The Lazarus effect

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/05/15 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 12/06/15 05:19 - 6070 commenti

I gusti di Herrkinski

Il battage pubblicitario m'aveva insospettito, ma tutto sommato il film si è rivelato meglio delle mie non troppo alte aspettative. Un cast per una volta competente e la confezione tirata a lucido già ben predispongono alla visione; se i riferimenti ad altri film del filone (Pet sematary e Linea mortale su tutti) sono evidenti, l'atmosfera asettica - tra attrezzi chirurgici che penetrano il cervello iniettando sieri psichedelici e poteri mentali iperpotenziati - m'ha ricordato vagamente certo Cronenberg. Algido e piuttosto cupo; abbastanza godibile.

Digital 29/05/15 16:51 - 1153 commenti

I gusti di Digital

Un equipe di medici trova il modo di riportare in vita le persone. Quando uno di loro muore accidentalmente, tornerà su questa terra proprio grazie alla miracolosa scoperta. Horror che sfrutta un tema più volte utilizzato e perciò denota scarsa originalità. E dire che la parte iniziale non è nemmeno così pessima, tra dialoghi scientifici tutto sommato udibili e una certa cura riposta nella fotografia. Peccato che il tutto venga sciupato da un finale ridicolo, ancorché telefonato. Soliti rumori improvvisamente alti per cercare di spaventare...

Didda23 11/06/15 14:21 - 2324 commenti

I gusti di Didda23

Come può un'opera totalmente priva di originalità e spunti geniali raggiungere la sufficienza? La risposta è semplice: in taluni casi basta una discreta fotografia, attori che svolgono dignitosamente il proprio compito e una regia spigliata che amalgama il tutto con un discreto stile di ripresa. Ci si diverte insomma, complice la breve durata, nonostante la staticità della monolocation (il laboratorio nel quale si svolgono gli esperimenti). Il momento visivamente più accattivante è l'incubo che tormenta la Wilde. Per chi sa accontentarsi.

Saintjust 10/06/15 02:34 - 123 commenti

I gusti di Saintjust

Film low budget che viene mortificato da una sceneggiatura scarsa che danneggia un discreto cast. Parte horror e diviene thriller sovrannaturale dal ritmo soporifero. Nessuna scena spaventosa e omicidi poco impressionanti affossano il tutto. La questione etico - religiosa non viene approfondita a dovere. L'inesperienza del regista, l'andamento ondivago della trama, le scene messe a caso, le reiterate chiacchiere a vuoto dei protagonisti e il set composto da sole tre stanze rappresentano il resto di un menù molto poco invitante. Indigesto.

Maxx g 14/06/15 21:02 - 528 commenti

I gusti di Maxx g

Guarda chi si vede: Re Animator! Non è il film di Gordon (o Yuzna se preferite) ma la tematica è la medesima: resuscitare i morti. Lovecraft impallidirebbe di sicuro, visto com'è stata trattata la sua idea, anche se in questo caso non ci si è rifatti al suo celebre racconto. La suspence c'è ma la sensazione che si ha all'uscita dalla sala è che sia il solito prodotto da fine stagione: scontato come i saldi dei negozi. Si può anche perdere.
MEMORABILE: La prima morte di uno dei membri dell'equipe scientifica: letteralmente terrificante.

Piero68 25/09/15 16:03 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Debole horror che nonostante discreti momenti di tensione presenta una sceneggiatura pasticciata e vuoti narrativi che pesano come macigni alla conta finale. Gelb, di fatto al suo primo lungometraggio, non è regista di genere e si vede e il buon cast messogli a disposizione non frutta quanto dovrebbe. Il low budget poi incide anche sugli effetti speciali e sulla loro pochezza. Anche i risvolti etici alla fine si perdono in un telefonato prologo che pare già annunciare un sequel. C'è di meglio in giro, nonostante la flessione del genere.

Pumpkh75 29/12/15 19:00 - 1443 commenti

I gusti di Pumpkh75

Un Cimitero vivente medico-scientifico, che si limita professionalmente al minimo sindacale e che getta alle ortiche un discreto appeal iniziale. Il tutto perché alterna seriosissime riflessioni su etica e religione con musica, ricchi premi e cotillon sbracando nel comico involontario e facendo sorgere il dubbio di trovarci di fronte a un film sugli X-Men post-mortem. Il gruppo di ricercatori è bravino ma decisamente inferiore a quello di Linea mortale, la parte del sogno d’infanzia indigesto: troppo il potenziale poco sfruttato.

Taxius 8/10/16 15:30 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un gruppo di studiosi trova il modo di riportare in vita i morti; prima gli animali e, dopo la morte accidentale di uno dei componenti del loro gruppo, anche l'uomo; peccato che il ritornato non sia più lo stesso. David Gelb fa un mix tra il Lucy di Besson e Cimitero vivente tirandone fuori un film poco originale che comunque presenta qualche buono spunto (quel che basta per non essere una ciofeca totale). Una buona fotografia e un'azzeccata location si contrappongono a una serie di pessimi effetti speciali. Centrato il finale. C'è di peggio.
MEMORABILE: Il ritorno (sotto il lenzuolo) di Zoe.

