Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Pronto a sbarcare in Italia col suo bel carico di luoghi comuni sul Belpaese, Billy Wilder ambienta ad Ischia un'avventura tenera come nel suo stile, che mescola sole mare e amore a un reiterato elogio del tradimento coniugale. Mattatore assoluto è ancora una volta Jack Lemmon, che nei panni del capitano d'industria americano Wendell Armbruster jr. giunge sull'isola per recuperare la salma del padre lì defunto in un incidente d'auto e ripartire. La prima sorpresa è però già grande: papà in macchina non era solo ma con quella che Wendell scopre fosse da dieci anni (cioè da quando aveva iniziato a frequentare l'Italia per curarsi con le cure termali) la sua amante; una signora inglese la cui figlia ora, al corrente da tempo della relazione...Leggi tutto di sua madre, cerca di stabilire un buon rapporto con Wendell. Pamela Piggott (Mills) è una simpatica cicciottella, stupita dalla rigidità con la quale Wendell ha accolto la notizia del tradimento coniugale di suo padre. Non fosse abbastanza, il trasporto della bara in America presenta una serie infinita di intoppi burocratici, complicati dal fatto che c'è il weekend di mezzo e farla arrivare in tempo per martedì in America come previsto pare impossibile. Inconvenienti di ogni genere si frappongono all'operazione, con il direttore (Revill) del Grand Hotel Excelsior dove il ricco defunto alloggiava chiamato a calmare i bollenti spiriti del suo focoso ospite. Come sempre però, quando Lemmon sale troppo sopra le righe l'effetto comico tende a perdersi e l'impatto umoristico a smorzarsi. Non si ride infatti granché e la nascente relazione tra i due figli delle vittime cresce insieme alle continue azioni di difesa di Pamela, costretta senza sosta a rintuzzare il rumoroso disappunto di Wendell. Smussare gli angoli del carattere di chi è abituato a ottenere tutto e subito non è facile e già realizzare che in Italia i tempi di ogni cosa sono dilatati non aiuta. Italiani tutti mori con gli occhi scuri, tiratardi, furbetti e ricattatori, hanno nel solo direttore Carlucci (in realtà Revill è neozelandese!) un rappresentante assennato nonché guida placida cui spetta di spiegare gli italiani al riottoso ospite. Wilder non ha perso il tocco: la qualità nelle riprese e nel saper dare grande leggerezza all'insieme è evidente; pur tuttavia la sceneggiatura appare piuttosto sciocca e superficiale, condotta senza particolare brillantezza e prevedibile dall'inizio alla fine. L'Italia fa la sua parte offrendo gli splendidi panorami di Ischia (che il nostro Kuveiller ben sa come fotografare) e qualche buon attore nel cast: ci sono Gianfranco Barra a capo degli inservienti, Antonino Faà Di Bruno al concierge, Giacomo Rizzo come barman e la futura diva di tanti B(anfi)-movie Janet Agren nel ruolo di una delle due infermiere che accompagnano un barone novantenne ancora arzillo. Appena più di loro (ma si parla di cinque minuti o giù di lì) si vede Pippo Franco, impiegato comunale all'obitorio che parla con fortissimo accento pugliese. Perché, se nella versione originale inglese si esprime invece in un correttissimo italiano? Semplice: perché se parlasse nella stessa identica lingua di Wendell e Pamela non servirebbe alcun traduttore simultaneo, mentre nella scena del riconoscimento dei cadaveri si vede come Carlucci/Revill faccia proprio questo, interponendosi tra i due. Ad ogni modo una piccola parte che avrebbe potuto ricoprire più o meno chiunque, al di là degli elogi ricevuti da Pippo Franco per il cameo in questione. Più urlato che argutamente rifinito, il film si fa presto ripetitivo, condito da un po' di canzoni napoletane sullo sfondo, bisticci sentimentali da quattro soldi e un Revill che del gruppo pare il migliore.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 30/10/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 21/05/07 09:52 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Nevrotico industriale americano è a Ischia per recuperare la salma del padre, morto in motoscafo. Scopre però che col defunto c'era una inglese, la cui esuberante figliola è ugualmente a Ischia... Trasferta italiana del grande Wilder, che recluta per l'occasione uno stuolo di caratteristi della nostra commediaccia. Malgrado qualche scivolata (voluta?) nel bozzettismo, un film esilarante, di gran ritmo, sorretto da un Lemmon letteralmente superlativo. Da riscoprire. Titolo in italiano già nell'originale, ma tant'è...

Caesars 23/05/07 09:49 - 3364 commenti

I gusti di Caesars

Wilder si conferma grande direttore di commedie anche con questo "Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?" che, pur non rientrando nelle sue opere migliori, sa divertire con gusto e con un ritmo elevatissimo. Alla riuscita del film collabora in maniera poderosa Jack Lemmon autore di una prova notevole. Da segnalare che l'intera vicenda si svolge ad Ischia, valore aggiunto a questo film.

Lovejoy 26/12/07 22:30 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Splendida commedia ambientata in quel di Ischia, dove si prendono in giro usi e costumi italiani. Grande sceneggiatura del geniale I.A.L. Diamond e bella regia di Wilder. Mai un minuto di troppo, nè un minuto di meno. Personaggi impeccabili e battute magistrali, con diversi momenti da ricordare. Jack Lemmon guida un cast perfetto con un'interpretazione sublime. Ma sono da ricordare anche un Clive Revill eccellente nel ruolo di Carlucci, Gianfranco Barra in quelli del cameriere ricattatore, ma sopratutto Pippo Franco in un cameo irresistibile.

Dr.schock 11/01/08 12:13 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Strepitosa commedia firmata dal Maestro Wilder, ambientata in Italia (Ischia per la precisione) e interpretata da un immenso Jack Lemmon, impegnato nel tentativo di riportare in patria la salma del paparino deceduto in circostanze un po' particolari. Anche il resto del cast è all'altezza, a partire dalla Mills e dal formidabile Clive Revill, fino alla nutrita schiera di caratteristi italiani reclutati per l'occasione. Non ci si accorge nemmeno che dura più di due ore.

Galbo 4/07/08 15:01 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Film molto divertente quanto poco considerato dalla critica, questa commedia di Billy Wilder è invece una delle sue opere migliori. L'ambientazione italiana (ad Ischia) consente agli autori e al regista di realizzare una pungente satira del moralismo americano e contemporaneamente dei costumi e delle abitudini del nostro paese. Un'ottima coppia di protagonisti (Lemmon e la Mills) più alcune apparizioni di attori italiani (tra i quali Pippo Franco).

Matalo! 15/08/08 12:33 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Semplicemente adorabile in un'Italia il cui colore sottolinea il progressivo distacco dai doveri di due persone che devono lasciare le briglie, uno troppo perso negli affari, una troppo costretta dai complessi, sino all'accettazione che la felicità sta nel concedersi. In mezzo la morte di due adulteri, i genitori, che morirono felici. Acido invito alla trasgressione mascherato da spaghettata alla scogliera con un Sergio Bruni che sul set si rivelò ben più pignolo di Wilder. Cameo esilarante di Pippo Franco.
MEMORABILE: "Senza fine" di Paoli riadattata da Alec Wilder

Pigro 27/12/08 10:02 - 8790 commenti

I gusti di Pigro

Un americano e una inglese si ritrovano in Italia per riportare in patria le salme dei rispettivi genitori che scoprono essere stati amanti. Graziosa commedia esotica (nel senso che l'Italia è molto esotica per gli americani) con storia sentimentale su un ironico sfondo macabro. L'idea è buona, ma se già sarebbe stato sufficiente un corto per svilupparla, figuriamoci quanto possa essere esagerata la diluizione su oltre due ore, che quindi alla fine rischiano di essere ripetitive. La regia di Wilder riesce comunque a trovare quasi sempre il ritmo giusto.

Daniela 16/12/09 16:21 - 11521 commenti

I gusti di Daniela

Uomo d'affari americano ad Ischia per recuperare il corpo del padre scopre che lo stesso si recava da decenni sull'isola una volta all'anno non per scopo curativo ma per una parentesi d'amore con una signora inglese. Dato che la donna, morta anch'essa nell'incidente, ha una prosperosa figliola... Commedia garbata ma con morale felicemente trasgressiva, in cui si prendono in giro il puritanesimo americano e certi noti "vizi" italiaci, con qualche caduta nel luogo comune. Lemmon e Mills in gran forma, attorniati da bravi caratteristi. Considerata opera minore di Wilder, ma da rivalutare.

Luckyboy65 22/08/10 01:18 - 144 commenti

I gusti di Luckyboy65

Meravigliosa piccola grande commedia crepuscolare di un Wilder che non perse mai il vizio di pungere. Già dalla prima scena muta nell'aereo si capisce dove si va a parare: contro tutti i moralismi. Lemmon che a tratti ricorda Sordi in Africa alla ricerca di suo cognato (Riusciranno i nostri eroi... girato 4 anni prima) e come lui alla fine scopre che la civiltà con tutti i suoi cliché non è poi così civile e desiderabile. Deliziosa e burrosa Juliet Mills, ottimi comprimari con un grande Pippo Franco su tutti.

Rambo90 2/06/15 16:23 - 7109 commenti

I gusti di Rambo90

Gradevole commedia di Wilder, ambientata in una Ischia eccessivamente folcloristica ma piacevole e colorata. Il difetto maggiore del film sta nella durata davvero eccessiva, soprattutto per una trama così semplice, ma la bravura di Lemmon e della Mills e una seconda parte scoppiettante riescono a tenere desti. Bella colonna sonora (con "Senza fine" e "Un'ora sola ti vorrei" usate come leit motiv), simpatica particina per Pippo Franco.

Gianfranco Barra HA RECITATO ANCHE IN...

Modo 21/10/15 16:00 - 890 commenti

I gusti di Modo

Brillante commedia. La storia di un giovane miliardario che si innamora della figlia dell'ultima amante di suo padre. Il tutto avviene mentre entrambi sono nel Belpaese per recuperare i corpi morti dei rispettivi genitori. Più simile a Arianna che ad altre commedie di Wilder. Ottime le scenografie e da rimarcare la bravura degli attori. Nonostante la lunghezza il film scorre assai piacevolmente.

Il ferrini 21/02/16 01:10 - 1952 commenti

I gusti di Il ferrini

Indimenticabile ed elegante commedia che oltre ai due superbi protagonisti vede anche un cast di contorno in gran forma: a partire da Revill, candidato al globe per questo ruolo, fino al giovanissimo becchino Pippo Franco. Ischia si staglia bellissima sullo sfondo e l'atmosfera è talmente frizzante che si perdonano volentieri i pur tanti stereotipi sull'Italia. Molte le scene memorabili e la storia d'amore raccontata è talmente atipica e imprevedibile da catturare l'attenzione per oltre due ore. Ennesimo capolavoro di Wilder, da non perdere.

Rigoletto 1/12/16 18:06 - 1726 commenti

I gusti di Rigoletto

Coppia di amanti in vacanza nel Belpaese muore per un incidente stradale; bisogna far rientrare i corpi in patria, ma qualcuno è all'oscuro di tutto e la burocrazia italiana incombe. È una commedia frizzante e sbarazzina quella firmata da Billy Wilder, che vanta, oltre alla splendida ambientazione, anche un cast perfetto. Lemmon, qui orfano di Matthau, interpreta il ruolo come avrebbe fatto l'amico ma con meno cinismo. L'ottima Mills offre una spontaneità invidiabile, ma la medaglia d'oro va a Revill, autentico factotum della situazione.
MEMORABILE: Mattarazzo (Franco) con le tasche piene di timbri.

Rocchiola 15/08/19 10:39 - 933 commenti

I gusti di Rocchiola

Gustosa commedia romantica largamente sottovalutata come tutte le ultime opere del regista. Wilder ironizza sull’efficienza e il conformismo del popolo americano messo a confronto con l’indolenza e la lentezza della cultura mediterranea. Ne esce un sano elogio alla riscoperta dei piaceri della vita, adulterio compreso. Se la morale finale “prendiamola con calma” è scontata, non mancano frecciate vincenti contro la giustizia e la politica americana. Il folcloristico ritratto del Sud Italia è affidato a una serie di ottimi caratteristi nostrani.
MEMORABILE: L'apparizione di Pippo Franco nei panni dell'impiegato comunale; La "famiglia" Trotta; La Polaroid del cameriere Gianfranco Barra; I calzini sui seni.

Magi94 7/08/21 22:13 - 820 commenti

I gusti di Magi94

Innocua commedia spassionata di Billy Wilder con pittoresca ambientazione italiana. Gli stereotipi per il pubblico americano sono serviti tutti su un piatto d'argento e nemmeno la produzione italiana perde l'occasione per la promozione turistica di Ischia a colpi di spaghetti e mandolino. Eppure i momenti di satira irresistibile del mondo sia italiano che statunitense non mancano, come Pippo Franco pistolero della burocrazia! Il film funziona meglio quando abbandona gli spunti più seri e si lancia sui toni da pura commedia. Non tra i migliori di Wilder, ma comunque buono.
MEMORABILE: "La Grecia è laggiù, più a sinistra", "Non finché ci sarò io al dipartimento di stato!"; Pippo Franco e i suoi timbri; La famiglia Trotta.

Paulaster 31/01/22 10:05 - 3641 commenti

I gusti di Paulaster

Industriale americano va a Ischia per recuperare la salma del padre. La sorpresa iniziale ha il fiato corto (ed è poco allegra), la messa in scena abbonda di stereotipi italici; Lemmon è troppo carico come ruolo e l'insistenza sul peso della Mills indebolisce il film. Le seconde linee invece sono più divertenti, con il personaggio del direttore e col cameo di Pippo Franco. Quando la sceneggiatura si ammorbidisce verso la commedia sentimentale la visione risulta gradevole. Finale senza ritmo, con inutile accenno a Mussolini e una satira sui sistemi americani per aggiustare le cose.
MEMORABILE: I timbri nel vestito di Pippo Franco; Le salme rapite; Nudi allo scoglio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Macbeth55 • 11/10/15 23:50
    Galoppino - 103 interventi
    Leggo nelle belle recensioni che il film è ambientato, ma garantisco non totalmente girato a Ischia. Chiarissime alcune locations di Sorrento e Capri ( il finale). Vorrei stimolare i cacciatori specializzati ad aprire appunto la caccia!
  • Homevideo Rocchiola • 15/08/19 10:46
    Call center Davinotti - 1224 interventi
    Ancora disponibile il DVD della MGM sia nella versione italiana che in quella inglese che riporta il titolo originale Avanti! e presenta l'opzione audio italiana. Un prodotto datato con un’immagine però buona solo lievemente disturbata da qualche puntinatura. Nelle scene in esterno si nota una certa dose di grana. I colori sono mediamente incisivi mentre la definizione è sicuramente migliorabile. L’audio italiano mono è di discreto livello. L'americana Kino ha approntato un'edizione in bluray ovviamente senza italiano.
  • Homevideo Digital • 20/01/21 20:22
    Portaborse - 3453 interventi
    Dvd Sinister (edizione restaurata in hd) disponibile dal 24/03/2021.