Lincoln

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Lincoln
Anno: 2012
Genere: drammatico (colore)
Note: Daniel Day-Lewis in Italia è doppiato da Pierfrancesco Favino.
Numero commenti presenti: 27
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/01/13 DAL BENEMERITO PAULASTER POI DAVINOTTATO IL GIORNO 23/07/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Paulaster 11/01/13 09:20 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Vederlo in lingua originale mi ha dato la possibilità di scoprire la chiave del film: il tono di voce di Lincoln. Day-Lewis ci costruisce il personaggio intorno e il suono calmo con un filo di stanchezza riempie l’ambiente delle sue parole importanti, ma con un pizzico di humour da buon padre di famiglia. Anche visivamente è l’unico che regge, mentre gli altri sembrano a un ballo in maschera (botox della Field compreso). Spielberg gli si mette al servizio. Trama argomentata e politica, gli ultimi 20 minuti non sono necessari.
MEMORABILE: Il teorema di Euclide; Il campo di battaglia alla fine.

Rullo 13/01/13 22:04 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Un film che ha come fondamenta Daniel Day-Lewis e la sua grande recitazione. Esprime carisma da tutti i pori: lui non recita Lincoln, lui è Lincoln. Si rimane basiti nel vedere di quanto la bravura di un attore possa elevare un film: Spielberg ci porta a provare ciò che prova il presidente senza se e senza ma. Purtroppo risulta essere un po' troppo lungo, ma nel complesso la durata non si fa troppo sentire.

Homesick 29/01/13 09:38 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Non tanto una biografia su Lincoln, quanto piuttosto una radiografia della Politica tesa a raggiungere il fine – e qui si tratta di una meta storica come l’abolizione della schiavitù - anche con i mezzi della corruzione e dell’inganno. Spielberg ha saputo rendere fruibili le infinite discussioni sull’emendamento e gli attriti in seno ai Repubblicani attraverso la potenza del grande Cinema e dei suoi attori: eccelsi non solo Lewis – un Lincoln allampanato, al contempo mite e combattivo -, e l’intenso Lee Jones, ma anche Strathairn con la sua straordinaria serietà e signorilità. Machiavellico.
MEMORABILE: Le animate sedute parlamentari e gli epiteti degli onorevoli; la falsa lettera sull’imminente fine della guerra.

Puppigallo 26/01/13 01:48 - 4499 commenti

I gusti di Puppigallo

Interessante come documento storico-politico, questa diligente pellicola può contare sull'ottima interpretazione di Lewis. Resta però un prodotto più adatto al pubblico USA, piuttosto che a un qualunque altro essere umano, che ne può avvertire la staticità, vertendo solo sull'approvazione del tredicesimo emendamento, ottenuto con qualsiasi mezzo, lecito e non; il tutto intervallato dalle Lincoln beghe familiari. Il resto degli attori non sfigura (i cacciavoti sono un po' troppo caricaturali), anche se spicca comunque Jones, che ha un motivo in più degli altri per far approvare l'emendamento.
MEMORABILE: Jones all'avversario "Non credo nell'uguaglianza degli uomini, ma davanti alla legge sì. Lei è più rettile che uomo, ma viene giudicato come mio pari"

Cotola 27/01/13 00:40 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Poco cinema e tante parole in questo film, troppo lungo, firmato da Spielberg con tutti gli annessi e connessi tipici del suo stile. Un bel po' di retorica (ma visto il genere di pellicola ci può stare); qualche scena madre (per nulla memorabile) con tanto di pietismi evitabili (quelli riguardanti il figlio morto); un approccio alla storia molto didascalico e tipicamente a stelle e strisce. Pomposamente poco sopportabili le musiche di William. Superba la prova di Day-Lewis, gigioneggiante ma efficace quella di Lee Jones. Ovvio che la confezione sia impeccabile. Americanissimo.

