Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

(ULTRA BABY VINTAGE COLLECTION) Primo film di Oliver Stone a giungere in Italia, è un disastro (non per niente il grande regista dovrà aspettare ancora cinque anni prima di ricominciare da capo con SALVADOR). La mano che abbandona il disegnatore di fumetti per commettere omicidi proprio non regge. Se a questo ci aggiungiamo un Michael Caine totalmente fuori fase che vaga sul set in preda a un "viaggio mistico" e un ritmo narrativo dalla lentezza allucinante si potranno ben capire i motivi di un giudizio tanto severo. Comunque Stone deve aver imparato la lezione, se è vero che poi farà del montaggio frenetico e...Leggi tutto del ritmo incalzante i punti di forza del suo cinema. Inutile ricordare un buon dialogo tra i due protagonisti, né alcun effetto particolarmente buono (e dire che gli F/X sono di Carlo Rambaldi) perché il fallimento è totale e su tutta la linea. Se volete vedere una bella mano animata (senza pensare alla Famiglia Addams) è vivamente consigliato LA CASA 2: molto più divertente, vivace e ben realizzato, benché si tratti di un horror.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 30/07/07 18:09 - 2377 commenti

I gusti di Rebis

Ma chi credeva di essere Oliver Stone alle origini, Cassavetes? Giochino ambiguo (la mano esiste o no?) estenuato oltre il tempo massimo, che impone al 90° minuto un sonoro e liberatorio "chissenefrega!". Sulla stessa idea Freddie Francis aveva imbastito una decina di minuti (Le Cinque Chiavi del Terrore). Appunto. Decidersi, a volte, mette in salvo la barca che affonda. Niente d'infame, per carità, ma si annaspa in una bella pozza cheta di retorica. Discreta l'effettistica di Rambaldi, meno quella dello spaesato Caine che non sembra credere per un solo istante a quanto sta accadendo...

Il Gobbo 4/09/07 09:42 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il "perchè" di un film effettivamente assai modesto sta nella lezione (non nuova ma sempre attuale) che esso implicitamente ripropone: la necessaria umiltà del cominicare un mestiere non con la fregola che la prima cosa visibile sullo schermo sia "un film di", ma imparando (anche e soprattutto facendo sbagli) un po' alla volta magari con lavori su commissione senza grandi pretese. La miglior scuola di cinema. Certo l'ottimo (non qui) Caine dà l'idea di pensare solo all'assegno, da intascare con la mano buona.

Undying 25/10/07 09:15 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Non brilla per ritmo né tanto meno per la messa in scena, che si dilunga tra dialoghi inconcludenti e prolissi allo scopo di carpire ogni secondo della -ottima- performance data da Michael Caine. Ma ha dalla sua una fascinazione macabra, insita nella storia stessa che sarà, in seguito (con tempi e modi diversi), ripresa con varianti minime in titoli più spinti sul versante horror (No Control, Body Bags, The Eye, solo per citare i più celebri). Il finale recupera punti sulla blanda atmosfera che, quasi per tutto il film, regna sovrana.

Caesars 23/10/07 13:28 - 3829 commenti

I gusti di Caesars

Esordio cinematografico di Stone ma sarebbe difficile attribuirgli la paternità di questa pellicola se non fosse indicato nei titoli di testa. L'idea della mano che vive di vita propria è stata impiegata già da Freddie Francis per un epidodio del suo Le cinque chiavi del terrore ed in effetti non è di efficacia tale da reggere un'ora e mezza di spettacolo. Un prodotto minore che probabilmente in Italia non avrebbe mai visto la luce se Stone non fosse in seguito diventato autore di successo. Si può vedere, basta non avere molte aspettative.

Lovejoy 2/01/08 23:18 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Esordio di Oliver Stone dopo diverse collaborazioni come sceneggiatore e un film che, alla resa dei conti, delude parecchio. La storia prometteva bene, con questo disegnatore perseguitato dalla sua mano mutilata, ma poi si ingarbuglia irresistibilmente fino a sfociare in un finale molto prevedibile e sciocco. Peccato perché Stone avrebbe anche una bella mano, ma non l'aiutano molto neanche gli attori. Caine non fa nulla di più per rendere credibile il suo personaggio e gli altri navigano nella mediocrità piu totale.

Homesick 4/01/10 08:47 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tratto da un romanzo di Brandel - riciclante un leit motiv già ampiamente utilizzato dai tempi di Guy de Maupassant - palesa la sua origine letteraria subendone l’estensione dialogica e indugiando in passaggi ripetitivi e superflui; nonostante ciò, qualche brusco intervento della “rambaldiana” mano mozzata e il progressivo sprofondare nella follia di un misurato Caine – attore che ancora una volta non smentisce la propria alta classe – riescono, pur con lentezza, a far camminare il film e a scuoterlo con il colpo d’ala conclusivo.

Daniela 5/05/10 22:12 - 12804 commenti

I gusti di Daniela

Così, a memoria, non ricordo un film in cui Caine - attore eccellente talvolta eccezionale - reciti male, anzi, anche se può aver fatto qualche marchetta in pomposi filmoni allstars, lo ha fatto salvaguardando sempre una certa dignità professionale. Opps, mi correggo: qui, con la complicità di una pettinatura assurda, offre una prestazione davvero mediocre, contribuendo ad affossare un horror fiacchissimo, che banalizza un'idea già portata sullo schermo da altri e con maggiore eleganza. Stone ad inizio carriera è quasi al suo minimo storico: dopo sarebbe riuscito solo a fatica a far peggio.

