Jesus Christ Superstar

Media utenti
Titolo originale: Jesus Christ Superstar
Anno: 1973
Genere: musicale (colore)
Numero commenti presenti: 31

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/03/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 19/03/07 10:14 - 2656 commenti

I gusti di Caesars

Ottima trasposizione cinematografica della celeberrima rock opera di Tim Rice e Andrew Lloyd Webber. Molto interessante la scelta effettuata dagli autori di mostrare il punto di vista di Giuda Iscariota e le motivazioni del suo tradimento. Le musiche sono bellissime e la loro trasposizione in immagini molto ben riuscita. Uno dei musical più belli mai realizzati, da vedere assolutamente.

Sadako 27/03/07 19:34 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Seconda produzione biblica per Rice e Lloyd Webber (la prima fu Joseph and the Amazing Technicolor Dreamcoat dedicata a Giuseppe, quello venduto dai fratelli) basata prevalentemente sul Vangelo di Giovanni. Narra gli ultimi giorni della vita di Gesù, visti attraverso gli occhi dei cattivi storici: Giuda (la voce portante), Pilato, Caifa e Anna. La trasposizione cinematografica non toglie nulla a quella teatrale, aggiungendole la bellezza degli scenari originali di Israele. Una visione non convenzionale, che resta attuale anche dopo quasi 35 anni.

B. Legnani 29/03/07 01:28 - 4677 commenti

I gusti di B. Legnani

Sarà che non impazzisco per i musical, ma non mi ha entusiasmato più di tanto. Ho però trovato straordinario Carl Anderson. Non è certo un brutto film, ma ha qualche pacchianeria di troppo. Apprendo da IMDb che l'attore che interpreta Pietro (e che nella realtà si chiama Paolo: Paul Thomas, qui accreditato come Philip Toubus), paradossalmente ha poi avuto una chilometrica carriera nel cinema pornografico. Lavora, non accreditato, nel massaccesiano Emanuelle - perché violenza alle donne? Incredibile.

Galbo 24/12/07 07:48 - 11315 commenti

I gusti di Galbo

Migliore trasposizione possibile dello splendido musical di AL Webber, si rivela un magnifico film, che aggiunge, agli ottimi numeri musicali già noti, una bellissima ambientazione ed un carattere ibrido tra storico e moderno che, a oltre trent'anni dalla sua realizzazione, lungi dall'essere superata, mantiene indatta la sua attualità. Alcune scene (come la crocifissione) sono di fortissimo impatto emotivo. Bravi gli interpreti, specialmente Anderson (tormentato Giuda), vero protagonista del film.

Il Gobbo 25/12/07 19:30 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Posto che nessuno (vero?) è più in grado di prendere sul serio l'idea di mostrare Giuda come un agit-prop deluso che Gesù non diventi il subcomandante Jesus contro quei fascistoni di romani guidati dal console Nixon, cosa rimane? Parecchio kitschume, e tuttavia della musica ancora notevole, con qualche pezzo memorabile, anche se rispetto alla prima versione discografica si perde molto nel ruolo di Cristo, originariamente affidato alla devastante ugola di Ian Gillan dei Deep Purple (!). Invecchiato male.

Gugly 24/01/08 21:33 - 1010 commenti

I gusti di Gugly

Visione molto datata che si avvale di splendide musiche e coreografie trascinanti, anche se talvolta sembra di stare dalle parti di Hair. Il film è discontinuo e poi, lo devo dire, Erode mi sembra il cugino grasso di Al Bano Carrisi: ogni volta che vedo quella scena mi viene da ridere. Ok, torno seria: è un film figlio del suo tempo, con un finale che commuove ogni volta.
MEMORABILE: La canzone di Maddalena, l'entrata a Gerusalemme, il balletto successivo, il finale.

Undying 25/01/08 22:04 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Destinato a diventare un cult, per via della poderosa messa in scena e per la cura delle scenografie. Anche le musiche, che costituiscono l'ossatura dell'intera pellicola, sono destinate a superare - con risultati ottimali - il trascorrere degli anni: e questi sono i pregi. Noiosetto, semplice, ruffiano ed imbastito sulla semplice operazione di somma aritmetica con numeri primi - che complessi non ve n'è ombra - quali musica + affascinanti attori + una spruzzatina di catto-mania. I difetti in(somma) annullano i meriti. Da vedere comunque.

