LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/10/07 DAL BENEMERITO CINEVISION POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/03/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cinevision 19/10/07 12:10 - 72 commenti

I gusti di Cinevision

Tognazzi alle prese con la fantascienza sociologica (!). In un futuro prossimo i giovani sono al potere e una legge impone a chi ha raggiunto i 49 anni di cessare ogni attività per essere confinato in una specie di villaggio-vacanze-lager. Ogni giorno uno spietato gioco di tarocchi decide i destini dei cinquantenni (degli hippy invecchiati), i vincitori vengono imbarcati su una misteriosa nave e... Di culto Tognazzi dj sboccato e il nudo integrale della Vanoni, tra l'altro davvero brava. Bizzarro.

Ikke 28/12/08 02:18 - 19 commenti

I gusti di Ikke

L'insolita coppia Tognazzi-Vanoni alle prese con un insolito tema fantascientifico di orwelliana memoria. La ricostruzione dell'arido paesaggio nel Meridione e l'"italianità" della pellicola creano una splendida e straniante sensazione, rafforzata da alcune scene di intermezzo dove è invece uno scenario bizzarro e "mondo" a scontrarsi con le architetture razionaliste e il gelo dei rapporti umani. Non secondaria un'intelligente riflessione sul ribaltamento dello scontro generazionale.

Galbo 25/09/09 05:56 - 11306 commenti

I gusti di Galbo

Una società orwelliana del prossimo futuro in cui viene sistematicamente praticata l'eliminazione degli anziani è il tema di questo film tratto da un romanzo di Simonetta e diretto da Tognazzi. Un tema piuttosto insolito per un film italiano che viene svolto con una certa attenzione per quanto attiene alla ricostruzione ambientale in effetti suggestiva ma che presenta alcune limitazioni nello sviluppo della storia e dei personaggi. Buona la prova del cast con un'inedita Ornella Vanoni.

Puppigallo 27/09/09 23:16 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Singolare pellicola ambientata in un futuro dove i giovani gestiscono il pianeta e gli anziani (neanche poi tanto) pascolano in zone sorvegliate. E' un mondo emozionalmente asettico, dove gli umorali sono malvisti; e uno come Tognazzi (Deejay Orso Scoppiato) fatica non poco ad accettare le regole, facendo parte della vecchia guardia (praticamente una società con due estremi senza la buona ed equilibrata via di mezzo). Detto questo, sia lui che la Vanoni se la cavano bene, ma non sono supportati da una sceneggiatura sufficientemente solida, scivolando nella ripetitività e nel solito, difficile rapporto di coppia. Sembra più un coraggioso esperimento filmico, in parte riuscito.
MEMORABILE: Il nipotino: "Nonno, perchè quando parli alla radio sei così scurrile, volgare e triviale?". E Tognazzi: "Antonluca, perchè rompi il cazzo?".

Homesick 4/10/09 18:48 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tognazzi trasforma il romanzo di Simonetta – più intimista e icastico – in un’ordinaria distopia da fantascienza, introducendo un invisibile capo supremo (il “Gran Contatore”), propaganda, tentativi di resistenza e delazione ed espungendo le ultime pagine che nel libro presagivano un futuro ancor più sconfortante. L’essenza tuttavia si preserva intatta: giovani grigi, freddi, impettiti e antipatici decretano isolamento e morte degli anziani - solari, parolacciai e genuini – in villaggi vacanza-lager. La Vanoni supera a pieni voti la prova di idoneità per affiancare l'immenso Tognazzi.

Enzus79 14/10/09 11:13 - 1732 commenti

I gusti di Enzus79

Film ambiguo. L'idea di una società dove chi arriva alla soglia dei cinquant'anni deve ritirarsi in villaggio turistico per poi essere eliminato, era gustosa. Purtroppo la storia cade nella ripetitività e le uniche scene che ti tengono "sveglio" sono quelle finali. Tognazzi se la cava, gli altri un po' meno.

Rickblaine 14/10/09 09:31 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Una storia divisa in due parti: la prima è un viaggio che mastica amaramente ciò che si è perso e si sta aspettando. Sequenze on the road che polemizzano quella che è una società progressista e con pochi valori; la seconda è all'interno di un complesso dove gli anziani vivono e poi vengono condannati. Abbastanza coinvolgemente e con un insolito Tognazzi e un'inedita Vanoni, ci accompagna alla riscoperta di valori che vanno perdendosi. Buono il sottofondo e buone dosi di sarcasmo al punto giusto (che quindi non è mai fuori luogo).