124c 28/01/13 12:54 - 2762 commenti

I gusti di 124c

Lezione di storia americana data dal professor Steven Spielberg con l'aiuto del "ricercatore" Daniel Day-Lewis. Un film interssante, ma che fa bene sopratutto all'America e agli americani. Di certo il tema trattato, l'approvazione del 13° emendamento, che abolisce la schiavitù in Usa, è interessante, ma il film è un po' troppo lungo. Comunque ben recitato non solo da Daniel Day-Lewis, che è molto somigliante al presidente Usa, ma anche da Sally Field e da Tommy Lee Jones, pelato con tanto di parrucchino. Kolossal da due palline e mezzo.

Tarabas 4/02/13 14:18 - 1687 commenti

I gusti di Tarabas

Una delle battaglie politiche più importanti della storia, non solo americana: l'abolizione della schiavitù. Gli ultimi mesi di vita dell'uomo politico più importante della storia americana. Spielberg gira un film tutto dialoghi e studio di caratteri, che non teme i tempi dilatati, anzi li sfrutta per portarci nel cuore del politico e dell'uomo Lincoln e dei suoi interlocutori. Il rischio di agiografia è tenuto a bada mostrando i lati oscuri del potere. Clamoroso il cast, da Day-Lewis a Strathairn a Jones alla Field. Molto più "europeo" di quanto sembri.
MEMORABILE: Il dialogo con i giovani soldati all'inizio del film, con Lincoln seduto nella stessa posa in cui verrà immortalato nella statua del Lincoln Memorial.

Berta61 29/01/13 11:11 - 17 commenti

I gusti di Berta61

Film serioso e paludato, di impianto teatrale, quasi tutto girato in interni, impreziosito da una fotografia bellissima, ricca di chiaroscuri e controluci. Grandi interpreti, tutti e interessante lezione di storia e di politica: Lincoln non esita a giurare il falso, corrompere e, soprattutto, far proseguire la sanguinosa guerra civile americana, ormai vinta dal Nord, pur di centrare il macro-obiettivo del varo dell'emendamento che abolisce la schiavitù negli Usa. Opera lentissima e pensosa, lunga (150 minuti), antispettacolare, ma da vedere.
MEMORABILE: Lincoln che si allontana dalla Casa Bianca per l'ultima volta prima di morire, ripreso in controluce, bastone in mano e la lunga tuba in testa.

Saintgifts 31/01/13 23:34 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Pur mostrandone anche il lato umano (il rapporto con la moglie e il figlio), si ha l'impressione che la figura del presidente sia stata messa su un piedistallo molto alto. Non che non lo meriti, ma c'è troppa enfasi nel valorizzare ogni parola e ogni gesto, complice forse la recitazione di Day-Lewis, calato con convinzione nel personaggio. Le figure di contorno riescono a dare un po' di respiro a tutto il lavoro rendendolo meno didascalico e "vivacizzandolo", aiutando così una visione sempre a rischio di pesantezza, vista anche la durata.

Ducaspezzi 4/02/13 21:40 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Non proprio spielberghiano, nel suo insieme, per la sospensione programmatica della spettacolarità, mentre invece è più riconoscibile una certa corda emozionale del regista laddove emergerà, verso la fine, il retroterra privato del personaggio dell'ottimo Tommy Lee Jones. E non è, quest'ultimo, un aspetto che ho molto gradito perché è come se si fosse appena un po' sfilacciato quel senso di astratto e severo universalismo che il tema portante del film possiede e rivendica in perpetuo. Un bel film di robusta attorialità. Welcome Machiavelli!

Kint 10/02/13 10:34 - 39 commenti

I gusti di Kint

Più che un film storico lo definirei didattico: dialogato dall'inizio alla fine e coinvolgente a tratti, aggiunge poco o niente a quello che si potrebbe trovare scritto su un libro di storia. Spielberg sceglie di soffermarsi unicamente sulla lotta per il tredicesimo emendamento, lasciando sullo sfondo la guerra di secessione e la vita privata del presidente (la parte meno interessante). Il risultato è un film ben recitato ma poco convincente.

