La mia signora - Film (1964)

La mia signora
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1964
Genere: commedia (colore)
Note: Episodi: "L'uccellino" (Brass), "Eritrea" (Comencini), "I miei cari" (Bolognini), "Luciana" (Bolognini), "L'automobile" (Brass)

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Cinque episodi di tre diversi registi (Brass, che apre e chiude il film, e Bolognini ne dirigono due a testa), sempre con la coppia Alberto Sordi/Silvana Mangano protagonista. Gli episodi cardine restano i due con i nomi di donna (ERITREA e LUCIANA), anche per via della loro durata, decisamente superiore a quella di episodi che paiono poco più che barzellette dilatate. Apre Tinto Brass con L’UCCELLINO, in cui vediamo Sordi uccidere l'uccellino ingabbiato della moglie, causa delle di lei fastidiose attenzioni. Appunto, come si diceva, una barzelletta diluita, che non dice nulla e diverte poco. Meglio si va con ERITREA, in cui Sordi assume una prostituta e la fa andare col ministro spacciandola...Leggi tutto per la propria moglie. E’ forse l'episodio nel quale meglio sono bilanciate l'estrema bravura dei due attori e la loro verve comica; diretto da un ottimo Luigi Comencini è l'acme del film, basato sulla stessa idea del coevo BACIAMI, STUPIDO di Wilder. Si continua con I MIEI CARI, di Bolognini: Sordi è in ospedale, ammalato, e riceve la visita di moglie, suocera e figlio, tutti decisi a fargli pesare la sua condizione di malato. Ottima idea (di Parise e Sonego) per un Sordi, gonfio e con le occhiaie, bravissimo. Il secondo tempo si apre con l'episodio più lungo, LUCIANA, ancora di Bolognini, in cui i due si conoscono all’aeroporto e se ne vanno insieme in attesa che l'aereo con a bordo i rispettivi partner riatterri dopo un grave guasto. Di nuovo bravi i due ma la storia, che parte bene, presto si affloscia. Non si ride e l'interpretazione amara di Sordi e la Mangano in questo caso annoia. Chiusura pimpante con Brass e L’AUTOMOBILE, con Sordi che preferisce la Jaguar alla moglie. Episodio dichiaratamente comico; Sordi ritorna alle origini.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 19/08/07 01:31 - 5567 commenti

I gusti di B. Legnani

Mah! Era lecito attendersi molto di più, visti i registi e gli attori. Limite del film a episodi o limiti delle sceneggiature? Fatto sta che lo si vede in fretta, lo si digerisce e lo sia archivia lontano. Restano il sempre gustoso Claudio Gora, Sordi che fa Sordi e la poliedricità della Mangano. Ma è poco, troppo poco.

Galbo 27/06/10 08:42 - 12456 commenti

I gusti di Galbo

Film a episodi, alcuni riusciti altri meno. Le prove degli attori suppliscono carenze di sceneggiature non impeccabili mentre la regia degli episodi rimane sempre di buon livello. L'episodio più godibile è quello diretto da Bolognini, Luciana, che si mantiene sempre al confine tra la commedia e la vicenda malinconica.

Edo 10/08/10 21:25 - 12 commenti

I gusti di Edo

Film in 5 episodi. In tutti gli episodi compaiono Alberto Sordi e Silvana Mangano. Il film è stato scritto da Marcello Fondato (episodio “Eritrea”) e da Rodolfo Sonego (tutti gli altri episodi). “L’uccellino” è una sapida barzelletta. “Eritrea” mostra quali siano le qualità realmente apprezzate nell’Italia del boom. “I miei cari” è una feroce satira sui doveri familiari. “Luciana” probabilmente uno dei migliori episodi scritti da Sonego: comico e malinconico allo stesso tempo. “L’automobile” è una presa in giro del consumismo. Da vedere.
MEMORABILE: L’ing. Sartoletti (Sordi) spiega alla prostituta Eritrea (Silvana Mangano) come si comporta una signora quando viene insidiata da un uomo di potere.

