Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'UOMO CHE CADDE SULLA TERRA

All'interno del forum, per questo film:
L'uomo che cadde sulla Terra
Titolo originale:The man who fell to earth
Dati:Anno: 1976Genere: fantascienza (colore)
Regia:Nicolas Roeg
Cast:David Bowie, Rip Torn, Candy Clark, Buck Henry, Bernie Casey, Jackson D. Kane, Rick Riccardo, Tony Mascia, Linda Hutton, Hilary Holland, Adrienne Larussa, Lilybelle Crawford, Richard Breeding, Albert Nelson, Peter Prouse
Visite:1345
Filmati:
Approfondimenti:1) UN VELOCE SGUARDO SULLA FANTASCIENZA DEI '70
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 24/2/07 16:22 - 4426 commenti

Chilometrica pellicola, che alterna squarci di cospicuo interesse a lentezze soporifere, le cui motivazioni si stenta a comprendere. Il sentimento che emerge è quello della pietà, che nasce dalla situazione di partenza del protagonista e del fallimento della sua missione. Il messaggio politico, di critica alla nostra società, è spesso generico o stereotipato, per cui stenta ad andare a segno.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Pigro 31/5/09 9:41 - 7276 commenti

Alieno sulla Terra per salvare il proprio pianeta, ma è risucchiato dalla vita terrena e poi sequestrato. Da ricordare solo per la presenza di Bowie, carismatica popstar, e per qualche immagine ad effetto (per esempio, l'alieno lucertoloso senza ciglia). Ed è un peccato perché la storia sarebbe bella (Icaro come metafora dell'uomo, i cui ideali si infrangono facendolo cadere nell'alienazione), così come alcuni spunti visivi e una dinamica narrativa non convenzionale. Ma il film è noioso, sfilacciato, senza mordente: un'occasione sprecata.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Rebis 16/7/09 15:07 - 2073 commenti

Jerome Newton, imprenditore di origine aliena, scoprirà a sue spese le conseguenze della forza gravitazionale... Lo stile lisergico di Roeg, fatto di montaggi incrociati, ralenti e immagini subliminali, per quanto datato, fa faville su soggetti ad hoc. Qui restituisce le percezioni di un extraterrestre cui Bowie ha donato il suo corpo anodino e androgino. L'approccio alla fantascienza è adulto, con velleità sociali e psicologiche non proprio di prima mano. Il gioco delle allusioni invece è un po' tirato per le lunghe: così torpore e stupore si alternano con discutibile perizia. Fascinoso.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 23/5/07 10:15 - 2456 commenti

Nichoals Roeg dirige un film di fantascienza originale ed interessante, purtroppo appesantito da lentezze esagerate. Non male la trama che vede David Bowie nei panni di un extraterrestre, perfettamente mescolato tra gli umani, che vuole tornare sul suo pianeta di origine. L'opera possiede un suo fascino innegabile e l'interpretazione di Bowie è da ricordare, ma il giudizio complessivo risente troppo della pesantezza del tutto. Comunque merita sicuramente una visione.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Fabbiu 20/1/14 3:12 - 1881 commenti

Non mi è mai risultato facilmente digeribile, devo ammetterlo. Pur da fan di Bowie, perfetto nel ruolo dell'alieno androgino, tutto lo svolgimento mi sembra lento confuso e sconclusionato. Quel voler dare a tutti i costi dei toni di forte impatto tramite le diverse trovate visive non risulta fluido. Probabilmente per attinenza alla profondità del romanzo e dei suoi molteplici rimandi concettuali, il film infarcisce di troppi fronzoli una trama che poteva essere emglio.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Enzus79 27/1/13 11:22 - 1548 commenti

Il miglior film di Nicolas Roeg, regista che personalmente poco ammiro. Non raggiunge i picchi altissimi dello splendido libro di Walter Tevis, ma giudico il film come un mezzo capolavoro. Visionario, ma fa anche riflettere. David Bowie perfetto per la parte dell'alieno.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Lucius  20/7/10 1:41 - 2741 commenti

Un film di fantascienza con buoni spunti ma che appare quasi privo di post-produzione, essendo troppo, troppo lungo e sfilacciato nel suo evolversi. Idea di partenza buona e fedele al romanzo di Walter Tevis, con una grande interpretazione di David Bowie, ma il "mancato montaggio" ne fa una pellicola tediosa anche se lungimirante. Qui e lì spunti visivi interessanti.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Paulaster 3/2/16 10:22 - 2270 commenti