Pigro 4/06/08 12:39 - 7706 commenti

I gusti di Pigro

Gli ultimi giorni della vita di Gesù nel bellissimo musical di Rice e Webber, ben sostenuto dalla straordinaria interpretazione di Carl Anderson (Giuda). La regia di Jewison è molto Anni Settanta, con zoomate e fermi immagine, con apostoli post-hippy e anacronismi. Ma l'impatto rimane notevole e Giuda che nel deserto è inseguito dai carri armati crea un emozionante cortocircuito con l'attuale occupazione israeliana della Palestina.

Cotola 5/06/08 11:59 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Deludente trasposizione dello splendido musical di Weber che a suo tempo fece scandalo e storia. Il problema fondamentale è che la pellicola risulta ormai troppo datata e legata al tempo in cui fu girata. In ogni caso le belle trovate non mancano (e poi ci sono le splendide e trascinanti canzoni che continuano a mantenere ancor oggi intatta tutta la loro bellezza).

Matalo! 1/09/08 19:48 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Un film dei suoi tempi a cui non si può rinfacciare la mancanza di forza nella messinscena. E la colonna sonora, una volta tanto, è veramente di alta qualità senza le menate dei musical ma quasi vero rock. Gli interpreti sono azzeccati; oggi molte cose possono sembrare ingenue (tipo Giuda nero, ma era un'idea forte al tempo) però resta migliore della Passione di Mel Gibson, libertario qui dove là c'è solo fanatismo. Non parliamo del Gesù di Zeffirelli poi...

Ammiraglio 8/09/08 08:58 - 150 commenti

I gusti di Ammiraglio

Se si fosse impossibilitati per qualsiasi ragione a vedere almeno una volta nella vita "Jesus Christ Superstar" a teatro, allora questa versione cinematografica risulta davvero utile: riesce a trasferire in maniera ottimale l'atmosfera del musical originale. Sicuramente la migliore performance è quella di Giuda, bravissimo sia come cantante che in generale come attore.

Rebis 10/05/10 18:44 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

L'umanità del Cristo viene esaltata dal crogiolo emotivo di Giuda che vede l'uomo che ama farsi, agli occhi della gente, più importante del messaggio che comunica. Larga parte della riuscita calibratura tra rivisitazione e ortodossia deriva da una lungimirante e coraggiosa definizione dei comprimari (l'impotenza di Pilato, la passione materna di Maddalena), perché la storia di una Star è il suo pubblico a raccontarla. L'idea della rappresentazione (lo show) che dà cornice al film, riconnette la novella tanto all'urgenza di ritualizzare il sacro quanto ad una sana, destabilizzante iconoclastia.

Animalo 11/05/10 17:26 - 31 commenti

I gusti di Animalo

La più bella caratteristica del film è la mancanza di parti recitate a favore di un totale scorrimento di canzoni. Ottimo cantante Carl Anderson (tra l'altro morto qualche anno fa), che stupisce con un'interpretazione originale e più umana di Giuda. In generale il film mi sembra attempato e certe musiche sono abbastanza scontate, nonostante il grande successo del musical.

Greymouser 13/05/10 12:40 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Anche a distanza di anni, il celebre musical fra sacro e profano non perde il suo smalto, grazie al valore intrinseco delle musiche e ad un soggetto intrigante, che non dissacra la figura del Cristo, pur insistendo comunque sulla sua umanità. Penso e spero che sia un film per credenti e non credenti, proprio perchè valorizza aspetti di una comune umanità, e svolge un discorso non banale sul rapporto col sacro.

Ghirlanda 16/05/10 12:17 - 58 commenti

I gusti di Ghirlanda

Ottima trasposizione cinematografica dell'opera rock teatrale di Lloyd Webber. La figura di Cristo viene mostrata durante la sua ultima settimana di vita. Lo sguardo della narrazione è quello di Giuda che, attraverso la messa in discussione delle parole del Messia, mostra la figura di Gesù come "umana" più che divina (Gesù nn compie alcun miracolo). Le location israeliane sono spettacolari e d'impatto. Un musical evergreen che lascia stampate nella mente i bellissimi brani e le suadenti voci che le interpretano: tra tutti Anderson e Neeley.

Ziovania 10/02/11 12:42 - 337 commenti

I gusti di Ziovania

Gesù come una rockstar? Qualche fedele si è magari arrabbiato, ma anche gli amanti del rock sono disorientati da un tale mix di sacro e profano. Il Cristo qui rappresentato è un ex "divo", privo dei poteri con cui ha costruito le sue fortune o meglio, rinunciatario e in definitiva incapace di cambiare il mondo (lo stesso si può dire del rock, anche se molti a quei tempi ci speravano). Tutti lo tirano per la giacchetta (specie Giuda) ma Jesus sembra più un eroe moderno, percorso dai dubbi tipici del nostro tempo. E quindi umano, molto umano.

