Amori di mezzo secolo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1954
Genere: commedia (colore)
Regia: [5e] Vari
Note: Regia di Glauco Pellegrini, Antonio Petrangeli, Pietro Germi, Mario Chiari, Roberto Rossellini. Episodi: "L'amore romantico" (Interlenghi), "Guerra 1915-18" (Casilio), "Girandola 1910" (Padovani), "Dopoguerra 1920" (Sordi), "Napoli 1943" (Lualdi).
Numero commenti presenti: 2
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Inutile film a episodi in Ferraniacolor del 1953, i cui unici punti di interesse sono un vago (ma troppo breve e noioso) ritorno di Rossellini al Neorealismo e la presenza di Alberto Sordi. Si parte con L’AMORE ROMANTICO (di Pellegrini): siamo nel capodanno del nuovo secolo e Franco Interlenghi, pianista, non riesce a sposare la bella e semicatatonica Leonora Ruffo, che convola a pessime nozze con un conte promosso dalla perfida zia (Paola Borboni): sguardi languidi e amore impossibile. Si continua con GUERRA (di Germi), forse l'episodio migliore e più sentito: due giovani si amano ma lui deve partire per il fronte in Nord Italia. La guerra del 15-18 (annunciata al paese dal minaccioso Zeppelin tedesco) se lo porterà via quando la moglie...Leggi tutto aspetta da lui un figlio. In DOPOGUERRA un Sordi bravo ma alle prese con una sceneggiatura ben poco pregnante interpreta un fascistello da quattro soldi (in perfetta “divisa”, comunque) che va a Roma e conosce la vita dei tabarin: nessuna risata e un umorismo troppo datato per convincere. Sordi ci prova a metterci del suo ma non può fare molto. In NAPOLI 1943 la angelica Antonella Lualdi incontra un americano sotto i bombardamenti e se ne innamora: Rossellini dirige con scarsa vena un episodio scadente. Chiusura con Carlo Campanini medico in LA GIRANDOLA (di Pietrangeli): girandola di mogli, mariti e amanti che si servono del medico per giustificarsi gli uni con gli altri. Poco da dire anche qui. AMORI DI MEZZO SECOLO vale forse solo per Germi, che ha dimostrato di saper comunicare qualcosa (bella l'ambientazione, simpatico il montaggio con le lettere spedite e lette quasi contemporaneamente) anche in film simili.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Panza 3/01/13 16:57 - 1492 commenti

I gusti di Panza

Amarcord abbastanza vago e confuso che ha come tema centrale l'amore. Diviso in 5 episodi (più uno espunto dalla censura), il breve film (un'ora e dodici) si concentra in storie d'amore trattate in maniera rigida e oggi molto datata. Si cerca di provocare la lacrima facile, ma chi non è incline al genere farà fatica ad apprezzare il film. Resta però un Sordi in versione fascista che strappa qualche risata. Per lo più noioso, ha qualche elemento che funziona e la breve durata non lo rende troppo insostenibile. Non regge i suoi sessant'anni.

Cotola 24/10/13 00:41 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Non bruttissimo, ma certamente brutto questo film formato da 5 episodi quasi tutti troppo corti (la pellicola dura in tutto 75 minuti scarsi), scialbi, sicuramente datati e, in alcuni casi, eccessivamente melodrammatici. Poco o nulla da segnalare (anche nel segmento filmato da Rossellini): difficile stabilire quale sia l'episodio migliore. Forse quello di Germi, seppure con un finale che però cerca troppo la lacrima e non era certo una novità nemmeno allora. Qualche flebile risata nell'episodio con un Sordi fascista-futurista.
MEMORABILE: Sordi che ripete spesso "Uccidiamo il chiaro di luna", salvo poi essere umiliato proprio a causa del suo eccessivo romanticismo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 28/02/08 12:13
    Consigliere - 43510 interventi
    Esce per la 01 il 6 marzo 2008 il film in Versione restaurata digitalmente. Tra gli interpreti un giovane Alberto Sordi nella parte di un "fascistello" alla scoperta dei tabarin (Davinotti dixit).
    Audio: Ita.mono
    Video: 1.33:1
    Extra: Interviste ad Antonella Lualdi e Franco Interlenghi + Libro bilingue di antologia critica