Exorcismus - Cleo, la dea dell'amore

Media utenti
Titolo originale: Blood From The Mummy's Tomb
Anno: 1971
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Cleo Dea Dell'amore" o "Cleo la dea dell'amore". Film iniziato da Seth Holt, morto durante le riprese, e quindi finito da Michael Carreras, che non appare accreditato. Il film è tratto dal romanzo di Bram Stoker, "The jewel of seven stars", pubblicato nel 1903.
Numero commenti presenti: 11

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/06/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 20/06/07 15:21 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Interessante variazione sul tema della mummia che si basa sulla solida interpretazione del veterano Kier e sulle grazie della bella Leon. Il tema è poi trattato in modo nuovo (non aspettatevi la solita mummia bendata) e questo rende il film degno di nota. Nel finale si fa ampio uso di humor nero.
MEMORABILE: Il finale!!!

Undying 3/11/07 20:05 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Seth Holt chiuse la sua carriera di regista con questo riuscito horror che si rifà ad un tema classico quale quello della Mummia (non a caso c'è di mezzo la Hammer), tentando di staccarsi dai cliché ormai consolidati; e così la sensualità (assai spinta per l'epoca) si fonde con il gore (ci sono, nel finale, effetti piuttosto estremi). La sceneggiatura non è banale e gli interpreti offrono una buona performance. La pellicola è resa particolarmente attraente dalla presenza "fisica" della mora Valerie Leon, in un duplice ruolo. Interessante...

Giùan 19/01/12 13:56 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

Comincia in maniera allampanata, prosegue un po' tortuosamente facendo temere il peggio, ma poi trova la sua strada, risultando se non avvincente dotato di un suo stravagante, vintage aplomb magnetico. Tentativo riuscito della Hammer di irrorare il mummy's movie con vitale sangue muliebre. Il film di Holt ha il merito soprattutto di giocarsi le carte migliori con parsimonia: dall'asso (lo) del wellesiano Coulouris, ai collaudati Jolly di Kier e Villiers. Valerie Leon, Ice Queen dallo scultoreo petto, è una sacerdotessa del cui culto ci professiam adepti.
MEMORABILE: La morte di Coulouris in camicia di forza "fotografata" da sghembe angolazioni; La "mano morta".

Lucius 15/09/12 00:44 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Impossibile non notare le analogie con Alla trentanovesima eclisse (a questo successivo), solo che qui siamo nettamente al di sotto, sia per quel che riguarda l'impianto scenico che per intere sequenze al limite del ridicolo; ma chi ama l'Egitto non deve perderlo; se non altro per Valerie Leon, l'avvenente protagonista e per un certo gusto vintage che la pellicola ha acquisito con i decenni. Apprezzabile la messa in scena.

Homesick 23/12/13 13:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Deludente produzione Hammer che vanifica tutto il potenziale esoterico associato all’antico Egitto e alle sue simbologie a causa di una regia anonima e lassa ed attori mediocri. Il momento clou avrebbe dovuto essere il rito esorcistico, che invece viene allestito alla stregua di una noiosa conferenza... Qualche motivo per avvicinarsi al film: l’intento (maldestro) di uscire dagli stereotipi del filone delle mummie, le scenografie d’antan e il petto procace di Valerie Leon, attrice che, in ogni caso, non possiede nemmeno un centesimo del carisma di una Barbara Steele.
MEMORABILE: La mano mozzata; «Non si possono avere solo le cose buone, le cose belle, le cose sante. Non hanno nessun valore senza i loro opposti».

Cotola 11/11/14 23:40 - 7622 commenti

I gusti di Cotola

Nulla di che, intendiamoci: eppure questa pellicola iniettata di sangue; dai vivaci cromatismi e con tanto di maledizione egiziana si rivela alla fine abbastanza piacevole, gustosa e divertente. Ciò sebbene la trama sia scontata e non presenti particolari novità. Ma l'atmosfera vecchi tempi regge, gli attori sono più che dignitosi (occhio all'avvenenza della protagonista) e la confezione di buona fattura. In definitiva: non male.