Parsifal68 26/05/16 08:19 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un pugno di scienziati sperimenta su degli animali morti un siero capace di resuscitarli. Ma quando verrà iniettato su una donna, gli effetti saranno devastanti. Pasticciato fanta-horror che mescola vari spunti non originali, generando un minestrone. Ci fosse stato almeno un regista di spessore, che so un Cronenberg o un Craven, poteva anche essere un film interessante, ma è proprio l'inadeguatezza di tale Gelb a catapultarlo nel dimenticatoio.

Hackett 25/10/16 18:10 - 1807 commenti

I gusti di Hackett

Prendi le suggestioni di Pet sematery, mescolale con le coetanee morbosità di Zeder e aggiungici un pizzico di Linea mortale. Quello che otterrai è un horror che cerca di sfruttare per l'ennesima volta l'idea della vita dopo la morte. Purtroppo però, a differenza delle pellicole citate, The Lazarus effect è un filmetto scialbo, vuoto come l'anima della sua protagonista, che si risveglia incerta su quale sia la sua reale natura.

Mark Duplass HA RECITATO ANCHE IN...

Minitina80 17/05/18 07:07 - 2628 commenti

I gusti di Minitina80

È il tipico horror che si scorda in fretta per mancanza di personalità. Per quanto sia realizzato dignitosamente, manca quell’interesse generale imputabile a una poca originalità che lo fa piombare dritto nell’anonimato più pesto. L’idea del siero in grado di resuscitare i morti è stato già proposto con ottimi risultati nella saga di Re-animator, mentre qui si nota appena la bizzarria di chiamarlo “Lazzaro”. Tuttavia l’impostazione pende verso Linea mortale, mantenendo le dovute proporzioni nell’accostamento in ambo i casi.

Belfagor 11/08/18 21:50 - 2643 commenti

I gusti di Belfagor

Un esperimento in bilico sulla Linea mortale provoca dei ritorni sbagliati dal Cimitero vivente. Se l'ibrido sembra interessante sulla carta nella sua miscela tra fantascienza e horror paranormale, una volta arrivati al dunque si ricade in una sbrigativa serie di morti che spreca i personaggi insieme agli spunti di riflessione (per quanto non originali) sviluppati nella prima parte, arrivando a un finale estremamente forzato, quasi scorretto. Un cast così solido avrebbe meritato una sceneggiatura migliore.
MEMORABILE: Il cameo fulmineo di Ray Wise.

Rambo90 30/01/20 01:02 - 6868 commenti

I gusti di Rambo90

Non male, anche se piuttosto prevedibile in ogni suo sviluppo, questo filmetto intrattiene e offre un paio di sequenze ben girate e molto curate dal punto di vista visivo. La trama richiama in qualche modo alla mente Linea mortale, con conseguenze però più da slasher nella seconda parte. La Wilde è indicatissima per il ruolo perché sa trasformarsi benissimo da presenza angelica a inquietante, il resto del cast è mediocre. La breve durata aiuta a tenere alta la tensione.

Gabigol 26/06/21 12:38 - 447 commenti

I gusti di Gabigol

Scoprire il fluido capace di riportare indietro dalla morte: l'effetto Lazzaro come risultato della miscellanea tra Re-animator di Gordon, i vetusti cimiteri indiani kinghiani e la super-donna di Luc Besson. La pellicola è a basso costo, ed economici risultano gli effetti visivi e la location (oggettivamente ristretta). Pur nell'assenza di originalità, il plot verte su un soggetto che fisiologicamente attrae; persino lo spiegone dell'anima veicolata dagli impulsi neurali avrebbe aperto a sviluppi onirico-paranormali interessanti, che si spengono anzitempo. Film d'intrattenimento.
MEMORABILE: I titoli di testa; Il  cane che entra in camera; Zoe sotto il telo; Il sogno dell'incendio; L'armadio poco confortevole.

Lupus73 25/09/21 17:57 - 1024 commenti

I gusti di Lupus73

Partendo da Frankenstein, passando per Zeder e poi per Cimitero vivente, il cinema che unisce lo sci-fi al gotico con soggetto "immortalità e "resurrezione dalla morte" ha prodotto spesso interessanti e bizzarri risultati; questa pellicola non brilla sicuramente per originalità, ma dà semplicemente una moderna lucidatina ai riferimenti di cui sopra; tuttavia si lascia guardare senza annoiare troppo, anche grazie alla discreta regia. Buona l'interpretazione della Wilde. Se amate i temi di partenza potrebbe essere un buon diversivo, senza troppe pretese.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.