124c 22/12/14 17:18 - 2756 commenti

I gusti di 124c

Passione e morte di Gesù Cristo in versione rock-drama, portata sul grande schermo da Norman Jewison. Per quanto le canzoni siano sempre bellissime c'è ancora chi, nella parte di Gesù, avrebbe voluto vedere, come in teatro, Ian Gillan dei Deep Purple, anziché Ted Neely. Neely, comunque, si difende bene, ma deve inchinarsi allo stratosferico Giuda Iscariota di Carl Anderson, vero protagonista del dramma. L'ambientazione moderna-hippy è suggestiva, anche se rischia di ancorare troppo il film agli anni '70. Buone le location, bravi tutti.
MEMORABILE: Giuda nel deserto; L'arrivo di Gesù a Gerusalemme; Gesù che prega; Le 39 frustate inflitte a Gesù; La morte di Giuda e la crocifissione di Gesù.

Tyus23 25/04/11 12:08 - 220 commenti

I gusti di Tyus23

Ottima pellicola tratta dallo straordinario musical di Lloyd Webber e Rice, rock e dissacratoria quanto basta, che alterna momenti toccanti (il monologo di Gesù nel giardino del Getsemani) ad altri più divertenti e scanzonati (la canzone di Erode) e che può contare su musiche e interpretazioni fenomenali. Da non sottovalutare la rappresentazione umanizzante di Gesù e Giuda, entrambi burattini in un progetto che nessuno dei due comprende fino in fondo. Un mio cult personale.

.luke. 4/04/12 17:43 - 89 commenti

I gusti di .luke.

Ottima trasposizione cinematografica dell'eccezionale musical di Andrew Lloyd Webber, grazie soprattutto alla straordinaria prova di Carl Anderson che restituisce umanità a un personaggio fin troppo bistrattato come Giuda. Oltre a questo ci sono la potenza visionaria di alcune scene di culto (i malati che chiedono che Gesù li guarisca e la parte finale soprattutto) e ovviamente le bellissime musiche.
MEMORABILE: If you'd come today you could have reached a whole nation. Israel in 4 BC had no mass communication.

Jandileida 12/08/13 20:29 - 1238 commenti

I gusti di Jandileida

Solitamente i musical mi causano bolle e pruriti: l'unica eccezione è questa fantastica rivisitazione della vita del più affermato instauratore di monoteismi che la storia ricordi. Ottima musica, l'età dell'acquario spostata nella Palestina dell'anno Zero, un memorabile Carl Anderson che torna dalla dannazione eterna di bianco vestito ed entra nella storia, un Gesù umanissimo pieno di dubbi e domande destinate a restare senza risposta. Una visione sempre piacevole che non perde nulla della sua freschezza a 40 anni dalla realizzazione. Immortale, appunto.
MEMORABILE: Heaven on their minds; Superstar.

Metuant 2/01/14 13:19 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Un classico del genere musical trasposto in maniera rigorosa e allo stesso tempo originale, ma non privo di qualche difetto. Certo, le musiche sono epocali così come alcuni dei loro interpreti ma purtroppo, a differenza di altri prodotti dello stesso genere, col tempo ha perso qualcosa e visto oggi appare un po' datato in certe scene, soprattutto nelle coreografie. Comunque è un punto fisso nel panorama dei musical e per l'appassionato va visto almeno una volta.
MEMORABILE: L'incontro con re Erode; La morte di Giuda.

Ryo 19/03/14 10:56 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un'ottima trasposizione del musical omonimo che racconta in maniera originale l'ultimo periodo della vita di Cristo. La sceneggiatura è incentrata quasi interamente su Giuda, che si erge a protagonista, e il tutto ha principalmente uno stile di narrazione "realistico" dei fatti, senza mostrare miracoli, risurrezioni e mettendo in dubbio la figura del messia come figlio di Dio. Tracce ottime, con pezzi deliziosi che spaziano dal rock sfrenato a ballate dolcissime. Quasi due ore di musical che scorrono veloci.
MEMORABILE: Gesù nel tempio; I lebbrosi; L'ultima cena; La canzone "Gethsemane"; Erode.

Daniela 12/06/14 11:05 - 9111 commenti

I gusti di Daniela

Che effetto può fare rivederlo ora, ad anni di distanza delle ripetute visioni degli anni giovanili? Temevo che fosse invecchiato male, ed invece i "contro" sono gli stessi di allora: Ted Neeley Jesus dalla voce troppo tremula, alcune coreografie pacchiane, un'impronta hippie sin troppo marcata. Ma sono restati gli stessi anche i tanti "pro", dalla suggestiva ambientazione ai fantasiosi costumi. Ma il pezzo forte è la colonna sonora fantastica, con tanti brani indimenticabili, che ne fa uno dei migliori musical cinematografici di sempre.