Von Leppe 16/04/16 18:49 - 1050 commenti

I gusti di Von Leppe

Ispirato a un romanzo di Bram Stoker dei primi del Novecento. La Hammer, specializzata in film gotici in costume, sposta l'ambientazione nella contemporaneità e questo fa perdere fascino a una pellicola comunque poco riuscita, ma che malgrado ciò riserva piacevoli sorprese orrorifiche, attori ben scelti per i loro ruoli e un'atmosfera non male. La stessa opera letteraria è stata riproposta otto anni più tardi nel film Alla trentanovesima eclisse, il quale non si eleva come qualità a questo.
MEMORABILE: La mano mozzata.

Rufus68 23/09/16 21:40 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Reincarnazioni, maledizioni egizie... la solita zuppa, insomma. Il regista cerca di evitare il deja vu, ma la piattezza del suo stile e l'anonimato della recitazione non lascia scampo. Un flebile soffio erotico è garantito, per fortuna, dalla nerocrinita e occhiazzurina Valerie Leon: quando incede con un bel négligé scuro, capelli al vento e davanzale in poppa, regalandoci l'unico brivido dei novanta minuti, non possiamo che fischiare la nostra approvazione.

Claudius 18/12/16 09:25 - 432 commenti

I gusti di Claudius

Interessante variazione sul tema egizio. Il sangue scorre abbastanza per essere un film anni 70 e anche i tocchi erotici (splendida e avvenente la Leon) non stonano con l'insieme. Rispetto al successivo Alla trentanovesima eclisse (tratto dallo stesso romanzo) viene privilegiato l'aspetto orrorifico (un paio di scene restano impresse) ed è molto curata la parte egizia.
MEMORABILE: La morte di Coulouris.

Jena 12/02/17 17:14 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Dopo un'ottima partenza in terra egiziana con tanto di riti nelle piramidi e una scena che avrà sicuramente ispirato Raimi, il film si arena un po' e procede su binari fin troppo scontati, col solito corollario di morti piuttosto violente e maledizioni secondo il consueto stile Hammer. Dallo stesso racconto di Bram Stoker sarà tratto anche Alla trentanovesima eclisse, che considero superiore. Da notare la straordinaria bellezza della protagonista Valerie Leon, gli altri attori, molto sopra le righe, sfiorano la parodia (il medico).

Noodles 24/10/20 22:40 - 945 commenti

I gusti di Noodles

Si parte da un buon incipit e da alcune scene interessanti per poi arrivare a un pastrocchio noiosissimo di vari generi. Tensione e paura del tutto assenti. Il film è peraltro invecchiato male: sembra a tratti un gotico ambientato nell'Ottocento mentre dovrebbe essere contemporaneo. Recitazione mediocre. Valerie Leon è splendida ma non convince, sembra fuori contesto. A livello visivo invece il film non è male, con una buona fotografia molto colorata e alcuni effetti discreti. Ma non basta. Perché mancano completamente i tempi dell'horror. Mediocre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 29/04/14 15:37
    Scrivano - 15076 interventi
    La cover della vhs Multivision dalla collezione personale Gestarsh99:

    Ultima modifica: 29/04/14 15:40 da Zender
  • Homevideo Lucius • 29/04/14 21:20
    Scrivano - 8308 interventi
    Bellissima!!
  • Homevideo Gestarsh99 • 30/04/14 03:34
    Scrivano - 15076 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Bellissima!!

