Shelter - Identità paranormali

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/08/10 DAL BENEMERITO BRAINIAC
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Greymouser 26/08/10 16:59 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un prolisso guazzabuglio, un ibrido narrativo in cui i registi sembrano non avere alcun tipo di bussola; e, soprattutto, una fastidiosa tendenza all'occhiolino moralistico: guai a chi smarrisce la fede. Peccato per il coinvolgimento di una attrice di rango come la Moore. Penosa soprattutto la lunga parte finale, con presunto colpo di scena prevedibile come un tuono dopo il fulmine. Sbadiglioso.

Brainiac 11/08/10 21:08 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

L'ultimo biennio dell'horror sarà ricordato per una bizzarra mania: il doppio regista. A volte fruttuosa (Red, Baby blues, Deadgirl), spesso deleteria (Insane, Scarce, Possession), e immancabilmente-disorientante per il recensore. Prendete Shelter: chi lodare per l'interessante crossover fra il legal-thriller e il demoniaco? Chi insultare perchè ha approvato il makeup della guaritrice? Chi fra Stein e Mårlind avrà avuto la "manina" nel finale? Chi bacchettare per la lunghezza dello script? Chi ha scelto lo strepitoso Rhys Meyers? Ma soprattutto: sarà poi vero che "two-regist-is-megl-che-one?".
MEMORABILE: Quando il protagonista viene "visitato" da una delle sue (innumerevoli) personalità, la testa compie una rotazione innaturale.

Cotola 27/02/11 23:45 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Brutto ed indigeribile pasticcio la cui trama non convince e non avvince. Ci sarebbe da meravigliarsi se fosse il contrario, poiché il plot oltre ad essere troppo lungo tende an ingarbugliarsi sempre di più col passare dei minuti ed alla fine, oltre a stufare, è difficile districarsi completamente nella rete della trama. Non aiuta poi lo scioglimento finale con ultima scena francamente patetica. Non buttate soldi e tempo.

Mco 8/06/11 17:17 - 2150 commenti

I gusti di Mco

Teso e violento, questo psico horror parte da premnesse convenzionali per sviluppare una struttura spiazzante. La tematica della personalità multiplo-dissociata lascia ben presto strada ad un sottotesto demoniaco-religioso di tutto rispetto. Rhys Meyers ha il volto giusto per inquietare durante i suoi passaggi a mo' di L'alieno di Sholderiana memoria. La coppia in cabina di comando butta parecchia carne sulla brace ardente (c'è anche una strega montana) ma, se si ha fame, ci si sazia eccome. Astenersi inappetenti...

Galbo 18/06/11 15:16 - 11384 commenti

I gusti di Galbo

Bisogna dare atto ai registi Måns Mårlind e Björn Stein di avere tentato una strada narrativa diversa rispetto ai soliti film dedicati alle personalità multiple. Il risultato è però piuttosto modesto per manifesta insufficienza della sceneggiatura che non è stata adeguatamente sviluppata, ricorrendo a clichè abusati. Di contro, il cast è valido e i due protagonisti offrono una prova meritoria.

Ghirlanda 8/07/11 23:12 - 58 commenti

I gusti di Ghirlanda

Shelter inizia bene, la sua struttura da thriller molto classico prende e appassiona; peccato poi che la parte finale faccia mollare la presa per lasciare spazio ad un finale un po' scialbo e sottotono. Scienza e fede s'intrecciano ancora per dar vita a questo film, interpretato da una - come sempre bravissima - Julianne Moore affiancata dai mille volti di Jonathan R. Meyers. Una prova semisufficiente per la regia che dà corpo ad un buon prodotto rimandato agli esami di riparazione per il finale.

Paulystone 4/04/12 19:47 - 23 commenti

I gusti di Paulystone

Interessante sulla carta, il film di Måns Mårlind e Björn Stein parte bene ma perde per strada tutto l'interesse. A sorreggerlo e non farlo scivolare del tutto nel trash, le prove ottime di Julianne Moore e soprattutto di un Jonathan Rhys Meyers, in grande forma. Peccato davvero che il duo (di registi) non sia degno del duo (di attori).

