La "Cosa" degli abissi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Rift
Anno: 1990
Genere: animali assassini (colore)
Note: Aka "La cosa degli abissi", "La grieta".
Numero commenti presenti: 7
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 14/02/08 08:55 - 3828 commenti

I gusti di Undying

Sulla scia di Leviathan e La Creatura degli Abissi, non fu solo Margheriti a dare origine allo spin-off meno riuscito, ma anche il regista del malaticcio Pieces, e dell'intrigante Slugs: Jean Piquer Simon. La Cosa degli Abissi (persino il titolo italiano è clonato) gareggia, assieme ad Alien degli Abissi sul piano della peggiore imitazione: difficile dire quale, dei due, sia quello meno riuscito, anche se in questo caso, oltre alla miseria del budget, contribuisce l'inefficacia di una regia distratta e demotivata.

Flazich 9/06/08 12:26 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Un film che merita solo di essere dimenticato. Trama insipida e insulsa, effetti speciali insulsi e infimi, attori non propriamente brillanti e regia neutra. Nessun elemento si salva e il prodotto finale è quanto meno insufficiente. A questo va aggiunto il fatto che il filone dei mostri marini è sempre stato inflazionato ergo ancora più "rischioso". Se ci fosse mezzo pallino questa pellicola l'avrebbe meritato.
MEMORABILE: Il sommergibile viene attaccato da una gigantesca... "foglia di insalata"!

Puppigallo 21/01/09 11:12 - 4613 commenti

I gusti di Puppigallo

Più che "La cosa degli abissi", era meglio titolarlo "La vendetta della mucillaggine". E pensare che per un po' di verdura appiccicosa, qualche vermone e due mutanti hanno scomodato termini come "transgenetica" e "acceleratore di DNA". Se per quasi due terzi della pellicola si devono subire i soliti personaggi ultrastereotipati, con inutili dialoghi tappabuchi incorniciati dalle lucine del sottomarino; quando poi si entra nel vivo ecco che il budget risicato e la totale mancanza di idee originali contribuiscono a far definitivamente naufragare un progetto che fa dello scopiazzare il suo credo.
MEMORABILE: Il pesce suicida (si lancia fuori dall'acquario); "L'acqua è densa e gelatinosa" dice uno degli esploratori... saranno mica a Rimini?

Rigoletto 25/11/11 12:07 - 1643 commenti

I gusti di Rigoletto

Non so di quale budget disponesse il regista per la realizzazione di questa pellicola, ma a giudicare dagli effetti speciali penso fosse scarsino. Un film non bello che sembra girato di controvoglia. La scenenggiatura, a mio parere, fa acqua solo quando cominciano i guai seri, mentre risulta passabile (ma nulla più, intendiamoci) nei momenti della vita di bordo. Dignitosissima la prova di R. Lee Ermey in un ruolo adatto a lui, decisamente più sottotono quella di Jack Scalia **
MEMORABILE: La grotta sottomarina piena di animali mutanti.

Herrkinski 15/01/14 04:03 - 5780 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra i vari mostri marini che popolarono il cinema sci-fi di fine anni '80 ci fu pure questa "cosa degli abissi"; ma nonostante il buon mestiere di Piquer Simon, che permette di non annoiarsi eccessivamente grazie a un ritmo spigliato, si può dire che il film non sia propriamente riuscito. Le scene nel sommergibile sono perlopiù una versione low-budget di lavori migliori quali Creatura degli abissi, mentre le parti nella caverna si salvano in corner grazie a un po' di splatter, pur senza lasciare il segno. Non inguardabile, tuttavia mediocre.

Deepred89 12/12/19 23:02 - 3385 commenti

I gusti di Deepred89

Fantascienza subacquea di pura serie B sorretta dal discreto mestiere di Simon, che da un lato impone un certo ritmo a un soggetto stravisto ma dall'altro non riesce a evitare un'atmosfera che quasi riecheggia quella dei coevi fanta-action di Mattei e Fragasso, con un manipolo di duri (in questo caso attori pure discreti, anche se l'uscita di scena di un Ermey dall'inedito capello tinto rischia di scadere nel ridicolo) che si barcamena tra scenari ultrapoveristici (specialmente gli pseudo-esterni) e raffazzonati spargimenti di sangue.

Myvincent 16/02/21 09:24 - 2837 commenti

I gusti di Myvincent

Un'altra variazione sul tema La cosa, questa volta ambientata nei gelidi abissi della Norvergia. Teatro di posa è un sottomarino che si trova seriamente nei guai. Il racconto è mediocre, la messa in scena piatta, con nessun accesso al terrore vero e proprio e guizzi narrativi assenti. Edmund Purdom si spende il suo gettone di presenza nei primi minuti, con la sua solita innegabile classe. Da evitare.

R. Lee Ermey HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 12/02/17 10:34
    Pianificazione e progetti - 22751 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flano cinematografico di La "Cosa" degli abissi:

  • Curiosità Buiomega71 • 4/07/17 19:25
    Pianificazione e progetti - 22751 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Nel segno del giallo", sabato 10 luglio 1993) di La "Cosa" degli abissi:

  • Homevideo Mortician • 2/12/20 09:02
    Disoccupato - 24 interventi
    dal 22/12 disponibile in DVD (Quadrifoglio)