Dark water

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Dark water
Anno: 2005
Genere: horror (colore)
Note: Remake dell'omonimo film giapponese del 2002.
Numero commenti presenti: 17
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Sadako 26/03/07 22:07 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Grandi nomi per un remake senza infamia e senza lode. Atmosfere cupe e inevitabilmente umide, che trasportano lo spettatore dalla rutilante New York ricca di vita al quartiere dormitorio dove i newyorkesi vivono come separati in casa dai loro concittadini. Con un abile gioco psicologico, basato più sui tormenti infatili della protagonista che sull'instabilità emotiva aggravata dal divorzio, seguiamo l'inevitabile scontro con il fantasma di turno. Più politicamente corretto rispetto all'originale, non offre però nulla di nuovo.

LEX 29/03/07 13:00 - 49 commenti

I gusti di LEX

Sulla scia del gelido The Ring, un film coinvolgente e ben fatto. L'umido delle ambientazioni, il marcire dei muri, rivoli d'acqua putrida negli interni e una noiosa pioggia negli esterni: tutti gli elementi lavorano insieme e, esaltati dall'ottima fotografia, ti corrodono al punto giusto. Ti aspetti da un momento all'altro uno schizzo di sangue o qualche viso deturpato, invece vincono la disperazione e l'amore di una madre. Sotto cascate di acqua lercia, bellissima e brava la Connelly. Grazie.

Homesick 10/10/07 20:06 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Nonostante la recitazione impegnata negli attori e una fotografia "acquosa" come si conviene alla trama, questo film è reso soporifero da un ritmo lentissimo, da una trama banale e dall'abuso di atmosfere, soluzioni e tormenti riciclati da altri thriller-horror già visti; per non parlare del finale, palese citazione del fulciano Quella villa accanto al cimitero. Ennesima occasione sprecata per il poco fantasioso horror moderno.

Undying 3/01/09 23:29 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Lontano dalla staticità dell'originale, il remake a stelle e strisce funziona molto meglio. In primo luogo, grazie alla presenza della ex bambina prodigio di Phenomena, una Jennifer Connelly matura e dai lineamenti sconsolati; a seguire per via di una regia calibrata e alla scelta di location particolarmente esplicative. Il malessere esistenziale, l'isolamente dell'individuo ed il legame madre/figlia vengono espressi brillantemente da una fotografia tendente al blu e all'arancio. Roswell Island è, insomma, la vera protagonista del film, con la sua archittettura (bagnata) pessimista e desolante.
MEMORABILE: l'emicrania della protagonista, rappresentata da un fastidioso accompagnamento sonoro.

Rebis 16/07/09 15:45 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Bisogna riconoscere a Salles almeno lo sforzo di aderire al modello di Nakata, vale a dire un horror intimista, femmineo, dove il terrore scaturisce da un trauma reale: la paura dell'abbandono. Di per sé il soggetto non è nulla di trascendentale e necessiterebbe di una solida definizione ambientale per funzionare: qui la fotografia melmosa e marcescente ha un effetto solo oleografico, i personaggi si appiattiscono e l'effettistica è opinabile; malgrado cresca la tensione, il film resta confinato nei limiti delle ghost story più convenzionali con finale consolatorio. Splendida Jennifer Connelly.

Jandileida 26/12/09 11:26 - 1235 commenti

I gusti di Jandileida

Buon horror psicologico che più che su scene ad impatto si basa sulla tensione emotiva che si crea nel rapporto tra una giovane madre (una fantastica Connelly che più invecchia più diventa bella e brava) che combatte con i demoni del suo passato e la figlia. La New York dormitorio è fotografata ottimamente, scegliendo i toni cupi che accompagnano le giornate di cielo plumbeo in una città senza anima, così come sono più che discrete le interpretazioni dei personaggi di contorno (comunque tutti ottimi gli attori, vedi Roth o Postlethwaite).

Satyricon 15/09/10 13:57 - 147 commenti

I gusti di Satyricon

Film dichiaratamente sullo stile nipponico (ma firmato made in USA) che sfrutta in modo bilanciato l'aspetto psicologico ed emotivo dei protagonisti senza esagerazioni negli animi e nelle apparizioni. Si basa su una sorta di pacata suspance ben confezionata, su una efficace ambientazione dark e punk e quel pizzico di psicosi che non invade lo schermo. La Conelly credibile e brava, la bambina è un prodigio di espressività. Buon film davvero, pur non conoscendo l'originale nipponico.

