Ricky Bobby: la storia di un uomo che sapeva contare fino a uno - Film (2006)

Ricky Bobby: la storia di un uomo che sapeva contare fino a uno
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Talladega Nights: The Ballad of Ricky Bobby
Anno: 2006
Genere: commedia (colore)
Regia: Adam McKay

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Non è facile trovare una commedia parademenziale altrettanto capace di alternare gag clamorosamente riuscite e spesso fresche a momenti di stanca che portano quasi a dire cosa ci si sta a fare davanti alla TV. Con RICKY BOBBY accade questo. Will Ferrell, il protagonista (e co-autore della sceneggiatura assieme al regista) ha delle trovate che talvolta lasciano davvero il segno; quando si ostina a pregare Gesù neonato, ad esempio, o quando per la prima volta davanti ai microfoni non sa dove mettere le mani. La parabola (in parte ispirata al citato Tom Cruise di GIORNI DI TUONO) del pilota di Nascar che diventa campione ma che dopo un incidente...Leggi tutto lascia il campo libero al suo acerrimo rivale francese (Sacha Baron Cohen, un po' sottotono) poteva anche essere il terreno giusto per centrare un’ottima commedia. Ma la sceneggiatura è sfilacciata (il film dura quasi due ore!), le scene sui circuiti sono poco interessanti e a lungo andare ci si rende conto di essere davanti a un’occasione sprecata. La prima parte è briosa, il Ferrell mezzo scemo diventato pilota per caso strappa più di un sorriso, i personaggi simpatici non mancano (vedi John C. Reilly nel ruolo dell'amico decerebrato quanto lui), però fin da subito si capisce che l'umorismo è dosato male e il film (che ha impennate improvvise inaspettate) è la solita americanata per famiglie, nonostante alcune raffinatezze sorprendenti nello scritto. Cohen fa il pilota di Formula 1 in trasferta, ma non si vede moltissimo ed è monotono.

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/06/07 DAL BENEMERITO ALMAYER
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Almayer 7/06/07 13:49 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Parodia dei film sulle corse automobilistiche Nascar. Will Ferrell è Ricky Bobby, il classico pilota "all american" che se la deve vedere con il rivale Jean Girard, francese e gay, arrivato dalla Formula 1. Girard è interpretato dal bravissimo Sacha Baron Cohen, e ovviamente non si sprecano frizzi e lazzi sui classici stereotipi dell'europeo visto dall'americano medio (Joe six-pack). Film stupidissimo e divertentissimo: Ferrell è in gran spolvero, Gary Cole (il padre di Ricky) è bravissimo, Cohen uno spasso.

Puppigallo 5/01/08 09:58 - 5321 commenti

I gusti di Puppigallo

Un fiume di scemenze intervallato da qualche momento divertente. Il protagonista (un super burino ignorante e capace solo a guidare) funziona a corrente alternata. Questo a causa di un copione che spesso ne compromette la performance, ma anche perchè il personaggio tende un po' a stufare e piuttosto rapidamente. In definitiva, trattasi di filmetto, ma con momenti da salvare: il fuoco invisibile, il trauma post-incidente, la preghiera a Gesù bambino, il puma. Comunque, si può anche evitare senza traumi.
MEMORABILE: "Non so cosa regalare a mia nonna. Ha 88 anni". E l'amico: "Una bara".

Mascherato 4/09/08 16:40 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Il destino di Will Ferrell in Italia sembra essere comune a quello di Steve Martin e Chevy Chase: enorme successo in patria e scarsa considerazione da noi. Ricky Bobby, purtroppo, è uno spoof abortito, che, nonostante qualche momento divertente (il pranzo con preghiera sui generis e maltrattamento al nonno; la rieducazione del protagonista da parte del padre), lascia troppo tempo allo spettatore, tra una gag e l'altra, per riflettere sulla scarsa ispirazione degli sceneggiatori (ancora Ferrell ed il regista), sicché il migliore in campo risulta Sacha Baron Cohen.