Galbo 15/02/13 19:45 - 11346 commenti

I gusti di Galbo

Quasi una lezione di storia in forma di documentario per Steven Spielberg, che utilizza un approccio assai impegnato per questa biografia del presidente Lincoln. Un trattato sulla politica in forma filmata, ma qualcosa di lontano dal cinema in senso stretto. Gravato da una lunghezza eccessiva, il film può contare su un'ottima interpretazione di tutto il cast, ma la scelta di Favino come doppiatore del protagonista è pessima. Eccellente la ricostruzione ambientale, ma nel complesso un film freddo che non lascia molto nello spettatore.

Mtine 17/02/13 17:08 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Chi va a vedere Licoln aspettandosi il solito kolossal americano spettecolare e ricco di azione resterà irrimediabilmente deluso. L'ultimo lavoro di Spielberg è infatti ricco di dialoghi, anche se troppo lento e prolisso. Tutto ciò rende il film un'opera a suo modo originale e interessante, che tenta di spiegare la storia non come un insieme di battaglie, ma di uomini e idee. Lincoln non è un capolavoro, ma è comunque un film a tratti piacevole e ben realizzato, ricco di bei momenti. Un nota di demerito va invece a Favino doppiatore.
MEMORABILE: Le storie raccontate da Lincoln.

Cloack 77 28/02/13 20:49 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Fondamentale per l'impianto del film l'interpretazione totale di Daniel Day-Lewis, accompagnato dalla dura genialità di Tommy Lee Jones (a cui spetta la scena più divertente, quella della "persuasione" di un democratico) e dalla sorpresa James Spader, perfetto, "sudato". Non si può dimenticare neppure il dolore di Sally Field, che sul finale si arrende al destino e alla grandezza di colui che le è a fianco. Insomma un eccellente cast per un ottimo film che può permettersi il lusso di tralasciare la scena dell'omicidio.

Matalo! 17/02/13 21:08 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Spielberg come Lincoln usa tutti gli stratagemmi, leciti o meno, per raggiungere il fine perseguito: ricco nel cast e nell'impianto ma piano nel tono totale, mellifluo e retorico (vedi lanci di musica nei momenti solenni) ma convinto nel valore della democrazia e spesso sobrio, quasi pedante. Poteva finire con l'uscita di Lincoln a teatro a incontrare Boothe, ma rinuncia a questa ellissi per farne un'altra, meno poetica. Alla fine il film esce promosso, anche se abbiamo dovuto sopportare bene e male durante il percorso. Day Lewis immenso.
MEMORABILE: James Spader ciccione; La consegna del 13mo emendamento di Lee Jones alla "governante.

Capannelle 27/02/13 16:45 - 3702 commenti

I gusti di Capannelle

Spielberg osa qualcosa di meno divertente del solito e, se da una parte regia e fotografia non deludono affatto e gli attori sono bravi, dall'altra verbosità e durata si fanno sentire. In altri casi sarebbe stata una mattonata e questa non lo è. Porta avanti un messaggio universale, colorato certo a stelle e strisce, su un soggetto sempre attuale, e per essere uno Spielberg non è nemmeno troppo patriottico. Però ogni tanto viene voglia del fast forward.

Didda23 6/05/13 19:59 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

L'emozione sorge spontanea quando vedi recitare un cast di attori di questo calibro: Day-Lewis è un Lincoln perfetto non solo per la somiglianza, Lee Jones colora sarcasticamente il proprio personaggio; Hoolbrook, Strathairn, Stuhlbarg, Blake Nelson e un irriconoscibile Spader sono spalle di super-lusso e impreziosiscono la bellezza del girato. Dal canto suo Spielberg ha una capacità unica nel saper narrare magnificamente gli eventi storici. I dialoghi, anche se tecnici, sono alquanto realistici. Una grande e elegante lezione di cinema.