Magnetti 15/04/12 23:33 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Il film inizia piuttosto bene: l'atmosfera ambigua e la buona prova della Moore intrigano e viene proprio voglia di vedere dovre si andra' a parare. Anche la qualita' delle riprese e' buona ma viene subito il sospetto che sara' la sceneggiatura a fare cilecca. E infatti vengono aggiunte molte, troppe tessere a comporre il mosaico e ci sarebbe voluto un colpo di genio per sbrogliare la matassa creata. Ebbene: niente colpo di genio e tutto va a finire nel dimenticatoio, nella massa dei film mediocri.

Piero68 16/04/12 08:55 - 2755 commenti

I gusti di Piero68

Alla fine del film non sapevo se ridere o piangere per la pochezza della pellicola e per il suo finale. Partito come un thriller psicologico, svolta quasi subito nell'horror delle possessioni. Ma la storia è fiacca e senza speranza e il film finisce con lo sviluppare tutti i clichè possibili e immaginabili. Un paio di svarioni imbarazzanti e, salvando la professionalità della Moore, niente altro. Nota per DeMunn, il vecchietto di The walking dead, che nonostante tutto offre forse la caratterizzazione migliore del film.

Undying 24/06/12 20:47 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Personalità multiple si annidano all'interno di Adam (David e Wesley) e sono in grado di sovvertire le leggi della fisica, al punto da fornire esiti differenti alle stesse lastre mediche (e strutture ossee del paziente). Una scettica psichiatra forense (J. Moore) dovrà vedersela con il paranormale. Curioso mix di thriller ed horror che pur non aggiungendo nulla di nuovo si muove con certa cura e con prezioso script nei meandri dell'ignoto. Evitando di generare banale disgusto, Shelter predilige un clima di psicologica tensione e di efficace intrattenimento, garantito dalla curata confezione.

Gestarsh99 10/07/12 23:37 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

Poliziesco a suspense e horror parapsicologico si avvinghiano corpore et mente in un amplesso urningo che insemina clinicità schizofrenica e personalità borderline di elementi che sfuggono alla dimensione del razionale, quali psicofonia ectoplasmica, propalazioni esoteriche e cerimonie magico-superstiziose. L'incontro/confronto tra Scienza e Fede non segue gli schemi urlati e strumentali degli opposti estremismi ma si enuclea in un iter muto e sottocutaneo che conduce la protagonista - una Julianne Moore da ierodramma haynesiano - dal porto delle salde certezze psichiatriche al mare aperto della trascendentalità satanica.
MEMORABILE: Le contorsioni cervicali durante lo switch-on schizofrenico...

Didda23 30/07/12 19:02 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

Il plot cambia più volte il registro narrativo, passando con difficoltà evidenti negli intrecci dal thriller di stampo investigativo al possession. Purtroppo la sensazione dominante è di assistere a un'opera macchinosa e poco avvincente che può contare solamente su qualche idea ben sviluppata e su qualche movimento di macchina ben delineato. Il finale sembra costruito ad arte per un possibile seguito (ad oggi sembra impossibile visto lo scarso risultato al botteghino).

Pigro 25/04/13 10:23 - 7783 commenti

I gusti di Pigro

Parte come il solito film sulle identità multiple (il ragazzo che “diventa” altre persone uccise), poi rotola spudoratamente e confusamente verso l’horror mistico (non demoniaco ma divino!?), non senza aver raso al suolo, durante il crollo, coerenza narrativa e logica, gingillandosi con l’arbitrarietà. Non c’è dubbio che il ritmo sia ottimo e che alcune scene tengano incollati, ma quando si ragiona su ciò che si è visto, si finisce inevitabilmente sull’orlo della vaccata, nonostante l’alta professionalità tecnica (degli attori, soprattutto).

Pinhead80 30/03/15 18:22 - 3945 commenti

I gusti di Pinhead80

Le personalità multiple suscitano in me un discreto senso di disagio, ma in questo film si fa proprio di tutto per rendere la cosa assurda. La trama è intricatissima e il film lungo e noioso. Si arriva al termine della visione sfiniti dai continui cambi di registro e con la sensazione di aver perso del tempo. Scarso.

