I Griffin (19 stagioni)

Media utenti
Titolo originale: Family Guy
Anno: 1999
Genere: animazione (colore)
Regia: Vari
Cast: (animazione)
Note: La prima stagione è del 1999. Prima Tv USA: 31 gennaio 1999. Prima Tv Ita: 5 Novembre 2000. Ha uno spin-off: "The Cleveland show".
Numero commenti presenti: 27
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/01/07 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 27/01/07 10:19 - 4630 commenti

I gusti di Puppigallo

La più bella sorpresa di due anni fa. Comparso su Mediaset, poi subito censurato e ricomparso fortunatamente sul satellite. Storia di una famiglia formata da padre obeso e beota, madre un po' schizzata, il cane parlante Brian e tre figli: il più piccolo intelligentissimo, che vuole eliminare la madre e conquistare il mondo, il fratello ciccione col cervello di un criceto e la sorella orrenda. Satira, citazioni, bordate ai media e al governo Usa. Voi direte -Come I Simpson-. Eh no, per certi versi ancora più cinico e spietato verso tutti, nessuna categoria esclusa. Ottimo doppiaggio. Grande!
MEMORABILE: I flashback (Peter uccide l'orso Yoghi); Il sindaco Adam West (il Batman della serie del 1966); Il film "I Kiss salvano il Natale"; Peter vs gallo.

Fabbiu 4/10/07 12:12 - 2016 commenti

I gusti di Fabbiu

Questo fortunato cartone si propone subito in perfetta concorrenza con la serie de I Simpson. In Italia questo è ancora più evidente in quanto Italia 1 trasmette i due cartoni alternativamente e allo stesso orario. Insomma, Peter Griffin è tonto e scemo come Homer Simpson e la famiglia, se pur con elementi diversi (come diversi sono gli abitanti di Quahog rispetto a quelli di Springfield), ricorda molto la creazione di Groening. L'uomorismo è diverso, più demenziale, spesso nonsense, con continui flashback e tantissime citazioni.
MEMORABILE: L'episodio: "Piccole Bugie Innocenti", in cui c'è una stranissima citazione del film Ritorno al Futuro.

Smoker85 5/11/11 14:35 - 420 commenti

I gusti di Smoker85

Spesso additata come serie-clone dei Simpson, in realtà ha poco a che vederci. MacFarlane spinge molto di più sul surreale, affronta argomenti generalmente non presi in considerazione dai Simpson. Se gli abitanti di Springfield son godibili in massima parte da un pubblico di tutte le età (specie dalla terza stagione in poi), I Griffin sono decisamente rivolti a un pubblico anche più che adolescente, parlando di temi come la pedofilia e il sesso, facendo sovente ricorso a scene sanguinolente anche gratuite. Anche qui ottimo doppiaggio italiano.
MEMORABILE: I flash spesso inverosimili come Peter e la Macchina della colazione; Peter a Fantasia; la visita medica di Popeye e la perversione di Disney.

Brainiac 31/01/09 19:50 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Per dare un giudizio sui Griffin vorrei partire dal parere che su di loro danno altre due serie storiche (a cui I griffin sono "ispirati"). Nella puntata dei Simpson in cui Homer viene clonato, fra centinaia di Homer che scorazzano liberi c'è un Peter Griffin. In South Park, Eric Cartman spiega perché non gli piacciono: "il fatto è che la comicità nasce da gag improvvisate, scollegate dalle situazioni descritte", dice Eric. Gli sceneggiatori cercano con troppa facilità il politicamente scorretto e la differenza con le due succitate serie è notevole.
MEMORABILE: La puntata dei capezzoli multipli.

Renato 2/02/09 19:48 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Straordinaria serie animata, caratterizzata da un'irriverenza verso tutto e tutti ma soprattutto molto molto divertente. Peter, Quagmire, Brian... sono molti i personaggi spassosi; nota di merito anche per il doppiaggio italiano, che non perde un colpo nel rendere i doppiatori originali: in particolare Nanni Baldini è semplicemente perfetto come voce del perfido Stewie. In più, a differenza de I Simpson, la serie per fortuna non è ancora svaccata in modo irrecuperabile.

