Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TUTTI AL MARE

All'interno del forum, per questo film:
Tutti al mare
Dati:Anno: 2011Genere: commedia (colore)
Regia:Matteo Cerami
Cast:Marco Giallini, Gigi Proietti, Ilaria Occhini, Vincenzo Cerami, Anna Bonaiuto, Libero de Rienzo, Francesco Montanari, Ambra Angiolini, Claudia Zanella, Franco Pistoni, Sergio Fiorentini, Elena Radonicich, Giorgio Gobbi, Rodolfo Laganà, Ninetto Davoli, Ennio Fantastichini, Pippo Baudo, Valerio Mastandrea
Note:All'anteprima, regista e produttore hanno chiaramente detto che non è né un remake né un sequel di "Casotto" (1977).
Visite:1500
Il film ricorda:Casotto (a Markus, Ruber, Ruber), Un'estate al mare (a Ruber)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/3/11 DAL BENEMERITO RUBER POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/3/11
Un bar sul mare a Castel Porziano, a sud di Ostia, viavai di storie e personaggi che passano veloci sotto gli occhi del proprietario (Marco Giallini), opera corale che prende le distanze dai cinepanettoni vacanzieri per restituire quanto più possibile l’essenza del romano alla spiaggia di casa, un microcosmo fatto di piccoli drammi personali e atteggiamenti quotidiani. Dall’angusto chiosco azzurro non si esce quasi mai (proprio come nel CASOTTO di Citti, film al quale TUTTI AL MARE non fa mistero di ispirarsi) accentuando una sensazione claustrofobica che non sarebbe logico aspettarsi, in un film “balneare”. Ritmi sonnacchiosi come l’attitudine di molti dei protagonisti: il rischio di scontentare lo spettatore moderno sono alti, ma la misura con cui il film è girato è encomiabile, così come lo sono molti dei dialoghi, interpretati molto bene dal cast. Ottima la performance del protagonista Marco Giallini, perfetto padrone di casa che sapientemente fa da spalla quando deve dimostrando comunque di sapersi ritagliare un bello spazio per sé. Come sempre capita in queste occasioni, ad alcuni frammenti decisamente riusciti (quasi tutti quelli con il Proietti smemorato, straordinario nel duetto con Laganà ma quasi sempre sugli scudi) se ne alternano altri che lasciano il tempo che trovano (quelli con Ambra in versione lesbica, ad esempio, o il Fantastichini che sragiona in pieno delirio), destinati a rallentare ulteriormente il ritmo rischiando talvolta di affossarlo definitivamente. E certe citazioni (“Ah, straziante meravigliosa bellezza del creato”, l’epilogo dell’episodio pasoliniano di CAPRICCIO ALL’ITALIANA infilato in bocca a un ragazzo di colore mentre osserva le nuvole) sembrano pretestuose, inserite a forza mentre gli incontri si susseguono e ogni figura trova la sua collocazione nella storia: dai finanzieri o i nas che si presentano all’ora di pranzo per scroccare un pasto allo iettatore temuto da tutti, dal vecchio che racconta al nipote i ricordi di guerra all’anziana Ilaria Occhini seduta a guardare gli “sceneggiati” in tv, dalla diva che riflette sulla condizione dei vip alla coppia di giovani appena separatasi. Una commedia graziosa, con qualche ambizione di troppo ma piuttosto insolita per il clima quasi surreale che talvolta la pervade e quindi da non trascurare.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 12/7/11 5:55 - 10881 commenti

Liberamente ispirato a Casotto di Citti (alla citazione contribuiscono la presenza di Proietti e Davoli nel cast), Tutti al mare è una commedia che omaggia il romano vacanziero ed ha il merito di non "sbracare" mai, ma di mantenere un profilo sobrio e contenuto dedicando molta cura alla caratterizzazione dei personaggi. Non tutto va per il verso giusto; alcuni siparietti sono poco riusciti e certi personaggi hanno poco spessore (le due lesbiche ad esempio) ma si intravede un certo talento dietro la macchina da presa da coltivare.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 11/8/11 8:55 - 4300 commenti

Un proprietario con anziana madre al seguito, il ristorante abusivo che gestisce in riva al mare con annessa spiaggia e una colorita e variegata fauna umana a fare da esiguo carburante per la sua attività sempre a rischio (ma i cittadini dell'ordine, per sua fortuna, amano il cibo, soprattutto se è gratis). E' il sunto di questa commedia dove non si calca quasi mai troppo la mano, evitando di scivolare nel mero pecoreccio. E ciò in parte contribuisce a salvarla, almeno finchè non si esagera con i discorsi troppo prolissi, o non compare Ambra, che toglie spazio ai caratteristi. Non male.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'amico esce dal mare con le alghe in testa: "Quest'acqua è un brodo". "Ma che un brodo...è na zuppa de verdure"; Proietti cleptomane smemorato.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 26/7/11 11:56 - 5737 commenti

