Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ROBOWAR - ROBOT DA GUERRA

All'interno del forum, per questo film:
Robowar - Robot da guerra
Titolo originale:Robowar
Dati:Anno: 1988Genere: fantascienza (colore)
Regia:Vincent Dawn (Bruno Mattei)
Cast:Reb Brown, Catherine Hickland, Max Laurel, John P. Dulaney, Jim Gaines, Alex McBride (Massimo Vanni), Claudio Fragasso, Luciano Pigozzi, Romano Puppo
Visite:1027
Il film ricorda: Predator (a Herrkinski, Daidae), Robocop (a Daidae), Soft air - Aria compressa (a Disorder), Terminator 2 (a Jurgen77)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/11/07 DAL BENEMERITO SPECTRA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Deepred89 22/5/13 15:03 - 3145 commenti

Difficile non voler bene a registi come Mattei: con budget risicatissimo e attori reclutati da qualche palestra, mette in scena una brutta (e povera) copia di Predator prendendosi splendidamente sul serio, montando il tutto in maniera neppure troppo dozzinale e piazzando pure un piccolo colpo di scena verso la conclusione. Alla fine ci si annoia comunque e gli pseudo-attori sono quando di meno adatto possa riempire i quattro lati dell'inquadratura, ma viste le premesse era impossibile fare di meglio. Musiche di Al Festa, poi riciclate in After death.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 7/2/14 14:40 - 4626 commenti

Spin-off cumulativo di Predator, Terminator e (in maniera minore) Robocop, girato nelle Filippine da Mattei con un cast di volti noti del cinemabis e un budget irrisorio. Non sarebbe neppure malaccio, se non fosse per la ripetitività dell'insieme; Mattei infatti dirige con buon mestiere, ma le interminabili camminate nella giungla dopo metà film cominciano a stancare e le apparizioni del "robowar" sono piuttosto comiche. Se si fosse puntato di più sullo splatter, poco presente, sarebbe stato più divertente. OST "in comune" con After death.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rumore (comicissimo) che produce il robowar.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 28/10/18 20:34 - 2641 commenti

L'originalità latita, le influenze dei tanti Predator, Robocop e Terminator si sentono. Essendo a basso costo presenta diverse "carenze", una su tutte la "corazza" del Robowar seconda in bruttezza solo a quella oscena di Robo Vampire. Per il resto c'è la solita giungla, il solito plotone di uomini duri, le solite scene tipiche dei film di guerra. La trama è però comunque interessante con un colpo di scena finale non male.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La corazza-giubbotto del Robowar.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Buiomega71 26/5/11 19:18 - 2115 commenti

Ci si sbellica dall'inizio alla fine, in questa fotocopia malriuscita e comicissima di Predator, che ricicla pure le stesse battute del film con Scwharzy. Lo zio Bruno non è McTiernan-ovvio-allora via, a buttarla in vacca, con noiosissime e infinite perlustrazioni nella foresta, musica (di Al Festa) da suicido immediato, gore ai minimi termini (qualche teschio bruciacchiato e fatto malissimo). Alla comparsa del Robowar ci si ammazza dal ridere: una tuta in latex nero e un casco da motociclista! E raggi laser che fanno "ciub ciub". Stracultrash.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Impagabile il marines di Romano Puppo e quello di Massimo Vanni, il Chuck Norris "de noatri"; lo spassossimo robottone (?) in azione nella foresta.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Disorder 23/12/13 15:18 - 1392 commenti

L'abusata definizione "so bad it's so good" questa volta rende perfettamente l'idea della qualità della pellicola. Tre o quattro culturisti che sparano all'impazzata nella giungla, una bionda spuntata da chissà dove, un robot che sembra uscito dall'esercito dei cattivi dello Star Wars turco, incomprensibili musiche hair-metal che pestano senza pietà dall'inizio alla fine: un'esperienza quasi trascendentale. Il montaggio professionale di Mattei rende il tutto molto surreale, ma in fondo divertente. Mediocre, ma un suo perché ce l'ha eccome!
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Jurgen77 11/12/12 13:19 - 618 commenti

Un "so bad it's so good" da manuale! Mattei dà il peggio (o meglio) di sè! Effettacci di quarta categoria, la solita ambientazione filippina, la solita trama copiata da Terminator e Predator, il solito ridicolo Reb Brown... e come sempre in questa compagnia Claudio Fragrasso, Alan Collins e i soliti abominevoli attori. Per molti un supplizio, per altri una chicca di mediocrità!
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Kekkomereq 9/12/11 20:27 - 359 commenti

Il classico film di Mattei: ci sono i soliti problemi di regia (inquadrature che tagliano le teste e persone che volano quando gli viene sparato), di sceneggiatura (scritta da Drudi e Fragasso, è stupida e il film sembra proprio un miscuglio tra Predator e l'orrenda serie di RoboCop). La nebbia è onnipresente: buoni gli effetti della decomposizione, ma brutti quelli digitali del robot. "Robowar" doveva chiamarsi "Walking in The Jungle", dato che nella prima parte si vede solo gente che cammina e cammina e cammina...
I gusti di Kekkomereq (Azione - Horror - Thriller)

Spectra 24/11/07 16:36 - 84 commenti

Incredibile realizzazione di Bruno Mattei che in questo film si firma come Vincent Dawn, il suo pseudonimo più amato. Robowar è un remake alla Mattei di Robocop e Predator. La povertà di mezzi e i dialoghi fra gli attori sono tra le cose più esilaranti che io abbia mai visto. La storia di questo gruppo di "eroi" che fra truculente uccisioni da parte del robot metà uomo e metà macchina è al limite dell'assurdo. Fantascienza, azione e un tocco di horror in puro stile Mattei; da vedere assolutamente.
I gusti di Spectra (Horror - Poliziesco - Thriller)

Valbosky 10/3/18 2:25 - 7 commenti

Atmosfera anni '80 totale: nei dialoghi dei mercenari, nella visione da salagiochi del robot, nell'ambientazione esotica, nella musica martellante di Al Festa. Bruno Mattei, l'ultimo degli ultimi ma pur sempre del vecchio cinema, copia le invenzioni delle americanate appena uscite e sforna il suo capolavoro punk. L'anima del bambino è questa: sognatrice, istintiva, libera, surreale... perché tanto non ci sono né il budget né una statuetta da vincere. Va dritto come un "maledetto treno blindato"!
I gusti di Valbosky (Comico - Commedia - Fantascienza)