Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 29/06/07 16:22 - 5228 commenti

I gusti di B. Legnani

Come è noto, si tratta di un Fellini minore, che rappresenta nella caotica orchestra una metàfora dell'incasinatissima Repubblica Italiana sul finire degli Anni Settanta. Affiorano i "Quando c'era lui…", continua la confusione, fino a quando una granitica voce, con cadenza germanica, sistema tutto e tutti. Non si guarda malvolentieri, ma 95' sono troppi per uno spunto non troppo articolato. L'anno dopo Fellini farà lo splendido La città delle donne.
MEMORABILE: Il citato finale.

Deepred89 23/11/08 15:45 - 3517 commenti

I gusti di Deepred89

Fellini rilegge metaforicamente la società italiana dell'epoca in uno dei suoi film più lineari ma anche meno riusciti. Poco interessante nell'analisi dei personaggi (ottenuta anche tramite interviste nello stile di un programma televisivo) e più semplice del solito dal punto di vista della regia, il film si riscatta nell'ultima grottesca mezz'ora, con molte belle idee e qualche tocco tipicamente felliniano. Ultima colonna sonora per Nino Rota (che morirà lo stesso anno), bella ma non delle sue migliori. Non fondamentale.

Galbo 28/11/08 17:11 - 11902 commenti

I gusti di Galbo

Giustamente considerato un episodio minore della filmografia del Maestro romagnolo, ha l'ambizione di essere una satira della confusione e precarietà del quotidiano (con particolare riferimento alla situazione italiana del periodo). Il film tuttavia, principalmente a causa di personaggi poco interessanti, non avvince e l'ottima idea di partenza non sembra adeguatamente sviluppata dalla sceneggiatura.

Pigro 1/12/08 10:19 - 8867 commenti

I gusti di Pigro

Orchestrali si ribellano al direttore durante una prova. Allegoria guarnita dei tipici tocchi felliniani: il grande regista disegna attraverso la caotica insurrezione dei musicisti la condizione della società e della poltica italiana dell'epoca, percorsa da segnali preoccupanti di destabilizzazione (i titoli di testa e il clamoroso finale ne mostrano tutta la paura). Un film livido, acido, quasi doloroso, e apparentemente grezzo per descrivere amaramente una realtà grezza e indescrivibile. Contestualizzato è un grande film.

Cotola 27/07/09 23:07 - 8397 commenti

I gusti di Cotola

Metaforico ma poco visionario (e conseguentemente poco incisivo) film di Fellini che firma un'opera decisamente minore (lui stesso lo definì "filmetto") in cui la maniera fa spesso capolino. Se non ci si attacca troppo all'esegesi interpretativa, risulta gradevole. Il meglio è rappresentato dalle belle musiche di Nino Rota.
MEMORABILE: "8 e mezzo" un film psicanalito? Ma per piacere, ma vai a scuola a studiare!

Caesars 29/07/09 16:41 - 3391 commenti

I gusti di Caesars

Fellini in uno dei suoi film meno felliniani. Poca poesia in questa metafora dell'Italia (l'orchestra) praticamente allo sbando. Non si può dire che ci si annoi (in questo la durata non eccessiva dell'opera aiuta assai), ma sicuramente è molto difficile rimanere completamente soddisfatti dalla visione della pellicola. Vedibile, ma anche i felliniani più convinti (o forse proprio loro) resteranno delusi.

Homesick 9/06/10 17:48 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Allegoria etico-politica in cui Fellini, attraverso questa travagliata “prova d’orchestra”, si rivolge alla società italiana prostrata dall’inefficienza di un sistema democratico vittima del particolarismo e del terrorismo che rischia di ritrovare l’ordine solo per mezzo di una nuova dittatura. Più che dalla metafora (invero non troppo stimolante), l’attenzione è catturata dall’antico talento del regista per la caricatura e la goliardia con cui ritrae i bizzarri musicisti e dalla sua anima poetica quando attribuisce sentimenti umani ai singoli strumenti. Minore.

Rebis 5/12/13 10:26 - 2192 commenti

I gusti di Rebis

Seconda pseudoinchiesta di Fellini, dopo i tracimanti Clowns, in cui l'autore tenta di rappresentare la coeva società nostrana attraverso la chiave dell'immaginifico, nonchè di disvelare affettuosamente l'umana animalità che produce e si occulta nell'opera d’arte (qui la musica di Nino Rota - bellissima - ma anche, per riflesso, lo stesso film). Accordi e disaccordi tra strumenti, protagonismo e solipsismo, anarchia e palingenesi: lampi di genio in un'opera minore non per potenza espressiva, ma per un approccio critico troppo generico e una fin troppo scoperta allegoria.

