Ore 11:14 Destino fatale - Film (2004)

Ore 11:14 Destino fatale

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Non sempre, com’è noto, ciò che funziona sulla carta riesce altrettanto bene una volta che lo si porta sullo schermo. In questo caso chi sta alla base di entrambe le operazioni è la stessa persona e cioè il regista-sceneggiatore Greg Marcks, eppure se anche l'idea - non originalissima e anzi perfettamente inserita nel trend della decostruzione temporale oggi imperante - sembra a prima vista notevole (e molto intricata), il passaggio su schermo le nuoce. Colpa di una regia faticosa, meno agile di quanto servirebbe per farci apprezzare in pieno la complessità della storia, che ruota attorno a tutta una serie di personaggi legati dal destino (beffardo, più che fatale) i quali, alle 11:14 della...Leggi tutto notte, vengono in contatto tra loro incrociandosi. Partendo in pratica da un paio di drammi stradali contemporanei, il regista torna indietro nel tempo di qualche minuto ogni volta per raccontarci chi ha fatto cosa e perché. Un film che in pratica rivolge tutta l'attenzione alla sostanza trascurando un po' la forma, timidamente associabile a quella dei tanti prodotti consimili. Niente a che vedere, quindi, col più originale approccio di Iñárritu, che con AMORES PERROS e ancor più 21 GRAMMI è forse il regista che maggiormente (insieme al moderno iniziatore Quentin Tarantino) ha posto la struttura temporale frammentata al centro del proprio stile. Una sceneggiatura comunque solida permette di seguire la storia senza particolari difficoltà e di godere quindi del film. Recitato correttamente, senza infamia e senza lode, musicato e diretto discretamente.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 12/04/07 00:47 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Film decisamente "diverso" nel panorama del thrilling internazionale che a tratti assume connotazioni da commedia nera, pur mantenendo un ritmo incalzante. Caratterizzato da ottimi interpreti e forte di un sistema narrativo "ad incastro" coniato dall'horror orientale alla The Grudge, ore 11,14: Destino Fatale merita sicuramente la visione. Opera d'esordio di un promettente autore canadese che ha, meritatamente, vinto il primo premio al Festival di Sitges.

Red Dragon 14/04/07 20:53 - 125 commenti

I gusti di Red Dragon

Discreto e particolare film, che si concentra sulla "questione temporale" (il che ultimamente pare un vero e proprio trend) costruendo un thriller-drammatico in cui la buona sceneggiatura consente allo spettatore di seguire senza fatica il senso della vicenda che man mano si rende chiara, riallacciando le storie dei personaggi apparentemente slegati fra loro ma in realtà connesse. A partire dall'ora del titolo. A tal proposito gli attori lavorano bene, mentre il regista avrebbe potuto far meglio (ma anche peggio).

Sadako 2/06/07 17:47 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Pubblicizzato e presentato come horror, il film si trova ad essere in realtà un thriller tendente al comico che, se avesse avuto realmente qualche tinta orrorifica, sarebbe forse venuto meglio. Si gioca tutto nel lasso di venti minuti, spesso tirati fino all'impossibile per farci stare tutto, in modo da far coincidere tutte le vicende nello stesso orario esatto. Non gioca "con il" tempo, non c'è il paradosso del salto temporale e delle eventuali modifiche dovute ad esso, ma si limita a riproporre le stesse scene fino alla noia.

G.Godardi 4/06/07 17:19 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Spacciato per horror dalla promozione è in realtà un thriller "ad incastro" in cui vari momenti sono visti prima e dopo di un determinato avvenimento in cui le vite dei protagonisti si incontreranno/scontreranno. E' un esercizietto di stile fatto bene ma fine a se stesso, che nulla aggiunge all'attuale panorama cinematografico. Tutto sa di già visto. Sarebbe ora che i cineasti americani (e non) invece di scopiazzare schemi collaudatissimi (Tarantino & C.) provassero a tentare strade nuove. Buono il cast eterogeneo.

