Wagons-lits con omicidi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Silver Streak
Anno: 1976
Genere: avventura (colore)
Note: Aka "Wagons lits con omicidi".
Numero commenti presenti: 11
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il modello è palesemente l'inarrivabile SIGNORA SCOMPARE di Hitchcock, aggiornato però a tempi in cui l'intreccio giallo non è più sufficiente a soddisfare lo spettatore medio e va quindi condito con qualche tocco rosa e soprattutto molta azione, al punto che nella seconda parte questa si fa preponderante caratterizzando fortemente il film fino a chiudere con un colossale effetto speciale distruttivo (girato al ralenti) che indubbiamente lascia il segno. Il protagonista è l'ottimo Gene Wilder, qui editore in viaggio sul Silver Streak (il titolo originale fa appunto riferimento al nome del treno) in direzione Chicago. Avvicinato dapprima...Leggi tutto da un piazzista di vitamine (Beatty) che presto si rivelerà un agente federale in incognito, George conosce l'attraente Hilly (Claybourgh), segretaria di un importante critico d'arte che, durante la notte, il nostro vede apparire fuori dal finestrino sanguinante (e da lì cadere dal treno) proprio mentre sta amoreggiando con la donna. Allarmatissimo George cerca di capire cosa sia successo, ma il giorno dopo l'uomo ricompare nel suo scompartimento come se nulla fosse. Era stata solo un'allucinazione? Difficile; anche perché il federale sembra voler subito credere, alla versione strampalata fornitagli da George. Perdipiù, in carrozza siede un altro importante esponente del mondo dell'arte (McGoohan) dall'aria ambigua... Se poi davvero non è successo nulla di anomalo, la notte, chi è l'omone di oltre due metri (Kiel, lo "Squalo" di due James Bond) che compare d'improvviso di fronte al protagonista con cattive intenzioni? E' solo l'inizio di un'avventura rocambolesca che vorrebbe mescolare l'ironia a un intreccio giallo poco fantasioso che lascia la storia d'amore tra George e Holly confinata a poche scene (le più sincere e riuscite peraltro, come quella dell'approccio nel vagone ristorante) dedicandosi soprattutto a far montare l'azione con l'aggiunta a sorpresa di Richard Pryor nel ruolo del solito ladruncolo da quattro soldi che fa subito coppia con Wilder dando il via a un sodalizio che si protrarrà per molti altri film. Si capisce che i due possono funzionare molto bene insieme, ma qui (come spesso accadrà loro in futuro) la sceneggiatutra non li aiuta. Tre o quattro gag simpatiche e per il resto routine scarsamente interessante. Più scanzonata l'avventura in aereo quando per la prima volta George viene sbalzato giù dal treno in corsa trovandosi a rincorrerlo e incappando in una vecchia contadina ruspante con la passione del volo. Arthur Hiller, regista di rango, mescola registri diversi provando a fonderli in un insieme armonico, ma tutto sottostà a una ricerca del movimento e della spettacolarità che a lungo andare ottiene come unico effetto quello di stancare. Le potenzialità umoristiche di Wilder vengono sfruttate solo parzialmente e i "cattivi" di turno sono tratteggiati grossolanamente, senza alcun brio né estro. Come giallo insomma il film proprio non convince e la sottile ironia del prototipo hitchockiano viene involgarita da un approccio rumoroso che rivela intenti del tutto differenti, nonostante qualche pennellata lunare di Wilder che, quando ben assistito, conferma una leggerezza quasi poetica.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 26/11/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 30/06/07 01:13 - 4838 commenti

I gusti di B. Legnani

Non è malissimo, ma non è neppure granché. Le storie sul treno non sono facili, perché lo spazio chiuso è un'insidia (lo stesso Orient Express, con siffatto regista e siffatto cast, ha qualche calo) e qui non sempre la si riesce ad evitare. Il livello del cast attoriale è superiore a quello del film. Guardabile ma, tutto sommato, restiamo decisamente nella media.
MEMORABILE: La non totale celebrità di Shakespeare…

Renato 30/06/07 11:59 - 1617 commenti

I gusti di Renato

Anni fa lo passavano spesso in tv, poi è come desaparecido. Comunque mi è sempre sembrato un buon film, divertente anche se il ritmo a volta cala un pochino: certo, si regge sulle spalle del duo Wilder-Pryor, sempre molto bravi sia da soli che -soprattutto- in coppia. Spettacolare il finale in stazione, che non cito per ovvi motivi.

Lovejoy 25/12/07 18:46 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Divertente commedia giallo/rosa, ben scritta e ottimamente diretta dallo specialista Hiller. Bel ritmo, esilaranti scene comiche piene d'azione, con duetti fulminanti da parte dell'indimenticabile duo Gene Wilder/Richard Pryor, qui alla loro prima collaborazione. Entrambi sono in forma smagliante e danno fondo al proprio repertorio. Sono peraltro affiancati da altri ottimi attori quali Patrick McGoohan (eccellente), il simpatico Ned Beatty, Ray Walston e Jill Clayburgh. Da riscoprire.
MEMORABILE: Wilder che assiste all'omicidio; Wilder che cade in continuazione dal treno; lo scontro finale con i cattivi; Pryor e la Ferrari Gialla.

