Hair

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/03/07 DAL BENEMERITO SADAKO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Sadako 17/03/07 15:46 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Il film hippie per eccellenza, dedicato al movimento dei Figli dei Fiori americano. Molto politicamente corretto rispetto alla versione teatrale (del 1969), riesce comunque a scontrarsi con i luoghi comuni della società borghese americana rispetto alla voglia di vita e di ribellione di una generazione diventata carne da macello per la guerra del Vietnam. Cast di tutto rispetto e una trama sempre coinvolgente, arricchita da canzoni che sono diventate il simbolo di più di una generazione.

Caesars 17/05/07 13:14 - 2656 commenti

I gusti di Caesars

Milos Forman porta su grande schermo il celebre musical degli anni '60. Lo fa con grande ritardo e ciò nuoce un poco alla riuscita del film, che però rimane un'opera da vedere anche per la bravura dei suoi interpreti. Celebri le canzoni che si ascoltano a cominciare da "Aquarius" per finire con "Let the sunshine in". Purtroppo il messaggio pacifista che sottende il film è attualissimo ancor oggi.

Pigro 5/06/08 14:44 - 7706 commenti

I gusti di Pigro

Buona trasposizione cinematografica della celebre opera teatrale-musicale, nonostante gli anni passati dall’originale. L’effetto-nostalgia e l’effetto politico si stemperano in un discorso più universale contro tutte le guerre. Punto d’eccellenza: le coreografie originali di Twyla Tharp, per la prima volta coinvolta nel cinema. Assolutamente da brividi l’unica scena in cui Cheryl Barnes, al suo debutto, canta “Easy to be hard” con voce strepitosa, stretta nel suo cappottino in mezzo alla neve: lei da sola vale l’intero film.

Herrkinski 15/09/08 19:18 - 4969 commenti

I gusti di Herrkinski

Bella trasposizione filmica del musical teatrale. Sebbene leggermente in ritardo sui tempi (l'ultimo chiodo nella bara degli hippies sarebbe stato piantato dal movimento Punk solo l'anno seguente), il film offre una morale semplice semplice ma comunque sentita ed efficace; soprattutto offre un'ora e mezza di musica eccellente, con balletti coreografati in modo ideale e mai pacchiani o ridicoli (seppur l'umorismo sia talvolta volutamente presente). Visto oggi è comunque uno spaccato d'epoca, ed è consigliato più che altro ai nostalgici.

Supercruel 4/02/09 03:30 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Discreta riduzione di Forman del musical teatrale del 1967. All'epoca il film uscì fuori tempo massimo (l'America già faceva i conti con Apocalypse Now e The Deer Hunter) e, visto oggi, l'effetto è di ancor minore impatto (la morale universalmente pacifista è piuttosto stucchevole, i personaggi sono macchiettistici, etc,...). Ciò premesso la realizzazione è di buon livello, coreografie e musica in primis, senza dimenticare un finale amaro che rinuncia all'happy ending. Vintage.

Cotola 21/10/09 23:47 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Celeberrimo musical che ha fatto epoca non tanto per la sua qualità musicale quanto piuttosto per i “valori” espressi che sono diventati un vero e proprio manifesto hippy. Discreto anche se da un regista come Forman era lecito attendersi di più. Bella la parte finale con il brano “Black Sunshine”, che a distanza di anni continua a fare il suo effetto.

Rebis 28/10/09 20:31 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Per varcarne la sgargiante soglia bisogna amare il musical (un genere e un mondo a sé) e aver creduto alle esultanze peace&love del sessantotto (un genere anche questo…): condizioni selettive, diciamo, non proprio peregrine… Messi da parte cinismo e disincanto, "Hair" riserva brani accattivanti, personaggi di sostanza e un robusto intrattenimento. La coreografa Twyla Tharp non ha trovato al cinema una dimensione confacente, ma l'esuberanza del canto - Cheryl Barnes con "Easy to be hard" su tutti - soddisfa. Il finale ha il dono (raro) della sintesi e ci risparmia di prolungare il pianto.

Enzus79 6/08/10 13:22 - 1736 commenti

I gusti di Enzus79

Musical pacifista ed antimilitarista. Belle le coreografie ed ovviamente le musiche dirette non da un esperto del genere come Milos Forman. Certo è comunque che dura un po' troppo e delle scene le avrei eliminate. Nonostante ciò, si posiziona fra i migliori musical di sempre.