Greymouser 8/05/13 12:25 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un film veramente pesante, che riporta il cinema di Spielberg all'ipertrofia retorica dei suoi lavori meno riusciti: lento, prolisso, statico e freddo, non aggiunge alcun afflato epico o visionario alla manualistica conoscenza storica di fatti e personaggi della vicenda. Day Lewis è bravo come sempre, ma la sua interpretazione è diluita e resa asfittica dal brodo logorroico in cui lo costringe la verbosissima sceneggiatura: un fiume in piena di parole che travolge ben presto ogni scintilla di vera cinematografia. Non brutto, ma inutile.

Luchi78 12/12/13 15:58 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Necessaria un'importante fase di "riscaldamento" prima della visione, meglio ancora se si è appassionati di storia politica americana. Film piuttosto pesante fino alle battute finali, dove la votazione al tredicesimo emendamento viene più vissuta come una liberazione piuttosto che come un traguardo storico. Day-Lewis è superlativo e solo per la sua interpretazione il film merita almeno una visione.

Yamagong 3/01/14 23:47 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Più che convincente Spielberg alla regia di un film storico: Lincoln è la rappresentazione sofferta di quell'esercizio democratico tanto doloroso quanto necessario, perché fatto di sacrifici e ardui compromessi. Day-Lewis giganteggia, anche perché messo al servizio di un personaggio sfaccettato e profondamente umano e tormentato. Ma il voler inseguire velleità trattatistiche inficia negativamente sia sul ritmo, molto blando, sia su di un impianto narrativo di non immediata comprensione (a meno di non conoscere la storia americana...).
MEMORABILE: La furiosa lite tra Lincoln e sua moglie; L'aneddoto sul quadro di George Washington; Il momento della votazione.

Piero68 3/02/14 09:10 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Osannato dalla critica campanilistica (e come non potrebbe essere), la realtà è che Lincoln dimostra una volta di più che Spielberg è abbondantemente sul viale del tramonto e che dai tempi di Munich non ne indovina più una né come regista né come produttore. Ma al di là di questo il film è noioso e improduttivo (almeno dal punto di vista storico) e l'unica cosa che rimane sono i dialoghi e le continue storielle raccontate da Lincoln. Più che di Lincoln si parla del XIII emendamento e della sua storia parlamentare. Arrivare alla fine è dura!
MEMORABILE: La disinvoltura nel raccontare la compravendita dei parlamentari (argomento tanto caro alla odierna politica italiana).

Nando 27/02/14 20:11 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Un ritratto importante per uno dei momenti fondamentali della storia etica del mondo, l'abolizione della schiavitù negli States. La pellicola è cronachistica, forse lievemente fredda e priva di pathos, nonostante un'emozionante finale. Day-Lewis è monumentale per somiglianza e carisma ben affiancato dal resto del cast in cui menziono Spader. Lo stile di Spielberg è comunque visibile in una ricostruzione perfettamente accurata.

Jena 16/01/16 17:30 - 1171 commenti

I gusti di Jena

Totalmente inserito nel filone del cinema obamiano/democratico (di cui Spielberg ormai è alto aedo) è un film didattico, molto parlato, con poca azione, intriso di alti ideali e retorica. Una roba così in mano, che so, a un regista italiano poteva essere un mattone indigeribile, ma nelle mani di quello che è stato uno dei più grandi registi americani diventa ul film di due ore e mezza che fila via tutto sommato liscio. Ma la vera arma segreta del è un Day Lewis assolutamente perfetto, grandioso, tanto che sembra Lincoln che partecipa a un film!