Harrys 26/02/10 12:19 - 687 commenti

I gusti di Harrys

Probabilmente la vetta artistica, insieme ad Anchorman, raggiunta da Will Ferrell protagonista. Il regista, guarda caso, è proprio lo stesso del suddetto film: tale Adam McKay, caposaldo del fenomeno Frat-Pack. La fortuna di questi film la fanno i comprimari, personaggi solitamente strampalati che vagheggiano sullo sfondo, a testimonianza dei più disparati stereotipi. In questo caso, tra gli altri, abbiamo un sempre affiatato John C. Reilly e un sorprendente Sacha Baron Cohen in un ruolo debitore del ben più celebre Brüno. Esilarante. ***1/2

Mr.geko 15/07/10 13:45 - 34 commenti

I gusti di Mr.geko

Per chi ama la commedia americana alla Scary Movie questo film è imperdibile! A chi disdegna certi generi di comicità sciocca e grossolana, state alla larga! La storia narra di Ricky Bobby, americano medio deficente che raggiunge il successo assurdamente come pilota Nascar. Da qui iniziano le avventure/disavventure tra esagerazioni azzeccate dello showbusiness e momenti un po' lenti che non fanno proprio ridere come si spera. Il film comunque ha pure una sua trama (infarcita di sciocchezze).
MEMORABILE: L'incontro col padre iniziale, il pranzo e la discussione su Gesù, le scene all'ospedale.

Rullo 11/08/11 21:07 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Ennessima commedia diretta da McKay con produzione Apatow. Qui la coppia si butta nel mondo delle corse americane Nascar. A questo proposito chiunque sia appassionato di F1 nota un po' ridicoli, se non adirittura irritanti, i paragoni tra le due categorie, ma essendo un film americano volontariamente zeppo di stereotipi sono dettagli su cui si può sorvolare. A sorpresa il film non scade mai (eccessivamente) in banalità e si conclude in modo soddisfacente. Dopotutto una commedia che intrattiene e diverte.

Fabbiu 29/11/12 14:59 - 2152 commenti

I gusti di Fabbiu

Non è male la sceneggiatura, in grado di dare sempre ritmo e includere situazioni piacevoli, così come la regia e la fotografia. Il problema sta semmai nel senso dell'umorismo: può piacere o meno, e a me sinceramente tende a stufare molto presto; il demenziale qui non ha mai un limite, ed è incoerente tra momenti ben pensati e tante altre bambinate coi fiocchi. La cosa più strana, poi, è vedere un attore come Will Ferrell tanto a suo agio in prodotti come questi; qualche risata, ma un film facilmente dimenticabile.

Mickes2 15/12/12 22:12 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

Ritmato, simpaticissimo e demenziale, come nella migliore tradizione del fratpack & company, il film segue le vicissitudini di Ricky Bobby e il suo voler primeggiare nella vita in senso assoluto. Arguta satira sulle apparenze, sulla superficialità, sugli stereotipi della personalità, il tutto immerso nel contesto automobilistico vero e proprio campo da gioco dove la competizione è tutto e vincere è più importante che partecipare, ma non se in mezzo c’è una vera amicizia. Ferrel e Reilly in formissima, Baron Cohen gran personaggio di rottura.
MEMORABILE: Ferrel che corre mezzo nudo per la pista covinto di andare a fuoco; Ferrel che percorre la pista a 10 km/h convinto di sfrecciare a 200.

