LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/11/08 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 18/11/08 10:15 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

È uno di quei film dei quali si sono perse le tracce. Peccato perché Milos Forman ci regala un ritratto dell'America di inizio secolo scorso tutt'altro che malvagio, intessendo un ricamo con varie storie che si alternano, la principale delle quali riguarda un uomo di colore che vuole ottenere giustizia per una questione di principio (una squadra di pompieri razzisti gli ha insozzato la macchina nuova). La critica ufficiale all'epoca rimase freddina ma personalmente considero questo uno dei lavori meglio riusciti del regista cecoslovacco.

Lucius 8/11/10 01:04 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Film affresco caratterizzato da una ricostruzione scenica praticamente perfetta e impreziosito da costumi particolarmente ispirati. Giustizia e politica i temi al centro della pellicola ambientata i primi del 900 in un'America divisa in classi sociali. Un giovane miliardario non riesce ad accettare che la sua disinibita mogliettina abbia posato nuda sul Madison Square Garden, ma il film abbraccia anche altri temi ed altre storie, incorniciandole in un ritratto epocale. Per cultori.

Galbo 15/06/12 16:23 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Ingiustamente snobbato dal pubblico, il film di Milos Forman (il titolo è riferito ad un tipo di musica jazz in voga in America alla fine dell'800) è tratto da un romanzo di Doctorow nel quale si intrecciano varie storie. Forse non impeccabile dal punto di vista del ritmo impresso alla storia, il film merita per l'impeccabile "affresco" di un'epoca gloriosa della storia americana che il regista ricostruisce (per costumi, scenografia e colonna sonora) in maniera impeccabile.

Luchi78 11/06/12 14:16 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Nei primi anni del '900 ci troviamo in una New York spensierata e ciarlona, dove però il dramma del razzismo e dell'umiliazione perpetrata ai danni di milioni di persone è ancora di uso comune. Il romanzo da cui prende spunto è assolutamente da leggere, ma la trasposizione cinematografica di Forman non perde niente dei tratti essenziali. Ottime le interpretazioni, bellissime le ricostruzioni nelle sceneggiature e nei costumi, ancor di più il ritratto di un'America liberale, viziosa e violenta.

Tarabas 29/11/19 13:04 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Un trovatello neonato è il trait d'union tra un'agiata famiglia bianca newyorkese e un giovane pianista nero di ragtime (intuiamo, perché la musica ha ben poco ruolo nel film a dispetto del titolo), che rimane invischiato in una brutta storia di razzismo. Il cast di notevole impatto non basta a svecchiare un film piuttosto oleografico e parecchio invecchiato, nonostante sia solo del 1981. Le vicende narrate non sono molto credibili, soprattutto l'evoluzione del protagonista. Deludente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 8/11/10 01:06
    Scrivano - 8423 interventi
    Il "Ragtime" è un genere di musica sincopata, caratteristica del Jazz americano alla fine dell'Ottocento e nel primo Novecento.
  • Curiosità Buiomega71 • 27/04/11 11:20
    Pianificazione e progetti - 21680 interventi
    Il regista designato doveva essere Robert Altman. Fonte: Film Tv