Lucius 3/11/10 21:11 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Rispetto all'originale, la pellicola può contare su una grande interpretazione di Jennifer Connelly che, come è spiegato tra gli extra del dvd, ha improvvisato i caratteri della stessa immedesimandosi nella parte (poche attrici lo sanno fare). Ancora l'acqua è l'elemento dominante e inquietante per questo ottimo rimaneggiamento in cui lo stile è uno dei punti di forza.

Didda23 24/08/12 18:27 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Notevole remake dell'opera nakatiana, Dark water si segnala per il perfetto mix fra elementi tipicamente drammatici (l'amore filiale, sindrome d'abbandono) e atmosfere care al genere horror. Salles, dal canto suo, gira con estremo rigore approfittando di una scelta intelligente e funzionale delle location. Phenomenale l'espressione della Connelly: un misto di dolcezza, ansia e rassegnazione. Sopra lo standard la scelta dei comprimari: su tutti si segnala infatti un atipico Reilly alle prese con un ruolo insolito. Buone le musiche del "lynchiano" Badalamenti.

Luchi78 10/02/14 16:13 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Netto miglioramento dell'originale, riesce a imprimere un tocco più pregevole nell'articolazione della storia tramite l'inserimento di dettagli non trascurabili, pur rimanendo fedele all'originale. La presenza della Connelly e la scelta di una cupa residenza in Roosevelt Island sono determinanti per la riuscita del remake. Consigliato.

Nicola81 13/04/14 14:26 - 1901 commenti

I gusti di Nicola81

Altro remake di un horror giapponese, ma stavolta il soprannaturale si sposa con orrori molto più concreti come la solitudine e l'abbandono, regalando alla pellicola una credibilità insolita per il genere. Raffinato e intimista, non terrorizzante ma percorso da una sottile inquietudine e inevitabilmente lento. Efficace e ben valorizzata dalla fotografia, l'ambientazione in una New York desolante e piovosa. Ottima la prova della Connelly, ma tutto il cast (bambina compresa) si esprime bene.

Ryo 21/08/15 12:49 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Il film originale di Hideo Nakata era già di per sé abbastanza gradevole, così questo remake americanizzato l'ho trovato un'occidentalizzazione inutile e pretenziosa, che dalla sua può contare solo sulla location resa squallidamente giusta, ma non c'è forza nella recitazione e nella suspence. Nemmeno i jump-scare sono riusciti a fare bene. Da bocciare.

Piero68 18/07/16 08:42 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Più che un horror trattasi di banalissimo e blando ghost-movie dai risvolti intimisti e psicologici. A nulla serve l'ottima recitazione della Connelly e della bambina, purtroppo. Lento e soporifero il ritmo, abusata e piatta la sceneggiatura. Ancora una volta il cinema horror Usa pesca in quello nipponico e propone un remake; segno evidente di idee che ormai non ci sono più. E se l'horror moderno passa obbligatoriamente per certi mockumentary di infimo livello non si può dire meglio di queste operazioni vaghe. Camei di Roth e Reilly irrilevanti.

Hackett 6/11/16 22:05 - 1719 commenti

I gusti di Hackett

Remake di un horror giapponese di discreto successo, Dark water conserva l'atmosfera e i tempi dell'originale nipponico, non mostando mai troppo e cercando di mantenere la tensione viva nelle piccole attese, nei silenzi e in tutto ciò che precede la paura vera e propria. Buono il cast, con la bella e brava Connelly e la presenza carismatica di attori come Postlethwaite, Reilly e Roth.

Nancy 23/01/17 02:22 - 771 commenti

I gusti di Nancy

La confezione "fighetta", con ambientazioni inquietanti e una fotografia degna di nota, non salva un film che trita e ritrita le stesse banalità e gli stessi stereotipi di molte accozzaglie tra il "fantasmatico" e lo psicologico: presenze sinistre, voci nelle orecchie e pochissimi spaventi. Anzi, qualche risata scappa in certi momenti di overacting della protagonista Connelly. Delude anche Tim Roth nella particina dell'avvocato divorzista; meglio Reilly e Postlethwaite. La trama non sorprende mai e il finale consolatorio delude ancora di più.

Fedeerra 28/11/19 05:41 - 400 commenti

I gusti di Fedeerra

Walter Salles prende in prestito la storia del film originale per creare una sorta di Pantheon con un’unica e sola divinità: una straordinaria Jennifer Connelly. Usa infatti il suo splendido volto (attraversato dal freddo) per descrivere un dramma esistenziale fatto di paranoia e solitudine. Un film triste, drammatico, dove l’orrore sta tutto nell’annichilamento della sua protagonista e dove spazio, luogo e tempo sembrano essersi amalgamati in un'unica cosa: un palazzo/prigione. Agghiacciante la scena finale nella vasca da bagno. Meraviglioso.

Taxius 17/12/19 11:20 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Donna appena divorziata alle prese con gli avvocati per la tutela della figlia, si trasferisce con la piccola in un appartamento di un gigantesco e malandato complesso residenziale; fin da subito si verificheranno problemi di infiltrazioni e muffa causate da non si sa bene cosa. Thriller/horror paranormale non particolarmente esaltante ma sorretto egregiamente da una convincente Jennifer Connelly e dalle altre star di contorno. Suggestiva l'ambientazione putrescente e uggiosa. Nel complesso non è poi così male.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 4/01/09 12:06
    Scrivano - 7638 interventi
    Pregevole e decorosa (nonché meritata) l'edizione in DVD targata Buena Vista, che propone Dark Water in un perfetto riversamento digitale, in grado di valorizzare l'ottimo lavoro di fotografia realizzato dagli autori. Il formato video è un perfetto anamorfico 2.35:1 e la traccia audio viene proposta in un potente e coinvolgente dolby 5.1. La durata totale, titoli di coda compresi, si ferma a 100 minuti. Vano extra più che buono, costituito da: Making of Il suono del terrore Scene eliminate Una squadra straordinaria Analisi delle scene Sequenza alternativa Edizione, insomma, più che soddisfacente...
    Ultima modifica: 4/01/09 20:08 da Undying
  • Discussione Lodger • 26/01/17 21:49
    Magazziniere - 1440 interventi
    segnalo che alcuni sostengono che questo film presenta delle curiose e inquietanti analogie con la morte di Elisa Lam, ragazza cinese il cui cadavere è stato trovato nel 2013 all'interno di un serbatoio dell'acqua in cima al Cecilia Hotel di Los Angeles: https://en.wikipedia.org/wiki/Death_of_Elisa_Lam dal sito https://fuocodiprometeo.wordpress.com/tag/dark-water/ : "La storia di Elisa Lam è stranamente simile al film horror del 2005, Dark Water. Dahlia, la protagonista principale, abita in un condominio con la sua giovane figlia Cecilia. Dopo essersi trasferita nel suo appartamento, Dahlia si accorge che il soffitto del suo bagno perde acqua scura. Dunque scopre che una giovane ragazza di nome Natasha Rimsky è annegata proprio nel serbatoio d’acqua sul tetto dell’edificio. Il proprietario del palazzo sapeva di questo fatto, ma ha rifiutato di agire. Anche il finale del film presenta delle coincidenze raccappriccianti: malfunzionamenti degli ascensori dell’appartamento e strane presenze nei corridoi. Dunque la morte di Elisa è stata descritta 8 anni prima da un film di Hollywood? Infine, poco dopo la scoperta del corpo di Elisa Lam, un’epidemia mortale di tubercolosi scoppiò in Skid Row, vicino al Cecil Hotel. E’ incredibile il nome usato per il kit di intervento usato in questi casi: ELISA.".
    Ultima modifica: 26/01/17 22:13 da Lodger
  • Discussione Daniela • 26/01/17 22:47
    Consigliere massimo - 5003 interventi
    Il film con Jennifer Connelly è un remake di un film giapponese con lo stesso titolo uscito nel 2002, che a sua volta è ispirato ad un racconto pubblicato nello stesso anno dalls scrittore giapponese KMji Suzuki. Se di "premonizione" si è trattato, allora bisogna risalire più indietro nel tempo...