Giuliam 14/10/09 15:05 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Quella di Ugo Tognazzi e Ornella Vanoni risulta una coppia efficace. Oltre al fatto che entrambi sono milanesi, si assomigliano perché hanno in comune un cinismo e uno snobismo, narcisismo, non indifferenti. La sceneggiatura li aiuta, con una volgarità quasi supplice, come se avessero paura che la società d'oggi "non saprebbe più riconoscere la trasgressione". Un film di fantascienza che, grazie ad una partenza ben congegnata, poteva essere davvero geniale, ma che al contrario ne esce "sprecato" per via di un finale schematizzato.

Pigro 19/11/10 09:47 - 7696 commenti

I gusti di Pigro

Più apologo alla Ferreri che fantascienza alla Logan, la storia degli anziani relegati "in vacanza" (belle location) e poi soppressi ci parla non tanto di un pericolo futuro quanto dell'odierna esaltazione del giovanilismo e dell'efficienza. La satira un po' semplicistica della prima parte (che anticipa il riflusso anni 80) sfuma poi in un sapore caustico e dolciastro di tenera malinconia, nella quale Tognazzi domina bene la scena, fino a una conclusione di facile simbologia (la fuga sull'arca degli animali imbalsamati) e sconfinata amarezza.

Ishiwara 9/07/11 20:20 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Film squilibrato nell'insieme, con qualche idea promettente che non viene sviluppata troppo bene. Tognazzi recita e dirige bene, ma la sceneggiatura ha qualche caduta di ritmo e di tono. Impossibile non associare l'idea di base alla Fuga di Logan, con la crociera che prende il posto del Carousel. Qui però l'ambientazione in un futuro meno lontano lo rende più credibile e le Canarie si rivelano un'ottima location, decisamente suggestiva. Niente di particolarmente bello, ma una visione la merita. Non è invecchiato troppo male. Particolare.

Guru 15/07/11 15:01 - 348 commenti

I gusti di Guru

Quando la vita è in scadenza, scattano le procedure strutturalmente legalizzate, che accompagnano l'essere in un viaggio di non ritorno, piacevole e macabro allo stesso tempo! Non sono ammesse ribellioni! È il duro prezzo da pagare per il ricambio generazionale. Il "viaggio" ritorna anche in un altro film di Tognazzi, Arrivederci e grazie, dove la morte viene sempre "ingabbiata" dentro una piacevole vacanza... Qui il piacere accompagna la morte, con il rammarico di non poter avere il diritto di invecchiare! Discreta prova di Ornella Vanoni.

Giùan 6/09/11 17:41 - 2860 commenti

I gusti di Giùan

Nelle sue sporadiche ma molto sentite incursioni registiche, Tognazzi ha sempre privilegiato l'apologo grottesco tanto caro al suo sodale Ferreri. I viaggiatori si muove appunto su questo solco ma fa un passo in più sul piano dell'ambizione, come segnalano non tanto la tematica (il racconto fantastico alla Buzzati), quanto la suggestiva ambientazione (i vulcani di Lanzarote) e il secco viraggio drammatico della seconda parte. Il risultato è un film sofferto ma poco controllato, diseguale ma attraente sul male di vivere dell'anzianità. Ornella desnuda...

Deepred89 6/11/11 14:51 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Road movie, fantascienza, commedia, drammatico: un incrocio di generi inedito per il cinema italiano dell'epoca, un po' squilibrato ma ricchissimo di spunti. Alcune cose non convincono (i dialoghi, a tratti datati; alcuni personaggi tagliati con l'accetta), ma il film coinvolge grazie alla sua trama intrigante e sottilmente crudele, dove l'ironia non riesce a stemperare l'amarezza. In più abbiamo un cast ben diretto (Vanoni inclusa) e scenografie di gran fascino. Ritorna, dopo Cattivi pensieri, anche il tema del tradimento. Insolito e interessante.

Rebis 8/01/12 20:42 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Distopico all'italiana che poteva trovare in Elio Petri un efficace cantore e invece trova in Tognazzi un regista tanto accalorato dall'etica civile quanto pedestre nella messa in scena. Un film freak, sbagliato eppure attuale, interessante e pedissequo, significativo e approssimato, teso e lineare nella narrazione, al quale si finisce col rimanere affezionati nonostante tutto - e quindi in potenziale aura cult. Le ambizioni scenografiche da on the road americano, le parentesi visionarie, lo sviluppo a imbuto chiuso, implementano la fascinazione. Valida e persuasiva la prova di Ornella Vanoni.

Myvincent 13/04/12 07:51 - 2495 commenti

I gusti di Myvincent

Tratto dall'omonimo romanzo di Umberto Simonetta, scritto e diretto da Ugo Tognazzi, il film, alquanto surreale, narra dei passeggeri di questo mondo che, alla sola età di 49 anni, vengono mandati in una vacanza forzata, senza avere il diritto di poter invecchiare autonomamente e naturalmente. Il tema è piuttosto ambizioso, ma il risultato non proprio all'altezza delle aspettative, specie verso il finale tragico e non aderente al libro. Resta la piacevole sorpresa di una Ornella Vanoni brava anche nelle vesti (e senza) di attrice.

