Chocolat

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/07/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 17/07/07 09:09 - 2632 commenti

I gusti di Caesars

Juliette Binoche arriva in un paesino della campagna francese, dominato da un bigottismo esasperato, per aprire un negozio di cioccolata. Avrà un successo incredibile anche perchè la donna si dimostrerà assai abile a capire i desideri più nascosti dei suoi clienti e a proporre loro la cioccolata più adatta per realizzarli. Ovviamente tutto ciò in breve tempo genererà una reazione da parte dei "benpensanti" del posto. Inizia bene questa favoletta ma poi, soprattutto dopo l'entrata in scena di Johnny Depp, diventa un po' stucchevole. Peccato.

Galbo 19/07/07 06:32 - 11269 commenti

I gusti di Galbo

Niente di che questa commedia del regista Lasse Hallstrom; la trama è abbastanza scontata: personaggio anticonvenzionale (la Binoche) riesce grazie alla sua abilità (in questo caso di cioccolataia) a conquistare un intero paese inizialmente diffidente e a trovare l'amore. Tuttavia il film è girato con garbo senza grandi punte negative (ma neanche positive) e l'ambientazione (la pittoresca provincia francese) aiuta a caratterizzare con toni favolistici tutto il film. Il personaggio più riuscito è il sindaco, interpretato dal bravo Alfred Molina.

Il Gobbo 11/12/07 11:25 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Deprimente favoletta per adulti ritardati, infarcita di tanti luoghi comuni e sterotipi quanti un film può contenere, e che ci ricorda come anche la categoria del "pittoresco" sia da evitare come le mine antiuomo, specie quando a maneggiare il "colore locale" si mette gente lontana emisferi. Depp si fa una riuscita autocaricatura, la Binoche è sempre valida ma affonda anche lei nella cioccolatosa banalità del tutto. Mai più.

Homesick 10/01/08 18:03 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sotto il travestimento da fiaba romantica si nasconde un nauseante convoglio di trivialità, patetismo, buonismo. Alla guida c'è un campionario di tutti i luoghi comuni più discutibili: la brutalità del maschio, la presunta ipersensibilità della donna, l'esaltazione del gitano in onore al politically correct e, naturalmente, il cioccolato come parte integrante della vita del gentil sesso... Il cast è di lusso e recita bene, ma alla fine è come sfogliare un rotocalco femminile o uno scadente romanzetto rosa...

B. Legnani 7/02/08 23:57 - 4659 commenti

I gusti di B. Legnani

Discendente. Di rado ho visto un film partire in modo così divertente (pur dovendo fare accettare i limiti di un manicheismo esageratissimo) per poi, attorno alla metà, iniziare una decadenza che si fa via via più veloce, fino al catastrofico finale. Brave le donne, con la Binoche su tutte. Bravo Molina, ma viene a stancare. Degli uomini il peggiore è Depp, dalla monocorde inespressività.
MEMORABILE: "Se farà amicizia con noi, si inimicherà gli altri!" "Me lo promette?". Purtroppo, dopo tale battuta (la migliore), il film inizia il suo declino.

Pigro 22/08/08 09:45 - 7667 commenti

I gusti di Pigro

Un negozio di dolci al cioccolato in un remoto paesino suscita la golosità di tutti e lo scandalo dei benpensanti. All’inizio la vicenda sembra curiosa e trattata con grazia e leggerezza, con punte di profondità nella descrizione delle varie umanità. Dopo un po’ ci si rende conto che è sempre la stessa solfa sul diverso che destabilizza la comunità, e visto da questa prospettiva il film ricalca tutti i cliché del caso, scivolando ben presto nel melenso e nel prevedibile. La lunghezza del film non aiuta.

Ciavazzaro 5/10/08 12:12 - 4751 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Davvero bruttissimo. Johnny Depp non recita per niente, la storia è quanto di più ridicolo e deprimente (sì, avete capito bene: deprimente) abbiate mai visto. E non fa neanche venire appettito, visto il disgusto che prenderà lo spettatore subito dopo la visione.

Markus 24/12/08 10:31 - 3194 commenti

I gusti di Markus

Sono stato costretto a vedere per forza di alcuni eventi questo film: dire che mi ha sfiancato è poco! Già di per sè i film in costume li detesto, se poi ci aggiungiamo che è straniero e nuovo la cosa si aggrava ancora di più. La mazzata finale, sono i dialoghi e la sceneggiatura, davvero caricaturale e manieristica. Immagino che sia anche piaciuto a chi ha gusti cinematografici differenti dai miei (e la cosa è molto facile!), ma se al contrario amate il cinema "cult", evitate questa "ordalia" di due ore...