Un puzzle scomposto che tenta di rinverdire la sempre in auge commedia balneare alla luce di questioni e tendenze contemporanee (gli extracomunitari, la famiglia omosex, i massaggi orientali sulla spiaggia) appoggiandosi alla struttura di Casotto, del quale lo stesso artefice originario Vincenzo Cerami non riesce a riprodurne disincanto e genuino primitivismo e si limita a schizzare qualche macchietta incolore e volatile come i rispettivi interpreti: le uniche persistenti sono la madre scorbutica e paraplegica della Occhini e il cleptomane smemorato di Proietti, unico generatore di comicità.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Deepred89 1/8/18 21:55 - 3091 commenti

Commedia balneare pure ben girata, che colpisce per un'atmosfera di decadenza che fa guardare con nostalgia non solo le spiagge di Sapore di mare, ma anche quelle di Casotto. Spiagge squallide e mezze vuote su cui si consumano storie di false amicizie, malattie degenerative (Proietti sempre grandissimo), figli morbosamente attaccati alle madri, nostalgici del Duce, venditori ambulanti e barconi di immigrati. Mostruosi i personaggi femminili (e con le due lesbiche l'odiosità delle attrici carica l'impatto). Non si ride mai, ma fa il suo effetto.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 19/3/11 0:48 - 2852 commenti

Discreta commedia romanesca piuttosto divertente e godibile. Pecca per la mancanza di ritmo, ma secondo il mio gusto la cosa non inficia particolarmente l'esito. Un cast nutrito ruota intorno al personaggio-cerniera Giallini, qui negli azzeccati panni di un gestore d'un ristorante sul litorale romano. Il film, senza essere un vero remake, ricorda indubbiamente per ambientazione e stile Casotto (ci sono anche Proietti e Davoli) senza però essere sperimentale e azzardato come il prototipo. Complessivamente un buon film.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Rambo90 3/10/14 17:35 - 5732 commenti

Divertente microcosmo di varia umanità, in qualche modo memore del Casotto di Citti (citato anche in una battuta), dove più che i personaggi sono gli attori che li interpretano a strappare la risata. Giallini tiene le fila ed è molto naturale; attorno a lui si muovono con grande bravura e disinvoltura Proietti, Fantastichini, Fiorentini e la coppia De Rienzo/Montanari. Forse i meno ispirati sono la Angiolini (più adatta alle commedie giovanilistiche e patinate) e la Bonaiuto. Corretta la regia di Matteo Cerami.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 20/2/14 1:56 - 4099 commenti

Mi ha molto divertito; credo sia stato trovato il giusto modo di proporre una italianità, anzi una romanità, senza inutili e deleteri eccessi, ma piuttosto intelligente e di vecchio stampo, nel significato migliore del termine. Mi ha colpito Marco Giallini, che non conoscevo, perfetto nel suo ruolo, mi verrebbe da dire "educato" e sommesso ma sempre in grado di tenere sotto controllo non solo il suo ristorante, frequentato da un variegato pubblico, ma anche tutto il film. In questo genere, forse non troppo esportabile, un buon film.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 14/3/12 22:59 - 3290 commenti

Una giornata al mare in una spiaggia romana tra personaggi normali ed altri più stravaganti. Alcune situazioni strappano il sorriso, altre scadono nello stereotipato andante, tuttavia lo sviluppo narrativo è accettabile e Giallini mena le danze in maniera dignitosa.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 17/7/12 9:55 - 2632 commenti

Commedia corale, liberamente ispirata a Casotto, con un cast stellare sfruttato purtroppo ai minimi sindacali. Perchè l'idea di base è ottima, alcuni personaggi veramente indovinati (su tutti Proietti e Giallini) e la location convincente. Peccato che manchi proprio la polpa. Perchè dopo un po' le gag iniziano ad essere ripetitive ed il filo conduttore si perde nei tanti, troppi personaggi presenti. Pensata come commedia amara, ritengo che con una sceneggiatura più idonea ed asciugata dalle tante caratterizzazioni avrebbe funzionato meglio.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Il Dandi 16/3/11 22:35 - 1554 commenti

Quello delle "magnate ar mare" è un sottogenere romanesco che poco ha da spartire col più vasto filone delle commedie balneari all'italiana (Casotto era già allora nostalgico: penso piuttosto a Domenica d'agosto); non era facile rendere omaggio a quel mondo coniugandone la poesia con le tematiche contemporanee (mamme lesbiche, gommoni carichi di immigrati); Cerami jr. ci riesce, coadiuvato nella sceneggiatura dalla mano sapiente del padre (che recita pure). Bene tutto il cast: molti fanno comparsate rapidissime, ma nessuna sembra sprecata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Incontro tra Proietti e Laganà: dopo cinque minuti ammettono "Ma sai che te dico? me sa che io e te nun se conoscemo" "Me sa pure a me! beh, piacere".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Tomastich 9/8/12 10:23 - 1194 commenti

