco Onorato
    La cameriera e' doppiata da Lydia Simoneschi
    La moglie dell'ispettore e' doppiata da Rosetta Calavetta
    Un avvocato e' doppiato da Alessandro Sperli'
    Il prete e' doppiato da Gianfranco Bellini
  • Discussione Ciavazzaro • 8/11/09 10:37
    Scrivano - 5618 interventi
    Ci ha lasciato il buon caratterista spagnolo Jose Luis Lopez Vazquez all'età di 87 anni,ottimo interprete di numerosi film spagnoli,ma anche italiani.

    R.I.P.
  • Discussione Zender • 8/11/09 11:20
    Pianificazione e progetti - 45714 interventi
    Beh, 87 anni giù il cappello. Di sicuro qui sarai quello che lo conosceva meglio, a livello cinematografico, Ciavazzaro, vista la tua nota passione per i film iberici.
  • Discussione Kanon • 20/01/12 15:18
    Fotocopista - 823 interventi
    Manca il titolo originale, qui riportato come aka: La última señora Anderson
  • Discussione Zender • 20/01/12 16:15
    Pianificazione e progetti - 45714 interventi
    Perchè è una coproduzione Italia/Spagna, per cui quello spagnolo è originale quanto il nostro. Non so come si possa stabilire che quello spagnolo è quello originale...
  • Homevideo Buiomega71 • 14/01/21 17:05
    Pianificazione e progetti - 23913 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Avofilm.

    Edizione: 1986

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/infondo.jpg[/img]
    Ultima modifica: 14/01/21 18:25 da Zender
  • Homevideo Ciavazzaro • 15/01/21 01:36
    Scrivano - 5618 interventi
    Meraviglia !
    Questa c'è l'ho anche io, non sapevo l'anno, grazie per averlo scritto !
  • Homevideo Digital • 3/07/21 22:17
    Portaborse - 3450 interventi
    Blu-ray Severin (con audio italiano) disponibile dal 28/09/2021.