21 grammi - Il peso dell'anima

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: 21 gramms
Anno: 2003
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 22
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Iñárritu è il regista del pluripremiato AMORES PERROS, altro film-fiume diviso in tre episodi che s’incastrano tra loro “grazie” a un incidente stradale. 21 GRAMMI ne è l'evoluzione stilistica, che ancor più punta sulla forma per celare una povertà di fondo abbastanza preoccupante. L'operazione di Iñárritu consiste sostanzialmente in questo: prende tre storie diverse, le fa intersecare ma, invece di limitarsi a spezzettarle alla Altman, ne disperde i segmenti confondendoli in un caos temporale da brividi. Il prima e il dopo cambiano continuamente di posizione (avete presente PULP FICTION?) disperdendo i brani dei tre...Leggi tutto episodi apparentemente a caso, come in un mosaico da ricomporre e che rappresenta lo stimolo principale per lo spettatore. Quest'ultimo si troverà quindi a ricostruire (meno faticosamente che in MEMENTO, a dire il vero) l'intera vicenda come in un puzzle che piano piano disveli il suo disegno. La bravura innegabile di Iñárritu sta nell'aver saputo condurre il gioco in modo da renderlo accessibile e interessante, ma se solo potessimo vedere la vicenda nel corretto ordine cronologico ci accorgeremmo che si tratta di un melodramma tutto sommato scialbo, interpretato benissimo da due fuoriclasse come Sean Penn e Benicio del Toro (ma Naomi Watts non è da meno) penalizzato da un ritmo troppo lento e meditativo. Alle poche scene cardine davvero ben girate se ne alternano troppe che sanno di riempitivo. E per un film che raggiunge le due ore è difetto non da niente. L'attenzione necessaria alla struttura è troppa e penalizza il resto.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 27/05/07 18:52 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Astuto (e cinico) film modaiolo che usa pretestuosamente la decostruzione narrativa à la Tarantino per rendere appetibile una trama da sotto-Matarazzo messicano, costellata di inverosimiglianze, iatture e riflessioni da Besos Perugina. Abbastanza terribile. Non si può disconoscere la professionalità, ma il tutto sa, oltre che di posticcio e pretenzioso cheap, di pianificato rigorosamente a tavolino in vista di calcolatissimi effetti. Il deliquio critico conferma i nosri sospetti. 21 tonnellate.

Galbo 10/02/08 08:59 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Primo film americano di Inarritu dopo l'intenso Amores Perros, 21 grammi è una bella riflessione sulla vita e sulla morte (oltre che sul senso di redenzione e la vendetta) narrativamente destrutturato, soluzione non nuova ma funzionale perchè pone in primo piano non la vicenda in sè quanto le motivazioni che la animano e le caratteristiche psicologiche di personaggi magnificamente intepretati dal terzetto di protagonisti;tra questi spicca il sempre intenso Sean Penn.

Almayer 6/06/08 12:01 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Tanto Babel mi ha lasciato freddino, tanto questo mi ha coinvolto e sconvolto. Bello il montaggio spezzettato, che rende ancora più interessante una storia già di per sè ottima, ma qui a farla da padrone sono le strepitose interpretazioni degli attori: Benicio Del Toro, Naomi Watts e Sean Penn sono da applausi e pure Charlotte Gainsburg mi è piaciuta. Assolutamente da vedere, Inarritu riesce a provocare una naturale empatia per le sofferenze dei personaggi e noi si soffre con loro.

Cotola 26/12/08 13:17 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Dopo il riuscito "Amores Perros" il regista Inarritu cerca di ripetersi senza però riuscirci particolarmente bene. Non che la pellicola sia brutta ma il problema è che il regista si crede un grande autore, mentre va detto che dietro le sue pseudo profonde riflessioni sugli uomini ed i loro rapporti, si nasconde molta banalità. Per il resto, la professionalità dell'insieme rende il film accettabile nonostante, da un punto di vista della pesantezza, vada ben oltre i ventuno grammi del titolo.

Pigro 20/02/09 10:14 - 7831 commenti

I gusti di Pigro

Diversi personaggi dalla vita sbandata, uniti alla lontana da una disgrazia che si trasforma in vita (un trapianto di cuore). Un film dalla sintassi complessa e difficilmente districabile (da vedere almeno due volte) per venire a capo non tanto della storia quanto delle macerie umane che ciascun personaggio (straordinari Del Toro, Penn e Watts) porta dentro di sé. Un film duro e commovente al tempo stesso, spietato e pietoso: una giostra di emozioni e sentimenti di grande fascino e sofferenza. Si ama o si odia: per me un grande film.