Dusso 22/06/07 11:38 - 1566 commenti

I gusti di Dusso

Film stile Tarantino che mi ha fatto passare 1 ora e 20 minuti molto piacevoli, anche se non mi è piaciuta la fine troppo sbrigativa. Secondo me il regista doveva farci vedere cosa succedeva ai vari personaggi, mentre invece il film finisce lì ed è un vero peccato, perché così lascia la senzazione di un film incompiuto.

Cotola 10/01/08 18:40 - 9034 commenti

I gusti di Cotola

Più che un thriller (come fu spacciato in Italia ai tempi della sua uscita) si tratta di una commedia nera di stampo spiccatamente tarantiniano che può contare su un buon ritmo al quale purtroppo non corrisponde un'adeguata originalità. I meccanismi narrativi, infatti, sono piuttosto usuali. Tuttavia il film si lascia vedere e qualche risata la strappa.

Pigro 2/06/08 10:26 - 9659 commenti

I gusti di Pigro

Il film gioca con ironia e intelligenza con i generi senza dimenticare i luoghi comuni del cinema Usa (auto in fuga, la provincia che nasconde segreti). E’ il racconto di una notte normale in cui ragazzi normali (o adulti come Swayze) si trovano impreparati e scioccamente inetti di fronte alla vertigine della morte o al crimine e commettono sciocchezze ancor più impressionanti. Alla fine crediamo di aver capito la trama, ma ciò che l'ha determinata, cioè questo delirio di follia "normale", rimane angosciosamente misterioso e inquietante.

Straffuori 13/07/08 21:04 - 338 commenti

I gusti di Straffuori

Quando uscì a noleggio nel mio paese non lo presi e feci male. Il film funge alla perfezione, è un puzzle del quale non si fatica troppo a trovare i pezzi (quindi per me la brevità ci può stare). Tutta la storia è ottimamente orchestrata e i tasselli sono ben incastrati tra loro. Trovo l'umorismo presente ma non troppo invadente per cui il film è un ottimo prodotto thriller con sangue e scene forti e con alcuni bei momenti di ironia, che non lo fanno però scadere nella parodia più cercata. Swayze, Foster, Swank, Hatosy: cast non male.
MEMORABILE: "E poi non dire mai che non faccio un c... o per te".

Hackett 29/08/08 11:24 - 1867 commenti

I gusti di Hackett

Divertente gioco ad incastro che dà vita ad una pellicola davvero stuzzicante. L'alternarsi quasi teatrale dei personaggi in primo piano o ai margini dell'inquadratura è un gioco di scambi che ben dona il senso della fatalità, cardine della storia. Produce la Fenech.
MEMORABILE: La scena del furgone e dell'evirazione di uno dei giovani.

Giacomovie 31/05/09 11:51 - 1398 commenti

I gusti di Giacomovie

Lo vidi in anteprima nazionale senza riferimenti di critica o di trama. La locandina faceva presagire un film horror ma poi si rivelò tutt'altra cosa: un innocuo thriller approssimativo, con un gioco di incastri a flashback confuso, realizzato nello stile di un telefilm e con delle trovate puerili. Tensione al minimo e qualche episodio di contorno umoristico. Da salvare solo i bei titoli di testa. Sprecata la presenza di P. Swayze e la Swank forse ancora rimpiange di avervi partecipato. *!

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Echelon conspiracy - Il donoSpazio vuotoLocandina The baitSpazio vuotoLocandina Ricordi mortaliSpazio vuotoLocandina Il volto della verità

Capannelle 12/10/09 11:46 - 4408 commenti

I gusti di Capannelle

Thriller grottesco che sfrutta il cammino a ritroso modello Memento e l'atmosfera di Fuori orario per svelare i perché di una storia apparentemente slegata. Per carità, non ha la stessa forza e qualità registica (Marcks non è capace) dei film citati ma diverte lo stesso. E ci insegna che "farlo" accanto ad una lapide pericolante può essere altamente pericoloso.. per sé e per gli altri. Parti tutto sommato marginali per gli attori più famosi, gli "swa-swa" (la Swank e il compianto Swayze).