Samdalmas 26/06/14 13:25 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Notevole versione cinematografica del celebre musical di Andrew Lloyd Webber che, grazie a questo film, è rimasto nella memoria collettiva. All'epoca fece un po' scalpore la visione libertaria dei Vangeli, ma in realtà è più fedele di come sembra: splendide le canzoni, memorabile il cast con il compianto Carl Anderson come Giuda e Ted Neeley che ancora oggi porta sulle scene Gesù.
MEMORABILE: L'entrata a Gerusalemme; La morte di Giuda; La notte nel Getsemani con l'acuto di Ted Neeley.

Herrkinski 26/12/15 21:07 - 4969 commenti

I gusti di Herrkinski

Se al posto di Neeley (che comunque funziona) ci fosse stato Ian Gillan sicuramente sarebbe stato meglio, ma resta una trasposizione cinematografica del noto musical decisamente riuscita; Anderson/Giuda ruba la scena per carisma e capacità canore, sullo sfondo di paesaggi esotici molto suggestivi, coreografie di ballo efficaci (seppur a tratti un po' kitsch) e un'atmosfera '70s evidente (curiosi il look e gli inserti di elementi contemporanei), che oggi riveste l'opera di un'aria da modernariato, comunque gradita per chi ama il periodo.

Alex75 3/03/17 09:26 - 661 commenti

I gusti di Alex75

Più vicino all’opera rock che al musical, questo continuum di canzoni presenta un Gesù molto umano, con un’alternanza di sacro e profano, di antico e moderno che non stride mai. Figlio del suo tempo, mantiene a distanza d’anni una notevole forza suggestiva, grazie alle ambientazioni, alle prove degli attori (soprattutto di Anderson, nell’intenso e fondamentale ruolo di Giuda), ma in particolare per il potente strumento narrativo: le canzoni, alcune delle quali diventate dei classici.
MEMORABILE: Le riflessioni e i dilemmi di Giuda; Nel tempio; ”This Jesus Must Die”; L’innamoramento di Maddalena; L’ultima cena; Le 39 frustate.

Taxius 30/12/17 21:08 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Divertente musical Anni 70 in puro stile hippie che, nonostante l'età, dimostra di essere invecchiato piuttosto bene. La cosa che colpisce di più è l'aver mescolato modernità e antichità: possiamo vedere infatti soldati vestiti con abiti moderni, mitragliatori o quant'altro. Nulla da dire sulle canzoni e sui cantanti/attori che sono fantastici anche se, alla fine, a oscurare un po' tutti è il personaggio di Giuda.

Il Dandi 27/12/17 22:54 - 1733 commenti

I gusti di Il Dandi

Il Vangelo come metafora della contestazione è un'idea meno originale di quanto si creda (da noi ci provò, con linguaggio diverso, anche De André) ma il musical di Rice-Webber è un capolavoro di pop orchestrale che seppe incarnare (e forse superare) il concetto di "rock opera" anticipato dagli Who: la trasposizione cinematografica è un manifesto dell'hippismo, sincero e ingenuo, che mescola semplicità (viene da dire appunto: parrocchiale) di rappresentazione a momenti puramente kitsch. Il Giuda nero (idea potente) giustifica un Gesù cappone.
MEMORABILE: Musicalmente il coro "Must die, must die, this Jesus must die"; Cinematograficamente la "non-resurrezione" del finale.

Anthonyvm 7/08/18 23:02 - 1707 commenti

I gusti di Anthonyvm

Mitico musical la cui fama trascende anche gli effettivi meriti, ma che garantisce in ogni caso quella particolare esperienza di meraviglia e di coinvolgimento dei sensi tipica dei cult musicali anni '70. Le ultime vicende della vita di Gesù narrate attraverso ottime canzoni rock ormai passate alla storia. Azzeccatissima la centralità del personaggio di Giuda, qui dipinto come il vero eroe tragico della situazione, al quale fra l'altro sono affidate alcune delle canzoni migliori. Non piacerà a tutti, ma prima o poi una visione è necessaria.
MEMORABILE: La fustigazione di Gesù all'ossessivo ritmo del famoso riff di Heaven on Their Minds; Il "laico" finale.