Saintgifts 22/10/09 23:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Secondo film della Trilogia della Morte del regista Inarritu. Lo stile è quello di Amores Perros, con avanti e indietro temporali e storie legate tra di loro a causa di un fatto, anche qui un incidente stradale. Gli attori sono dei professionisti e rendono credibile tutto, anche le diverse forzature utilizzate per far progredire le storie (o LA storia, visto che ad un certo punto i diversi personaggi entrano in contatto). Il tentativo di approfondire le psicologie degli interpreti è stancante e inutile e allunga oltremodo il film.

Ciavazzaro 24/10/09 21:51 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Film che non mi è troppo piaciuto. A mio avviso è un pochino sopravvalutato e difatti, prima di accingermi alla visione,ero convinto della sua qualità e devo dire che sono rimasto un po' deluso dal risultato finale. Il cast è più che discreto, ma la storia non mi convince fino in fondo.

Luchi78 24/03/10 14:00 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

È evidente in questo film la voglia di Inarritu di complicare forzatamente lo stile narrativo di Amores Perros, portandolo ai livelli di Memento: esperimento gradito solo per la prima visione. Tanta la carne al fuoco e i temi affrontati in un contesto drammatico di morte e di vita: l'interpretazione fantastica dei 3 principali protagonisti dà spessore ad un film che rimane un po' sospeso a mezz'aria.

Hackett 27/05/10 07:52 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Collage filmico ed emozionale, 21 grammi è un'ottimo esempio del cinema di Inarritu. Un montaggio sfalsato e dialoghi che si prendono il loro tempo. Grazie ad interpretazioni notevoli il film sa parlare all'animo di chi guarda e affronta un tema come quello vita-morte senza fare sconti, in maniera sinceramente disperata. Non facile da vedere ma davvero esemplare.

Stefania 29/07/10 22:19 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Un professore malato, un ex-tossico, le rispettive consorti, un'altra ex-tossica, il marito e le due figlie: tutti loro hanno in comune qualcosa... che cosa? Non si rende un buon servizio alla storia riducendo il legame tra i personaggi, vero elemento di interesse, ad un indovinello. Poi, presentare i singoli decontestualizzati dal dramma che li accomuna non aiuta a entrare in sintonia con loro, e le tematiche del film (morte, sopravvivenza, perdono), veicolate in maniera frammentaria, non guadagnano né profondità, né peso. Tiepido e subdolo.

Xamini 28/10/10 02:15 - 1021 commenti

I gusti di Xamini

Il montaggio scelto da Inarritu, il primo dettaglio che viene all'occhio, è evidentemente forzato (fa il verso al Nolan di Memento) e rischia, obiettivamente, di gettare nello sgomento lo spettatore. Ma è il modo in cui tiene in mano la macchina da presa a fare il paio con le interpretazioni (eccellenti!) e a veicolare il suo sentire attraverso le meraviglie del linguaggio del cinema. Un film arduo, talora addirittura indigesto o snervante nel suo insistere con la decostruzione, eppure intenso, in grado di arrivare alla soglia del cuore.
MEMORABILE: La sequenza finale

Buiomega71 4/03/11 11:14 - 2283 commenti

I gusti di Buiomega71

Sarebbe ora che Inarritu la piantasse con questi film che, oltre ad essere delle mattonate terribili, sono scopiazzate (nell'intelaiatura) da Tarantino e da Altman. A di là dell'ottima prova di Penn e della Gainsbourg, questa fuffa è di una pesantezza incredibile, con Del Toro che gira per tutto il film in stato zombesco narcolettico. Niente emozioni, tutto stravisto e raccontato cento volte meglio. Uno dei registi più sopravvalutati in assoluto, nel suo classico modo di raccontare ruffiano e insostenibile. Una bufala tremenda.
MEMORABILE: Penn, che fuma di nascosto dalla Gainsbourg, con la bombola dell'ossigeno.

Mdmaster 5/03/11 16:17 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Avevo gradito Amores Perros pur nella sua imperfezione, ho a malapena digerito questo. Artificiosamente costruito ad arte per smerciare un'ipersensibilità emotiva tremendamente falsa, con cast furbetto e professionale che riesce comunque a salvare la narrativa appositamente spezzettata e maciullata. Ci fa piacere che abbia lanciato la Watts come attrice, ma in compenso ha affossato il povero Del Toro in un ruolo davvero sfigato. Alla fine, invece di essere toccato, ero infastidito e avrei preferito guardare altro.

Capannelle 26/04/11 09:15 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Questi 21 grammi devono molto a Magnolia di Anderson ma non riescono a raggiungerne la potenza e nell'insieme perdono smalto nel procedere della storia (anche per via della decomposizione temporale della storia ma non è quello il problema). Sono comunque girati con mestiere e gli attori rendono abbastanza bene, anche se conservo qualche dubbio sulla consistenza dei personaggi di Penn e della Watts. Non male.
MEMORABILE: Lo sfogo di Benicio Del Toro in prigione.