Alieno simile a un Dio pagano scende in visita tra gli umani che fan le veci dei peccatori. Fantascienza onirica con colpi di genio visivi e scene allucinate per separare la terra polverosa dal presunto salvatore bisognoso d’acqua. Bowie perfetto nella sua magrezza e nel lucido pallore. Sebbene i tempi dilatati siano funzionali al gioco del passare del tempo è la mancanza di fluidità a rendere faticosa la visione. I salti temporali e la trama che sottintende dei passaggi tolgono mordente.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Buiomega71 18/7/12 22:32 - 2000 commenti

Il picco massimo del cinema roeghiano, denso concentrato di follia, solitudine, adroginia e visioni bizzarre quanto meravigliose. Uno dei film più originali e accattivanti della "fanta 70", con alcune soluzioni che verrano innestate nell'horror ottantiano (la vera natura aliena di Bowie agli occhi della Clark). Lisergico, allucinato, poeticamente e visivamente devastante. Facile leggere il binomio rockstar/alieno, più difficile cogliere "l'estraneità roeghiana" (penso all'Inizio del cammino). Puro cinema che vive di immagini e folgorazioni. Capolavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bowie che rivela la sua natura aliena alla Clark; Il defenestramento con casco; I flashback di Bowie e la sua famiglia, sul suo pianeta morente.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Luchi78 5/11/12 12:02 - 1521 commenti

Film visionario basato su un racconto con diversi spunti interessanti che però su pellicola perdono qualcosa. Bowie è un ottimo interprete, vista soprattutto la sua naturale propensione all'essere "visivamente" fuori dal mondo, magrezza e pallore sconcertanti, sguardo ed espressione androgina per eccellenza. Roeg fa invece un lavoro di regia decisamente troppo caotico, spesso con flashback inadeguati accompagnati da montaggi volutamente frenetici. Poteva esprimersi meglio.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Disorder 14/7/09 13:11 - 1382 commenti

Un film così-così, ed è un vero peccato perché l'occasione era ghiotta: David Bowie protagonista di un film che sembra uscito da una dalle sue canzoni. Ma la pellicola risulta lentissima, con una trama difficile da seguire e noiosa. Bene invece Bowie, che sembra interpretare se stesso nei panni dei suoi alter-ego più riusciti (Ziggy Stardust e thin White Duke): da ricordare solo per questo.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Alex75 18/8/15 9:32 - 595 commenti

Roeg non sfrutta appieno una storia molto stimolante su tecnologia e alienazione che sembra cucita su misura sul corpo androgino dello “Starman” David Bowie; il suo film risente di una realizzazione piuttosto farraginosa e ridondante, con diverse scene – anche hard - fini a se stesse e una certa superficialità di fondo. Malgrado questi limiti, diverse sequenze di questo trip lisergico hanno un forte impatto, anche grazie all’arditezza del montaggio e a un’eccellente e variegata colonna sonora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: “Facendo errori su errori si torna all’Uomo e alla sua grande inventiva”; “Forse l’avremmo trattata nello stesso modo se fosse venuto lei da noi”.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Maik271 30/11/14 17:14 - 436 commenti

Una pellicola affascinante per la sola presenza del perfetto Bowie nei panni dell'alieno, ma purtroppo la durata logorante e la lentezza della narrazione lo rendono ostico anche ai più pazienti. L'alieno vorrebbe far ritorno al suo pianeta per salvare i familiari, ma gli eventi non gli faranno raggiungere lo scopo. Peccato perché i primi minuti del film farebbero sperare in qualcosa di più avvincente. Il regista volendo fare un film troppo intellettuale finisce per annoiare.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Xabaras 6/2/15 18:01 - 189 commenti

L'alienazione di un extraterrestre caduto sulla terra descritta attraverso le sconfitte e le vicissitudini del David Bowie più fascinoso e iconico che ti aspetti. Purtroppo il film scorre a scatti e in maniera farraginosa e anche gli interessanti spunti di critica alla modernità (il mondo televisivo in particolare) finiscono per risultare troppo schematici ed evanescenti. Buono in ogni caso l'apporto delle musiche (si passa dal country ad alcuni accenni di elettronica glaciale che sembrano ricordare alcune digressioni del Bowie berlinese di "Low").
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)

Sadako 21/5/07 17:50 - 177 commenti

Tratto da un romanzo di Walter Tevis, pubblicato nel 1963, il film narra delle peripezie di un alieno umanoide che cerca in tutti i modi di permettere ai suoi (pochi) simili di raggiungere la Terra e la salvezza. La sottotrama ci riporta alla guerra fredda, alla necessità di segretezza da parte di diversi (alieni e non) all'interno della società americana che, con la scusa di "ricercare", finirà sempre e immancabilmente per distruggerli. Il film, molto visionario, non riesce a rende completamente lo sensazione di oppressione presente nel libro.
I gusti di Sadako (Fantastico - Horror - Musicale)