Il terrore negli occhi del gatto

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Eye of the Cat
Anno: 1969
Genere: thriller (colore)
Numero commenti presenti: 6
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Thriller fine Sessanta costruito per riservare molti colpi di scena e appassionare con un intrigo legato a una ricca zia in pessime condizioni di salute. Il nipote prediletto (Michael Sarrazin) viene contattato dall'estetista (Gayle Hunnicutt) della donna, la quale ha raccolto le confidenze della cliente e si è messa in testa di far tornare da questa il nipote certa che lei, ormai prossima alla morte, gli cederà l’intera eredità, al momento destinata alle decine di gatti che abitano nella lussuosa villa di San Francisco in cui la malata vive con un secondo nipote che non sopporta. La trama è complessa ma, per stupire, la sceneggiatura si perde in grandi e piccole incongruenze che ne minano assai la credibilità, a cominciare dalla ricca...Leggi tutto zia che a volte cammina agilmente e altre languisce in carrozzella. I gatti comunque, come ben evidenziato anche dal titolo originale (EYE OF THE CAT), sono presenti fin dai titoli di testa (in cui si sprecano split screen, zoom e sovrapposizioni) e in gran numero occupano la scena riuscendo talvolta nella difficile impresa di incutere un certo terrore. Dialoghi ben scritti, recitazione invece più modesta e regia (di David Lowell Rich) appena sopra la media. Una bella scena di pura suspense hitchcockiana (protagonista la sedia a rotelle) per un film che fatica a uscire dalla monotonia visiva di una confezione parecchio datata. Un giallo classico, derivato alla lontana dai DIABOLICI di Clouzot (come anche i sexy-thriller di Lenzi), che vuole apparire fin troppo furbo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/06/07 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 9/03/08 23:39 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Partendo da una situazione piuttosto usuale (un’eredità e una vecchia che deve morire per permettere agli altri di godersi il malloppo) il regista riesce comunque a creare un’atmosfera piuttosto tesa, ambigua e morbosa. Merito di una certa sobrietà di stile, della discreta sceneggiatura e di una bella fotografia. Il tutto impreziosito dalla inquietante presenza di numerosi felini, che avranno un ruolo importante nella pellicola.

Digital 19/07/11 15:17 - 1113 commenti

I gusti di Digital

Valido thriller old school che ricorda da vicino alcuni dei più celebri gialli diretti da Umberto Lenzi. Il film, la cui trama ruota attorno ad un eredità che scatenerà come sempre pulsioni omicide, ha molte frecce al proprio arco: da una regia piuttosto ispirata fino ad una notevole costruzione della suspense (da citare il sabotaggio della sedia a rotelle con l'invalida che rischia di schiantarsi contro una macchina e il finale ricco di colpi di scena). Sarebbe auspicabile l'uscita del dvd italico.

Ciavazzaro 18/07/12 15:48 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bel e misconosciuto thriller animalesco. Confezione di lusso (musiche di Schifrin e costumi di Edith Head). Ottimo il cast a partire dalla diabolica, arrivista e sexy come non mai Gayle Hunnicutt, simpatico Sarrazin, da citare la perversa Parker nei panni della zia. L'inquietante presenza dei felini assicura suspense e nella pellicola si respira una notevole aria di vizio e degradazione (la zia e l'amato nipote sul letto), buona tensione nel finale. Va riscoperto, perché merita e molto.
MEMORABILE: La Hunnicutt nel finale; La Parker che tocca il nipotino.

Nicola81 29/03/17 18:35 - 1901 commenti

I gusti di Nicola81

Scritto dallo sceneggiatore di Psyco Joseph Stefano, si distingue dalla massa dei thriller ereditari per la costante presenza di numerosi gatti che, oltre a incutere una certa inquietudine, avranno anche un ruolo decisivo. Un film imperdibile per chi ama i felini, discretamente costruito, con qualche buon momento di tensione, un'atmosfera vagamente morbosa e tre ottimi protagonisti: simpaticamente ambiguo Sarrazin, la Hunnicutt perfetta dark lady, la Parker vittima sacrificale che suscita scarse simpatie. Efficaci le musiche di Lalo Schifrin.
MEMORABILE: L'inizio; Il sabotaggio della sedia a rotelle; Il finale.

Samdalmas 20/07/18 16:12 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Raffinato thriller anni '60 ben scritto da Joseph Stefano, autore dello script di Psyco. Aleggia lo spirito del grande Hitch in questo giallo classico dove non mancano la zia ricca e malata, il nipote scriteriato e l'eredità. La fobia dei felini gioca un ruolo importante e decisivo. Cast essenziale con il bravo e simpatico Sarrazin e l'affascinante Hunnicutt. Da riscoprire.
MEMORABILE: La sedia a rotelle che precipita dalla strada.