Paulaster 15/07/12 15:13 - 2665 commenti

I gusti di Paulaster

Un Tognazzi crepuscolare dirige e recita una sorta di dramma esistenziale dove una trama surreale e provocatoria pone l’accento sulla condizione della vecchiaia. La vicenda si sviluppa inizialmente asettica per divenire dolentissima. Interpretazione buona sebbene si intraveda un filo di stanchezza. La Vanoni è una sorpresa positiva, mentre il contorno non è all’altezza. Scenografie al risparmio in linea con il periodo.

Mco 9/10/12 16:39 - 2125 commenti

I gusti di Mco

Da un romanzo di Simonetta un'opera toccante e senza tempo. Il villaggio vacanze non è quello di Jerry Calà e soci bensì un refugium coattivo inserito in sistema di rigidità ed intolleranza ("che è stato votato", ci spiegano più volte i protagonisti). Tognazzi è semplicemente unico in quel suo ruolo (di e) da Orso, scontroso e ritroso all'inizio, esplosivo e autolesionista nel prosieguo. Morire è terribile, ma arrivare già morti all'appuntamento sarebbe ancora peggio...
MEMORABILE: La Vanoni che concede un sontuoso corpo nudo in barba alla carta d'identità.

Cotola 23/09/15 22:30 - 7394 commenti

I gusti di Cotola

Bizzarra distopia italica che mette in scena una società in cui gli anziani sono destinati ad andare in "vacanza" prematuramente (50 anni circa). L'idea sarebbe stata anche carina ed interessante (per quanto non originale: molti i rimandi loganiani) ma il modo di declinarla e la regia di Tognazzi non sono molto all'altezza. Lo spunto di base non viene rivitalizzato con idee fresche ed intriganti; i toni non sembrano essere quelli giusti e ci sono molte cose gratuite (i nudi, un po' di volgarità). Finale malinconico e crepuscolare un po' affrettato. Non male: più o meno.

Gabrius79 21/06/16 00:37 - 1182 commenti

I gusti di Gabrius79

Un film insolito ambientato nel futuro che viene diretto e interpretato da un buon Ugo Tognazzi affiancato da una sorprendente e a volte poco vestita Ornella Vanoni. L'idea di partenza è interessante e qualche battuta a volte scurrile di Tognazzi va anche a segno, ma poi il film sembra afflosciarsi su se stesso e non riesce a risalire la china. Bene le location.

Minitina80 12/12/16 18:44 - 2264 commenti

I gusti di Minitina80

Spiazzante pellicola fantascientifica che proietta un serio e impegnato Tognazzi in un ipotetico futuro distopico caratterizzato da uno stato totalitario che edulcora il passaggio di consegne tra giovani e anziani. Il paesaggio vulcanico e brullo delle Canarie accentua ancora di più il particolare contesto rendendo straniante un’opera inusuale tanto per l’attore quanto per il cinema italiano. Con una durata inferiore avrebbe guadagnato in forza poiché non sempre tiene la testa a galla. Si riprende nell’amaro, ma intenso finale.

Rufus68 19/06/17 21:19 - 2998 commenti

I gusti di Rufus68

Lo spunto distopico è interessante, ma svolto con mano fiacchissima. Inoltre, ed è questo che impressiona, il film pare formalmente già inficiato dalla maniera anni Ottanta (e oltre): sciatteria generale, scenografie alla buona, urtanti volgarità, attor giovani da mani nei capelli, mocciosi insopportabili. Tognazzi se la cavicchia anche se non pare molto convinto; spigliata la Vanoni che si concede generosamente quanto inutilmente.

Faggi 19/09/17 13:04 - 1475 commenti

I gusti di Faggi

Distopia all'italiana. L'impressione è discontinua e lascia un retrogusto di occasione mancata. Tognazzi, qui meglio come attore, non gira coi piedi ma l'insieme ha un che di trascurato e poco incisivo; l'espressività latita e, tolto qualche buon passaggio, l'oggetto manca di veri lirismi e auree ambigue (sia nel registro psichico che nella tessitura figurativa) necessari al genere. Le potenzialità per confezionare un buon film, sulla carta, c'erano pure; è la forma a non eccellere, a non affascinare; posizionando il tutto nella mediocrità.

Alexpi94 14/12/17 04:40 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Tratto dall'omonimo romanzo di Umberto Simonetta il film racconta un futuro vietato ai maggiori di 49 anni. Discretamente drammatico, ironico al punto giusto e crudele come pochi; ci troviamo indubbiamente di fronte a una delle migliori regie (ma anche interpretazioni) di Ugo Tognazzi. Un cast davvero notevole a cominciare da un'inaspettata Ornella Vanoni che se la cava davvero molto bene (e si concede anche al nudo integrale), Tognazzi impeccabile, piccolo (ma importante) ruolo per la splendida Corinne Clery. Da rivalutare!
MEMORABILE: Il gioco spietato.

