L'imbroglio - The hoax

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/02/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 8/02/07 09:39 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Da una storia vera: negli anni '70 a New York lo scrittore Clifford Irving si inventa una falsa esclusiva con l'industriale e regista Howard Hughes per scriverne la biografia. Film valido solo per la sua portata storica: il caso fece infatti da prequel al caso Watergate e alle dimissioni di Nixon. Il regista descrive un personaggio sgradevole per la sua bugiardaggine cronica, che tende a rendere sgradevole l'intera pellicola. Tutto sommato noioso.

Galbo 26/03/08 05:48 - 11446 commenti

I gusti di Galbo

Basato sulla vera storia della presunta autobiografia (l'Imbroglio del titolo) del miliardario Howard Hughes, il film è una piacevolissima commedia, diretta dal regista Hallstrom che si conferma regista versatile capace di affrontare opere di genere diverso (Le regole della casa del sidro) con esiti sempre piuttosto brillanti. Questo film (che rappresenta un buon complemento a The aviator di Scorsese) è inoltre "illuminato" da un ottima prova recitativa di Richard Gere e Alfred Molina. Piacevole.

Mascherato 6/07/08 01:16 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

The Hoax è il tipico lavoro non memorabile, ma godibile. Certo, la storia della truffa perpetrata da Clifford Irving agli editori cui fece credere di essere estensore dell'unica autobiografia (naturalmente autorizzata) di Howard Hughes (fino a quando lo stesso magnate non lo sconfessò personalmente), avrebbe richiesto ben altro trattamento (riservato ad Irving da Orson Welles in F for Fake) e, di sicuro, non avrebbe meritato scelte un po' raccogliticce come la parentesi paranoica del protagonista presa di peso da A Beautiful Mind.

Pigro 24/11/09 09:31 - 7899 commenti

I gusti di Pigro

Scrittore si spaccia per biografo autorizzato di un magnate eccentrico e vende i diritti del libro. Basato su un'incredibile storia vera (già ricordata da Welles), riesce a combinare la leggerezza della commedia con la garbata satira verso i miti di una modernità costruita sulle apparenze e quindi fragile preda delle temibili "bufale". Piacevole e spigliato, il film ha il suo punto di forza in una sceneggiatura incalzante ma sempre devota alla godibilità, e soprattutto nella formidabile coppia assortita di protagonisti Gere-Molina, davvero gustosissima.

Nando 17/01/11 13:45 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Ispirato da una storia vera, il film narra una vicenda truffaldina ambientata nell'America degli anni 70. Ritmo non eccezionale ma comunque accettabile, così come la definizione dei personaggi. Gere, con capelli improponibili, se la cava discretamente.

Il Dandi 9/07/16 00:17 - 1842 commenti

I gusti di Il Dandi

La rocambolesca (e vera) storia dello scrittore Clifford Irving che riesce a pubblicare una fasulla autobiografia inventata dell'inavvicinabile miliardario Huges spacciandola per un suo scoop giornalistico. L'altra faccia dell'era Watergate: il film funziona finché si tiene sui toni della commedia e del capovolgimento dissacrante di Tutti gli uomini del presidente; meno convincenti le soluzioni visionarie e il tentativo di dare al protagonista una valenza maledetta. Bravissimi Gere e Molina.
MEMORABILE: Irving apprende incredulo il parere favorevole sull'autenticità del suo libro.

Herrkinski 24/01/20 16:24 - 5278 commenti

I gusti di Herrkinski

Tratto da una storia vera e piuttosto incredibile, è una buona rappresentazione dei paradossi della civiltà americana; l'arrivismo, il desiderio di successo e soldi a ogni costo e gli intrighi dei potenti vengono messi in scena con gusto per la narrazione e con un tono che resta spesso in bilico tra la commedia leggera e le parti più propriamente drammatiche. Notevoli Gere e Molina ma anche il cast di supporto, piuttosto ben fatta (pur non centrale) la ricostruzione ambientale dei 70s; nel complesso un buon lavoro che si fa seguire con piacere.

Daniela 20/10/20 19:05 - 9628 commenti

I gusti di Daniela

Scrittore frustrato ed in bolletta inventa di essere stato contattato dal multi-miliardario Howard Hughes, che da anni vive lontano da ogni rapporto sociale, per scrivere la sua biografia... Cronaca di una delle truffe letterarie più famose dello scorso secolo con un protagonista che fatica a mantenere un confine netto tra realtà e menzogna, finendo per diventare paranoico come il soggetto del suo libro. Il film risulta a tratti dispersivo e troppo costipato di personaggi ma l'interesse della storia, il ritmo sostenuto e la prova brillante del cast tengono desta l'attenzione. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 20/10/20 12:03
    Consigliere massimo - 5286 interventi
    La vicenda si basa sulla reale vicenda della falsa biografia di Howard Hughes scritta dallo statunitense Clifford Irving.
    A seguito della pubblicazione del volume avvenuta nel 1971, Hughes denunciò Irving che, dopo aver confessato l'imbroglio, venne condannato a due anni e mezzo di prigione.
    Uscito dopo aver scontato 17 mesi, riprese la sua attività di scrittore.
    Altre informazioni qui (lingua inglese).
    Nel documentario nel F come Falso di Orson Welles, girato nel pieno dello scandalo, Irving parla di un'altra sua opera, pubblicata prima della falsa autobiografia di Hughes, dedicata alla vita di un falsario di opere d'arte.