Herrkinski 9/11/09 15:16 - 8100 commenti

I gusti di Herrkinski

Un film forse pubblicizzato male: gli elementi thriller e horror sono solo parziali; trattasi infatti di una commedia "pulp", piena di humour nero e violenza, ispirata dal Tarantino di Pulp Fiction & co. Troviamo quindi varie storie che si intrecciano in una notte di ordinaria follia, in una cittadina americana qualunque. Il meccanismo non è nulla di nuovo, ma il film se non altro diverte e può contare su un buon cast, con parti inedite per attori affermati come Swayze o la Swank. Gradevole, per una serata senza impegno. ***

Daniela 5/12/09 23:32 - 12651 commenti

I gusti di Daniela

Serie di eventi a catena, tutti culminanti ad una determinata ora, coinvolgono un gruppo di persone variamente legate l'una all'altra ma accumunate da una caratteristica comune: la propensione a commettere fesserie. I titoli di testa molto belli promettono bene, come pure il variegato cast, che annovera anche Hilary Swank e Barbara Hershey. Promesse non del tutto mantenute, perché, a parte del gusto dell'incastro e qualche tocco di umorismo nero, il film, pur non indegno ed anche a tratti piacevole da seguire - lascia ben poco allo spettatore, risultando thriller modesto e modaiolo.
MEMORABILE: "Non lo trovavo perchè cercavo qualcosa di più grande..."

Belfagor 11/09/10 01:40 - 2690 commenti

I gusti di Belfagor

Cara, esco un Memento a fare due passi anche se è un po' Fuori orario... il deterministico intrecciarsi di eventi cruciali è un concetto succulento e la suburbia è un ambiente abbastanza sordido per riflettere sulle miserie umane. Aggiungete Swayze e la Swank e avrete le componenti migliori della pellicola. Però non si può sviluppare il film in maniera così modaiola e televisiva, mostrando di non avere né la corrosiva esagerazione di Pulp Fiction, né le morbose deviazioni di Velluto blu. C'è di meglio e c'è di peggio.

Ale nkf 2/10/10 13:55 - 802 commenti

I gusti di Ale nkf

Questo thriller ha un unico difetto: finisce male. Infatti quando lo vidi ne rimasi affascinato fin dalle primissime scene in cui la iella nera scatena una vera catastrofe. Gli attori sono buoni, la sceneggiatura è discreta e le vicende dei personaggi si intrecciano bene. Rimasi col fiato sospeso fine alle ultime sequenze, ma quando iniziarono i titoli di coda pensai: e adesso? Speravo che ci fosse qualche altra scena che spiegasse meglio, ma poi ripensandoci era chiaro solo che dall'ottima partenza speravo in un finale più ricco di suspance.

Buiomega71 8/08/11 18:24 - 2908 commenti

I gusti di Buiomega71

Vorticosa, mozzafiato e geniale follia a incastri che viaggia a mille allora, stimolando l'encefalo e l'adrenalina. Marcks si rifà all'intelaiatura di Pulp Fiction e costruisce un dramma che fa dei paradossi (e beffe) del destino il suo punto di forza. Sesso al cimitero con conseguenze letali, occultamenti di cadaveri, incidenti dovuti alla più totale incoscienza e deliri assortiti. Già dai bellissimi titoli di testa si è trasportati in una specie di "universo parallelo" fatto di assurde e "catastrofiche" coincidenze. Un piccolo gioiellino.
MEMORABILE: Il film mostra quanto sia pericoloso "farla" fuori da un furgone in corsa; la lapide truffaldina; il ragazzo vendicativo.

Piero68 21/08/12 12:52 - 2957 commenti

I gusti di Piero68

Un cast ben assortito regge un bel film grazie a una sceneggiatura, in perfetto Tarantino-style, accurata e ben fatta. La trama può sembrare frammentaria e apparantemente slegata, ma poi piano piano, con salti temporali e ottimi passaggi, tutto si ricongiunge e il finale fa capire come un semplice gesto possa innescare una serie di eventi inaspettati e drammatici, destino o meno lo si voglia chiamare. Un grosso merito anche alla regia e soprattutto al montaggio. Anche se il film sembra frutto di clichè, per me è una piccola chicca nel genere.