Daniela 15/12/17 00:36 - 9379 commenti

I gusti di Daniela

Psicologa forense che nega l'esistenza di personalità multiple si imbatte in un caso che mette a dura prova le sue convinzioni ed anche il suo raziocinio... Thriller accettabile finché resta sul terreno dei misteri della mente, prima di imboccare la strada del sovrannaturale con contorno di possessioni, delitti efferati, vecchie maghe cieche, segni e riti magici, esorcismi e via discorrendo, in un avvitamento della trama su se stessa che la fa avvicinare pericolosamente al baratro del ridicolo. Moore è brava, Meyers bello, ma poco possono fare per salvare un film così maldestro e confuso.

Anthonyvm 19/10/19 23:33 - 1922 commenti

I gusti di Anthonyvm

Inizia come un thriller psicologico sulle personalità multiple, in un contesto giudiziario a mo' di Schegge di paura. Poi si palesa la sua natura horror fra possessioni, collezionisti di anime, maledizioni e voodoo. Coniugare sovrannaturale e schizofrenia non è un'idea malvagia, ma lo script sembra più attento agli spaventi a buon mercato (e di rado efficaci) e alle spettacolarizzazioni orride (i macabri riti) che all'equilibrio narrativo. Ne risulta un film troppo lungo, un po' bigotto e pieno di incongruenze. Buoni gli attori. Dimenticabile.
MEMORABILE: L'ombra sul video si rivela un'onda sonora assurdamente decifrabile; La croce purulenta sulle vittime; Il finale; Dio ringraziato nei titoli di coda!

Rambo90 14/03/20 03:20 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Molto molto intrigante. Parte come un thriller su personalità multipla per poi virare verso l'horror, con una sceneggiatura astuta che serve colpi di scena in sequenza, qualcuno anche prevedibile ma sembre ben giocato. Julianne Moore e Rhys Myers offrono prove convincenti, supportando bene molte scene statiche fatte solo di dialoghi. C'è spazio comunque anche per i cari vecchi jumpscare, soprattutto nella seconda parte. Davvero notevole.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 1/03/11 16:21
    Gran Burattinaio - 3753 interventi
    Il film è uscito al cinema il 25 febbraio
  • Discussione Zender • 1/03/11 16:40
    Consigliere - 43509 interventi
    Yes. sistemato tutto, grazie.
  • Homevideo Gestarsh99 • 28/04/11 23:02
    Scrivano - 14457 interventi
    Disponibile in Blu-Ray Disc dal 22/06/2011 per Mondo Home:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Sottotitoli Italiano
    * Schermo Anamorfico 1080p High * Definition
    * Audio Dolby Digital 5.1 True Hd
  • Curiosità Piero68 • 16/04/12 09:09
    Contatti col mondo - 234 interventi
    E' incredibile come gli sceneggiatori riescano a inserire errori inenarrabili pur di essere funzionali alla storia (o forse per ignoranza).

    Quando nel film la "nonna" racconta la storia del Vescovo Moore viene citata nientemeno che la terribile influenza del 1918, la cosiddetta Spagnola, che uccise circa 50 milioni di persone in tutto il mondo. A tal proposito dice che il Vescovo Moore agli abitanti del villaggio sconsigliò di vaccinarsi ed avere fede in Dio. Ma siccome lui la fede l'aveva persa aveva fatto vaccinare i figli che così si erano salvati dalla influenza. VACCINARSI??? Ma nel 1918 non esistevano ancora i vaccini antiinfluenzali, che sono un'invenzione relativamente recente. La penicillina è stata inventata nel 1928, ad esempio. Le cause eziologiche dell'influenza furono scoperte solo nel 1931 e solo nel '34 capirono che l'influenza non era di natura virale. La scoperta del primo vaccino antiinfluenzale risale soltanto al 1944 e il suo utilizzo fu avviato solo dopo svariati anni. Altro che vaccinarsi nel 1918!