Markus 13/04/20 16:20 - 3221 commenti

I gusti di Markus

Stregato dalle pagine dell'omonimo romanzo di Umberto Simonetta, l'artista cremonese mette in scena un grottesco quanto ipotetico anno Duemila in mano a una sorta di dittatura che impone i giovani. E' un film imperfetto ma curioso, come forse è altrettanto curioso il fatto che quelle pagine non siano state profetiche, visto che il mondo era e continua a essere in mano ai vecchi e oggi più di allora bisogna lavorare fino a quando non ci si regge in piedi o quasi. Tognazzi dà al suo personaggio l'aria sorniona che gli sta a cuore; la Vanoni si spoglia.
MEMORABILE: Tognazzi: "Pisciare è molto più vero che urinare, tu hai l'ano e il io culo, tu copuli e io scopo".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 12/12/09 13:37
    Capo scrivano - 1383 interventi
    Dal 10 febbraio 2010 in dvd per Medusa Video.
  • Curiosità Zender • 23/03/10 19:51
    Consigliere - 43785 interventi
    Come aveva già supposto bene Gugly un anno fa, la ragazza con i capelli rossi e tailleur grigio che telefona a inizio film è proprio Carmen Russo. Mentre il giardiniere del villaggio 27, con cui la Vanoni si accoppierà con massima irritazione del marito (Tognazzi) è un giovane Ricky Tognazzi, subito riconoscibile dalla voce e anche aiuto regista, nel film.
  • Curiosità Markus • 12/06/11 13:00
    Scrivano - 4787 interventi
    Il film venne presentato da Ugo Tognazzi nella trasmissione (condotta da Maurizio Costanzo) GRAND'ITALIA. Successivamente, il compianto Ugo, reclamizzò il suo film anche a DOMENICA IN (allora condotta da Pippo Baudo). Ecco due immagini di GRAND'ITALIA in cui Tognazzi spiega il film che ha appena terminato ad un beffardo Costanzo che gli ripete di non fare troppa pubblicità alla pellicola:
  • Homevideo Deepred89 • 19/11/11 14:28
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Nonostante il VM18, la versione mediaset e quella del dvd Medusa mi sono sembrate identiche. Quindi, o sono entrambi integrali, o anche il dvd è tagliato (oppure mi sono perso qualcosa io, però le poche scene censurabili del dvd in tv ci sono tutte...).
  • Homevideo Buiomega71 • 19/11/11 14:36
    Pianificazione e progetti - 21641 interventi
    Non vorrei errare Deep, ma credo che il divieto sia stato abbassato dai 18 ai 14. La vhs della Creazioni Home Video riportava il 18, il disco medusa, credo, i 14.
    Ultima modifica: 19/11/11 14:37 da Buiomega71
  • Homevideo Deepred89 • 19/11/11 15:05
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Hai ragione. E' probabile quindi che l'abbassamento del divieto sia avvenuto per vie ufficiali e senza nessuna taglio (come per Arancia meccanica). Meglio così!
  • Homevideo Buiomega71 • 19/11/11 15:11
    Pianificazione e progetti - 21641 interventi
    Deepred89 ebbe a dire: Hai ragione. E' probabile quindi che l'abbassamento del divieto sia avvenuto per vie ufficiali e senza nessuna taglio (come per Arancia meccanica). Meglio così! Già Deep, credo proprio sia così...
  • Homevideo M.shannon • 24/10/14 07:35
    Disoccupato - 313 interventi
    La versione trasmessa da Iris è tagliata, manca la scena in cui gli hippy ballano nudi, forse a causa della presenza di alcuni nudi maschili. La cosa strana è che la scena era presente nella versione trasmessa in passato su rete 4. Inoltre manca, per intero, la sequenza in cui la figlia Anna Maria si accoppia nel bagno con un vigilante.
    Ultima modifica: 24/10/14 07:36 da M.shannon
  • Homevideo Deepred89 • 24/10/14 19:53
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    M.shannon ebbe a dire: La versione trasmessa da Iris è tagliata, manca la scena in cui gli hippy ballano nudi, forse a causa della presenza di alcuni nudi maschili. La cosa strana è che la scena era presente nella versione trasmessa in passato su rete 4. Inoltre manca, per intero, la sequenza in cui la figlia Anna Maria si accoppia nel bagno con un vigilante. Come ho già detto più volte, ormai in tv è anarchia, con film che passano cut o uncut senza criterio. Il mese scorso La classe operaia va in paradiso (altro film VM18 in prima istanza e abbassato ai 14 in appello) è passato uncut di mattina proprio su Iris, giusto per citare un esempio.