Rambo90 17/01/17 16:30 - 7692 commenti

I gusti di Rambo90

Più che un vero thriller si tratta di un'opera grottesca e leggermente sopra le righe, dove la struttura a flashback e incastri coinvolge subito lo spettatore, curioso fino alla fine di scoprire cosa stia succedendo. Peccato che la sceneggiatura non vada molto al di là di questo giochino, con dialoghi banali e un finale improvviso che lascia in sospeso molte questioni. Cast ben assortito, tra giovani promettenti e vecchie glorie. Buono.

Ryo 15/05/17 01:09 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Apprezzo molto questo tipo di regia che destruttura la linea temporale degli eventi (Pulp fiction insegna), raccontando di volta in volta un punto di vista diverso della stessa storia, componendo tassello dopo l'altro tutti i sotterfugi e dando una spiegazione a diverse scenette che inizialmente potrebbero sembrare assurde e surreali. Qualche forzatura di troppo comunque c'è e il finale poteva dire ancora di più.
MEMORABILE: Il cane sul cofano; La testa dell'angelo che cade; Il pene reciso.

Anthonyvm 26/11/19 15:01 - 5672 commenti

I gusti di Anthonyvm

Non conta la storia, ma come la si racconta: Marcks dirige con gusto una piccola black comedy il cui bizzarro (se non risibile) plot viene valorizzato da una sceneggiatura fresca, dinamica e divertente. Una complessa serie di eventi (incidenti, truffe, occultamenti di cadaveri, chi più ne ha più ne metta) ci viene narrata attraverso cinque punti di vista diversi, cinque episodi che collidono e si influenzano a vicenda. Chiudendo un occhio sulla grottesca inverosimiglianza del tutto, è facile lasciarsi avvincere. Buon cast, ritmo svelto. Ottimo.
MEMORABILE: I bellissimi titoli di testa; L'evirazione accidentale e il recupero del "caduto"; Il cadavere con testa spiaccicata; La circolarità del twist finale.

Henry Thomas HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina E.T. - L'extraterrestreSpazio vuotoLocandina Gangs of New YorkSpazio vuotoLocandina [1.05] Masters of Horror: Il gusto dell'ossessioneSpazio vuotoLocandina Desperation

Il ferrini 13/07/20 06:11 - 2353 commenti

I gusti di Il ferrini

Divertente black comedy che mette insieme una serie di eventi paradossali, accaduti o causati, a un gruppo di personaggi nell'arco di dieci minuti. Lo stesso lasso di tempo viene raccontato dai vari punti di vista e lentamente si forma un puzzle ironicamente macabro, fatto di morti violente, tradimenti e perfino castrazioni. Il cast è notevole, il ritmo spigliato e ci si diverte abbastanza, grazie anche ai dialoghi brillanti e alle ottime interpretazioni. A tratti ricorda il cinema dei Coen, ed è un gran bel complimento. 

Keyser3 20/08/20 22:35 - 444 commenti

I gusti di Keyser3

Commedia nera compatta (appena un'ora e venti di durata) che tutto sommato fa il suo dovere, grazie a un dinamico meccanismo narrativo a incastro che segue i punti di vista dei vari personaggi coinvolti per approdare a un finale che è già noto all'inizio. Cast di giovani virgulti, impreziosito da Hilary Swank, ormai in rampa di lancio, e dal compianto Patrick Swayze, l'unico vero e proprio big. Apprezzabli anche le musiche di Mansell e gli originali titoli di testa.
MEMORABILE: Lo spiacevole incidente occorso a Eddie.

Minitina80 20/04/21 17:44 - 2980 commenti

I gusti di Minitina80

Trasporre su schermo uno scritto complesso come questo è una sfida improba. Incastrare tutto al meglio possibile, riuscendo allo stesso tempo a dare alla vicenda un senso cinematografico richiede doti da urlo. In parte, comunque, qualcosa va per il verso giusto in quanto il bandolo della matassa un passo alla volta si scioglie, restituendo una visione d’insieme organica, anche se a dir poco folle. Merito del fascino oscuro dell’inverosimiglianza. Resta da capire cosa ci faccia un attore come Swayze in un contesto del genere, per giunta in un ruolo non esattamente di primo piano.