Rambo90 30/04/19 01:33 - 6269 commenti

I gusti di Rambo90

Non male, sebbene a tratti si perda in sequenze inutili (come quella della rissa tra le ragazze nel bagno del locale), è un thriller tipico del periodo che gioca molto sulle atmosfere e sui bei colori della fotografia. I gatti, inoltre, nell'ultima mezz'ora regalano una sana dose di brividi e raccapriccio, con la tensione che nel finale diventa finalmente palpabile. Discreto il cast, regia con un paio di momenti notevoli.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Digital • 20/09/14 10:29
    Segretario - 3009 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire: Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (Ciclo: "Domenica in Giallo", anno 1988) di Il terrore negli occhi del gatto Grande chicca, questa! Film peraltro godibilissimo, ingiustamente finito nel dimenticatoio. Pensa, Buio, a tutt'oggi nemmeno in patria è uscito in dvd/blu-ray!
    Ultima modifica: 20/09/14 10:47 da Zender
  • Discussione Buiomega71 • 20/09/14 10:34
    Pianificazione e progetti - 21643 interventi
    Digital ebbe a dire: Grande chicca, questa! Film peraltro godibilissimo, ingiustamente finito nel dimenticatoio. Pensa, Buio, a tutt'oggi nemmeno in patria è uscito in dvd/blu-ray! Infatti, Digital. Questo, credo, sia stato l'ultimo passaggio in tv (poi l'oblio) Inutile dire che non uscì mai nemmeno in vhs
  • Discussione Digital • 20/09/14 10:40
    Segretario - 3009 interventi
    Il bello è che certi film vengono riproposti ciclicamente e altri una volta e stop. Davvero frustrante come cosa perché facendo cosi' o uno si va a ripescare precedenti registrazioni o si attacca. Che poi fossero indecenti si potrebbe in qualche modo comprendere il non volerli trasmettere, ma non è il caso di questo giallo.
  • Discussione Buiomega71 • 20/09/14 10:44
    Pianificazione e progetti - 21643 interventi
    Digital ebbe a dire: Il bello è che certi film vengono riproposti ciclicamente e altri una volta e stop. Davvero frustrante come cosa perché facendo cosi' o uno si va a ripescare precedenti registrazioni o si attacca. Che poi fossero indecenti si potrebbe in qualche modo comprendere il non volerli trasmettere, ma non è il caso di questo giallo. Concordo, anch'io lo trovai gradevole, spizzichi di "thiller aldrichiano" innestato con un leggero humor. La traccia italiana esiste, quindi non dispero di una prossima, e ipotetica, uscita Sinister
  • Discussione Lucius • 11/10/17 21:17
    Scrivano - 8424 interventi
    Io ho una registrazione da Studio Universal.Credo sia questo l'ultimo o uno degli ultimi passaggi tv.
    Ultima modifica: 11/10/17 21:18 da Lucius
  • Discussione Buiomega71 • 11/10/17 21:39
    Pianificazione e progetti - 21643 interventi
    Lucius ebbe a dire: Io ho una registrazione da Studio Universal.Credo sia questo l'ultimo o uno degli ultimi passaggi tv. Bel colpo Lucius, questo manca anche a me
  • Discussione Ciavazzaro • 11/10/17 22:19
    Vice capo scrivano - 5595 interventi
    Un piccolo cult movie per me. Esiste in due versioni (presto posterò i dettagli nella sezione corrispondente per la serie le versioni di ciavazzaro), quella distribuita nei cinema e quella televisiva con finale diverso (quella televisiva taglia gli elementi soprannaturali). E se non dico una castroneria, la versione italiana è quella cinematografica.
    Ultima modifica: 11/10/17 22:21 da Ciavazzaro
  • Discussione Lucius • 6/11/17 21:42
    Scrivano - 8424 interventi
    Stesso regista de "Il simbolo del sesso", ancora non davinottato...
  • Homevideo Digital • 20/12/17 19:55
    Segretario - 3009 interventi
    Blu ray Shout Factory (ovviamente privo di audio italiano) disponibile dal 16/01/2018. Finalmente dopo aver bypassato il dvd, potremo visionarlo come si deve! Tra l'altro i diversamente legali non tarderanno presumibilmente a piazzarlo sul mercato italiano (sempre se non vengono pizzicati). Una clip per ammirare l'eccellente lavoro di restauro: https://www.youtube.com/watch?v=4iIh3yquffU
    Ultima modifica: 20/12/17 20:14 da Digital
  • Homevideo Saimo • 20/12/17 21:43
    Disoccupato - 224 interventi
    Digital ebbe a dire: i diversamente legali non tarderanno presumibilmente a piazzarlo sul mercato italianoFidati che non gli conviene provarci :)
    Ultima modifica: 20/12/17 21:43 da Saimo