La collina dei conigli - Film d'animazione (1978)

La collina dei conigli
Media utenti
Titolo originale: Watership Down
Anno: 1978
Genere: animazione (colore)
Note: Soggetto dal romanzo "Watership Down" dello scrittore inglese Richard Adams, pubblicato nel 1972.

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/07/07 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 18/07/07 16:35 - 5267 commenti

I gusti di Puppigallo

Un cartone animato poco adatto ai più piccoli, disegnato bene (tratto semplice ma efficace), con una buona caratterizzazione dei personaggi (su tutti, il coniglio Quintilio e il gabbiano fuori di testa) e un apprezzabile contenuto. Dà quasi un senso d’angoscia (la premonizione), accentuato dai pericoli che incontrerà il gruppo, alla ricerca del luogo ideale dove vivere. Come succede tra gli umani, anche qui, quando inizia a diffondersi una certa inquietudine, può capitare che qualcuno ne approfitti per prendere il sopravvento. Notevole.

Mdmaster 5/10/10 08:48 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Molto più crudo e diretto del libro di Richard Adams, arricchito dal doppiaggio di diversi ottimi attori inglesi (John Hurt, Richard Briers, ecc), Watership Down è un cartone da mostrare ai bambini per rendersi conto di come la natura sia realmente, non come negli idilliaci cartoni Disney. Ovviamente, la parabola si adatta bene anche all'essere umano, i conigli alla ricerca di un posto sicuro siamo noi, sperduti in una società dove non c'è rifugio dalla crudeltà del nostro prossimo. Poetico, a tratti inquietante e ben girato, da riscoprire.
MEMORABILE: Keehar si sorprende della mancanza di femmine "Vhere are the chicks?? You are fool!"; l'orrido racconto della distruzione della colonia.

Pigro 26/11/12 10:20 - 9659 commenti

I gusti di Pigro

Antico Testamento in versione coniglia: un veggente guida l’esodo del suo popolo dal male verso la collina promessa, ma sulla strada e al suo arrivo dovrà combattere. All’andamento narrativo della favola si sovrappone così quello mistico, che pervade la storia con precisi riferimenti: dio, l’anima, la preghiera. Il risultato è discreto, anche se spira più potente il vento della religione che non quello dell’emozione, nonostante la ricerca del realismo anche con scene cruente. Carino per i bambini, edificante per le parrocchie.

Vito 28/03/17 04:54 - 695 commenti

I gusti di Vito

Film d'animazione tratto dal romanzo di Adams. Un'opera dai toni e colori cupi che affronta il tema della violenza, della dittatura usando come metafora il mondo degli animali. Molto violento e non adatto ai bambini. Ricordo una visione da piccolissimo che mi lasciò completamente terrorizzato, specialmente nel finale con le impennate splatter. Molto bella la canzone "Bright Eyes" di Art Garfunkel.

Anthonyvm 3/03/18 17:55 - 5672 commenti

I gusti di Anthonyvm

Capolavoro assoluto dell'animazione. L'epico viaggio di un gruppo di conigli in cerca della loro terra promessa, fra mille avversità e pericoli. Ottima trasposizione del romanzo di Adams, forse anche più cupo dell'originale e sicuramente più crudo (molti i bambini traumatizzati dalle scene di violenza). Non è un film per i più piccoli, che lo troveranno troppo spaventoso o noioso: è un racconto allegorico che tocca temi religiosi, esistenziali e politici, profondo e bellissimo. Animazioni, disegni, musiche e colori bellissimi. Indimenticabile!
MEMORABILE: I momenti visionari (sogni, premonizioni, flashback), che siano dolci, dark o entrambi, colpiscono per la loro essenzialità formale, quasi mistica.

Bubobubo 29/12/18 00:24 - 1847 commenti

I gusti di Bubobubo

Si distingue, oltre che per la trattazione cruda ed esplicita della violenza grafica, per i fantasiosi inserti onirici e per la poetica delicatezza con la quale affronta lo snodo centrale della morte. A una seconda visione, oggi, emergono anche i suoi maggiori difetti, ovvero un tratto ormai vecchieggiante e un doppiaggio (in v.o.) largamente inadeguato, troppo enfio e stilisticamente alto (con la scelta, discutibile, di donare al gabbiano Kehaar un parodistico accento teutonico). Non adatto ai più piccoli, un po' pedante per gli adulti.