Diamond 28/02/24 09:26 - 166 commenti

I gusti di Diamond

Commedia nera, ambientata in una sonnecchiante provincia americana, basata su uno script interessante che gioca con la scomposizione temporale in maniera sicuramente non innovativa ma intrigante. L'incastro è tutto sommato convincente e verosimile, malgrado qualche comportamento davvero sciocco. Buona fotografia, cast adeguato, il film scorre via che è una bellezza, a tratti diverte e tutto sommato intrattiene degnamente.
MEMORABILE: L'evirazione in macchina; La lapide.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Undying • 29/11/07 22:35
    Risorse umane - 7574 interventi
    * E' coprodotto dalla famosa attrice Edwige Fenech, simbolo della cinematografia di genere in Italia.
    La celebre (e brava) attrice, moglie del regista/produttore Luciano Martino, dopo aver abbandonato le scene è rimasta attiva nel campo cinematografico in veste di produttrice (soprattutto per alcune fiction televisive).
  • Discussione Zender • 30/11/07 09:33
    Capo scrivano - 47764 interventi
    Non so perché ma quando capita che i film dividono nettamente in diue capita spesso che io mi ci trovi a metà :). E mi spiego: è innegabile che la sceneggiatura incastri i vari pezzi del mosaico piuttosto bene e l'operazione (per quanto non nuova, Inarritu ne sa qualcosa e prima di lui Tarantino e prima ancora magari Kubrick...) da questo punto di vista funziona ed è pure stimolante. Il punto è che la regia mi è sembrata poco agile e molto anonima, per portare in porto un'operazione così ambiziosa (dal punto di vista della costruzione). Insomma, a me è sembrato un film riuscito a metà: buono sulla carta, non altrettanto nel risultato finale.
  • Discussione G.Godardi • 30/11/07 19:14
    Fotocopista - 663 interventi
    Io l'ho trovato molto deludente ,è un film senza dubbio fatto bene,ma quanto ad originalità lascia molto a desiderare,sembra solo un compitino ben svolto scopiazzando qua e là da altre parti.Il classico filmetto da masturbazione mentale di un regista semiesordiente.

    Senza scomodare i modelli illustri,che tutti conosciamo,voglio ricordaere un altro film del 1999 molto simile a questo,Go-una notte da dimenticare di Doug Liman.Soltanto che nessuno per quel film gridò al miracolo...
    Ultima modifica: 9/08/11 08:32 da Zender
  • Homevideo Undying • 11/01/08 22:28
    Risorse umane - 7574 interventi
    Inserito nel catalogo Cecchi Gori, che presenta il film con ottima qualità audio (dolby 5.1 italiano e dolby 2.0 inglese) e video (1.85:1 anamorfico).

    Purtroppo nulla gli extra, a meno che non si vogliano considerare tali un misero trailer cinematografico e la biografia del regista e degli attori principali.
  • Discussione Buiomega71 • 8/08/11 18:51
    Consigliere - 25981 interventi
    Ma che Oscar ha vinto questo film? A me non risulta che sia stato premiato con degli Oscar.

    Comunque, personalmente, piccolo gioiellino da custodire.
    Ultima modifica: 20/09/15 20:32 da Buiomega71
  • Discussione Zender • 8/08/11 18:54
    Capo scrivano - 47764 interventi
    Manco a me, evidentemente il buon Godardi si era confuso.
  • Discussione Buiomega71 • 8/08/11 19:00
    Consigliere - 25981 interventi
    Veramente lo scrive Undying. ;)
  • Discussione Zender • 8/08/11 19:33
    Capo scrivano - 47764 interventi
    E' vero, Godardi rimaneva giustamente perplesso :)
  • Discussione Cotola • 8/08/11 20:26
    Consigliere avanzato - 3843 interventi
    Confermo: nessun oscar.
  • Discussione Zender • 9/08/11 08:33
    Capo scrivano - 47764 interventi
    Ok, corretto il fu post di Undying.