Belfagor 7/08/10 15:35 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Oggigiorno è inevitabilmente datato e forse lo era anche quando uscì, ma ciò non toglie che la musica sia ottima, le coreografie siano ben realizzate e l'umorismo risulti gradevole. Fra l'inizio sulle note di "Aquarius" e il finale con "Let the sunshine in", la durata notevole non si fa sentire, in questa sarabanda dal gusto vintage, scanzonata ma non ingenua, con un messaggio pacifista che rimane tuttora attuale. Finale non banale. Un buon musical, in definitiva.
MEMORABILE: "Easy to be hard" cantato da Cheryl Barnes.

Lucius 3/09/10 01:10 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Gli anni settanta all'apice della loro essenza per una pellicola carica di energia, voglia di vivere e di amare. La libertà assoluta e la trasgressione dietro l'angolo, tipica di quegli anni, ottimamente rappresentate da un abile cineasta, da alcuni ingiustamente sottovalutato, in questo musical nostalgico e pacifista ricco di messaggi più o meno celati, tra le righe dello script e tra le immagini commoventi divertenti e irriverenti del film. Cult.

Ziovania 21/12/10 11:41 - 337 commenti

I gusti di Ziovania

La Jeannie incinta di non si sa chi ma che vuole tenersi il bambino e che a un certo punto esclama "Io vengo dal Kansas!" non può che richiamare la figura di Dorothy de Il mago di Oz, da cui però è distante anni luce. E se là si esaltavano l'appartenenza e i valori della famiglia ("Voglio tornare a casa" ripete Dorothy) in Hair si apre la strada, pur tra molte contraddizioni, alla ricerca di nuovi valori su cui fondare un mondo migliore (il testo originale è di 15 anni precedente il film). Temi in qualche modo comunque ancora oggi attuali.

Arrakis 8/05/11 21:15 - 1 commenti

I gusti di Arrakis

Musica e testi perfetti. La cosa impressionante è che questo film riesce a trasmettere una carrellata infinita di emozioni umane semplicemente raccontando una storia di cui già conosciamo tutto, ma è proprio il modo in cui viene raccontata a fare la differenza. Un capolavoro da guardare e riguardare (possibilmente cogliendo i testi dei brani tramite i sottotitoli).

Galbo 17/06/12 08:42 - 11315 commenti

I gusti di Galbo

La migliore trasposizione possibile del musical omonimo, diretto dal regista Milos Forman che celebrò con quest'opera lo spirito giovanile e della controcultura contestatrice degli anni '60. Il film ha il suo principale pregio nella eccellenti coreografie e in numeri musicali di grande livello, impreziositi da una suggestiva ambientazione urbana. Invecchiato benissimo nonostante gli anni trascorsi.

Luchi78 9/07/12 17:16 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Visto sul piccolo schermo perde parte della verve che probabilmente su di un palco ha avuto più modo di esprimere. Le canzoni trasformano il set in brevi esibizioni coreografate, molte delle quali risultano fuori luogo rispetto al contesto "urbano" utilizzato, altre funzionano meglio esprimendo una forte componente critica e assolutamente "hippie". Certo, un film del genere visto sul finire degli anni '70 aveva il suo perché...

Piero68 23/08/12 13:45 - 2752 commenti

I gusti di Piero68

Vero e proprio manifesto generazionale e rappresentazione impeccabile del way of life americano sul finire degli anni 60. Forman dirige uno dei musical più indovinati e famosi di sempre (l'altro è Jesus Christ Superstar) utilizzando tra l'altro un cast per niente altisonante: Savage e D'Angelo sono ad inizio carriera e Williams poco più di un discreto caratterista. Onore al merito quindi a Forman, alla sceneggiatura e ovviamente alla colonna sonora che, con pezzi come Aquarius, è passata alla storia proprio come il film.

Ryo 19/03/14 11:23 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un musical riuscito, figlio dell'epoca hippie che canta un inno ai capelli lunghi come sinonimo di libertà totale, all'amicizia e alla pace. Simpatica la trama, onesto e senza pretese con un macabro e beffardo finale. Ottime le musiche e deliziose alcune sequenze. Doppiaggio italiano non all'altezza.

