Il ricco, il povero e il maggiordomo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

E' ormai assodato che il favoloso trio di una volta è scomparso d'improvviso con IL COSMO SUL COMO' per non tornare più. Da quel film spartiacque, il tentativo di risalire la china ha prodotto commedie mediocri, accettabili ma imparagonabili ai primi fasti. Il film del Natale 2014 non inverte il trend, semplicemente s'inserisce nel solco dei precedenti senza brillare, ritrovando tuttavia qualche buon momento soprattutto durante la fase del travestimento di Aldo in uomo d'affari azero. E' qui che i tre ci ricordano quanto riuscissero a divertire in modo personale. Se però un tempo la risata scaturiva dall'interazione tra le tre diverse (e contrastanti) personalità, in questo caso...Leggi tutto essa scaturisce quasi esclusivamente per merito di Aldo, esilarante per esempio quando si lancia nell'interpretazione a richiesta di una canzone del suo supposto paese. A mancare, considerato quanto fosse un tempo lui la vera chiave di volta di molte gag, è soprattutto Giovanni, costretto nel ruolo poco felice di maggiordomo del ricco (e poi povero) Giacomo. Innamorato della bella "collega" con cui lavora nella casa del suo principale, non può soddisfare le di lei ambizioni matrimoniali causa mancanza di liquidità del suo capo (e conseguentemente sua); riceve regolarmente gli insulti di tutti in silenzio, ma anche quando potrebbe reagire non si prende troppe rivincite. Detto quindi di un Aldo sulle cui spalle pesano le maggiori responsabilità comiche del film, non si può che prendere atto di un Giacomo non troppo divertente causa un personaggio molto posato, quello del ricco agiato dotato di self-control. Ciò che penalizza maggiormente l'opera è comunque la regia, troppo frammentaria, incapace di dare al film la necessaria omogeneità per renderlo godibile pur senza poter ambire a vette umoristiche eccelse. Siamo nella perfetta media post-comò, quella di prodotti che non si può dire deludano completamente i fan grazie alla professionalità e alla sopravvissuta vena comica dei tre, ma che certo lasciano piuttosto interdetti per le tante scene inserite forzatamente per allungare il brodo (tutta la parte al matrimonio finale, per esempio). Ancora buona la scelta di alcuni brani musicali, convenzionali le location milanesi (costruite come ormai spesso capita attorno alla zona in cui spiccano i nuovi grattacieli della Regione), classicamente associabile al trio la sfida a calcio all'interno del chiostro sui cui si avviano i titoli di coda. Zoppicante, largamente imperfetto ma non del tutto disprezzabile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/12/14 DAL BENEMERITO 124C POI DAVINOTTATO IL GIORNO 21/12/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ugopiazza 18/12/14 15:33 - 118 commenti

I gusti di Ugopiazza

Le ho contate: mi sono cascate le braccia nove volte nel vedere questo film. Ma cosa è successo a questo trio che in passato ci ha regalato degli autentici capolavori di comicità? Consideravo il ritorno dei tre alla regia l'ultima spiaggia per una ricomparsa di stile, invece quello che resta a fine visione è la triste realizzazione che ormai a loro non interessa più neanche di deludere i fan di quella meravigliosa malinconia di fondo che pervadeva le loro opere passate, ora sostituita da un costante senso di irrealismo e forzatura. Desolante.

124c 15/12/14 13:31 - 2755 commenti

I gusti di 124c

Il nuovo film del trio vede in azione un ricco che poi cade in disgrazia (Giacomo), un maggiordomo innamorato di una cameriera brasiliana (Giovanni) e un povero il cui sogno è farsi la bancarella al mercato (Aldo). Le simpatie vanno ad Aldo e a Giovanni, che improvvisano situazioni e battute a profusione (vedi il sonnambulismo "particolare" di Aldo e le arti marziali di Giovanni). Ispirata Giuliana Lojodice nel ruolo della mamma di Aldo, auto-ironico Massimo Popolizio come sacerdote severo. Film discreto, ma Tre uomini e una gamba era un'altra cosa.
MEMORABILE: Aldo travestito da ricco arabo per sedurre la bella Francesca Neri, per conto di Giacomo; La squadra di calcetto di bambini di Aldo che perde sempre.

Rambo90 16/12/14 01:48 - 6268 commenti

I gusti di Rambo90

Dopo quattro anni il trio torna e realizza un film altalenante, che tutto sommato mette allegria ma è lontano anni luce dalle prove migliori. La prima parte è un po' lenta; quando poi finalmente i tre si trovano a dover convivere il ritmo decolla e si inizia a ridere. Anche qui non tutto fila liscio, con gag slapstick inserite forzatamente e qualche ripetitività, ma almeno ci si diverte. Ottimo il cast di contorno, simpatico (anche se prevedibile) il finale.

