LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/08/08 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 7/08/08 10:08 - 7700 commenti

I gusti di Pigro

Baraccati contro speculatori. Film sociale e politico mascherato da favola surreale: un capolavoro. La coppia Zavattini-De Sica crea una delle opere più visionarie e stupefacenti del cinema italiano, declinando il neorealismo in maniera inattesa: un neorealismo poetico, capace di affondare nella realtà intima (onirica) delle cose e delle persone. Il film è suggestivo e ricco di micro-apologhi (toccante quello degli innamorati di diversi colori) e si conclude con uno dei finali più liberatori e gioiosi mai visti sullo schermo.

Enricottta 30/08/09 14:54 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Sodalizio De Sica-Zavattini. Il risultato è poesia surreale spalmata di neorealismo, che però va "decantandosi" verso un genere a parte, che mai più sarà percorso. Sembra troppo presto, o troppo tardi per costruire un film così bello. Il film a un certo punto, sbeffeggiando i due maestri De Sica e Zavattini, cammina da solo, anzi vola! Non amato in patria, incompreso da molti, è documento per tutti.

Capannelle 31/08/09 16:05 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Film atipico e toccante sin dalle prime note, quelle di Totò anima candida in giro per Milano. Il plot si sviluppa con immagini tra il visionario e il fiabesco, tra cui alcune rimangono nell'immaginario (il sorriso di Totò, il funerale, il raggio di sole, la lotteria..). Magari taluni passaggi rimangono troppo slegati, i personaggi possono non essere tutti azzeccati ma rimane comunque un'opera di alta personalità e dall'animo nobile. Finale poetico ma non pienamente convincente.
MEMORABILE: La folla si sposta aspettando lo sbucare del raggio di sole.

Renato 1/02/10 16:19 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Si è sempre detto che è il film più strettamente zavattiniano di De Sica, e direi che non si è sbagliato; certo il tono è favolistico, e con questa scusa la storia osa molto di più di quanto sarebbe stato normalmente consentito con la censura di quegli anni. Forse non colpisce allo stomaco come altri film della coppia più nota del neorealismo italiano, ma è una pellicola che non si dimentica certo facilmente. Molto bravo il protagonista Francesco Golisano, che per me somigliava non poco a Giampiero Albertini.

Marcarturo 18/02/10 15:37 - 3 commenti

I gusti di Marcarturo

Fiacco, datato, pedante, buonista, caricaturale e chi ne ha più ne metta. Classico caso di film sopravvalutato: un Disney all'amatriciana senza effetti speciali e con la ingombrante onnipresenza del Cattolicesimo (i poveri buoni, i ricchi cattivi, la ricompensa - colomba di pace - che cade dal cielo). Il proagonista correrebbe oggi il serio rischio di essere interdetto.

Saintgifts 24/04/10 22:03 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non ricordo che l'umanità sia mai stata così bene descritta in qualche film. Tutti sono rappresentati e nessuno, o pochi si salvano. I poveri non sono tutti uguali e scimmiottano il mondo degli "altri", il mondo che sta intorno a loro, con gli egoismi e tutte le altre cattiverie, più o meno camuffate. È un film speciale che onora il cinema, ed è vero cinema. Si sono mai visti baci più belli di quelli tra Totò ed Edvige? Innamorati che esprimono la loro felicità con acrobazie e capriole. Cinque pallini o un pallino. Facciamo cinque più uno.

Myvincent 27/12/10 15:38 - 2501 commenti

I gusti di Myvincent

Dalla collaborazione con Cesare Zavattini nasce questo capolavoro, una fiaba post-neorealista che anticipa il mondo fantasioso di Federico Fellini. Molto criticato al suo debutto perché giudicato offensivo per l'immagine di Milano, o troppo evangelico, o troppo eversivo, riesce a conquistare il pubblico per la sua magia e la sua soave poesia.

Mickes2 4/08/11 20:36 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Un racconto a tinte fiabesche quello di De Sica, avvalorato da immagini poetiche e piene di valori. Si riflette sul potere e le prepotenze che i ricchi e le autorità amministrative hanno sui più poveri e sui più deboli; la bontà umana come arma indissolubile per contrastare questo strapotere. Corroborata da un’ammaliante fotografia, l’opera del regista romano è un sincero carro allegorico e favolistico sulla bontà e la meschinità dell’uomo. Si sfilaccia un po’ nella parte finale, dove l’accumulo di situazioni risulta ridondante.

Galbo 6/08/11 23:36 - 11310 commenti

I gusti di Galbo

Frutto del connubio artistico tra De Sica e Zavattini, Miracolo a Milano è un film molto celebrato a causa della capacità di rappresentare al meglio la derelitta popolazione della periferia più degradata capace di scatti di meravigliosa umanità. Benchè il film appaia oggi inevitabilmente datato, trasmette ancora una notevole forza di immagine che ne fa una delle opere più importanti del neorealismo grazie anche al magnifico cast.

Fabiorossi 19/08/14 19:06 - 67 commenti

I gusti di Fabiorossi

Dopo Sciuscià e Ladri di biciclette, per la terza volta Zavattini si affianca a De Sica in un film che vuole riscattare a tutti i costi la fredda e antidemocratica Milano, facendola quasi apparire il centro di condivisione della cattiva sorte dell'umanità. Ne scaturisce una favola senza capo né coda, con un finale ancora più surreale, tanto incredibile quanto grottesco. Chiedo scusa, ma il paragone con i precedenti film mi rende ancor più difficile esprimere un giudizio positivo sull'opera. Sono rimasto un po' deluso.

Gippal 18/01/17 22:30 - 75 commenti

I gusti di Gippal

Un insieme mai omogeneo di persone, appartenenti al medesimo gruppo unicamente per condizione sociale, convive nello stesso quartiere, in prossimità della stazione Lambrate, tra alti e bassi, tra differenze e difficoltà. Ma è l' "appartenenza" a renderli forti, uniti, pronti a sfidare le sorti di un destino avverso. C'è magia, c'è un'universo da scoprire in questo film. Iconica la scena finale, girata in Piazza Duomo, in cui all'apertura non convenzionale delle carrozze presenti segue un magnifico volo, nel cielo, al di sopra di tutto.

Deepred89 10/07/17 22:54 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Prodotto originale e interessante, non ascrivibile ad alcun filone in voga all'epoca, fiaba tra le baracche dal gusto orgogliosamente naïf che eccelle nei momenti più poetici e descrittivi ma si fa frastornante in quelli più convulsi, concentrati in un secondo tempo grottesco-surreale che calca un po' troppo la mano tra trovate bizzarre ed effetti speciali orgogliosamente démodé. Un personaggio principale che si ricorda e situazioni ben congegnate permettono al candore di affiorare con soavità. Il Celentano regista se ne ricorderà.

Minitina80 12/03/18 21:05 - 2268 commenti

I gusti di Minitina80

De Sica e Zavattini sorprendono utilizzando un linguaggio inatteso e costruendo un’allegoria vera e propria in cui auspicano la redenzione dell’uomo. Del realismo restano la povertà e la miseria degli emarginati, i volti scavati e l’umiltà di coloro che non hanno nulla. Per una volta semplicità e linearità rappresentano il modo migliore per raccontare una storia in cui si intravede tutto il carisma e la visione di cinema degli autori, capaci ancora di una prova maiuscola in grado di superare indenne lo scorrere inesorabile del tempo.
MEMORABILE: Il finale.

Daniela 4/06/18 22:21 - 9088 commenti

I gusti di Daniela

Un ottimista, nato sotto un cavolo e protetto dalla mamma fuggita dal Paradiso, insegna ad un gruppo di derelitti la via verso un mondo migliore. Apologo sulla miseria materiale ed umana, spesso non coincidenti, dove forse si ravvede più la mano dello sceneggiatore Zavattini che del regista De Sica, Miracolo a Milano è a sua volta un piccolo capolavoro che riesce ad unire la leggerezza della fiaba, la felicità creatività surrealista, il sarcasmo graffiante della satira sociale. Film tenero, dolcissimo ma anche profondamente malinconico, dato che il mondo migliore non si trova nel nostro mondo.
MEMORABILE: Tutti a correre dentro il raggio di sole; L'inseguimento del cappello; L'epilogo volante

Paulaster 9/01/19 11:21 - 2675 commenti

I gusti di Paulaster

Orfano si aggregherà a una comunità di poveri. De Sica impara la lezione di Chaplin e racconta una storia di miseria e nobiltà d’animo per chi si accontenta di una vita in baracca e desidera una macchina da cucire. Prima parte dove predomina l’assenza di malizia del protagonista (a volte al limite dell’ingenuo) con ottime idee di sceneggiatura. Seconda parte più caotica con la componente fantastica che serve a dare poesia alla vicenda (omaggiata da Spielberg). Giusto l’uso a volte del dialetto milanese. Stoppa non incide.
MEMORABILE: Il raggio di sole; La strada 5x5; L’estrazione di un pollo (vero); Il tramonto a 1 lira (che sembra una gag di Pozzetto); La statua vivente.

Faggi 16/07/19 17:48 - 1477 commenti

I gusti di Faggi

"C'era una volta"... È la didascalia iniziale, che inesorabilmente marca il territorio di questo apologo fantastico, arricchito da pregiate spezie neorealiste e risonante di vaghi ed eleganti echi surrealisti. La qualità figurativa è impressionante, i valori plastici del bianco e nero a grana fine ammaliano con imprevedibilità, la naturalezza espressiva degli attori (diretti a regola d'arte) non si dimentica. De Sica e Zavattini sono terribilmente ispirati, corteggiano il metafisico posseduti da levità, ardore, sprezzatura.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 11/11/08 08:45
    Consigliere - 43802 interventi
    Mentre ancora stava girando il film, Vittorio De Sica venne avvisato che gli era appena nato un figlio: era Christian De Sica! Lo ha ricordato lo stesso Christian a Porta a Porta.
  • Curiosità Cangaceiro • 6/06/09 13:34
    Call center Davinotti - 744 interventi
    Zender ebbe a dire: Mentre ancora stava girando il film, Vittorio De Sica venne avvisato che gli era appena nato un figlio: era Christian De Sica! Lo ha ricordato lo stesso Christian a Porta a Porta. Christian ha specificato in una recente intervista a SKY di essere nato lo stesso giorno in cui papà Vittorio girò la celeberrima scena delle persone che volavano con gli ombrelli.
  • Curiosità Enricottta • 30/08/09 14:44
    Custode notturno - 82 interventi
    La scena madre della ascesa dei poveri verso un mondo migliore viene citata da spielberg in E.T,con i bambini che volano sulle bici.Zender i barboni volano sulle scope .
  • Curiosità Zender • 30/08/09 18:44
    Consigliere - 43802 interventi
    Enricottta ebbe a dire: Zender i barboni volano sulle scope. Ho detto il contrario? Non ricordo dove... Forse ti riferisci a Cangaceiro.
  • Curiosità Cangaceiro • 31/08/09 10:00
    Call center Davinotti - 744 interventi
    Eh si ho fatto confusione gli ombrelli non centrano assolutamente niente. Per rimediare ecco qui i 10 minuti finali di film: http://www.youtube.com/watch?v=pLSPHSkzUC8
  • Curiosità Smoker85 • 24/07/10 15:39
    Custode notturno - 61 interventi
    Il primo progetto per questo film fu abbozzato nel 1942, con sceneggiatura di Zavattini e con Totò come protagonista. Probabilmente c'era l'intenzione di impiegare la prima vena di totò, più pura e surreale.
  • Curiosità Caesars • 17/02/11 08:49
    Scrivano - 10218 interventi
    Ieri alla trsmissione Hollywood party su Radio3, un critico (dalla voce mi pareva Alberto Crespi) raccontava che in un'intervista Ivan Passer (regista cecoslovacco, poi emigrato negli USA) gli disse che in Cecoslovacchia il film fu censurato. Motivo: nella scena in cui i barboni volano via sulle scope i burocrati si accorsero che andavano verso occidente cioè verso l'America.
  • Homevideo Galbo • 30/05/11 07:07
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Classico di De Sica disponibile in dvd e BR con queste specifiche tecniche (fonte dvd-store) Formato video 1,33:1 1080p Formato audio 2.0 Stereo Dolby Digital: Italiano extra Scheda biografica Filmografie Trailer La prima a Milano Interviste