Paulaster 30/04/15 18:15 - 2687 commenti

I gusti di Paulaster

L’adattamento da figli dei fiori viene salvato dal verde di Central Park lasciando in disparte la metropoli. Inizio avvincente pieno di energia dove vengono espresse le tematiche pacifiste senza metafore (vedi l’accenno a masturbazione, droga, sodomia); il proseguio che vira nel militaresco resta piatto anche per via delle canzoni, che incidono meno. La denuncia finale lascia ancora i brividi: cambiano le epoche ma non l’accumulo di tombe senza nome in un cimitero nazionale. Durata un filo eccessiva.

Parsifal68 2/02/16 15:08 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Discreta ma non straordinaria trasposizione dell'omonima rappresentazione teatrale che tanto successo ebbe a Broadway a fine anni '60. Purtroppo in certi casi il cinema non riesce a eguagliare la potente e spontanea forza rappresentativa del teatro, ma il film non è da buttare via. Ottima la fotografia e buona anche la scelta del cast; c'è Savage alla seconda prova dopo Il cacciatore e i quasi esordienti Treat Williams e Beverly D'angelo, bravi e promettenti. Le memorabili canzoni sono il vero piatto forte. Qualche scena noiosa stanca un po'.

Metuant 4/04/16 13:49 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Ritratto di un'epoca ormai lontana ma non datata e uno dei capisaldi del genere musical, la trasposizione di Forman resta fedele all'originale teatrale senza sfigurare in nulla. Il cast se la cava più che bene (ottimo specialmente Treat Williams) e le coreografie rendono bene l'atmosfera che la storia vuole rievocare. Per appassionati, ma anche per chi vuole avvicinarsi per la prima volta al genere.

Pinhead80 8/05/16 13:43 - 3837 commenti

I gusti di Pinhead80

Milos Forman ci regala questo musical pacifista e antimilitarista che se la prende con l'inutilità della guerra (e nel caso specifico di quella del Vietnam). Tante le canzoni e le coreografie entrate nell'immaginario collettivo. Indipendentemente che piaccia o meno, il film ha lasciato il segno perché manifesto di un certo tipo di cultura e perché il messaggio che ci porta è ancora tremendamente attuale. Un cult hippie e non solo.

Samdalmas 22/08/16 16:02 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Tratto dal celebre musical sulla cultura hippie dei 60's, se fosse uscito dieci anni prima sarebbe stato un capolavoro. Milos Forman ha un grande senso dello spettacolo, lo dimostrerà anche nei successivi Ragtime e Amadeus, ma la differenza la fanno canzoni immortali come "Aquarius". Non manca nulla: amore, misticismo e droghe a volontà. Discreti gli attori, anche se Treat Williams capellone non è il massimo. Finale da brividi con l'inno pacifista "Let The Sunshine In".
MEMORABILE: La partenza per il Vietnam

Camibella 1/06/20 17:04 - 91 commenti

I gusti di Camibella

Versione cinematografica della fortunata pièce di Broadway in cui Milos Forman alterna cose buone ad altre quantomeno discutibili. Ottima l'ambientazione newyorkese nella quale si susseguono le splendide coreografie, stupende le canzoni che sono diventate un cult che resiste nel tempo e bravi gli attori, quasi tutti all'esordio. Da dimenticare invece certi spazi vuoti e noiosi come la lunga scena onirica. Il messaggio pacifista, però, arriva potente e inalterato ancora oggi.
MEMORABILE: La scena finale in cui Berger e Bukowski si scambiano i ruoli facendo sì che il primo si imbarchi e muoia in Vietnam; La splendida O.S.T.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Galbo • 8/06/11 05:45
    Gran Burattinaio - 3745 interventi
    Esce in Blu Ray il 22/6
  • Homevideo Gestarsh99 • 2/01/12 00:48
    Scrivano - 13822 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per MGM/20th Century Fox: DATI TECNICI * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p * Formato audio 2.0 Mono Dolby Digital: Italiano Spagnolo Francese 2.0 Surround Dolby Digital: Tedesco Turco 5.1 Dolby Digital: Ungherese 5.1 DTS HD: Inglese * Sottotitoli Italiano Inglese NU Spagnolo Francese Olandese Portoghese Tedesco Finlandese Svedese Giapponese Norvegese Russo Cantonese Mandarino Danese Tailandese Turco Sloveno Bulgaro Croato * Extra Trailer