Redeyes 2/02/09 19:51 - 2265 commenti

I gusti di Redeyes

Se i Simpson hanno dominato per anni incontrasti mettendo in mostra l'uomo medio, i Griffin stanno prendendo il sopravvento complice una cattiveria che gli abitanti di Springfield non hanno. Con questo non cerco un paragone ma voglio solo dire che reputo "Family Guy" uno strepitoso cartoon certamente indirizzato e fruibile più da un pubblico adulto che altro. Alcune puntate ed alcuni personaggi sono deliziosi nella loro mostruosità e mi riferisco all'inquietante Quagmire, vero co-protagonista, nonchè al vecchio pederasta. Deliranti!

Ale nkf 10/05/09 08:52 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Era apparso per la prima volta su Mediaset. Una serie animata piuttosto inusuale, molto volgare per essere indirizzata ai bambini, ma in tanti l'hanno apprezzata. A me è sempre piaciuta, e la musichetta iniziale è fantastica.

Pigro 14/07/09 08:19 - 8440 commenti

I gusti di Pigro

Nata sull'onda del successo dei Simpson, la serie ne riprende la struttura: media famiglia-tipo americana in una piccola città, comicità demenziale ricca di scorrettezze politiche e 'maleducazione'. In aggiunta, è rilevante una complessità narrativa che intreccia il sogno e la memoria (uno dei protagonisti è un cane parlante, ad accrescere l'impianto surreale), in un'esplosione della normale linearità della trama. Cinico e graffiante, si gode con gusto monellesco.

Disorder 14/07/09 19:37 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Mah, che dire... una serie divertente, con umorismo cinico e scorretto a iosa ma diciamolo: non regge il confronto con i Simpsons, di cui sono gli omologhi solo un po' più verosimili. Gli unici personaggi veramente riusciti sono il saggio cane parlante (che a me ricorda molto Lisa Simpson), il bimbetto psicopatico ed il padre (ma questo è praticamente un clone di Homer Simpson). Insomma, è divertente ma non è assolutamente originale...
MEMORABILE: Peter Griffin che tenta di mascherare i continui peti con la tosse...

Galbo 17/07/09 07:19 - 11644 commenti

I gusti di Galbo

A prima vista clone dei Simpson, la serie che narra le vicende della famiglia di Peter Griffin che vive ed opera in una cittadina del Rhode Island è in realtà piuttosto diversa. Pur caustica la celebre famiglia di Springfield non raggiunge le vette di cattiveria e cinismo dei Griffin che si segnalano anche per una certa (troppa) volgarità di linguaggio mettendo però efficacemente alla berlina usi e costumi della famiglia tipo.

Vari HA DIRETTO ANCHE...

Ciavazzaro 7/09/09 12:27 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Oltre il politically correct, ma non del tutto riuscito. Animazione così così, alcuni personaggi funzionano meglio di altri; un cartone molto volgare ed esplicito, ma non sempre questo è un punto di merito. Non una serie da scartare a priori, ma sopravvalutata sì.

Raremirko 9/01/10 08:17 - 541 commenti

I gusti di Raremirko

Tra i più fortunati cloni dei Simpson (i personaggi son quasi identici rispetto allo show di Groening difatti) che vede un minimo di originalità comunque nell'esser ancora più pesanti e cinici rispetto a questi ultimi, ma mai ad ogni modo ai livelli di South park. Esiston anche certi film di montaggio di episodi; bella la intro iniziale, tante puntate riuscite. Ma I Simpson son più sentiti, più geniali, e, last but not least, son stati creati prima. Comunque un signor serial.
MEMORABILE: La citazione allo Shining di Kubrick di una puntata, quella con la anziana ricca, con le due gemelle in piena vista.

Franz 19/02/10 08:13 - 110 commenti

I gusti di Franz

Dichiaratamente e senza possibili fraintendimenti, una serie per adulti, e, dunque, inspiegabilmente trattata, nella tv generalista italiana, come un cartone qualsiasi (attualmente trasmessa in orario pomeridiano... misteri delle "fasce protette"...). Certo, è ben fatta, l'umorismo coglie nel segno, ma c'è differenza tra ironia intelligente e sparare a zero su tutto e tutti: a voler essere politicamente scorretti per forza si diventa fastidiosi e beceri. Perché deridere disabili, gay, ecc., anche se nell'ottica "deviata" di un Peter Griffin?!