Bruce 4/06/10 11:19 - 1007 commenti

I gusti di Bruce

Thriller psicologico, sceneggiato e diretto dall'esordiente Oliver Stone (anche attore come barbone ubriaco), tratto dal racconto The Lizard's Tail. Lento, di notevole atmosfera ed angoscia montante. Si avvale della valida interpretazione di Michael Caine, fumettista di successo che perde in un tragico incidente automobilistico la mano e con essa il suo equilibrio. Ne segue il crollo nervoso, la progressiva perdita di controllo, sino ad una vera paranoia che lo spinge ad uccidere. Ricercato eppure naïve, scelte sperimentali nel montaggio. Interessante.

Pinhead80 26/08/10 14:27 - 4944 commenti

I gusti di Pinhead80

Assolutamente da rivalutare questo film firmato da Oliver Stone. La storia dello scrittore di fumetti che perde la mano in un incidente non è niente male. Inoltre il film è supportato da un grandissimo Caine, che riesce a far emergere ogni singola sfaccettatura del protagonista. Da riscoprire.

Cotola 28/08/10 23:23 - 9180 commenti

I gusti di Cotola

Si resta basiti sapendo che l'autore di questo indigesto pastrocchio, ricalcante una situazione alla base di molti film del passato, è Oliver Stone (alla sua seconda opera che ancora oggi è la sua peggior regia). Le colpe però del giovane regista vanno condivise con una sceneggiatura risaputa e dai ritmi a dir poco lenti. Brutto anche sotto il versante tecnico. Persino Michael Caine affonda.

Bruce McGill HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Animal houseSpazio vuotoLocandina Tutto in una notteSpazio vuotoLocandina Club ParadiseSpazio vuotoLocandina L'ultimo boyscout - Missione sopravvivere

Mdmaster 18/12/10 19:08 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Sottovalutato primo film di Stone, qui certo non brillante come regista, ma la messa in scena della tormentata storia del fumettista senza mano è più che discreta. A tener su tutto c'è un Caine gigantesco, carta vincente della pellicola (visto che il resto del cast è a malapena decente, a parte la pur breve presenza della Lindfors). Narrazione lenta ma adatta per il colpo di scena finale, sanguinolento al punto giusto e dal montaggio brillante. Certo, difficile credere che Rambaldi abbia usato trenta mani diverse... Da rivalutare.
MEMORABILE: La povera Lindfors fa praticamente la stessa fine che in Creepshow; la manopola della doccia che si trasforma in mano.

Maxx g 28/01/16 19:42 - 648 commenti

I gusti di Maxx g

Un Oliver Stone decisamente da scoprire cercando di andare oltre la storia, che non è invero originalissima. Dai connotati del thriller non sembra neanche (con tutto il rispetto) un film suo, visto che ci abituerà a ben altro. E' sil suo secondo lungometraggio dopo Seizure, di sette anni prima. Caine sembra muoversi a suo agio nel genere. Un altro pregio è quello di entrare quasi subito "in medias res" senza troppi preamboli. Stone è il barbone che litiga con Caine. Da vedere.
MEMORABILE: La prima vittima della "mano".

Rambo90 3/06/16 18:02 - 7745 commenti

I gusti di Rambo90

Un curioso mix tra horror e dramma psicologico, diretto da uno Stone alle prime armi, che riesce però già a infondere una certa tensione e un senso di turbamento in tutta la pellicola. Il ritmo a volte è troppo lento ma la storia si lascia guardare (pur se già sfruttata nell'episodio con Lee delle Cinque chiavi del terrore) e verso la fine appassiona. Caine offre una buona prova, a sostegno di un film imperfetto ma decisamente godibile. Buona la colonna sonora.

Vito 27/02/17 15:25 - 695 commenti

I gusti di Vito

Horror inquietante di Oliver Stone col sempre bravo Michael Caine che deve vedersela con la sua mano amputata che prende vita. Molti i momenti paurosi e veramente disturbanti gli omicidi grazie anche agli effetti speciali di Rambaldi. Finale ospedaliero ambiguo e terrificante. Forse il ritmo è un po' lento, ma rimane un buon film. Raimi ci ha attinto parecchio per il suo secondo capitolo della Casa.

Claudius 23/05/21 08:55 - 546 commenti

I gusti di Claudius

Thriller-horror minore rispetto ad altri film di Stone. La storia non è eccessivamente originale ma si riscatta per le scene dei delitti e per la buona (ma non al top) interpretazione di Caine (i dubbi restano fino ai titoli di coda, malgrado il finale). La prima parte è lenta (forse per via dell'origine letteraria) mentre la seconda offre buoni spunti e la musica è discreta. Si può vedere se non ci si aspetta troppo.
MEMORABILE: La morte della McEnroe.

Herrkinski 16/06/21 15:24 - 8268 commenti

I gusti di Herrkinski

Parte di una manciata di film girati da Caine per dichiarati motivi "alimentari" (in questo caso doveva pagare un nuovo garage), è in effetti un horror con diversi momenti prossimi al trash, dal sanguinoso incidente (esilarante) fino ad alcune delle scene con la mano creata da Rambaldi; lo stesso Caine sembra spaesato e fuori forma e la trama si riscatta solo nel finale, anche se l'ultimissimo twist si poteva evitare. Riuscito qualche momento più riflessivo e di buon livello la confezione ma nel complesso rischia di non soddisfare né gli amanti dell'horror né quelli del thriller.
MEMORABILE: L'incidente esageratamente splatter; Il finale nel garage.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.