Max92 12/06/11 13:05 - 104 commenti

I gusti di Max92

Una delle punte di diamante del film ad episodi, con Sordi e la Mangano al top della loro forma. Gli episodi migliori restano senza ombra di dubbio "Eritrea" e "Luciana", grazie al maggiore sviluppo narrativo, mentre "I miei cari", ravvivato solo dalla presenza delle matronali Elena Nicolai ed Elena Fabrizi, è prolisso. Molto graffianti, anche se barzellettistici, i due brevissimi episodi diretti da un ispirato Tinto Brass non ancora patologicamente ossessionato dagli attributi femminili. Divertentissimo e corposo ruolo per Maria Tedeschi.
MEMORABILE: Tedeschi: "Mio marito è un porco!" Sordi: "Ah, non sapevo!" Tedeschi: "Beh, adesso lo sa!"

Markus 29/07/11 07:30 - 3705 commenti

I gusti di Markus

Episodi nell'insieme piacevoli, ma che non fanno sbellicare dal ridere (in considerazione del fatto che il film è con Sordi, qui in coppia con la Mangano). "La mia signora" attinge ai classici canovacci della commedia all'italiana cinica e materiale, in pratica l'ossatura della comicità di Sordi, ma la brevità dei racconti (e forse anche la svogliatezza delle regie) non danno tempo all'attore di rendere al meglio. L'episodio "Eritrea" sarà replicato (con poche varianti) in Rimini Rimini (episodio con Jerry Calà).

Luchi78 17/08/11 16:30 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Film a episodi che vede il mattatore Sordi coadiuvato dalla brava Silvia Mangano, entrambi convincenti in tutti i ruoli recitati. Stravince l'episodio "Eritrea", ma anche "I miei cari" risulta un accattivante ed umoristico ritratto della nuova tipologia di famiglia all'italiana, molto più sbilanciata sul femminile. Del resto tutto il film fa perno su una figura di donna che comincia ad emanciparsi dai suoi ruoli classici e sotto questo punto di vista è Sordi che diventa una sorta di divertente "spalla".

Rambo90 21/03/12 22:47 - 7742 commenti

I gusti di Rambo90

Vedibile, anche se nessuno dei 5 episodi rimane particolarmente impresso. Sordi e la Mangano sono bravissimi e sanno calarsi con convinzione in ogni personaggio, ma mancano sceneggiature davvero solide e non scontate. L'episodio peggiore è il primo, diretto da Brass, che sembra una semplice barzelletta diluita; il migliore è il secondo, ben diretto da Comencini e che avrebbe potuto addirittura sostenere un film intero. Gli altri son simpatici, ma mi aspettavo qualcosa di più.

Samuel1979 3/06/12 12:17 - 551 commenti

I gusti di Samuel1979

Film che fa emergere la bravura e la perfetta simbiosi della coppia Sordi-Mangano. Fra i cinque episodi, da menzionare quello intitolato "Eritrea", nel quale Sordi, nei panni dell'ing. Sartoletti, col suo opportunismo "usa" una prostituta (Mangano) per concederla ad un potente onorevole in cambio di un favore che gli cambierà la sua vita. Ottima la performance di Claudio Gora.
MEMORABILE: Sei 'na battona sei...!

Stefania 20/06/12 01:42 - 1599 commenti

I gusti di Stefania

Tutti e cinque gli spunti sono esili, ed è normale nei film a episodi: il loro valore sta nel dare modo alla vis comica dell'attore protagonista di deflagrare, di esprimersi al meglio, negli esigui confini di ciascun segmento. In questo senso, "L'uccellino" è riuscito, perché la silente maschera sordiana è impeccabile; "Eritrea" ha uno sviluppo narrativo ottimo, è pessimista senza struggimenti; misuratissimo "I miei cari"; prevedibile "L'automobile"; mentre "Luciana" necessitava di uno studio dei caratteri più sottile, era forse il meno adatto alla formula episodica. Buon film, nel complesso.
MEMORABILE: "Tu sei un uomo, e un uomo ha il dovere di non ammalarsi!"; "Indovini qual è mia moglie... è la più brutta!"