Delpiero89 24/09/14 12:27 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Sì ok, la palla di ferro... l'ordine ristabilito. Tutto vero, questo Prova d'orchestra è un film che sicuramente ha i suoi significati che ai maggiori intellettuali non sfuggono e che hanno sicuramente la loro dignità, ma qui siamo di fronte a un film di circa 70 minuti che sembra interminabile. Personaggi la metà di mille, approfonditi nessuno (ognuno al massimo tesse le lodi al proprio strumento). Trama inesistente, immagini non memorabili. Passo falso.

Minitina80 7/11/17 20:58 - 2746 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile entrare in sintonia con un’opera simile poiché complessa e ardua da comprendere. Pare si tratti di una critica mossa verso la società del tempo, per certi versi sempre attuale e contestualizzabile in tante epoche moderne. Forse in teatro avrebbe reso leggermente di più, la visione d’insieme sarebbe stata migliore e un contatto diretto con gli attori avrebbe permesso di fruire meglio dei dettami artistici. Sullo schermo restano i volti scavati degli strumentisti lanciati in monologhi di cui spesso si perde il senso per i cali d’attenzione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Rambo90 13/02/18 22:18 - 7137 commenti

I gusti di Rambo90

Fellini abbandonda l'onirico per la metafora e il risultato è riuscito a metà. Se l'idea si può dire sicuramente accattivante, a non convincere è la sceneggiatura, francamente a tratti poco interessante e che si riscatta solo nella seconda parte, quando emerge la figura del direttore d'orchestra. Il ritmo è anche svelto, ma i discorsi poco coinvolgenti. Le musiche di Rota accompagnano bene le immagini e il finale vale la visione, ma nel complesso si poteva fare di più.

Paulaster 10/04/18 12:20 - 3699 commenti

I gusti di Paulaster

Gruppo di orchestrali comincia le prove e poi si ribella al direttore. Fellini si diverte a descrivere la società nelle facce variegate dei musicisti tra cialtroni, sindacalisti, artisti e dittatori. Buon ritmo nelle interviste con le musiche di Rota pertinenti ai momenti, si appiattisce sui contenuti finali prima di assistere alle esagerazioni del regista. Conclusione simbolica con successiva rinascita (sembra l’unica nota speranzosa).
MEMORABILE: L’altalena del ragnetto sospeso; “W il giradischi”.

Il Gobbo 7/11/18 23:42 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Benché generosi e argomentati, gli sforzi di alcuni esegeti nel non voler vedere in Prova d'orchestra un'allegoria-instant sull'Italia degli anni '70 non ci convincono. Allegoria e sfogo, in equilibrio fra spiritaccio beffardo che affiora qua e là e sdegno trattenuto,che invece uscirà senza freni contro gli anni del "riflusso", del resto introdotti dalla iconica Palla. Impagabile il catalogo di "facce di Fellini" come saranno successivamente parodiate. Minore è minore.

Daniela 26/08/21 11:07 - 11628 commenti

I gusti di Daniela

In una sala, orchestrali monadi, ciascuno convinto della propria indispensabilità, contestano l'autorità del nuovo direttore improvvisando un'autogestione fallimentare. Il disastro impone un ritorno all'ordine che però assume presto toni autoritari... Metafora della società italiana, tanto trasparente da diventare paradossalmente criptica perché nella pluralità dei bersagli è difficile individuare quello principale ma forse l'errore è voler decodificare a tutti i costi una riflessione pessimistica che non può/vuole fornire risposte e soluzioni. Opera minore ma felliniana al 100%.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 27/07/09 23:04
    Consigliere avanzato - 3738 interventi
    Buono Legnani ebbe a dire:

    "Non si guarda malvolentieri, ma 95' sono troppi per uno spunto non troppo articolato"

    Per la verità nella versione che ho visto io il filma dura scarsi 80 minuti.
    La cosa strana però è che il Mereghetti ed il Morandini danno come minutaggio 70 minuti.

    Esistono forse versioni differenti?
  • Curiosità Columbo • 7/01/11 12:38
    Magazziniere - 1100 interventi
    Ispirò l'opera omonima del compositore contemporaneo Giorgio Battistelli, eseguita in prima mondiale il 25-11-1995 a Strasburgo e in prima italiana al Teatro dell'Opera di Roma nel Marzo 2001:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_Battistelli
  • Curiosità Fauno • 18/10/18 10:40
    Compilatore d’emergenza - 2642 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un flano del film:

  • Homevideo Il Gobbo • 7/11/18 23:45
    Contratto a progetto - 770 interventi
    Disponibile in buona edizione bluray britannica della Arrow