Alanross 28/10/18 21:42 - 2 commenti

I gusti di Alanross

Grande genialata: la visione di un Cristo reso qui praticamente "umano", con le proprie debolezze, paure, il tutto condito da scene a volte al limite del grottesco, rende l'opera ineguagliabile. Merito del regista inoltre l'aver saputo immergere, con un gioco di prestigio, il cast di attori nell'epoca giusta... così come farli riemergere alla fine del film, quasi come fosse un flashback.

Camibella 1/06/20 16:49 - 91 commenti

I gusti di Camibella

Trasposizione cinematografica in salsa hippie del fortunato musical di Broadway che perde nettamente rispetto alla versione teatrale, pur conservando una freschezza e un'originalità molto interessanti. Le musiche sono il vero e unico punto di forza di un film che recitativamente ha poco da offrire e che diventa, a tratti, molto pesante da digerire.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Samuel1979 • 9/06/12 20:47
    Call center Davinotti - 2959 interventi
    Il noto gruppo inglese dei Deep Purple ha più volte inserito il tema di Superstar nel loro brano "Strange kind of woman". Vedere qui al minuto 4:20 Nd Zender: il motivo è molto semplice. Ian Gillan (ovvero il cantante storico dei Deep Purple) aveva interpretato Gesù nel doppio Lp tratto dall'opera di Webber e Rice, disco che uscì ancora nel 1970, tre anni prima del film.
    Ultima modifica: 10/06/12 17:00 da Zender
  • Musiche Samuel1979 • 10/06/12 15:06
    Call center Davinotti - 2959 interventi
    No un momento. Quello che dici tu su Ian Gillan è vero,ma l'inserimento di questo "motivo" nel brano citato, è una cosa che i Deep Purple hanno eseguito solamente successivamente, cioè intorno agli anni ottanta e nelle loro performance dal vivo. Fra le varie esecuzioni "LIVE" negli anni Settanta non mi pare di aver sentito questa piccola improvvisazione. Sarei più propenso a sostenere che il tema citato sia stato inserito solamente dopo l'uscita del film, e quindi solamente dopo il 1973. Ma potrei anche sbagliarmi.
  • Musiche Zender • 10/06/12 17:04
    Consigliere - 43825 interventi
    Non capisco però cosa cambi, la cosa. Non ho idea se il motivo sia stato cantato già prima del 1973 (dovresti chiederlo a Gillan, perché di certo non esistono registrazioni di TUTTI i loro concerti dell'epoca), ma la trovo comunque una cosa normale. Questi gruppi in cui alcuni componenti eran celebri anche per altro era normale inserissero in scaletta accenni a successi personali extra-gruppo. In ogni caso io sottolineavo solo il motivo per il quale era cantato da Gillan il pezzo del film.
  • Musiche Lucius • 1/07/12 12:59
    Scrivano - 8423 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, due 45 giri originali:
    Ultima modifica: 2/02/13 08:06 da Zender
  • Musiche Zender • 1/07/12 13:15
    Consigliere - 43825 interventi
    Sempre stupendi. Grande, grande collezione Lucius!!!
  • Discussione Lucius • 1/07/12 15:22
    Scrivano - 8423 interventi
    Zender ebbe a dire: Sempre stupendi. Grande, grande collezione Lucius!!! Grazie mille per l'apprezzamento. Sto dando la caccia ai 45 giri dei gialli e trhiller italiani degli anni settanta, sono così rari che per molti di questi è difficile trovare immagini perfino su internet. Dopo Spasmo ne sono riuscito a trovare un altro, entro la fine del mese lo posto in esclusiva per Il Davinotti, una vera chicca per gli appassionati.Ciao.
    Ultima modifica: 1/07/12 19:52 da Lucius
  • Discussione Caesars • 12/02/15 14:14
    Scrivano - 10233 interventi
    Non lo sapevo, ma il film è stato doppiato in francese Qui un esempio (ma su you tube si trovano tutti i pezzi doppiati, mi pare) https://www.youtube.com/watch?v=BnyhiwEOBYc
    Ultima modifica: 12/02/15 14:30 da Caesars
  • Curiosità Fauno • 6/05/17 18:31
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:
  • Discussione Alex75 • 31/08/17 16:29
    Call center Davinotti - 595 interventi
    Il ruolo di Pietro fu affidato a Paul Thomas (Philip Charles Toubus), attore allora piuttosto noto a Broadway, che poco dopo scelse tutt'altro genere: è infatti presente in centinaia di pellicole hard (spesso dirette da lui stesso).
  • Discussione Zender • 31/08/17 18:35
    Consigliere - 43825 interventi
    Sì, l'hard lo lasciamo stare, con i suoi protagonisti e i loro trascorsi, come noto.