Il più grande colpo del secolo - Film (1967)

Il più grande colpo del secolo

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/06/09 DAL BENEMERITO TARABAS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tarabas 28/06/09 10:45 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Un vecchio bandito in pensione progetta un colpo spettacolare per sfuggire alla noia della sua tranquilla vita borghese. Poi lo mette in pratica con l'aiuto di un amico americano conosciuto in Indocina, ma i capataz della mala si mettono di mezzo. Noir fuori tempo massimo per il leone Gabin, troppo anziano per essere un bandito credibile, in una storia risaputa e poco interessante, per quanto girata con professionalità. Curioso il personaggio del malavitoso mammone. Per completisti del polar. Routinario.

Belfagor 13/04/12 13:46 - 2685 commenti

I gusti di Belfagor

La noia della vita tranquilla spinge un bandito in pensione ad organizzare un colpo spettacolare, che però finisce con l'attirare l'attenzione della malavita. Polar con sfumature da commedia, convenzionale nella struttura e nello svolgimento ma girato con professionalità. Nonostante l'età, Gabin offre una buona interpretazione, così come il resto del cast.

Disorder 14/04/12 15:58 - 1416 commenti

I gusti di Disorder

Parte molto bene, come noir insolito (il ritorno "in pista" di un vecchio gangster a riposo, interpretato da Jean Gabin), ricco di stile e fascino. Purtroppo dalla metà in poi il film si inserisce nei binari della prevedibilità, scadendo inevitabilmente nella noia. Alcune soluzioni narrative poi fanno un po' sorridere (il mafioso che si arrende per salvare la mamma, il bottino nel portabagagli...). Nel complesso è comunque un film più che discreto, che si lascia ancora vedere.

Saintgifts 22/11/12 09:50 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Sceneggiatura non male nonostante dialoghi piatti. Un senso di generale svogliatezza però perdura fino al momento dell'esecuzione del colpo che, molto opportunamente, non viene mai spiegato durante i preparativi, così da creare un minimo du suspense mentre viene attuato. Ed è il momento migliore. Gabin ha la sua solita maschera da uomo freddo e conoscitore della vita e del genere umano, che calza al personaggio. La scenografia appare povera in relazione all'entità del colpo e l'entrata della banca ha l'aspetto di un qualsiasi negozio alimentare.
MEMORABILE: L'automobile Fiat che viene definita "carriola".

Faggi 28/05/16 19:52 - 1547 commenti

I gusti di Faggi

Tra i prodotti con Jean Gabin dai capelli bianchi e a tema grande rapina eseguita con ingegno, nonché con finale amaro e da "cherchez la femme" è uno dei meno riusciti. Non manca di tenere desta l'attenzione ma ha un che di artificioso e legnoso che insieme alla poca cura di certi dettagli (in questo genere di film spesso sono proprio i dettagli a fare la differenza) non ne fanno qualcosa di imperdibile. Più che vedibile, ma non ci si deve aspettare il filmone.

Daniela 22/06/20 00:57 - 12565 commenti

I gusti di Daniela

Titolo italiano farlocco, dato che si tratta di una rapina in banca piuttosto ordinaria organizzata da un anziano ex malavitoso annoiato dalla monotonia della vita borghese in combutta con un americano conosciuto anni prima in Indocina. Il regista è esperto, Gabin non ha perso la grinta di un tempo, le altre facce sono più o meno quelle giuste ma la sceneggiatura risulta fiacca e prevedibile, la messa in scena poco curata, le ambientazioni approssimative. Il risultato è un film di routine in cui i pochi spunti interessanti vanno cercati nei volti e nelle pieghe del racconto. 
MEMORABILE: Il gangster mammone; Attenzione alle vecchiette infuriate se hanno un fucile a portata di mano.

Nicola81 18/10/22 19:06 - 2811 commenti

I gusti di Nicola81

A dispetto del roboante titolo di italiano, ha ben poco di eclatante il colpo del film in questione, che si inserisce in un sottogenere all'epoca abbastanza inflazionato senza apportare alcuna novità di rilievo. Il regista Delannoy non era uno sprovveduto, Gabin nel ruolo del carismatico vecchio leone del crimine ci sguazzava, Stack e soprattutto Margaret Lee lo affiancano efficacemente, e in generale il tutto si segue senza noia fino all'epilogo inevitabilmente beffardo, ma resta un'impressione generale di svogliatezza, avvalorata da una messa in scena davvero poco accattivante.

Lythops 3/11/23 17:26 - 1019 commenti

I gusti di Lythops

Un altro titolo italiano fuorviante e mal tradotto dall'originale "Le soleil del voyous". Gabin qui interpreta un ex gangster che organizza un colpo in una banca dove sono stipati gli stipendi di un contingente americano. La presenza dell'attore è sufficiente, come sempre, a riempire ogni scena, ma il film risulta comunque assai piatto, difettando soprattutto nella sceneggiatura dai dialoghi spesso vuoti, Margareth Lee bamboleggia come può e tutto finisce lì. O quasi.

Jean Delannoy HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Maigret e il caso Saint-FiacreSpazio vuotoLocandina Il commissario MaigretSpazio vuotoLocandina L'amante italianaSpazio vuotoLocandina Racconti a due piazze
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.