Il figlio di Frankenstein

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Son of Frankenstein
Anno: 1939
Genere: horror (bianco e nero)
Note: sequel di "Frankenstein" e "La moglie di Frankenstein"
Numero commenti presenti: 12
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 5/10/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 30/12/07 23:32 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Terzo e ultimo capitolo della saga con Karloff per l'ultima volta nei panni del Mostro per eccellenza del cinema horror. Nonostante una certa atmosfera che permea la pellicola è lampante che qui la direzione sia la parodia più smaccata. Certe battute tra il Barone e il poliziotto ne sono un esempio lampante. Non è un caso che Mel Brooks abbia preso spunto da questo film per il suo immortale Frankestein Junior (tanto è vero che qui è presente la leggendaria scena della partita a freccette tra il Barone e il poliziotto). Splendido cast.

Harrys 24/07/09 19:27 - 682 commenti

I gusti di Harrys

Terzo capitolo dedicato alla leggendaria figura del mostruoso Frankenstein. In questo episodio fa la sua comparsa il celeberrimo (grazie alla parodia di Mel Brooks, per la verità) Igor, interpretato da un barbuto Bela Lugosi. Singolari le scenografie, che si discostano da quelle delle precedenti pellicole, spigolose e disarmoniche, in chiaro stile espressionista. Il film non si distingue per trovate particolarmente brillanti, seppur l'atmosfera non risulti deludente. Frankenstein è oramai perlopiù una macchietta. **1/2

Undying 1/11/09 15:13 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Son passati venticinque anni dalla morte di Frankenstein quando il figlio del dottore decide di tornare ad abitare nel castello paterno. L'incontro con Ygor, sopravvissuto all'impiccagione, è causa di nuovi esperimenti che ridanno vita alla creatura. Ormai i tentativi della Universal di rilanciare i classici dei primi Anni Trenta si rivelano grotteschi esempi di recupero in stile carnevalesco. Costumi e trucchi retorici si sommano a trame elementari e ridicole. Concepito per essere girato a colori, venne poi realizzato in B&N affinché più efficaci potessero apparire i tanti trucchi di make-up.

Pau 4/05/10 19:18 - 125 commenti

I gusti di Pau

Per la sua ultima apparizione nel ruolo che lo rese celebre, Karloff scelse un approccio robotico e semplicistico, senza le sfaccettature che avevano reso indimenticabile la sua intepretazione ne La moglie di Frankenstein. A parte le scenografie squadrate e labirintiche (che rimandano espressamente al cinema mitteleuropeo degli Anni Venti) poco altro da segnalare in positivo (persino il consueto omaggio all'infanzia si risolve in un bamboccio petulante), per un film il cui merito principale è aver fornito tonnellate di materiale a Mel Brooks.

Von Leppe 22/09/10 14:44 - 1027 commenti

I gusti di Von Leppe

Bastano le scenografie straordinarie (la scalinata nel castello) e la fotografia per apprezzare questo film; poi ci mettiamo attori come Basil Rathbone, Boris Karloff e Bela Lugosi e diventa uno dei più grandi classici della storia del cinema. In più, c'è la mitica interpretazione di Lionel Atwill nel ruolo dell'ispettore con il braccio finto, che caratterizza molto l'ambientazione mitteleuropea di questi gotici espressionisti degli anni 30. E' l'ultimo capolavoro del trittico su Frankenstein interpretato da Karloff.
MEMORABILE: Egli attirò dei raggi cosmici, dei quali né lui né il mondo scientifico erano a conoscenza.

Pigro 4/11/10 09:07 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Col cambio di regista, la saga del mostro perde la vis umoristica e rinsalda la mitopoiesi con novità che rinforzano il film altrimenti poco originale. Infatti più del mostro (scialbo) e del suo creatore (mediocre) contano rispetto ai precedenti due figure nuove: il servo Igor, diabolico deus ex machina, e il sagace ispettore col braccio meccanico. È nel loro duello a distanza che si gioca la storia, impreziosita da scene vagamente espressioniste e dalla sequenza dello specchio che richiama la primissima versione. Godibile.

Myvincent 19/04/11 12:48 - 2551 commenti

I gusti di Myvincent

Basil Rathbone nei panni del figlio del dott. Frankenstein che, anni dopo, riesce a riesumare il mostro con tanto di terrore e morte, nella piccola cittadina che ospita il tenebroso castello. Sarà in realta Ygor a telecomandarlo, per vendicare la sua vecchia condanna. Film godibile, a parte una certa tendenza allo sbadiglio dovuta alla verbosità dei dialoghi e alla colonna sonora un po' latente. Accoppiata Karloff-Lugosi eccezionale...