Puppigallo 18/12/14 11:41 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Chi ha consigliato ai tre di adeguare il loro livello ai cinepanettoni medi dovrebbe essere denunciato (i pietosi siparietti con le varie figure femminili, battute e gag da quattro soldi, persino il blabla al cellulare...). Ma se l'involuzione è avvenuta spontaneamente, allora è ancora più grave, visto il talento dei protagonisti. Persino la scelta dei brani musicali indica un modello decisamente base e discutibile di tentativo di comicità, che difficilmente può strappare sorrisi. Qua e là c'è qualche lampo dei loro, ma nel complesso resta un filmaccio.
MEMORABILE: Il "progetto" disegnato da Aldo (non male); Domanda a Aldo: "Il sesto comandamento?". E lui "Ma non erano cinque?"; La bara di cartone.

Ultimo 19/12/14 10:05 - 1335 commenti

I gusti di Ultimo

Aldo, Giovanni e Giacomo tornano sul grande schermo dopo qualche anno e realizzano un film niente male, ma imparagonabile ai primi "capolavori" di fine anni 90. La trama è abbastanza scontata, finale compreso, ma la bravura dei protagonisti è indiscutibile e quando i tre entrano in confidenza lasciano trapelare qua e là il profumo degli antichi fasti. Due pallini al film, tre alla bravura e affiatamento del trio. Nel cast anche Sara D'amario (noiosa) e Francesca Neri (più in parte). Non male.
MEMORABILE: Aldo che cerca, con scarso successo, di fare l'allenatore.

Claudius 27/12/14 12:33 - 391 commenti

I gusti di Claudius

Eh no, questa non me la dovevate fare: piegare la comicità di un grande trio ai cinepanettoni... Qualche buona idea si trova (la bara di cartone, il finto azero), ma ormai tutto sa di risaputo e ripetitivo. Dei tre il migliore è Aldo; anche la D'Amario e la Lojodice s'impegnano ma... Non metto di meno perché si tratta pur sempre di Aldo, Giovanni e Giacomo.

Gabrius79 28/12/14 01:13 - 1182 commenti

I gusti di Gabrius79

Aldo, Giovanni e Giacomo sono i protagonisti di questa commedia buonista e priva di volgarità che purtroppo riesce a strappare poche risate, soprattutto concentrate nell'ultima mezz'ora. Ci sono comunque una bravissima Giuliana Lojodice e un ottimo Massimo Popolizio, forse poco utilizzato. Come di consueto le parti più divertenti sono appannaggio di Aldo. Un passo indietro rispetto alla Banda dei Babbi Natale.

Disorder 5/01/15 09:15 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Va tutto bene finché il trio si limita a fare quello che sa far meglio, proponendo più o meno i soliti personaggi già visti in molti film ma di sicurissima presa. Non male anche la storia e la regia. Quello che proprio non funziona sono i siparietti proto-sexy, davvero fuori dalle corde del trio milanese, oltre alle inutili gag slapstick (la pallina in testa era già vecchia ai tempi di Fantozzi). Ottimo come sempre l'utilizzo delle location milanesi. Niente di memorabile, ma si può vedere...

Ryo 14/01/15 19:00 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Il ritorno alla regia del trio (e non solo come interpreti) faceva ben sperare anche a un ritorno della comicità brillante presente nei loro primi tre film. Operazione quasi riuscita: non è un film scadente come Il cosmo sul comò o banale come La banda dei babbi natale, ma contiene una punta di comicità forse più adatta a un cartone animato, più che a un film. Alcune trovate sono persino di cattivo gusto, oltre che nonsense, ma tuttavia c'è un buon ritmo e a volte si ride. Aldo è il migliore, Giacomo meglio da metà film in poi, Giacomo è sempre in bilico fra l'irritante e il fuori luogo.
MEMORABILE: La vestaglia di Calcedonia appesa al filo con Aldo che legge la lettera; Giacomo fa conoscere il tablet a Aldo e mamma; Il prete in tutte le sue scene.

Delpiero89 12/02/15 18:54 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

A quattro anni di distanza dal buon La banda dei babbi Natale, il ritorno sul grande schermo del trio comico italiano più celebre. Dopo una prima mezz'ora piuttosto transitoria e dimenticabile, la pellicola migliora con il passare dei minuti e le gag diventano più convincenti. Non è semplice riproporsi sempre ad altissimi livelli ma, nonostante qualche forzatura, il film funziona e il divertimento non manca. Ottime, come sempre, le interpretazioni minori e la colonna sonora.

Paulaster 6/03/15 10:28 - 2667 commenti

I gusti di Paulaster

Con rammarico si evidenziano i limiti che ha raggiunto il trio. Oltre ad avere pochissime frecce che colpiscono il bersaglio, manca la coesione nel legare i diversi personaggi. Aldo si sobbarca sia il lato comico che drammatico mentre in Giovanni latita l'incisività. Nelle parti domestiche i dialoghi assumono vesti teatrali anche grazie alla Lojodice, al di là di esse (la famiglia di Giacomo, la venezuelana, una morale finale) manca in toto la struttura. La scelta azzardata del funerale+matrimonio lascia perplessi.

Galbo 8/05/15 19:54 - 11306 commenti

I gusti di Galbo

Gratificato da un indubbio talento comico, il trio Aldo, Giovanni e Giacomo lo ha progressivamente dissipato nel corso degli anni. Questa commedia è davvero poca cosa e denota una notevole sciatteria nella realizzazione. Il soggetto potrebbe anche andare ma la sceneggiatura è poco più che abbozzata con il ricorso continuo a stereotipi narrativi ormai abusati, tipo l'inevitabile partita di calcio ormai simbolo del cinema italiano con poche idee. Con questo film i nostri peraltro sembrano segnare il passa anche come attori. Pessimo.

Tarabas 4/01/16 13:45 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Visto per caso, il film mi ha riconciliato coi tre, che da tempo consideravo persi alla causa. Questa commedia abbandona inutili pretese e vezzi autoriali. Si limita a fare ridere con garbo e simpatia; certo ripete situazioni note, ma mescola un po' le carte coi personaggi. Giacomo è un inedito "cattivo", Giovanni fa il timido mentre Aldo fa Aldo e fa bene, gli viene evidentemente naturale. Manca sempre la spruzzata di (innocuo) cinismo dei corti e della gamba, che ravvivava un minimo le gag, ma sono tornato a divertirmi. Bene così.

Nando 3/01/16 11:58 - 3452 commenti

I gusti di Nando

Commedia di una pochezza disarmante che mostra la notevole decadenza del trio comico, sviluppo narrativo imbarazzante e gag ripetitive che tentano, con poca fortuna, di strappare il sorriso. I tre protagonisti annaspano e il cast di contorno, eccezion fatta per la Lojodice, non è da meno. Da evitare.

Yamagong 3/01/16 12:23 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Accantonate le funamboliche velleità goliardiche di un tempo, così come quelle dello zuppone metafisico, al trio di Mai Dire Gol non resta che una via: quella della commedia dei buoni sentimenti, gradevole quanto insapore, un po' come un bicchier d'acqua. Il rischio è minimo, la scommessa in comicità pure, tra scenette costruite per moduli (penosi gli intermezzi "mimati"), risibili richiami a un'ottimistica coesione sociale e i tre che persistono in un ars dramatica decisamente al di là delle loro corde. Aldo superstar (quando c'è lui si ride).
MEMORABILE: Aldo camuffato da petroliere azerbaijano.

Vitgar 3/01/16 19:35 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Sic transit gloria mundi: da troppo tempo ormai il trio ha perso quella brillantezza e originalità che ci aveva fatto tanto ridere alcuni anni or sono. Poche idee, in fondo sempre quelle, unite a una evidente scarsa partecipazione attoriale rendono il film un brodino riscaldato che suscita solo qualche sorriso e un forte rimpianto per i tempi migliori.

Maxx g 2/02/16 12:40 - 491 commenti

I gusti di Maxx g

Ho visto il film più che altro per capire a che livello è attualmente il trio. E' una commedia godibile, anche se gli atteggiamenti dei tre sono i medesimi visti e rivisti parecchie volte. Lo svolgimento è piuttosto scontato e si ride prettamente appunto per i cliché che hanno caratterizzato il trio. Sprecata Francesca Neri, discreto Popolizio. Nulla di che. Bisogna amaramente constatare che i tre mostrano il fiato corto.

Parsifal68 11/01/16 13:23 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

C'erano una volta Aldo, Giovanni e Giacomo, ovvero un trio comico dalle geniali gag che ha fatto ridere milioni di italiani. Dopo i primi tre films, molto ben fatti, il lento ma progressivo oblìo ha preso il sopravvento e c'è da chiedersi se tutto ciò sia davvero farina del loro sacco; se sì, allora c'è di che intristirsi per la scomparsa di tre piccoli geni della comicità, il cui epitaffio artistico è rappresentato da questo scialbo e stanco filmetto, recitato in maniera imbarazzante. Salvo solo la Lojodice e la procacità della Neri. Orrido.

Piero68 18/01/16 15:07 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

A 17 anni dall'esordio cinematografico e a distanza di 4 dall'ultimo film "vero", il trio ritorna al grande schermo con un lavoro che ancora una volta dimostra i limiti di sempre nella sceneggiatura e nella realizzazione. Senza contare la stanchezza e la ripetitività che ormai pervade le loro gag (anche perchè i personaggi proposti si somigliano troppo tra di loro). A poco servono gli inserimenti della Neri e di Popolizio, che fungono più da camei che da caratteristi. Pensare di continuare a campare di rendita è un vero e proprio suicidio artistico.

Pinhead80 14/03/16 18:31 - 3820 commenti

I gusti di Pinhead80

Cercansi vero cinema del trio comico. Questo film conferma ancora una volta il pieno declino del terzetto, che non riesce più a imboccarne una al cinema. La colpa questa volta è anche da attribuire a una sceneggiatura debolissima, che si vuole agganciare in un certo senso all'attuale precarietà economica (oggi abbiamo e domani chissà) e dei rapporti senza però avere alcun tipo di mordente. Ne esce un film fiacco che non fa ridere e che lascia invece tanta amarezza per il risultato finale.

Il ferrini 17/08/18 23:48 - 1642 commenti

I gusti di Il ferrini

Siamo distanti dalle esilaranti gag con la gamba e anche dalla poesia di Chiedimi se sono felice, siamo piuttosto di fronte a una delle tante commedie italiane prive di qualsiasi guizzo di originalità. Fortunatamente i tre sono ancora in gran forma come attori e qualche risata riescono a strapparla, nonostante la pochezza dello script. Non male anche il cast di contorno, specialmente la caliente Lancho e l'austera Lojodice, Francesca Neri è poco più d'un effetto speciale. Tremendo il finale con metafora calcistica. Perdibile senza rimorso.

Mco 14/11/18 13:03 - 2125 commenti

I gusti di Mco

Si parta dal presupposto che la freschezza dei film "storici" del trio non c'è più e che le situazioni, sia pur divertenti, vanno a rincorrere spesso proprio quei momenti (Ajeje Brazorf...). Ma si aggiunga che in alcuni momenti il divertimento non manca, soprattutto grazie alla verve di Baglio, incontenibile nella parte dello sgraziato petroliere. Nel mezzo sta la virtù, quindi si rida di qualche gag, si giochi a rapportare le battute ai vecchi palinsesti tetrali e ci si bei della parentesi sexy regalataci dalla Neri. Di più chieder non si può.
MEMORABILE: Aldo buttato sul letto da una Neri dominatrix, che gli stanmpa il piede nudo sul petto; La canzone cantata a squarciagola sul campo da golf.

Domino86 18/03/20 11:06 - 531 commenti

I gusti di Domino86

Film senza troppe pretese del famoso trio comico che però, dopo un un certo declino, con questo film risollevano leggermente le loro sorti. Sicuramente non siamo al livello delle pellicole del loro periodo d'oro, però i tre divertono molto con le loro tipiche gag e la storia è comunque attuale poiché i fallimenti economici sono all'ordine del giorno. Aldo Baglio è decisamente la punta di diamante.

Redeyes 30/04/20 07:08 - 2126 commenti

I gusti di Redeyes

Nonostante il talento, la parabola del trio è in fase decisamente calante e indubbiamente l'assenza di Venier si fa sentire. La trama non ha alcun sussulto e il suo piattume viene sollevato da Aldo, cui si lasciano le gag migliori, mentre gli altri due sembrano recitare col pilota automatico, poco volitivi. Non si grida allo scandalo, come si potrà fare in seguito, ma si resta con una buona dose di delusione addosso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione 124c • 15/12/14 13:45
    Risorse umane - 5140 interventi
    Il nuovo film del trio parla di un'amicizia fra un ricco, un povero e un maggiordomo. Fra le cose più riuscite, la colonna sonora che rispolvera classici come Se mi lasci non vale, di Julio Iglesias, e Mondo difficile, di Tonino Carotone. Insomma, una commedia divertente, ma che mi aspettavo meglio. Francesca Neri è hot, come l'attrice brasiliana!