Smoker85 20/05/19 17:55 - 487 commenti

I gusti di Smoker85

Film affascinante e suggestivo che ricorda le favole classiche, nell'ambientazione e nella morale di fondo. Tuttavia, come noto, la pellicola è inadatta a un pubblico di giovanissimi, sia per il realismo di alcune scene cruente (che colpiscono lo spettatore quando meno se lo aspetta), sia per l'eccessiva complessità delle metafore che possono cogliersi nell'intera vicenda. Tecnicamente ben realizzata, con una colonna sonora perfetta, l'opera emoziona anche dopo oltre quarant'anni dalla sua realizzazione. Notevole.
MEMORABILE: L'incipit; La trappola di cui è vittima Parruccone; Il trip psichedelico commentato dalla canzone di Art Garfunkel; Il generale Vulnera; Il finale.

Stuntman22 21/09/19 22:11 - 126 commenti

I gusti di Stuntman22

Interessante. Non tanto per la qualità dell'animazione, che non può certo competere neanche con un Disney anni '40, ma per la coerenza della sceneggiatura, dell'ambientazione e della drammaticità. Forse un po' di sangue poteva evitarsi, ma questa trasposizione del celeberrimo romanzo ha un'efficacia tremenda. Di livello la colonna sonora di Angela Morley, che richiama la musica classica di Elgar, Vaughan Williams e di altri sinfonisti tipicamente inglesi. Ben doppiato in italiano.

Kami 23/02/24 11:39 - 105 commenti

I gusti di Kami

Molto ben realizzato, meriterebbe un giudizio migliore se non fosse per una grave pecca: il gabbiano Kehar che parla con un buffo accento tedesco è il personaggio riuscito peggio, perché nel romanzo è molto più simpatico, riesce a strappare parecchie risate, cosa che non guasta per gli adulti ma anche e soprattutto per i bambini. Il romanzo ha un equilibrio che il film purtroppo non riesce a raggiungere; ciò non toglie che riesca a emozionare anche decenni dopo la prima visione.
MEMORABILE: La lotta tra Parruccone e il generale Vulneraria; Le ultime commoventi immagini di Moscardo.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina The plague dogsSpazio vuotoLocandina Terkel in troubleSpazio vuotoLocandina Ghost in the shell 2: InnocenceSpazio vuotoLocandina Chicken Little - Amici per le penne
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Musiche Lucius • 21/11/22 00:38
    Scrivano - 9054 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa Collezione Lucius, un rifacimento (sempre di Garfunkel) del brano originale:

    [img size=300]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images62/garfs.jpg[/img]
    Ultima modifica: 21/11/22 12:04 da Zender
  • Musiche Zender • 21/11/22 08:01
    Capo scrivano - 47764 interventi
    Lucius, se però sulla copertina sta scritto bello grande "A new version" come fai a scrivere originale?
  • Musiche Lucius • 21/11/22 11:45
    Scrivano - 9054 interventi
    L'autore è lo stesso.
  • Musiche Zender • 21/11/22 11:59
    Capo scrivano - 47764 interventi
    Certo, è Garfunkel che l'ha rifatta. Nuova versione significa appunto che non è l'originale. Se i Goblin buttassero fuori l'ennesima versione di Profondo Rosso non credo che scriveresti che è l'originale, intendo dire.
    Ultima modifica: 21/11/22 12:04 da Zender
  • Musiche Lucius • 21/11/22 18:29
    Scrivano - 9054 interventi
    Scriverei probabilmente che si tratta di una variazione del brano originale, fatta dallo stesso autore. Poi tocca vedere quando l'ha composta e perché ha sentito il bisogno di farla uscire, in un secondo momento o periodo.Non è sicuramente presente nel film, anche se non ho comparato le due versioni e non so in cosa differenziano. Grazie per la correzione.
    Ultima modifica: 21/11/22 18:37 da Lucius
  • Musiche Zender • 21/11/22 18:40
    Capo scrivano - 47764 interventi
    Esatto, questo intendevo. Sul perché l'abbia voluto fare possiamo anche non approfondire, però scrivere che non è l'originale sì.