    Una delle primissime vhs che acquistai.
  • Curiosità Rufus68 • 23/09/16 20:52
    Comunicazione esterna - 195 interventi
    Il film è tratto dal romanzo di Bram Stoker, "The Jewel of Seven Stars", pubblicato nel 1903 e, in una edizione riveduta e corretta, nel 1912.
    Molto tarda la prima traduzione italiana (di Claudio De Nardi, Mondadori, 1992).
    Una nuova versione apparve nel 1996 per i tipi della Rizzoli (traduzione di Federica Oddera).
  • Discussione Noncha17 • 25/05/17 01:54
    Magazziniere - 1073 interventi
    Appartiene al ciclo de La mummia del '59: è il quarto.
  • Discussione Buiomega71 • 25/05/17 05:36
    Pianificazione e progetti - 22102 interventi
    Noncha17 ebbe a dire:
    Appartiene al ciclo de La mummia del '59: è il quarto.

    Avrei i miei dubbi in proposito...
    Per il solo semplice fatto che e tratto da un romanzo di Stoker ( quindi lo esula dal ciclo delle " mummie" hammeriane)

    ALLA TRENTANOVESIMA ECLISSE ( che se anche non ne e un diretto remake, e tratto sempre dallo stesso romanzo) ne e l esempio lampante, nessun aggancio con la serie delle " mummie"

    Indi per cui...
    Ultima modifica: 25/05/17 10:33 da Buiomega71
  • Discussione Noncha17 • 25/05/17 14:50
    Magazziniere - 1073 interventi
    No-no-no-no..parcheggia!

    Non ho detto che è un sequel o un remake oppure un seguito dei precedenti. Ho soltanto che, come i precedenti due - che, anche loro, non c'entrano una mazza col primo - appartiene al ciclo de La Mummia del '59. Almeno, così è stato "spacciato" ai tempi..

    Poi, ce l'ho e l'ho visto e, so anch'io che il plot è un altro. Ma, sicuramente, è più una reincarnazione (come accade ne La Mummia del '32 alla protagonista..) che un esorcismo o altro. E, comunque, ha qualcosa di "mummioso" anche questo! ;)
  • Discussione Buiomega71 • 25/05/17 15:09
    Pianificazione e progetti - 22102 interventi
    Noncha17 ebbe a dire:
    No-no-no-no..parcheggia!

    Non ho detto che è un sequel o un remake oppure un seguito dei precedenti. Ho soltanto che, come i precedenti due - che, anche loro, non c'entrano una mazza col primo - appartiene al ciclo de La Mummia del '59. Almeno, così è stato "spacciato" ai tempi..

    Poi, ce l'ho e l'ho visto e, so anch'io che il plot è un altro. Ma, sicuramente, è più una reincarnazione (come accade ne La Mummia del '32 alla protagonista..) che un esorcismo o altro. E, comunque, ha qualcosa di "mummioso" anche questo! ;)


    Ma da qui a dire che fa parte del ciclo della " mummia" c e ne passa...

    Eppoi l " esorcismo" del titolo e farina del sacco dei titolisti italiani
    Ultima modifica: 25/05/17 15:10 da Buiomega71
  • Discussione Mco • 25/05/17 15:20
    Scrivano - 9687 interventi
    Ovviamente le considerazioni di Buio, soprattutto in merito alla derivazione letteraria stokeriana, vanno rispettate.
    Altresì vero che, prima del mutamento (a puro scopo commerciale) del titolo, avvenuto nell'estate del 1974 (quindi due anni dopo la sua uscita come Blood from the mummy's tomb) una qualche vicinanza (perlomeno nominalistica) la si potrebbe concedere.
    Infine è altrettanto acclarato che all'epoca della sua uscita, il film di Holt si rifaceva all'immaginario Hammer del "mummioso", per dirla con il Noncha...
    Ultima modifica: 25/05/17 15:21 da Mco
  • Discussione Noncha17 • 25/05/17 15:23
    Magazziniere - 1073 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:

    Ma da qui a dire che fa parte del ciclo della " mummia" c e ne passa...

    Eppoi l " esorcismo" del titolo e farina del sacco dei titolisti italiani



    Sì, lo so..però, ovunque viene "infilato" nel ciclo!