Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/11/21 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 9/11/21 23:50 - 11421 commenti

I gusti di Daniela

L'arrivo di un giovane prete in una piccola comunità isolana sembra coincidere con un risveglio spirituale, culminante in veri e propri miracoli, ma ogni dono ha un costo... Partendo da riflessioni sulla fede, il senso della vita e la paura della morte, la serie assume sempre più toni orrifici fino a culminare in un epilogo fiammeggiante: il male trova terreno fertile nel fanatismo religioso, sostenuto dall'interpretazione letterale dei testi sacri in cui Dio mostra il suo carattere crudele e vendicativo. Imperfetta, talvolta incongruente, ma originale, ben fatta e ben interpretata.

Leandrino 5/01/22 17:01 - 379 commenti

I gusti di Leandrino

Riley torna sull'isola natìa dopo il carcere; ad aspettarlo la famiglia e un nuovo giovane prete molto carismatico. L'isola di Crockett - un tempo così familiare - diventa teatro di miracoli e sorprese, diretto riflesso della ricostruzione biografica dei protagonisti. Turbamenti, ricordi e rimpianti si confrontano con i grandi temi dello spirito, mentre fuori qualcosa di realmente divino sembra stia accadendo. Una serie horror che fa del suo punto forte la scrittura dei personaggi, oltre a offrire una storia originale su temi solitamente inflazionati.
MEMORABILE: Un gigantesco Hamish Linklater nella parte di Padre Paul; L'angelo; L'incubo ricorrente di Riley; Il finale.

Mike Flanagan HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 10/11/21 00:06
    Gran Burattinaio - 5801 interventi
    Questa Midnight Mass non è tratta da un romanzo di Stephen King ma personalmente l'ho trovata molto più kinghiana di altre serie che si ispirano direttamente alle sue opere, come la recente The Outsider che è risultata sotto le aspettative.
    L'ho giudicata tutt'altro che perfetta, anzi gli ultimi due episodi mi hanno lasciata piuttosto perplessa sia per le incongruenze vistose che per i comportamenti troppo insensati di alcuni personaggi, però il bilancio finale è stato positivo per l'approccio non banale, alcune svolte inaspettate, le ottime prove degli attori principali, la messa in scena molto curata, un paio di sequenze di grande suggestione.
    Per questo mi sento di consigliarla ai numerosi filo-kinghiani del sito, anche se non metto la mano sul fuoco circa il loro gradimento.