Saintgifts 18/11/12 16:17 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Film al femminile (a partire dal titolo): nei cinque episodi è sempre la donna, anche quando è vittima, a contare. L'uomo ne esce in tutta la sua meschinità (quindi azzeccata la scelta di Sordi, per rappresentarlo). Forse nell'episodio di Luciana uomo e donna sono alla pari e in quello de I miei cari è l'uomo la vittima, ma la donna ne esce comunque indenne, rispettando freddamente le "regole" e i doveri del matrimonio. I due protagonisti tengono su tutta la baracca con la loro bravura e i loro trasformismi. Musica alla moda e invadente.
MEMORABILE: Il "motoryacht" dell'onorevole (un bravo Claudio Gora), batte bandiera panamense.

Maria Tedeschi HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Il signor MaxSpazio vuotoLocandina 47 morto che parlaSpazio vuotoLocandina Mondo cane n. 2Spazio vuotoLocandina Otto e mezzo

Graf 19/11/13 00:14 - 708 commenti

I gusti di Graf

Cinque episodi, tre registi e due attori protagonisti: un film collettivo tra i migliori fra tutti quelli che furono girati alla metà degli anni ’60. Gli episodi di Brass sono due barzellette che esasperano la verosimiglianza fino alla dilatazione grottesca; ”Eritrea” di Comencini è una avvelenata commedia di costume che sconcerta per il suo cinismo; i due di Bolognini sono “I miei cari”, che ragiona sul grigiore e sulla banalità dei rapporti familiari, e “Luciana”, un episodio di raffinata e quasi rarefatta riflessione sui paradossi del matrimonio.
MEMORABILE: Il passare e il ripassare continuo dell'aereo su Fiumicino mentre i due rispettivi coniugi mal sposati rimasti a terra sperano in un suo incidente...

Liv 25/10/15 19:33 - 237 commenti

I gusti di Liv

All'epoca andavano i film a episodi, forse per influenza dei tempi televisivi cui ci si stava abituando, quando la tv minava le presenze nelle sale da cinema. I due episodi più lunghi sono i migliori, certamente, data anche la brevità degli altri tre. Quello di Eritrea è divertente e non perde un colpo, con Sordi e la Mangano in grande affiatamento. L'episodio di Luciana è melanconico e la stessa coppia sembra fuori parte o poco convinta. Insomma, vale la pena di rivedersi il film a casa, perlomeno l'episodio di Eritrea.
MEMORABILE: L'ing. Sartoletti, tempo dopo l'episodio col ministro, andato a buon fine per il primo, vede per caso Eritrea, ora sposata a una persona di successo.

Il Dandi 5/07/16 00:42 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Interessante. Deludenti i due brevi episodi di apertura e chiusura (perché dal Brass pre-erotico ci si aspettava di più), meglio i due di Bolognini (i più malinconici) e quello di Comencini (il più divertente). "Eritrea" e "Luciana" avrebbero meritato uno sviluppo da lungometraggio e sono anche quelli in cui emergono di più i personaggi femminili (fin dai titoli eponimi) e il talento della Mangano; eppure, nonostante l'intima intesa tra lei e Sordi, proprio non mi riesce di trovala una coppia (cinematograficamente) ben assortita.
MEMORABILE: Luciana: "Ma tu non ce l'hai un mestiere? Una specialità?" Sordi, sconsolato: "Amore... sono attore drammatico".

Gabrius79 8/12/16 13:08 - 1432 commenti

I gusti di Gabrius79

Un film a episodi piuttosto piacevole con la gustosa coppia Sordi/Mangano che sa regalarci momenti esilaranti grazie a una grande professionalità. Si segnalano come migliori episodi "Eritrea" e "Luciana", poco più di due barzellette "L'uccellino" e "L'automobile". Poco riuscito "I miei cari". Godibile colonna sonora nelle mani di Trovajoli.