Rigoletto 15/05/12 16:56 - 1565 commenti

I gusti di Rigoletto

Dopo il film su Frankenstein (1931) e quello sulla moglie (1935) il cerchio si chiude con questa pellicola sul figlio, ma il risultato finale è, a mio parere, inferiore alle pellicole sui "genitori". Non brutto, ma a volte eccessivamente lento, anche se ben interpretato da ottimi attori ben calati nel ruolo. Complimenti a Lugosi per essere riuscito a ritagliarsi con bravura un ruolo accattivante che fa acquistare nuovo peso all'economia del film. Sono invece ampiamente da salvare le cupe atmosfere che fanno da contorno alle situazioni. **1/2

Giacomovie 5/08/12 09:52 - 1347 commenti

I gusti di Giacomovie

La tensione è solo nominale e sono le caratteristiche dei personaggi e l'ambientazione di contorno a dare al film le parvenze di un horror. Tutto sommato non sfigura e si mantiene in linea con i due capitoli precedenti. Ottimi Boris Karloff (che nei tre film ha reso celebre la figura del mostro) e Bela Lugosi nei panni del vile ed ambiguo servo Igor. **!

Rebis 8/06/16 09:18 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Narrativamente coerente con il primo capitolo della saga, è visivamente un altrove cinematografico, non solo per lo stupefacente impianto scenografico post-espressionista che evoca l'incubotica ascendenza dell'avo, ma anche per il climax: soppressa l'ironia straniate di Whale, Lee si assesta su più consolidati canoni gotici. Eccezionali, ispiratissimi i primi 40 minuti con una memorabile caratterizzazione dei comprimari (Ygor e l'ispettore Krogh faranno storia) che marginalizza creatura e creatore; poi la vicenda si fa più rocambolesca e prosaica, ma rimane uno dei migliori horror Universal.

Rufus68 18/12/16 09:47 - 3086 commenti

I gusti di Rufus68

Bellissimo l'inizio, funestato da una pioggia torrenziale e ricco di mirabili scorci (il paesaggio intravisto dal treno o dal castello, con quel laboratorio in rovina; gli interni, quasi pienamente espressionisti). Poi il film si arzigogola in una struttura gialla, dove i protagonisti perdono ogni rilievo simbolico per giocare a rimpiattino l'uno con l'altro. Finalino con Rathbone alla Tarzan. È anche tale scadimento nel prosaico che ha permesso lo sberleffo di Mel Brooks.

Lupus73 19/05/20 20:53 - 594 commenti

I gusti di Lupus73

Terzo capitolo del Frankenstein della Universal, questa volta non diretto dal grande James Whale, ma il livello rimane alto. L'erede di Frankenstein torna al paese del padre, alle prese con il castello, il mostro e Ygor. L'influenza dell'espressionismo tedesco è ancora notevole, con enormi ombre, forti contrasti, superfici lisce e sghembe o tortuose. Stavolta accanto a Karloff c'è anche Lugosi in un ruolo che gli va stretto. La parodia di Brooks riassume la tetralogia ma la sceneggiatura è più simile a questo capitolo. Altro classico del gotico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 1/11/09 15:20
    Scrivano - 7630 interventi
    Nella sceneggiatura iniziale era previsto che il mostro minacciasse di eliminare la moglie ed il figlio di Wolf Frankenstein (interpretato da Basil Rathbone), per costringerlo a dare vita ad una compagna, e ciò nel rispetto di continuity con il film precedente (La moglie di Frankenstein, James Whale, 1935).
    Non solo: le intenzioni della creatura sarebbero state quelle di utilizzare, come cervello da inserire nel corpo della "nuova sposa", quello del bambino...
  • Discussione Von Leppe • 27/09/10 10:26
    Call center Davinotti - 944 interventi
    Il film può piacere o meno, capisco che è la Preistoria del cinema, ma dire che è importante solo per aver fornito materiale a Mel Brooks è troppo, anzi, è grazie a questi vecchi classici famosi (negli anni 70 li passano spesso in televisione, anche in prima serata) Che Mel Brooks ha potuto girare il suo capolavoro.
  • Discussione Zender • 27/09/10 11:07
    Consigliere - 43514 interventi
    Sì, concordo, è un po' una forzatura dire che è importante per aver fornito il materiale a Brooks.
  • Homevideo Buiomega71 • 23/03/15 20:45
    Pianificazione e progetti - 21905 interventi
    In dvd per A & R Production, disponibile dal 27/03/2015

    http://www.amazon.it/Il-Figlio-Frankenstein-Basil-Rathbone/dp/B00UJIWJKM/ref=sr_1_1?s=dvd&ie=UTF8&qid=1427139782&sr=1-1&keywords=il+figlio+di+frankenstein