Herrkinski 16/03/10 22:57 - 5866 commenti

I gusti di Herrkinski

Scorretta, volgare, manicomiale, citazionistica: quattro aggettivi che potrebbero (in parte) descrivere questa spassosa serie americana. Il paragone con I Simpson sarebbe fin troppo facile, se non fosse che I Griffin sono molto più cinici, spietati, non hanno pietà per nessuna casta sociale, razza, religione o idea politica; una satira a tutto tondo, inframezzata da squarci surreali geniali e da citazioni più o meno ricercate che si riallacciano alla vita reale. Peter Griffin è un personaggio eccezionale. Molto divertente e provocatorio.

Scarlett 23/04/10 15:03 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Un cartoon indirizzato ad un preciso target che deve il suo successo specialmente alle molteplici citazioni anni '80 ed a situazioni per lo più assolutamente surreali. Senza peli sulla lingua e apertamente senza tabù, spazia da argomenti irriverenti a tematiche pseudo borghesi, ma tutte riviste in chiave altamente satirica. Peter l'idiota maschilista, Lois la disinibita ed estroversa casalinga, Chris, il figlio scemo e ciccione, Meg l'adolescente brutta, ma le vere perle sono il cane superistruito parlante ed il neonato genio del male.
MEMORABILE: L'incoraggiamento dato a Morte nella puntata in cui cerca moglie.

Supercruel 21/05/10 11:56 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Geniale, iperbolico, sferzante tritacarne culturale dal quale nessuno esce senza lividi sulle chiappe. Ogni puntata è un ipertesto pop da capogiro, con citazioni strepitose, situazioni incredibili e gag da bava alla bocca. Ogni stagione è un crescendo di politicamente scorretto, un catalogo di personaggi magnifici, compresi i comprimari (il sindaco Adam West...). La localizzazione italiana non è nemmeno malaccio ma troppe cose vanno perdute, come i numerosi bellissimi giochi linguistici ("cool whip"...) e l'accento gay-britannico di Stewie.

Harrys 6/08/10 17:32 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Semplicemente esilarante. Forte della consolidata struttura "sit-com", con un'importante dose di volgarità in più, tanto che mi stupisco di come riesca a farla franca in orari diurni (censura?). I tempi comici sono quasi sempre azzeccati, in particolar modo nelle frequenti digressioni dell'incontrastato sovrano della serie: il capofamiglia Peter Griffin. Fondamentale anche l'apporto di variopinti comprimari: su tutti l'insensato "pollo", storica nemesi del protagonista. Manca di poco il pallinaggio estremo, causa la chiara influenza simpsoniana.

Dengus 6/02/11 15:34 - 360 commenti

I gusti di Dengus

Clone della famiglia per eccellenza, I Simpson; un ciccione idiota (peggio di Homer), un cane alcolizzato, un neonato con intenzioni omicide verso la madre (unico personaggio positivo) bastano a descrivere le intenzioni dell'autore? Se già a Springfield si parla di politicamente scorretto, qui a Quahog è censura continua! Non adatto ai bambini e si trattano scherzosamente malattie come i tumori e ciò manca di rispetto a chi vive certi drammi; ma per il resto spesso diverte per l'assurdità dei suoi personaggi e storie. Demenzialità Usa Style!

Didda23 22/03/11 14:49 - 2320 commenti

I gusti di Didda23

A mio avviso la serie animata più divertente, più politicamente scorretta, più cinica, più ironica, più malefica mai prodotta nella storia dei cartoni animati. Cartone solo per adulti, i Griffin si fa apprezzare per storie sempre divertenti, per gli innumerevoli doppi sensi, per la simpatia di tutti i personaggi. Il personaggio del piccolo Stewie rimarrà nella storia. Serie memorabile, che non smetterà mai di divertirmi.

Ryo 8/01/12 15:03 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Serie sempre di ottimo livello con idee che non mancano mai. A mio parere erroneamente paragonata a I Simpson (con cui se proprio vogliamo condivide solo la mediocrità del capofamiglia, il che è un stereotipo americano, non un'invenzione di Matt Groening). Decisamente innovativa con i flashback nonsense, il cane parlante (e per tutti sembra essere normale) e il piccolo di casa che lascia dubbi alla domanda: "Gli adulti capiscono ciò che dice?". Grossolani disegni nella prima stagione, migliorano sempre di più sino a raggiungere risultati splendidi.
MEMORABILE: I flashback e gli episodi su Gesù e Dio.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Panza 6/06/12 18:11 - 1559 commenti

I gusti di Panza

Iniziamente può sembrare una copia (quasi un plagio) dei Simpson, ma poi la formula proposta si rivela essere molto differente. Nella storia principale sono inseriti brevi sketch molto divertenti, la storia principale è sempre molto surreale, quasi sopra le righe. L’umorismo è abbastanza volgare: frequenti le allusioni relative al mondo americano. Molto originale e divertente; un gradino sotto i già citati Simpson.
MEMORABILE: Brian; La Pinguino Editrice; Le lotte di Peter con il gallo.

Yamagong 8/02/13 12:13 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Come per South Park il non-politically correct dà adito a situazioni geniali quanto surreali, ma anche qui si spara a zero su tutto, col risultato che in molte puntate fioccano il qualunquismo e i luoghi comuni. Va detto comunque che l'intento satirico tipico dei Simpson qui è del tutto assente: la realtà viene trasfigurata più per intenti comici, che non per chissà quale denuncia sociale. Iconico il personaggio di Peter (sebbene ogni tanto risulti irritante). Azzeccatissime le accoppiate Stewie-Brian.

124c 8/02/13 16:30 - 2811 commenti

I gusti di 124c

Sembrano i Simpsons ma non lo sono, forse perché sono più irriverenti e cattivelli e Mediaset non può che spedirli in seconda serata o su Italia 2, perché il trucco già fatto con i Simpsons (trasformare una serie animata per adulti in un cartoon per famiglie) qui non funziona. Ed è un bene, visto che le storie trattano di molti temi, anche difficili per un bambino. Di certo è fra le serie animate più citazioniste di sempre: spuntano sempre riferimenti a questo o a quello show degli anni '70 e '90. Fra le genialate: Adam West sindaco.

Jandileida 3/06/13 19:17 - 1328 commenti

I gusti di Jandileida

Ormai storica serie animata firmata MacFarlane, che diverte parecchio soprattutto grazie ad alcuni momenti di sopraffino surrealismo e a un cinismo taglientissimo indirizzato verso alcuni dei fondamenti della società amricana e, più in generale, occidentale. Per contenuti più vicino a South Park (che rimane migliore) che ai Simpson (dei quali ricalca l'impostazione famigliare), il serial è dominata dall' "homerica" figura di Peter Griffin, padre idiota che regala istanti indimenticabili. Menzione speciale per Stewie, Quagmire e la coppia Dio/Gesù.
MEMORABILE: I miracoli del Cristo.

Zio bacco 15/10/14 15:49 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Fortunata serie che ricalca il formato dei Simpson. Le differenze sono nella narrazione più veloce, nella comicità più politically incorrect e nel frequente uso di situazioni nonsense. I personaggi sono più irriverenti, cinici e caustici, da far sorridere anche nelle scene demenziali o volgari. La semplice animazione non rende meno efficace il prodotto, la cui pur non originale idea è comunque degna di lode. Il divertimento tuttavia scema con le ultime serie, ripetitive e a tratti eccessive, in cui nemmeno l'ottimo doppiaggio riesce a incidere.

Modo 11/04/18 15:08 - 858 commenti

I gusti di Modo

Decismente volgari e cattivi rispetto ai cugini Simpson, ma se entrano nelle vene non si riuscirà più a farne a meno. Sono talmenti irriverenti e cinici che in diversi episodi l'ottusa censura italiana non ha tradotto correttamente i dialoghi. Sicuramente c'è da dire che come cartoon si adatta più a un pubblico adulto. Da segnalare nella tredicesema serie il divertente incontro con i Simpson: una delizia! Ciononostante preferisco il mondo di Springfield, nonostante i Griffin siano più graffianti.

Teopanda 27/04/21 20:30 - 58 commenti

I gusti di Teopanda

Ottimo cartone per adulti che fa della satira sociale la sua principale componente. Il tipo di comicità è assurdo, la storia continuamente spezzettata da intermezzi ancora più folli della trama stessa, con alcuni sketch ormai diventati cult. La caratterizzazione dei personaggi è di tipo macchiettistico. I personaggi meglio caratterizzati sono, senza dubbio, Peter, Stewie e Brian, ma anche tutti gli altri riescono spesso a strappare almeno un sorriso. Peccato per le ultime stagioni, in cui un aumento della qualità dell’animazione ha coinciso con un abbassamento di quella comica.
MEMORABILE: Peter che non si ricorda come ci si siede; Le battaglie con il pollo; Aragosta irachena; Sveglia pakistana; Brian e Stewie rinchiusi nel caveau.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Harrys • 20/02/10 12:27
    Fotocopista - 651 interventi
    L'anno è il 1999.
    Le stagioni oramai otto.
    Forse sarebbe il caso di togliere quei nomi dal cast, non so qual è la politica davinottica in merito...
  • Curiosità Zender • 20/02/10 13:02
    Consigliere - 44620 interventi
    Corretto numero stagioni e data. Quanto agli "attori" c'è chi mette i nomi dei personaggi, chi i doppiatori... è un campo un po' misterioso, la cui composizione (ce ne siamo accorti tardi) è variegata...
  • Curiosità Harrys • 20/02/10 16:25
    Fotocopista - 651 interventi
    Capito. Destinata a rimanere ambigua allora (la situazione). ;-)
  • Curiosità Puppigallo • 20/05/10 19:06
    Scrivano - 503 interventi
    Attenzione! Gli episodi che vanno in onda su italia1 sono tagliati, perchè la fascia del primo pomeriggio è protetta. Così facendo però, snaturano spesso il cartone animato, che perde di forza e significato.
  • Discussione Ale nkf • 10/02/13 13:50
    Risorse umane - 14031 interventi
    Ciao Zender, perché nelle note è inserito il link di un sito di vendita DVD? Chiedo perché è il primo che incontro...
  • Discussione Zender • 10/02/13 14:20
    Consigliere - 44620 interventi
    Ah vero, strano. Era segnalata come fonte delle informazioni, ma hai fatto bene a dirmelo. Tolto.
  • Discussione Fabbiu • 12/10/14 16:35
    Portaborse - 663 interventi
    Ho visto "The Simpson Guy" l'episodio "speciale" della tredicesima stagione de I Griffin, lungo circa una quarantina di minuti, in cui La famiglia Griffin visita Springfield e la famiglia Simpson.
    Devo dire che nonostante preferisca i Simpson ai Griffin, ma riconoscendo anche come con gli anni l'umorismo dei Simpson sia andato peggiorando, sono rimasto soddisfatto dell'episodio;
    Contrariamente da quanto mi aspettavo con le letture dei tantissimi articoli che hanno stra-publicizzato l'evento, il diverso stile dei due cartoni si fonde in modo abbastanza dosato e bilanciato; anche se non tutte le gag sono alla stessa altezza, la sceneggiatura a più mani dei vari autori è omogenea, e rende facilmente credibile la motivazione nella "commistione", per altro senza risparmiare "frecciatine" alla Fox e alla produzione in generale. Infine (senza spoilerare) un gustosissimo "combattimento" in puro stile Griffin, un po tirato per le lunghe, ma di una demenza sorprendente.
    Ultima modifica: 12/10/14 16:36 da Fabbiu
  • Homevideo Panza • 17/02/15 14:51
    Contratto a progetto - 5017 interventi
    Gli episodi che passano in questi mesi alle 14.30 su Italia 1 sono censurati in alcune scene di vari episodi come nel caso della scena del vomito per lo sciroppo dell'Ipocac all'incontrario e il finale dello sketch dei gemelli che si scambiano le chiavi.
  • Discussione Redeyes • 10/08/20 08:33
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Il numero delle stagioni va aggiornato a 19 (che sarà mandata in onda dal 27/09/2020)


    ciao