Pinhead80 1/07/11 18:10 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Ovvero il peso dell'anima... già questo ci fa capire che quella di Iñárritu non è solo un'opera intricata ed emozionante ma anche fortemente meditativa sul significato di vita/morte, destino/fatalità. Dopo Amores perros ecco che il talentuoso regista messicano sforna un altro film intenso dove i sentimenti vengono ingabbiati da vite disperate. Iñárritu poi sfrutta alla perfezione la bravura del cast, che riesce a diventare un tutt'uno con i personaggi interpretati (tra tutti Del Toro). Struggente.

Giacomovie 13/06/14 19:59 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Film sul “peso dell’anima” che la osserva dal lato delle sue piaghe dolorose, mostrando certi dilemmi che lacerano la quotidianità. I personaggi sono disegnati con essenzialità e su di loro aleggia sempre qualcosa di oscuro e sincopato. Il materiale che si è voluto elaborare non è semplice, ma certa critica nei suoi riguardi è stata spietata. Il suo difetto è la disordinata struttura a mosaico, con un eccessivo mescolamento di pezzi che occorre risistemare mentalmente. Ma a parte questo il risultato è di tutto rispetto. Ottimo Sean Penn.

Furetto60 16/03/15 09:26 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Drammone esistenziale riferito a un evento terribile - famigliola sterminata da pirata della strada e conseguente dono degli organi – tramite un intreccio temporale elastico fatto di anticipazioni e passi indietro. Il disorientamento iniziale - l’evento è disgregato - è assorbito nel divenire quando, come un puzzle, si ricostruisce la vicenda. Questo è il gran merito del film: riuscire a rendere appassionante una vicenda tanto semplice, fin troppo, quanto tremenda. Bell’esempio di cinema e prova maiuscola degli interpreti principali.

Lou 14/10/15 23:55 - 972 commenti

I gusti di Lou

L'intensità drammatica di questo film ha pochi eguali, per i temi trattati e per l'ambientazione cupa e disperante. A ciò si aggiunge la particolare scelta narrativa di proporre le scene in successione non cronologica, che genera smarrimento e svela la vicenda complessiva solo mettendo insieme un pezzo dopo l'altro come nella costruzione di un puzzle. Difficile da dimenticare. Ottima prova del cast, con Naomi Watts e Sean Penn intensi e bravissimi.

Alex1988 21/10/17 18:59 - 659 commenti

I gusti di Alex1988

Il talento di Iñárritu va affiorando sempre più con questo "21 grammi", secondo capitolo della cosiddetta "Trilogia della morte". Non facilissimo da seguire, almeno per il vasto pubblico, dato che il racconto non ha una sua linearità temporale, ma può contare su un'ottima squadra di attori. Particolarmente triste, ma interessante. Sean Penn premiato al Festival di Venezia.

Paulaster 4/09/19 10:46 - 2829 commenti

I gusti di Paulaster

Un incidente sconvolgerà la vita a tre persone. Classico intreccio con sottotrame e l’idea che cavalca Iñárritu di mescolare i piani temporali. Scelta abbastanza inutile dato che la sceneggiatura è valida di suo e che vengono svelati in anticipo alcuni dei dettagli conclusivi. Notevole il personaggio di Del Toro che passa da delinquente a fanatico religioso; Penn ha il ruolo più congruo, la Watts è fin troppo caricata. Clima incupito a sottolineare lo stile autoriale, che fa perdere realismo alla storia.
MEMORABILE: Del Toro che accusa Gesù di averlo tradito; La Gainsbourg che se ne va di casa; Penn che fuma accanto al letto; Il costo dell’avvocato.

Enzus79 21/11/19 22:03 - 1828 commenti

I gusti di Enzus79

Tre episodi che si incastrano fra loro avendo come punto in comune un incidente stradale. I dettagli di una singola storia sono evidenziati in modo certosino ed è questo che colpisce in positivo. Le due ore si sentono poco o niente. Diretto (Iñárritu) e scritto (Arriaga) in modo magnifico, così come tale è l'interpretazione di ogni singolo attore protagonista delle tre storie.

Noodles 21/12/19 13:33 - 879 commenti

I gusti di Noodles

L'effetto temporale spezzettato non è roba nuova e non è certo stato creato dal regista, che però lo usa con grande efficacia e maestria costruendo un film mai noioso e con pochissimi punti morti, allentato solo da qualche momento filosofico un poco pretenzioso. Vita, vendetta e soprattutto morte sono i temi salienti della pellicola, ben recitata dal cast, specialmente Naomi Watts. Psicologia dei personaggi perfettamente delineata. Non sarà un lavoro innovativo, ma è un bel lavoro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 23/09/11 02:17
    Scrivano - 14782 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 30/11/2011 per Rai Cinema/Bim Distribuzione: