The captive - Scomparsa

Media utenti
Titolo originale: The Captive
Anno: 2014
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/12/14 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 30/12/14 08:55 - 9530 commenti

I gusti di Daniela

Il rapimento di una bambina getta i genitori nella disperazione. Anni dopo, la banda di pedofili responsabile della sua segregazione se ne serve per adescare in rete altri bimbi... Egoyan insiste sul tema (abusi su minori) e sul clima (freddo) del film precedente, risultando ancor meno convincente. Thriller confuso nella narrazione al incastri temporali, con personaggi poco definiti o sospesi nel vuoto come il pedofilo musicomane, indizi incomprensibili, epilogo fiacco. Sul tema dei rapimenti infantili, meglio rivolgersi altrove se ci cercano emozioni e coinvolgimento.
MEMORABILE: Bisogna essere davvero perversi per guardare per ore le riprese di una donna che fa le pulizie di camere d'albergo

Galbo 9/08/16 05:49 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Atom Egoyan continua a parlare di bambini violati, come nel suo film precedente. Quest'opera ha potenzialmente un forte impatto drammatico che il regista tenta (volutamente ?) di "raffreddare" con una struttura narrativa non lineare. Il risultato è un film discontinuo in cui le motivazioni dei personaggi sono talvolta poco comprensibili e che paga un finale molto fiacco rispetto al soggetto trattato. Buona la prova degli attori. Nel complesso deludente.

Nando 19/11/16 07:24 - 3486 commenti

I gusti di Nando

Una pellicola rarefatta con sbalzi temporali che mostra un inizio interessante, tra sterminate distese innevate, salvo poi implodere in uno sbrigativo finale che, nonostante la linearità, si mostra totalmente poco esplicativo. Il tema della pedofilia qui appare straniante senza mostrare crudeltà ma puntando sul fattore psicologico e imbonitore. Cast nella media che vede prevalere Reynolds.

Hackett 20/11/16 14:22 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Thriller dal passo lento e frammentato (a volte troppo) da un montaggio che segue più strade temporali e qualche volta finisce per disorientale lo spettatore; rimane comunque un discreto film nel quale la mano del regista e il suo modo di girare fanno la differenza nei migliori momenti. Egoyan è un buon regista che poteva essere un ottimo regista, purtroppo dai film degli esordi (lo splendido Exotica) la sua filmografia ha ridotto un po' i propri orizzonti.

Piero68 9/12/16 10:09 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Come spesso accade nei film di Egoyan le buone premesse vengono presto smentite dal prosieguo nella narrazione. A poco serve questa volta il gioco dei continui salti temporali. Anzi, a tratti mettono pure in difficoltà lo spettatore. Resta un film che ha il sapore dell'incompiuto, visto che la sceneggiatura non ha il coraggio di andare fino in fondo al problema della pedofilia e si limita a scalfirne solo la superficie. Buona la fotografia e discrete le prove attoriali con una Fast improbabile dodicenne. Finale poco convincente e troppo ruffiano.

Taxius 19/12/18 20:26 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Thriller gelido ambientato in mezzo alle montagne innevate americane con tema la pedofilia e il rapimento di bambini da parte di questi deviati. The Captive tratta l'argomento molto alla leggera senza riuscire a sconvolgere lo spettatore, cosa che invece aveva fatto benissimo il film greco Miss violence (un vero pugno nello stomaco). Fastidiosi i continui salti temporali che rischiano di confondere anche lo spettatore più attento. Pessimo il finale all'acqua di rose, davvero fuori luogo. Film inutile.

Lou 9/04/20 19:45 - 972 commenti

I gusti di Lou

Il soggetto è inquietante al punto giusto e l'ambientazione nordica insieme alla particolare caratterizzazione dei personaggi riescono a generare un alto clima di tensione, nonostante l'andamento discontinuo e a tratti confuso. Peccato per il finale deludente e per la mancanza di coraggio nell'approfondire e indagare la tematica delle deviazioni pedofile.

Il ferrini 24/09/20 23:11 - 1704 commenti

I gusti di Il ferrini

Non esplora certo terreni vergini (il rapimento di bambini era appena stato affrontato anche da Villeneuve in Prisoners) ma si lascia seguire fino alla fine. Merito di Egoyan, che adotta una narrazione cronologicamente non lineare, ambienta tutto in malinconici paesaggi alla Fargo e disegna un personaggio (quello di Ryan Reynolds) col quale è difficile non immedesimarsi. La vicenda di per sé non offre grandi colpi di scena o momenti di altissima tensione, tuttavia ne esce un interessante affresco familiare.

Redeyes 25/10/20 08:15 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Come già per i tre ragazzini anche qui la pellicola finisce per perdere ben presto mordente e appiattirsi risultando più noiosa che altro. Il dramma iniziale (ma anche l'intera sceneggiatura) poteva certamente regalare momenti interessanti, ma vuoi un montaggio poco incisivo con continui sbalzi temporali, vuoi prove attoriali appena accettabili (lo stesso carceriere non ha spessore alcuno), annichiliscono la tensione. Egoyan continua a dimostrarsi un eterno incompiuto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 30/12/14 14:15
    Consigliere massimo - 5229 interventi
    Devil's Knot mi aveva convinto poco, ma mi viene quasi da rivalutarlo dopo la visione di questo ultimo film del regista, che pure nella prima parte della carriera aveva fornito belle prove.
    Ho trovato The Captive non tanto brutto quanto poco incisivo, sconclusionato, con una altalena temporale che all'inizio disorienta, poi appare gratuita.

    Alla vacillante progressione narrativa si aggiungono poi la scarsa definizione dei personaggi e alcuni presunti "indizi" che restano senza alcuna spiegazione ("trucco o stratagemma?" ripetuto più volte - chi lo capisce poi mi spiega, grazie). Il risultato è un thriller psicologico che seppellisce sotto una spessa coltre bianca di neve anche coinvolgimento, suspence, emozioni, pensando che la rarefazione - ambientale, psicologica, cronachistica - si traduca automaticamente in raffinatezza. Per contro, è proprio questa manifesta pretesa di autorialità che personalmente mi dà maggiore fastidio: meglio una pellicola modesta ma anche poco pretenziosa piuttosto che una che pretende di scandagliare chissà quali profondità dell'animo umano ed invece resta tanto in superficie.

    Dato il soggetto, impossibile non fare un confronto con il film recente di un altro regista canadese come Egoyan, ossia Prisoners di Villeneuve: confronto che va a tutto svantaggio di questo The Captive.
    Ultima modifica: 30/12/14 20:49 da Daniela
  • Homevideo Daniela • 3/02/16 09:28
    Consigliere massimo - 5229 interventi
    La versione doppiata in italiano sarà disponibile in DVD a partire dal 10 febbraio 2016
  • Discussione Buiomega71 • 7/03/17 21:23
    Pianificazione e progetti - 22026 interventi
    Zendy, il film viene trasmesso da Sky col titolo The captive-Scomparsa, vedi tu se sostituirlo o metterlo negli aka