Daniela 7/01/17 20:59 - 12737 commenti

I gusti di Daniela

Re delle piste Nascar, spaccone ma con un tarlo che lo rode (il babbo l'ha abbandonato da piccolo), deve vedersela con la concorrenza di un spocchioso pilota francese proveniente dalla Formula 1... Sgangherata commedia demenziale con Farrell che sguazza come sempre nei panni di un personaggio ignorante come una capra, con Reilly e Sacha Cohen a fargli da sponda per battute fra l'infantile ed il volgare. La sceneggiatura è assai lasca e certi momenti sono imbarazzanti più che divertenti, ma qualche occasione di riso indubbiamente c'è.
MEMORABILE: I figli Walker e Texas Ranger; Idee per un regalo alla nonna di 88 anni; Convivere con la paura (impersonata da un puma)

Redeyes 24/01/18 10:35 - 2456 commenti

I gusti di Redeyes

McKay si affida ancora una volta all'estro di Ferrel per tenere alte le sorti di questa pellicola non indimenticabile. La storia ruota attorno al mondo delle corse, fra sponsor, belle "ombrelline" e molta "ignoranza". Le battute non sono eccelse e anzi spesso cercano di strappare una risata in modo piuttosto grezzo. I comprimari Cohen e Reilly reggono l'urto e funzionano bene, ma il risultato finale è una modesta commedia e soprattutto un passo indietro rispetto al geniale anchorman baffuto.

Will Ferrell HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Austin Powers - Il controspioneSpazio vuotoLocandina Austin Powers - La spia che ci provavaSpazio vuotoLocandina Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!Spazio vuotoLocandina Zoolander

Didda23 9/04/19 09:29 - 2432 commenti

I gusti di Didda23

Prove generali per Ferrell e Reilly per quello che sarà il loro apice, ovvero Fratellastri a 40 anni. L'affiatamento è già evidente, le battute non mancano e spesso vanno a segno, ma l'ambientazione nel mondo delle corse Nascar smorza un filo l'entusiasmo. L'umorismo punta molto sull'"ignoranza" dei due, peccato che la classe di Cohen (con un personaggio dal grande potenziale) non si amalgami ben con il resto. La regia di McKay dona al contenuto la forma più appropriata senza eccedere in inutili virtuosismi. Cole dipinge il personaggio migliore.
MEMORABILE: Gli insegnamenti di Cole; Il motto fra Ferrell e Reilly; Ferrell che affronte le proprie paure...

Nick franc 9/09/23 14:05 - 525 commenti

I gusti di Nick franc

Solito film comico alla Ferrell, impegnato nel suo abituale personaggio di americano medio poco brillante: la pellicola paga una sceneggiatura altalenante e la regia nelle scene di corsa è piuttosto scialba, ma si sorride spesso e almeno tre o quattro sequenze sono veramente irresistibili, grazie a un protagonista in forma che trova un'eccellente alchimia con Reilly. Buono anche il cast di contorno (Bibb, Cole e Adams), fatta eccezione per un Baron Cohen insolitamente scarico e poco incisivo. Missione divertimento compiuta con poco affanno: gli amanti del genere non saranno delusi.
MEMORABILE: La parte all'ospedale; Ferrell che pensa di andare a fuoco; Il coguaro; Il divorzio lampo; Walker e Texas Rangers.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Harrys • 26/02/10 12:10
    Fotocopista - 649 interventi
    Nell'edizione home-video è uscito col suo titolo originale. Quello nostrano è stato utilizzato solamente come "sottotitolo".

  • Discussione Zender • 26/02/10 12:11
    Capo scrivano - 48018 interventi
    Sì, è cosa che fanno spesso quando si accorgono che il titolo italiano era risultato na schifezza :).
  • Homevideo Gestarsh99 • 19/11/11 16:59
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Sony Pictures:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
    5.1 PCM: Italiano
    * Sottotitoli Italiano Inglese Olandese Tedesco Turco
    * Extra Risate sul set
    Commento del regista e degli amici
    Scene eliminate
    Video diario di Adam McKay
    Interviste; Audizioni
    Trailer vari.
  • Musiche Samuel1979 • 23/01/15 21:24
    Addetto riparazione hardware - 4264 interventi
    Durante le primissime sequenze girate in pista, viene trasmesso il brano degli Audioslave Cochise
    Ultima modifica: 23/01/15 21:25 da Samuel1979