Alex75 28/04/17 09:34 - 887 commenti

I gusti di Alex75

Cinque variazioni sul tema dei rapporti di coppia, accomunati dalla presenza di Sordi e della Mangano. Il più caustico è Comencini, con un episodio centrato su un personaggio dall’opportunismo monumentale, mentre Bolognini traspone un agghiacciante spunto di Parise (la malattia considerata come una colpa) e getta uno sguardo malinconico sui matrimoni d’interesse. Gli innocui sketch di Brass sono prescindibili, nonostante il saggio di bravura dispiegato da Albertone.
MEMORABILE: Le espressioni di Sordi nel primo episodio; “Eritrea”; “I miei cari”; Il gioco di sguardi tra Sordi e la Mangano al ristorante dell’aeroporto.

Il ferrini 9/12/17 23:00 - 2426 commenti

I gusti di Il ferrini

Elegante commedia che vede protagonisti in tutti gli episodi Sordi e Mangano. Il segmento più riuscito è Eritrea, che sarà penosamente ripreso in Rimini Rimini, involgarendolo. Divertenti anche l'introduzione e (soprattutto) il finale, affidati al giovane Brass che stava già lavorando con l'Albertone per Il disco volante. La Mangano è bravissima sia nei panni della popolana che in quelli della signora borghese e il comparto dei caratteristi è notevole (c'è perfino un'ancora sconosciuta ma già simpatica sora Lella).

Daniela 3/04/22 21:31 - 12786 commenti

I gusti di Daniela

Cinque episodi tenuti insieme dal filo conduttore della tematica di coppia: come spesso accade nei film antologici italiani del periodo, anche in questo caso la somma dei talenti coinvolti non fa il totale, in quanto il risultato varia dal mediocre (L'uccellino di Brass) al buono (Eritrea di Comencini !) per assestarsi su un livello nel complesso modesto nonostante la bravura di Sordi nell'interpretare una galleria di personaggi vili e meschini e la capacità di Mangano di passare con disinvoltura dai panni della prostituta a quelli dell'elegantissima signora borghese.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Musiche Samuel1979 • 6/11/12 14:19
    Addetto riparazione hardware - 4282 interventi
    Nell'episodio "Eritrea" Silvana Mangano balla sulle note di "Datemi Un Martello" di Rita Pavone
    Ultima modifica: 6/11/12 14:19 da Samuel1979
  • Musiche TomasMilia • 5/08/13 02:10
    Galoppino - 126 interventi
    Qualcuno mi sa dire la canzone che si sente in sottofondo a questa scena?

    http://youtu.be/cNFL3UUiEI8?t=22m34s
  • Musiche Dusso • 5/08/13 09:50
    Archivista in seconda - 1859 interventi
    Il surf della mattonella del gruppo La Cricca penso
    Ultima modifica: 5/08/13 09:51 da Dusso
  • Musiche TomasMilia • 6/08/13 02:45
    Galoppino - 126 interventi
    Pare proprio quella. Grazie mille Dusso ;-)
    Ultima modifica: 6/08/13 02:47 da TomasMilia
  • Discussione Squash • 16/09/14 14:57
    Galoppino - 187 interventi
    Doppiaggio anomalo in questo film. Il cameriere che offre le triglie a Sordi prima parla con la voce di Antonio Guidi e poi con quella di Adalberto Maria Merli.
  • Musiche Lucius • 4/02/15 18:59
    Scrivano - 9041 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:


    Ultima modifica: 5/02/15 07:20 da Zender
  • Curiosità Zender • 5/12/16 16:35
    Capo scrivano - 48085 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Alex75 • 4/10/17 17:16
    Call center Davinotti - 709 interventi
    Il racconto di Goffredo Parise da cui è tratto l'episodio I miei cari fu incluso qualche anno dopo nella raccolta Il crematorio di Vienna, edito da Feltrinelli nel 1969.