LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

I film di Vincenzo Salemme si assomigliano un po' tutti e derivano con evidenza delle sue esperienze teatrali con i partner di sempre; sfruttando la somiglianza di Carlo Buccirosso con Peppino De Filippo (col quale il simpatico attore prova a immedesimarsi anche nel modo di recitare), Salemme riesce qui più che in altre occasioni a fornirci un vago surrogato di quelli che erano gli esplosivi botta e risposta tra Totò e Peppino. L’accostamento tra Salemme e il Principe è difficilmente proponibile (al di là della napoletanità di entrambi), ma va detto che in questo caso l'autore/attore rispetta davvero il titolo e, logorroico come non mai, travolge Buccirosso con una verve capace di strappare la risata: ridotto su una sedia a rotelle a...Leggi tutto causa di un’operazione fallita all'ernia, il protagonista acquisisce un cinismo incontenibile che si abbatte su tutti, dagli amici (c'è anche Maurizio Casagrande, naturalmente, nella parte dell'avvocato destinato a seguirlo in Francia dove avvia la causa contro il luminare) alla bella accompagnatrice (Sabrina Ferilli, meno presente del previsto). Alla splendida Manuela Arcuri (tra lei e la Ferilli c’è di che accontentare per anni gli amanti dei seni prosperosi) spetta invece il ruolo di amante di Buccirosso, destinata a dare il via a un riuscito quanto abusato gioco vaudevilliano all'arrivo del marito. Deludenti Massimo Ceccherini e - soprattutto - Nando Paone nella parte di due vecchie zie, addirittura patetici quando citano TOTO’, PEPPINO E LA... MALAFEMMINA (“Noio volevam savuàr” e la famosa lettera). Ceccherini almeno tracima e saltuariamente diverte, Paone punta sugli strafalcioni verbali con esiti avvilenti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 18/02/08 19:16 - 1031 commenti

I gusti di Gugly

Film curioso che rimane impresso soprattutto per alcune gag surreali, come il figlio mostro e le orride zie. Per il resto si tratta di una commedia alla Salemme, ossia di derivazione teatrale diretta dall'autore contornato dagli amici di sempre più una guest star (in questo caso la Ferilli). Simpatico, ma non centra completamente il bersaglio.
MEMORABILE: Le zie: indimenticabili.

Galbo 2/04/08 15:53 - 11617 commenti

I gusti di Galbo

Mediocre commedia diretta ed interpretata da Vincenzo Salemme autore ed attore che funziona meglio a teatro rispetto al cinema. Questo film altri non è che la solita commedia degli equivoci che vira ad un certo punto verso la farsa, affidandosi all'estro del momento e alla verve del singolo attore. In particolare più che il protagonista,a funzionare sono sopratutto i bravi caratteristi (come Bucirosso e Casagrande) spesso "soci" dell'attore napoletano.

Mco 29/03/11 16:11 - 2187 commenti

I gusti di Mco

Salemme's comedy alquanto fiacca e onusta di situazioni già viste e straviste. Il regista-attore gioca a fare Totò risultando di una pesantezza disarmante (dice bene la Ferilli ad un certo punto: "tu non fai altro che parlare, parlare... ") e meglio di lui si comporta sicuramente Buccirosso. Il resto, compreso Ceccherini en travesti, è poca cosa se si eccettua il reparto forme generose Arcuri-Ferilli. Solo per riempire lo spazio di una serata piovosa.

Rambo90 6/06/11 22:33 - 6737 commenti

I gusti di Rambo90

A ruota libera è proprio il titolo adatto, perché qui Salemme è più logorroico del solito e inanella battute a ritmo frenetico, alcune riuscite altre no. Il risultato complessivo è piacevole, anche grazie agli ottimi Buccirosso e Casagrande, che duettano a turno col protagonista dimostrando il grande affiatamento del cast. La Ferilli e la Arcuri sono entrambe bellissime, ma l'unica che sa recitare è la prima, mentre le vecchie zie Ceccherini e Paone incidono poco (inutile la citazione verso la fine di Totò e Peppino). Un po' caotico ma buono.

Piero68 12/11/12 09:29 - 2832 commenti

I gusti di Piero68

Stranamente considerato come film minore di Salemme e per questo passato quasi sotto silenzio. Anche se non si capisce il perchè, visto che mantiente la stessa teatralità dei suoi due precedenti lavori. Non agli stessi livelli ma nemmeno disastroso. La banda perde Biagio Izzo per strada ma arruola un insolito Ceccherini. La sceneggiatura ovviamente è semplice e, come al solito, gli omaggi (o plagi a seconda dei pareri) alla coppia Totò e Peppino sono tantissimi. Addirittura riproposti pari pari il "Noio volevon savuar" e la lettera famosissima.

Gabrius79 12/09/13 23:04 - 1258 commenti

I gusti di Gabrius79

Passabile commedia degli equivoci capitanata da Vincenzo Salemme che si avvale della bella Sabrina Ferilli e di caratteristi come Buccirosso, Casagrande e Paone, nonchè di Massimo Ceccherini. Si ride specie nei momenti in cui appaiono nel ruolo delle pestifere zie (Ceccherini e Paone) e c'è anche spazio per alcuni istanti un po' seriosi.

Ultimo 5/06/16 11:35 - 1457 commenti

I gusti di Ultimo

Filmetto leggero leggero, diretto e interpretato da Vincenzo Salemme con l'ausilio di buoni caratteristi (su tutti il conterraneo Carlo Buccirosso). La sceneggiatura latita ma grazie alla simpatia dei protagonisti si riesce a ridere in più occasioni. A patto di non aspettarsi nulla di eclatante si può guardare. Pessimi Ceccherini e Paone.
MEMORABILE: Buccirosso in camera con la Arcuri e Salemme nella stanza contigua; Il segnale: "bussa alla porta al ritmo di cucaracha".

Maurizio Casagrande HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Mauro • 2/03/15 14:07
    Disoccupato - 10042 interventi
    Cameo di Mario Cipollini, che interpreta se stesso nella scena del ballo con Natalizia (Ceccherini), la zia di Pericle Caruso (Salemme). L'ex corridore all'epoca era ancora in attività (si ritirerà dal ciclismo una prima volta nel 2005 e poi, dove un breve ritorno alla gare, definitivamente nel 2008):