LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 7/06/07 18:23 - 4679 commenti

I gusti di B. Legnani

Penultimo film di Visconti. Un bel film (non ottimo), specialmente grazie ad un favoloso Burt Lancaster, raffinato e colto studioso, la cui vita, felicemente solitaria, viene invasa da sguaiati personaggi. Degli altri piace Helmut Berger, mentre la Mangano disegna bene un personaggio antipatico. La Marsani e Patrizi sono inesperti. Incollati male, col nastro adesivo, i riferimenti alle "trame nere".
MEMORABILE: Il finale, coi passi della morte che vengono dal soffitto.

Gugly 14/02/08 16:28 - 1011 commenti

I gusti di Gugly

Noioso film che dovrebbe celebrare la nostalgia di Visconti per la bellezza involgarita dai ricchi arrivati... ma dove lo abbiamo già visto? Ah si, ci sono anche Lancaster ed Helmut Berger (al posto di Alain Delon). Forse il messaggio era già stato recepito ne Il Gattopardo. Si salva solo la Mangano, che interpreta una signora dall'animo sensibile inversamente proporzionale alla sua eleganza.

Rebis 3/05/10 18:32 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Cerebrale ed opprimente kammerspiel testamentario in cui il timore di fraintendimento postumo genera un'assidua verbalizzazione d'intenzioni e senso che esaspera e inasprisce il congelamento emotivo. Visconti scruta tanto alla paura e al disarmo dell'intellettuale solipsista, quanto alla deforme e insincera vitalità dei giovani: nella dialettica, la ribellione edonistica e parassitaria di Konrad si definisce quale filiazione e martirio. Più significativo e denso che riuscito, è una lente focale necessaria per comprendere il lascito del regista. Grande erudizione. Eccellente Burt Lancaster.

Renato 14/06/10 11:16 - 1515 commenti

I gusti di Renato

Bel film, che parte alla grande (i primi 45' circa) e poi si perde soltanto un po' nella seconda metà. Tutta l'ambigua descrizione di questa marmaglia che entra con forza dirompente nella vita del professore è portata avanti in modo semplicemente perfetto: poi qualche scelta di sceneggiatura lascia perplessi, ma direi che il più delle volte si pende comunque dalle labbra degli attori per sapere cosa diranno. Peccato solo per il forzato inserimento del discorso Pci-fascisti, che stona moltissimo.

Stefania 7/07/10 15:40 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Una Morte a Venezia (ok: Roma), dove Von Aschenbach sopravvive a Tadzio, Konrad è un Tadzio messaggero, stavolta, della propria morte, "servo messo alla porta", respinto tanto dall'anacronistica borghesia intellettuale quanto dai nuovi padroni, già vecchi anche loro, statici in uno sterile caos, incapaci non solo di creare, ma persino di godere veramente di niente, neppure di quei deliziosi "conversation pieces"... Era l'unico vivo, Konrad, nel suo volere essere figlio, essere futuro, l'unico vivo: perciò l'unico destinato al sacrificio.

Homesick 20/02/11 18:41 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Può essere considerato il testamento spirituale ed artistico di Visconti, ritrovandovi le meditazioni di sempre (la solitudine, il disfacimento, l’incombere della morte, la dialettica fra passato e modernità) e lo stile da esteta colto e forbito. Sublime Lancaster, anziano e malinconico professore su cui si posano le vite eremitiche (letterarie) di Marcel e Des Esseintes e quella (reale) di Mario Praz; Berger interviene con la consueta aria ambigua e maudit e la Marsani con il fresco entusiasmo dell’adolescente. Grande cinema: da perdonarsi senza indugio alcuni forzosi riferimenti politici.
MEMORABILE: Lancaster che ascolta basito il turpiloquio di Berger al telefono; la stanza segreta; la metafora pascaliana dell’inquilino come messaggero di morte.

Myvincent 21/03/11 08:49 - 2505 commenti

I gusti di Myvincent

Un uomo, al tramonto della sua solitaria esistenza, assiste impotente al suo declino causato da un gruppo di arricchiti immorali, suoi nuovi vicini di casa. Ma la spinta verso quella nuova generazione gli dà occasione di vita, ma solo in apparenza e per poco. Penultima prova cinematografica magistrale del grande Luchino Visconti alle prese con le ricorrenti tematiche sulla decadenza, la morte, la nuova società. Grande carica recitativa di tutto il cast. Un suo altro innegabile capolavoro.

Fauno 19/03/12 12:47 - 1901 commenti

I gusti di Fauno

Per un'ora e mezza avrei dato io un bazooka a Lancaster per cacciar via questi quattro scarafaggi per non dire piattole. In seguito si affrontano valori che aggregano un gruppo di persone, si è sinceri sulla labilità anche del dolore, si descrive un'interessantissima connotazione politica di quei tempi che può proiettarsi tranquillamente anche ai giorni nostri, ed ecco che allora il film ci guadagna alla grande e si comincia a valutare anche quel che prima appariva insulso, come la limitazione dell'intero film a due appartamenti. Si spicca il volo...

Lucius 26/03/13 18:25 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Il capolavoro di Visconti, surclassato dalla popolarità di Rocco e i suoi fratelli e Il gattopardo (grandissime pellicole), è in realtà questo. L'abitudine di un agiato signore borghese alla vita di tutti i giorni viene spazzata via dal tram tram che una famiglia gli porta installandosi al piano superiore del suo appartamento. Un'occasione per riflettere, per riaprirsi al mondo, per tornare a vivere esplicata dal regista anche dallo stile degli arredi dei due appartamenti. Magistrale interprtetazione del cast. Magnifico.
MEMORABILE: La stanza segreta; Il lavoro dei reparti tecnici; La magnifica sceneggiatura.

Furetto60 27/05/13 20:17 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Con un'opera dal taglio teatrale, Visconti affronta il tema della vecchiaia, della solitudine a essa legata e della morte. Il protagonista vive in una torre d'avorio circondato da una materialità emanante struggenti richiami a un'umanità che gli è preclusa, in primis la famiglia che non c'è mai stata. L'evolversi dei rapporti coi vicini ha varie sfumature: intellettuali, sociali, sessuali (forse omosessuali) e politiche; ne deriva un film coraggioso e non facilmente commestibile. Grande interpretazione di Berger (offerto en nature per i fan).
MEMORABILE: Il balcone dell'appartamento affittato; La camera nascosta; I passi che il professore sente nell'ultima scena (la morte?).

Matalo! 30/03/15 12:02 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Esiste la categoria dei "Riccardoni" del cinema? Questo film ha buone possibilità di entrarci, ma possiede un primo tempo molto buono. Poi, con l'arrivo della Zanicchi (perchè la Zanicchi e non i Pink Floyd?) crolla parecchio macchiandosi di ridicolo involontario, come una vecchia zia affettata mentre piange davanti a uno sceneggiato. Il contesto politico è risibile; la gioventù messa in scena alquanto relativa. Resta la monumentale recitazione di Lancaster, una sempre splendida Mangano, un plausibile Berger. Splendida la casa, simile a quella di Praz. Cosa blatera il corvo?

Didda23 20/04/15 11:07 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Un film corretto, diretto bene da Visconti e interpretato da un trio d'attori molto in parte (Lancaster/Mangano/Berger). Peccato che la sceneggiatura sia mediocre, scorrendo via senza picchi e risultando molto piatta. Nel momento in cui Visconti vorrebbe essere corrosivo nei confronti della società e della politica (tirando in mezzo complotti, fascisti e comunisti) ottiene invece l'effetto opposto generando nello spettatore un senso di incredulità. La conduzione generale, dall'andamento oltremodo compassato, non è il massimo per tenere alta la concetrazione.

Deepred89 26/04/15 22:49 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Il personaggio di Lancaster (stupendo e stupendamente doppiato), intenso, credibile, fascinoso, conduce il film per mano fino al termine permettendogli di oltrepassare momenti dal ritmo lentuccio, di non fare pesare troppo alcune interpretazioni non eccelse (i giovani, Berger escluso) e di far chiudere un occhio sull'inutilissima digressione politica prima del finale. Berger gigioneggia al massimo e Visconti ce lo mostra in tutti i lati possibili, pure in una scena sotto la doccia molto Gloria Guida style. Sontuosamente claustrofobico.

Rambo90 15/01/18 00:00 - 6284 commenti

I gusti di Rambo90

Un ritratto del tempo in cui è stato girato, e insieme riflessione sulla vecchiaia e sulla solitudine. Più convincente nella prima parte, dove il mondo del professore entra bruscamente in conflitto con i suoi inquilini, un po' meno nella seconda, anche per via di un ritmo che si fa sempre più rarefatto. Bravissimo Lancaster, ma anche la Mangano, meno convincenti sono invece le prove dei giovani, compreso Berger (che sconta però un personaggio scritto in modo banale). Buona l'elegante regia di Visconti.

Nando 21/02/18 18:54 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Probabilmente il testamento cinematografico di Visconti, che realizza una pellicola che mostra le peculiarità del suo cinema; il disfacimento, la morte e la solitudine. Grandi scenografie e interpretazione monumentale di Lancaster ben coadiuvato dal solito ambiguo Berger e da una particolare Mangano, lontana dai suoi schemi ma comunque efficace, in parte anche gli altri due giovani interpreti. Film importante con dialoghi e riflessioni di ampio e alto livello.

Rocchiola 29/08/18 11:46 - 849 commenti

I gusti di Rocchiola

Tra gli ultimi Visconti è uno dei meno tediosi. Pur risultando molto verboso, è vivacizzato dall’escalation di situazioni disturbanti a cui è sottoposto l’anziano e solitario protagonista, in un crescendo quasi da home-invasion inaspettato, da parte di questo autore. Un ottimo Lancaster incarna l’alter-ego del regista che osserva dal suo rifugio artistico la decadenza dei costumi e della società moderna fatta di arricchiti rozzi e volgari e giovani senza più morale. Brava anche la Mangano in un ruolo di rara antipatia.
MEMORABILE: "Guai a chi è solo perché quando cade non avrà nessuno pronto a sollevarlo"; "I corvi vanno a schiere, l'aquila vola sola"; L'orgetta notturna a tre.

Paulaster 10/07/19 09:54 - 2693 commenti

I gusti di Paulaster

Anziano professore affitterà un appartamento a personaggi discutibili. Visconti riflette sulla vita che termina, sull'inadeguatezza del nuovo (ma torbido e affascinante) che avanza, sul ruolo della borghesia (debole il resoconto). Confezione eccellente specie nel confronto tra stili. Lancaster ottimo anche solo con gli sguardi, Mangano strepitosa specie all'inizio, Berger magnetico. Finale di grande intuizione.
MEMORABILE: La casa riammodernata; Berger in pelliccia; Il racconto che porta al finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Lucius • 21/03/13 04:32
    Scrivano - 8422 interventi
    Zender tempo fa lessi che la scrivania (di sicuro) e forse anche la stanza dello studio del professore (Lancaster) è la stessa usata in Profondo rosso, nella scena in cui appare il manichino.La cosa è riportata qui? Si potrebbe aggiungere alle curiosità...
    Ultima modifica: 21/03/13 04:33 da Lucius
  • Discussione Zender • 21/03/13 08:07
    Consigliere - 43837 interventi
    Sì, lo scrivemmo anche qui tempo fa. Cercai pure nei due film ma non trovai somiglianze significative.
  • Discussione Buiomega71 • 21/03/13 17:05
    Pianificazione e progetti - 21693 interventi
    Quanto adoro questo film! Quì Visconti è un Dio! Questo è Gran Cinema, ragazzi miei!
    Ultima modifica: 21/03/13 17:38 da Buiomega71
  • Discussione Lucius • 21/03/13 22:37
    Scrivano - 8422 interventi
    Anch'io lo adoro.Ci rimasi male quando seppi che l'attico nel film era ricostruito. Ho faticato per trovare l'lp originale. Una pietra miliare del grande cinema italiano, questa pellicola.
  • Musiche Lucius • 26/03/13 13:39
    Scrivano - 8422 interventi
    Durante una delle sequenze del film, in concomitanza con la paura del protagonista di restare solo si sente la canzone "La mia solitudine sei tu", scritta da Cristiano Malgioglio che si vanterà a lungo, in varie trasmissioni tv e interviste, di essere stato citato in un ambito così colto.
    Ultima modifica: 26/03/13 13:40 da Lucius
  • Discussione Lucius • 26/03/13 18:26
    Scrivano - 8422 interventi
    Zender ebbe a dire: Sì, lo scrivemmo anche qui tempo fa. Cercai pure nei due film ma non trovai somiglianze significative. In effetti ho verificato, notizia infondata al 100%.
    Ultima modifica: 26/03/13 18:27 da Lucius
  • Homevideo Didda23 • 2/07/14 14:25
    Comunicazione esterna - 5713 interventi
    E' uscito in Blu-ray per la spagnola Divisa Home Video: http://www.amazon.es/Confidencias-Blu-ray-Burt-Lancaster/dp/B00KI2SG0G/ref=sr_1_11?s=dvd&ie=UTF8&qid=1404303732&sr=1-11
  • Curiosità Zender • 29/05/16 13:09
    Consigliere - 43837 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:
  • Homevideo Xtron • 14/10/16 23:19
    Servizio caffè - 1829 interventi
    Io ho il BD+DVD Eureka Audio italiano e inglese Sottotitoli in inglese (si tolgono senza problemi) Formato video 2.35:1 anamorfico Durata 2h01m18s (bluray), 2h01m21s NTSC (dvd) Extra: Trailer, intervista a Alessandro Bencivenni, "Luchino Visconti the quest for the impossible", booklet di 20 pagine BLURAY immagine a 44:56 DVD
    Ultima modifica: 15/10/16 08:08 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 29/08/18 11:52
    Call center Davinotti - 1116 interventi
    In verità c'è anche l'edizione italiana della Rarovideo che offre un master restaurato di un buon livello audiovisivo. Certo avendoli visionati entrambi devo dire che il bluray dell'inglese Eureka è lievemente superiore grazie ad un nuovo restauro in 2K che garantisce un'immagine pulita e ben dettagliata con appena un filo di grana del tutto naturale. L’originale audio italiano è di buon livello ed è utilizzabile anche senza sottotitoli.
    Ultima modifica: 29/08/18 17:36 da Zender