Cotola 5/01/08 03:18 - 7694 commenti

I gusti di Cotola

Commediola, con piccole spruzzate di giallo e di azione, poco riuscita a causa di un ritmo piuttosto blando e di gag piuttosto risapute. Nemmeno due attori esperti come Wilder e Pryor (qui per la prima volta insieme) riescono a rimettere in piedi un insieme piuttosto traballante. Peccato perché si sarebbe potuto fare molto meglio.

Straffuori 22/07/08 13:30 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Ottimo film che rivedo sempre volentieri. Action-rail movie che ricordo come teso, ironico, divertente, incalzante e senza inutili pause. Tutte le scene col treno protagonista, sulle quali svettano gli inseguimenti ed il bellissimo distruttivo finale, sono ottime. Il film, pur essendo del 1976, è invecchiato benissimo.

Patrick78 5/08/09 15:42 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Passabile e alle volte divertente intrattenimento diretto con professionalità da Arthur Hiller, che in collaborazione con lo sceneggiatore Colin Higgins tenta arditamente di omaggiare il Maestro Alfred Hitchcock. Il tono è decisamente scanzonato e non potrebbe essere altrimenti data la presenza di Gene Wilder e Richard Pryor, ma i momenti di tensione e azione non mancano, anche se il tutto si riduce a poche scene in un contesto da commedia. Piacevole il finale action, discreto il resto di una pellicola che non ha lasciato troppa traccia di sè.

Vanadio 13/07/10 22:46 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Frizzante commedia con una punta di giallo per la regia di Arthur Hiller: Gene Wilder è in forma e Richard Pryor si rivela una spalla eccellente; Patrick McGoohan ha il ruolo di un cattivo raffinato quanto pericoloso. Finale ad alta velocità (degno di un thriller).
MEMORABILE: Lo sceriffo idiota che chiede chi abbia ucciso Rembrandt!

Rigoletto 12/09/12 22:36 - 1624 commenti

I gusti di Rigoletto

È davvero un peccato che i passaggi televisivi di questo film siano stati ridotti al lumicino, perché è una pellicola divertente: appassionante come giallo e capace di strappare larghi sorrisi come commedia. Wilder mattatore inarrivabile mette dietro tutti, Pryor incluso che resta nell'ombra a svolgere un ruolo secondario ma prezioso ed importante. Speriamo che le reti tv ripropongano film che sappiano far rinnamorare le persone del Cinema con la C maiuscola. Anche con film come questo. ***1/2
MEMORABILE: Il rapporto salita-discesa di Wilder col treno...

Daniela 24/01/15 20:06 - 9830 commenti

I gusti di Daniela

Durante un lungo viaggio in treno, un tranquillo editore trova l'amore, assiste ad alcuni omicidi, si scontra con una banda di criminali, viene ricercato come assassino, si allea con un ladro... Non sono certo gli avvenimenti che mancano in questa commedia d'azione giallo/rosa che segna l'esordio della fortunata coppia Wilder/Pryor e può contare su un cast ben assortito, compreso il colombiano McGoohan. Il ritmo è un poco a singhiozzo e non tutte le gag sono di prima mano ma, anche se zio Alfred è assai lontano, il risultato è comunque simpatico, piacevolmente distensivo.
MEMORABILE: "E dove è questo Rembrandt?" "Ma Rembrandt è morto!" "Ah, allora sono quattro..."

Lythops 3/09/15 19:50 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Nonostante non sia originalissimo per storia e costruzione, è un film solido che mette insieme con buon equilibrio azione, avventura e commedia, con validi attori e soprattutto una sequenza finale tra le meglio realizzate nei film di genere (anche "catastrofico"). Di intrattenimento senza eccessive pretese artistiche, centra l'obiettivo come pochi film di genere basandosi più sulla tensione comica che sull'azione vera e propria. Particolare, molto ben realizzato soprattutto per gli anni in cui è stato girato. Da qui Kiel verrà riciclato in 007.
MEMORABILE: Le locomotive che sfondano i muri della stazione.

Patrick McGoohan HA RECITATO ANCHE IN...

Nicola81 8/12/15 14:49 - 2048 commenti

I gusti di Nicola81

Commedia dai toni giallo/polizieschi con un discreto numero di ammazzamenti e un finale da disaster movie in piena regola. L'inizio non è certo dei migliori, ma quando la vicenda entra nel vivo il divertimento e il coinvolgimento sono assicurati. Wilder è ovviamente una garanzia nei panni dell'ingenuo che finisce per caso in un mare di guai e qui è attorniato da buoni comprimari (Clifton James avea interpretato lo stesso ruolo in due 007). L'omaggio ai classici del genere può apparire irriverente, ma il film è invecchiato abbastanza bene.
MEMORABILE: Gli scontri con i cattivi sul treno. Dallo sceriffo. Il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Dusso • 8/01/11 12:08
    Segretario - 1620 interventi
    Il dvd Italico presenta nella traccia Italiana alcune brevi parti solo in lingua inglese, ovviamente sottotitolate in italiano
    Ultima modifica: 8/01/11 12:08 da Dusso
  • Curiosità Columbo • 10/05/11 11:20
    Magazziniere - 1102 interventi
    La storia si svolge sul treno "Silver Streak" (nastro d'argento) Los Angeles - Chicago, ed è interessante per osservare appunto il treno, un magnifico "classic train" degli anni '40 con le sue boiseries, i suoi scompartimenti (alcuni ricostruiti, identici, in studio) e le locomotive diesel General Electric.
  • Curiosità Fauno • 12/09/19 00:00
    Contratto a progetto - 2553 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film: