Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/01/11 DAL BENEMERITO SILENZIO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Silenzio 7/02/11 15:53 - 59 commenti

I gusti di Silenzio

In Falstaff c'è molto di Welles. Entrambi rifiutati (dalla Storia o da Hollywood poco cambia), superati, sconfitti ma indomiti, mai sottomessi. Entrambi costretti a fare i conti con la vecchiaia e con la morte, ma energici, vitali, dolcemente dissoluti. Capaci soprattutto, come tutti i grandi attori, di capire quando è la volta di uscir di scena, quando il proprio ruolo ormai non ha più senso di esistere. Il film è anche un monumento alla messinscena, barocca, traboccante, solenne come non mai. E un compendio di straordinarie prove d'attore.
MEMORABILE: Una per tutte: la sequenza della battaglia, ovvero le arti della regia, della fotografia e del montaggio portate al parossismo.

Von Leppe 20/02/11 13:51 - 1249 commenti

I gusti di Von Leppe

Difficile giudicare le opere di Shakespeare portate sullo schermo: il loro linguaggio antico e verboso è fatto per essere recitato nello spazio ristretto di un teatro. Malgrado questo la messa in scena è ottima e il film pieno di azione. Welles nella parte del grasso Falstaff non poteva essere migliore, la fotografia e le inquadrature ricordano i film di Ejsenstein e le location, seppur dell'Europa meridionale, ricostruiscono un'Inghilterra antica, grezza e selvaggia; anche negli interni dalle mura grezze e le soffitte in legno.

Il Gobbo 18/06/11 16:43 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Con una "sceneggiatura di Shakespeare" (Welles dixit, avendo copiaincollato da varie opere ma senza aggiungere) è più facile indovinare il film, ma ci vuole arte nella messinscena. E qui ce n'è a iosa, al servizio delle parole del Bardo e di grandissimi attori (da vedere in originale per gustare fra l'altro l'imitazione di Gielgud fatta da Welles nella scena della finta commedia). Straordinaria poi la scena della battaglia, degna di Kurosawa. Quanto poi al vasto Sir John, beh per Welles era persino banale dire "Falstaff c'est moi". Superlativo.

Cotola 22/08/11 17:46 - 8982 commenti

I gusti di Cotola

Ispirandosi a Shakespeare e cucendo il film attorno alla figura di Falstaff, Welles racconta lo scontro tra libertà-anarchia e regola-ragion di stato e lo fa a suo modo: con uno stile sobrio ma allo stesso tempo visivamente magniloquente, stupendo così lo spettatore ad ogni visione. Le scene di battaglia sono splendide e conservano ancora oggi una potenza notevole. La fotografia chiaroscurale è da urlo. Cast tutto superbo (in originale, off course!), ma la presenza scenica di Orson è immensa e praticamente indimenticabile.
MEMORABILE: Le scene belliche: un prodigio di tecnica ed estetica.

Lupoprezzo 19/09/11 19:51 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Appoggiandosi a opere di William Shakespeare e di Raphael Holinshed, Orson Welles costruisce un altro dei suoi troneggianti e titanici personaggi in un film che riflette sulla disputa del potere, sul suo categorico totalitarismo e sull'ingratitudine umana. Falstaff, amabile sbruffone, cercherà umanità nel potere e verrà disconosciuto, scacciato malamente (c'è molto di autobiografico in questa pellicola). Il penultimo capolavoro di un uomo, un artista ormai deluso, solitario e sul viale del tramonto. Eccezionale la sequenza della battaglia.

Giùan 28/03/19 10:13 - 4514 commenti

I gusti di Giùan

"The magician" centra ancora l'impresa di offrire una lettura sorprendente di Shakespeare, a cominciare dalla titanica scelta di interpolarne alcuni drammi per formulare un composito quadro di coerenza espressiva e potenza drammaturgica. A colpire, rispetto alla promiscuità visiva di Othello e alla "barbarica" messinscena di Macbeth, è l'attenzione alla parola del Bardo, alla sua tracotante forza ma soprattutto alla sua duplicità capace di declinare il comico come il tragico. Orson trova in Falstaff un veicolo formidabile per il suo inquieto disincanto.
MEMORABILE: La scena della battaglia con le apparizioni del pavido Falstaff in armatura; Mastro Shallow: "Quante ne abbiamo viste"; Enrico V rinnega Falstaff.

Thedude94 2/02/21 00:04 - 1083 commenti

I gusti di Thedude94

Sontuosa messa in scena e interpretazione personale per Welles, che si ispira a Shakespeare per realizzare un'opera esemplare, che tratta di personaggi ambigui, spiritosi e in lotta con la propria personalità. Le scene di battaglia sono ancora oggi di valore e rappresentano vette di cinema altissime, così come la stupenda fotografia che fa da contorno ad ambientazioni medievali e regali di pregevole fattura. Ottimo anche il resto del cast, tra cui spiccano la Moreau e il bravo Gielgud. Un magnifico Welles in parte forse come non mai.

Daniela 30/10/21 19:24 - 12579 commenti

I gusti di Daniela

Mirabile scommessa: taglia e cuci di quattro opere del Bardo per crearne una quinta che avrebbe potuto ben essere scritta, dato che la carica drammatica di Falstaff non è inferiore alla sua mole: beone, millantatore e truffaldino. somma di difetti e debolezze, è il peggior compagno di avventure per un erede al trono eppure è forse proprio la sua umanità contagiosa che lo farà diventare in seguito degno della corona. Regia grandiosa che tocca il suo culmine nelle stupende sequenze della battaglia di Shrewsbury, interpretazioni impeccabili del cast con Welles monumentale: capolavoro. 

Paulaster 5/12/23 18:07 - 4353 commenti

I gusti di Paulaster

Il film sarebbe da rinominare “Il Falstaff di Welles”, data la sua impronta a mo' di testamento spirituale. Sceneggiatura che riunisce varie opere e rende digeribile la vicenda storica con una misurata dose di ironia. Welles si cuce addosso il personaggio del protagonista e gira con idee registiche a profusione; la battaglia è pari al cinema di Kurosawa, anche se le piccole accelerazioni sono un peccato veniale. Di impatto i primi piani in stile Bergman e i monologhi di Gielgud. La Moreau sembra la Maddalena del Cristo e Walter Chiari si ritaglia un piccolo spazio.
MEMORABILE: La morte di Enrico IV; La lezione di Enrico V a Falstaff; La bara trainata.

Marina Vlady HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Che la festa cominciSpazio vuotoLocandina Il triangolo delle BermudeSpazio vuotoLocandina Il malato immaginarioSpazio vuotoLocandina Splendor
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Homevideo Cotola • 19/01/11 23:25
    Consigliere avanzato - 3837 interventi
    Finalmente è giunto. Altro pezzo da novanta recuperato.
    E che prezzo!!!

    http://www.fnac.it/Falstaff-DVD-DVD-Zona-2/a562556?PID=7&Mn=-1&Mu=-13&Ra=-3&To=0&Nu=1&Fr=0
  • Discussione Von Leppe • 17/02/11 15:15
    Call center Davinotti - 1101 interventi
    Non ho capito bene: se devo preferire mettere il link di sw alle foto prese dal web?
    Quelle mi sembrano molto belle delle mura di Avila: una con la neve e l'altra con la brina.
  • Discussione Zender • 17/02/11 18:28
    Capo scrivano - 47635 interventi
    E' una questione di diritti, soprattutto quando si tratta di foto "artistiche", per l'appunto. Vanno sempre trovate foto più anonime possibili e sw in questo è il re. In ogni caso va sempre specificato il sito da cui le si prende, scrivere da web è come non scrivere nulla.
  • Discussione Raremirko • 16/07/19 23:26
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Welles si riconferma la mente più geniale di tutta la storia del cinema; la sua è una di quelle filmografie che spiazza, toglie il fiato.


    Falstaff non è una visione facilissima ma tutto, peraltro girato con pochi mezzi, è ammaliante, millimetrico, perfetto.


    Ancora una volta il nostro dimostra abilità nel trasformismo (in ogni film Orson è una persona diversa) e Shakespeare, sempre arduo da tradurre in immagini, non poteva avere sorte migliore.


    Welles doveva essere immortale, per fortuna almeno ci son rimasti i suoi film.