Una malinconia comica che mancava da un bel po'di tempo alla scena della commedia italiana. Tanti bravissimi caratteristi (ora come ora, è come trovare l'acqua nel deserto) e due attori al top (Giallini sta vivendo il suo momento magico, mentre Proietti è un mostro di bravura). Manca un po' di scrittura, ma sinceramente è molto divertente.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Jandileida 7/2/12 23:23 - 1116 commenti

Così così: si alternano cose buone (il nonno Florentini, alcune uscite di Giallini e Proietti, il finale) ad altre troppo prolisse che tentano di riproporre, senza successo, la magia del Casotto. Il vero problema è che, oltre al fatto che di Citti ce n'è stato uno solo, la Roma balneare è cambiata e i personaggi surreali dell'originale avevano senso a quel tempo; adesso la loro rivisitazione non mi è parsa pienamente riuscita. Anche la coralità del tutto sembra a tratti venire meno risolvendosi in una qualcosa di confuso ed indefinito. Imperfetto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sergio Citti re di Roma.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Gabrius79 13/12/13 21:30 - 1098 commenti

Commedia balneare dove non basta un ricco cast di attori nostrani per sconfiggere una certa noia che aleggia per quasi tutto il film. Qualche gag azzecccata è dovuta ala presenza dell'istrionico Gigi Proietti e a qualche momento simpatico in compagnia di Marco Giallini. Gli altri interpreti se la cavano suffcientemente, ma la sceneggiatura non va loro incontro.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Ruber 13/3/11 2:19 - 649 commenti

Riuscito a metà questo remake del celebre e divertente film del '77 di Citti. Cerami alla regia assembla un ricco cast di attori comici dove tutti sono protagonisti a loro modo e alla fine forse nessuno lo è pienamente, neanche Proietti che tanto aveva divertito nell'originale (anche se ripropone lo stesso personaggio dello smemorato). Bravo Giallini nella parte del gestore del bar della spiaggia dove i vari personaggi prendono vita. Sceneggiatura in alcuni punti un po' debole che tenta di risalire con battute divertenti.
I gusti di Ruber (Comico - Commedia - Drammatico)

Motorship 18/7/12 17:06 - 567 commenti

Riuscito a metà. Voleva essere dalle intenzioni (lo si vede dai personaggi del film) una pellicola grottesca, amara, proprio come il film di Citti del '77, ma gli spunti di riflessione, pur essendoci, non sono così forti come li si vorrebbe. Grande Giallini nei panni del gestore dello strambo stabilimento balneare, divertentissimo, così come molto spassoso riuslta essere Gigi Proietti, in forma smagliante. Curioso il bel finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale con Marco Giallini in smokimg e Pippo Baudo seduto a un tavolo del ristorante; Sergio Citti Re di Roma.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)

Cloack 77 27/5/12 13:51 - 547 commenti

La sceneggiatura fila leggera leggera che è un piacere, anche se Casotto era molto più "sporco", personale, perfettamente burino e volgare alla Citti, al suo criterio di "livella"; qui tutto è molto moderno e pulito, ma Giallini è in gran forma, Proietti diverte divertendosi, il finale è clamoroso... Insomma lo spirito non manca, manca il coraggio di andare un po' oltre la malinconia, lo stile è acerbo, il futuro assicurato.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Blutarsky 27/3/11 16:33 - 350 commenti

Buona commedia corale vacanziera in cui un gruppo di personaggi incrociano le loro storie in una stazione balneare romana. Cerami prende a modello la commedia italiana dei sessanta-settanta modernizzando i caratteri dei protagonisti. Le singole storie non sono eccelse, hanno qualche buon spunto comico ma non evitano qualche banalità e cadute nel macchiettistico. Fortunatamente i dialoghi sono sempre ottimi e il film gode di un cast in forma e azzeccato con una menzione per un bravissimo Proietti smemorato. Camei di Davoli e Mastandrea.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scrupolose forze dell'ordine che a turno vengono a "controllare" il ristorante.
I gusti di Blutarsky (Giallo - Poliziesco - Western)

Manfrin   20/2/14 9:56 - 299 commenti

Commedia balneare che fa il verso a tante girate negli anni '60 di cui non ha, volutamente, la spensieratezza tipica del periodo ma fotografa con amarezza e ironia il nostro tempo. Dopo un buon inizio, con l'arrivo alla spiaggia dei vari personaggi (davvero buono il cast) perde un po' di interesse e di brio, soprattutto dopo l'uscita di scena di un grande Proietti. Bravo Giallini, che regge bene sino al simpatico finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il duetto Proietti/Laganà.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)