Daniela 28/11/16 07:41 - 9226 commenti

I gusti di Daniela

Non un biopic tradizionale ma un "dietro le quinte" in cui si dimostra come in politica il fine giustifichi i mezzi, se il fine è nobile come l'abolizione della schiavitù. Quasi interamente incentrato sui dialoghi, con un solido cast a far da corona alla prova di impressionante mimetismo del protagonista (apprezzabile solo in originale dato il mediocre doppiaggio), è un film in cui Spielberg contiene la sua vena retorica ma che solo in brevi momenti riesce a trasmettere emozioni. Il risultato è una lezione di storia illustrata interessante ma troppo cerebrale per coinvolgere.
MEMORABILE: La fossa delle gambe, in uno dei pochissimi momenti senza dialogo

Lou 15/02/17 22:27 - 941 commenti

I gusti di Lou

Spielberg celebra con devozione il presidente che lasciò il segno nella storia facendo approvare nel 1865 l'emendamento di abolizione della schiavitù. Day-Lewis restituisce alla perfezione il ritratto di un uomo temperante, sensibile e attento, dotato di grande visione politica, determinato e concentrato sull'obiettivo di ottenere, anche a costo di dichiarare il falso, l'approvazione del congresso. Non è un film spettacolare né di facile visione, perché il regista sacrifica il ritmo per concentrarsi sull'azione politica e le trame di palazzo.
MEMORABILE: "Il tempo è un grande addensante".

Thedude94 23/06/19 21:52 - 541 commenti

I gusti di Thedude94

Spielberg ci presenta la figura di Lincoln in maniera tecnicamente impeccabile: regia, scenografie e fotografia sono più che soddisfacenti; ciò che può essere criticata è la ripetitività in alcuni punti della sceneggiatura, che in aggiunta allungano eccessivamente il film. Daniel Day-Lewis è, in compenso, fenomenale: non sbaglia nulla e non è mai sopra le righe; anche la Field e Lee Jones fanno la loro parte ottimamente. Insomma, un biopic intenso, che merita la visione e invita alla riflessione su temi importanti e fondamentali per l'uomo.

Ryo 3/05/20 21:05 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Raffinato, sobrio e importante. Non emozionante però. La recitazione è eccezionale e le riprese eccellenti (inclusa una saturazione del colore datata per dare un aspetto antico senza sembrare post-prodotta). Ma ci sono due cose che rendono questo film assolutamente da vedere. Uno è il contenuto: la lotta per porre fine alla schiavitù durante la guerra civile. La seconda è la travolgente performance di Daniel Day-Lewis, così valida da farci dimenticare che stiamo guardando un attore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Capannelle • 2/02/13 22:02
    Scrivano - 2496 interventi
    Storico o avventuroso?
    Entrambi, cavolo, e questo ne fa un grandissimo regista.
    Per me Schindler, Incontri e Ryan sono da top del top ma anche AI, Duel e Minority sono roba sopraffina.
    Curiosamente mi ricordo poco degli Squali ma prima o poi lo rivedrò.
    Ultima modifica: 2/02/13 22:03 da Capannelle
  • Discussione Tarabas • 4/02/13 14:25
    Formatore stagisti - 2050 interventi
    Temo di non essere d'accordo praticamente con nessuno dei giudizi che ho letto finora.

    Il film è "verboso": è un film politico, la politica si fa soprattutto con le parole. Sarebbe stato facilissimo mettere una mezz'ora di scene di guerra, a mio parere torna a gran merito di Spielberg di aver rifiutato una strada molto semplice per colpire l'emotività del pubblico, costringendo invece a seguire il (complesso, senza dubbio) svolgersi della trattativa politica per l'abolizione della schiavitù.

    E' troppo americano: secondo me è un film molto meno americano di quel che sembra, a parte la storia (quella sì, ma a ben vedere è una storia universale successa in America). Mi sembra un film politico di stampo molto europeo, teso alla verosimiglianza storica (su questo tutti i commenti americani concordano) e non reticente sui retroscena meno agiografici della figura di Lincoln. Sull'evitare scorciatoie spettacolari, nelle quali indulge troppo cinema di oggi, vedi sopra.

    Sulla questione Oscar non mi pronuncio, dato che gli Oscar non mi sono mai interessati.
  • Curiosità Caesars • 8/02/13 11:03
    Scrivano - 10501 interventi
    Pare esserci un clamoroso errore storico nel film di Spielberg:
    La denuncia di un deputato: «Il Connecticut non votò contro l’abolizione della schiavitù. Correggere l’errore prima dell’uscita in Dvd»

    http://www.lastampa.it/2013/02/07/esteri/il-falso-storico-di-lincoln-che-imbarazza-spielberg-vFzKogAKRdb4xZwyDk67xJ/pagina.html
    (lo segnalo solo per curiosità)
  • Discussione Galbo • 15/02/13 19:46
    Gran Burattinaio - 3745 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Ha il merito di non essere un "santino" ma va
    detto che il film è troppo verboso e noiosetto.
    L'ho trovato francamente piuttosto piatto e poco emozionante e coinvolgente. Queste sono le
    prime impressioni. Poi magari ripensandoci, a mente fredda potrei alzare il voto, ma non credo. E comunque 14 nominations all'oscar sono
    davvero troppe. Speriamo non vinca nulla di meritevole.


    concordo su tutto, francamente un film deludente e la scelta di Favino come doppiatore del protagonista è pessima. Dubito che lo rivedrò ma credo sia il classico film da vedere in lingua originale.
    Ultima modifica: 18/02/13 05:23 da Galbo
  • Discussione Matalo! • 17/02/13 21:11
    Call center Davinotti - 620 interventi
    Tarabas ebbe a dire:
    Temo di non essere d'accordo praticamente con nessuno dei giudizi che ho letto finora.


    E' troppo americano: secondo me è un film molto meno americano di quel che sembra, a parte la storia (quella sì, ma a ben vedere è una storia universale successa in America). Mi sembra un film politico di stampo molto europeo, teso alla verosimiglianza storica (su questo tutti i commenti americani concordano) e non reticente sui retroscena meno agiografici della figura di Lincoln. Sull'evitare scorciatoie spettacolari, nelle quali indulge troppo cinema di oggi, vedi sopra.


    Concordo, è molto americano non troppo americano. C'è qualcosa di eccellente nel modo in cui solo gli americani sanno fare
  • Curiosità Galbo • 25/02/13 05:50
    Gran Burattinaio - 3745 interventi
    Daniel Day Lewis vince l'Oscar come migliore attore protagonista
  • Homevideo Mco • 5/05/13 19:16
    Scrivano - 9659 interventi
    In DVD e BR dall'8 Maggio 2013 per 20th Century Fox.
  • Discussione Didda23 • 10/05/13 10:23
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Galbo sono completamente d'accordo con te per il doppiaggio di Favino. L'ho visto in originale e quando ho sentito la pubblicità in tv del DVD/ Blu ray mi sono venuti i brividi. Come sputtanare un lavoro certosino di impostazione di voce e di accenti.
  • Discussione Galbo • 10/05/13 21:45
    Gran Burattinaio - 3745 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Galbo sono completamente d'accordo con te per il doppiaggio di Favino. L'ho visto in originale e quando ho sentito la pubblicità in tv del DVD/ Blu ray mi sono venuti i brividi. Come sputtanare un lavoro certosino di impostazione di voce e di accenti.

    È la pseudofurbata di prendere un attore di grido per il doppiaggio per portare quattro gatti in più al cinema piuttosto che impiegare un professionista del settore, posto che a mio parere il cinema andrebbe sempre visto in lingua originale
  • Curiosità Daniela • 28/11/16 08:03
    Consigliere massimo - 5072 interventi
    Hal Holbrook, che nel film di Spielberg interpreta il ruolo di Francis Preston Blair, l'anziano politico a cui Lincoln affida il compito di avviare contatti con i confederati, ha interpretato a sua volta la figura del Presidente nelle serie Tv Lincoln (1975-1976) e Nord e Sud (1985-1986), oltre che in un episodio del The Ed Sullivan Show (1966).