Soga 2/01/09 22:53 - 125 commenti

I gusti di Soga

Mi è piaciuto! Il cioccolato come simbolo della sensualità, intesa nel suo senso più ampio di liberazione dei sensi dalle gabbie frustranti della tradizione. Quando la splendida cioccolataia Juliette Binoche si trasferisce in un piccolo paesino della Francia rurale, inevitabilmente finisce per essere un virus che minaccia di intaccare una società fondata sul culto della penitenza e del rigore. Godibile e ben fatto; forse i "topi di fiume" sono abbastanza insipidi. Grande Alfred Molina, meno Depp.

Tarabas 7/04/09 09:44 - 1675 commenti

I gusti di Tarabas

"Spacciatrice di cioccolato manda in acido grazioso borgo francese-Tutti i particolari in cronaca". Juliette Binoche inspiegabilmente interpreta la protagonista di uno dei peggiori film che abbia mai visto, leggendario esempio di fasullo, non un personaggio decente (con menzione per Johnny Depp, zingaro sosia di Jim Morrison). Visto al cinema per motivi extracinematografici. Quando comparve il canguro invisibile Pantoufle venne giù la sala. Diabetico.

Daniela 5/04/09 14:20 - 8963 commenti

I gusti di Daniela

All'inizio questo film mi ha provocato le stesse sensazioni di uno spot della Lindt oppure del Nero Perugina: aumento della salivazione ed irresistibile voglia di andare ad intingere il dito nel barattolo della Nutella. Superata eroicamente la tentazione (dita incrociate dietro la schiena), la visione ha cominciato a diventare frustrante: parte bene, promette divertimento, ma poi diventa da coma glicemico, con la Binoche cioccolataia paraninfa e Depp ridicolo zingaro da fotoromanzo. Così, alla fine mi sono ritrovata con la voglia di acciughe.

Enricottta 17/09/09 14:21 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Film altalenante e insipido (cosa terribile, visto il titolo). Contenuti da fumettone ottocentesco, si dipana attraverso controverse recitazioni, alcune buone altre banalmente mediocri. Se Depp delude non è un problema, Binoche ha sensualità 0 assoluto, Molina è efficace (forse si doveva insistere su quel ruolo). Chocolat non è chocolart. Miserevole la rappresentazione delle ricette, dei dolci, incomprensibile, non riuscirebbero ad attrarre nemmeno un goloso in crisi di astinenza come me. Consiglio: fatevi una cioccolata calda (in buona compagnia).

Capannelle 16/02/10 15:01 - 3667 commenti

I gusti di Capannelle

Funziona benino per mezzora, con la descrizione del borghetto e il classico incontro-scontro tra chi non ha paura ad aprirsi agli altri e chi è preoccupato di mantenere lo status quo. L'arrivo del gitano impersonato da Johnny Depp dovrebbe far decollare la storia e innescare violente passioni ma in realtà sfocia nel prevedibile e rende il tutto abbastanza noioso. Confezione comunque professionale.

Magnetti 2/02/10 10:14 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Cornice suggestiva: il paesino è proprio una piccola perla, un borgo in cui si respira aria casalinga. Trama troppo modaiola, proprio come accade nei supermercati in cui ormai il banco cioccolato è inflazionato di prodotti che escono da pentoloni industriali, lussuosamente incartati come fossero fatti dalla maison di turno. E tutti a professarsi esperti di cioccolata. Poi i personaggi: sono figli di clichè datati, che stufano. Riconosco il valido mestiere di produttori e regista ma il film risulta troppo prevedibile e "vecchio".

Belfagor 26/12/11 12:42 - 2617 commenti

I gusti di Belfagor

Ha l'aria di un fotoromanzo retro, di un prodotto industriale decorato per conferirgli un aspetto artigianale. La storia della bella cioccolatiera (Binoche) che si confronta con il paesino bigotto è inizialmente graziosa, ma poi lo sviluppo convenzionale e manicheo riduce il tutto ad una sottilissima e zuccheratissima glassatura. I migliori sono Molina e la Dench, anche perché è difficile farli recitar male. Depp tutto sommato marginale. Ambientazioni suggestive, purtroppo relegate al ruolo di semplici sfondi.

Furetto60 18/07/13 16:05 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Il protagonista di questa frizzante, ironica e poetica commedia è Sua Maestà il Cioccolato, che è sia cibo e bevanda degli dei, sia il grimaldello con cui viene scardinata la provinciale atmosfera bigotta che opprime un paesino della provincia francese. Brava e sensuale la Binoche, guappo il fascinoso Depp, ma rimane memorabile in particolare la prova di Molina nella parte di sindaco castigato e castigatore. Pur essendo un film ottimo, non ha ricevuto l’Oscar.
MEMORABILE: L’abbuffata del sindaco; La preparazione dei dolci.

Bergelmir 15/01/15 12:00 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Commedia qualunquista e prevedibile che aveva un soggetto di partenza buono, ma che non ha avuto il coraggio per andare oltre l'immancabile buonismo e i molti luoghi comuni. Si sfrutta la presenza di qualche volto noto, si creano facili atmosfere bottegaie e si finisce con punire i cattivi e premiare i buoni, in un intreccio da operetta.

Zio bacco 14/10/15 01:15 - 239 commenti

I gusti di Zio bacco

Film che spalma la cioccolata su una massiccia varietà di malcelati stereotipi. L'agitatrice sociale al cacao è di per sé un personaggio improbabile, ma davvero caricaturali sono le ripercussioni cui dà vita in seno al bigotto paesino. L'uomo bruto, la falsa difesa dello status quo, lo zingaro tenebroso si rivelano ben presto pretesti narrativi e una sceneggiatura quantomai banale tramuta ogni attesa anticonformista in un insipido e melenso pastone. Non può nemmeno dirsi un'occasione sprecata perché è in toto un film ideato male. Scialbo.

Pinhead80 29/02/16 17:17 - 3782 commenti

I gusti di Pinhead80

Un film dolcissimo; forse anche troppo vista la quantità di cioccolato che viene mostrato al pubblico. Ma troppo dolce fa male così nella vita come al cinema, soprattutto quando attorno non ci si costruisce una storia solida ma un pasticcio fatto di banalità. Dispiace dirlo perché alla fine si riesce a voler bene ai personaggi, ma la storia è talmente melensa da perdere credibilità in ogni dove. Voglia di cioccolato la fa venire, ma solo di quello.

Didda23 17/12/18 14:33 - 2268 commenti

I gusti di Didda23

Un'opera che, tramite una sovrastruttura da commedia romantica, cerca di far riflettore lo spettatore sul tema dell'accettazione del diverso mettendo alla berlina l'ottusità della Chiesa e delle istituzioni. Certo lo stile è politicamente corretto (forse anche troppo...), ma il personaggio della Binoche è talmente positivo e dotato di una dolcezza fuori dal comune che rende il tutto sostenibile e apprezzabile. Hallström gira con gusto senza esagerare in personalità, orchestrando in modo corretto un'orchestra di all astr capeggiata da un valido Molina.
MEMORABILE: Il pentimento del personaggio di Stormare; La gamba della Dench; Il ritratto del nipote; La festa dei gitani.

Lou 25/01/19 14:06 - 928 commenti

I gusti di Lou

Un tranquillo villaggio francese viene destabilizzato dall'apertura di un negozio di cioccolata da parte di una donna giovane e sensuale (la sempre ottima Binoche), che diventa riferimento per la comunità riuscendo a incrinarne il radicato perbenismo. Una favoletta intrigante ma con troppi stereotipi, che alla lunga si rivela stucchevole e melensa.

Noodles 29/01/20 23:48 - 754 commenti

I gusti di Noodles

Non è solo l'atmosfera del paesino di campagna francese a essere sonnacchiosa, ma anche tutto il film. Parte in maniera abbastanza interessante per poi perdersi nella noia più totale. La storia infatti è estremamente scontata e piena di luoghi comuni stantii. Non si riesce a entrare in nessun personaggio, perché in nessuno di essi vale la pena di entrare. E sembra per la maggior parte del film di assistere a una pubblicità del cioccolato, ci manca solo la classica fastidiosissima voce suadente in sottofondo. Tremendo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 16/07/11 11:33
    Scrivano - 13499 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 24/08/2011 per Eagle Pictures: DATI TECNICI * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Inglese 5.1 DTS HD: Italiano Dolby TrueHD 5.1: Italiano * Sottotitoli Italiano per non udenti Inglese * Extra Commento audio Scene tagliate Biografie e interviste Speciale Storia del Cioccolato Speciale Chocolat Backstage Speciale costumi Sovracopertina (slipcase) in cartoncino con effetti cromatici Copertina interna con artwork originale