Erin Brockovich - forte come la verità

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Erin Brockovich
Anno: 2000
Genere: drammatico (colore)
Note: e non "Erin Brocovich" o "Erin Brokovich"
Numero commenti presenti: 22
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Julia Roberts aveva già avuto che fare con un losco caso d’inquinamento ambientale nel buon IL RAPPORTO PELICAN. Lì era un’intraprendente studentessa di legge, qui è solo una madre di famiglia (tre figli da mantenere da sola) che lavora come segretaria in uno studio legale. Ma si dimostra altrettanto intraprendente, visto che riesce a mettere le mani su un avvelenamento di falde acquifere operato impunemente da una grossa società. La storia è reale (e la vera Erin Brockovich è pure presente nel film nel ruolo della cameriera Julia, un tipico “inside joke” probabilmente, vista l'inversione dei nomi) e nel complesso...Leggi tutto non è altro che l'ennesima variante sul tema del piccolo (buono) che attacca il grande (cattivo) senza apparentemente poter vincere la causa. Davide e Golia, insomma, come viene più volte ricordato nel film stesso. Un canovaccio già ampiamente collaudato che però ha come bonus la straordinaria interpretazione di una Julia Roberts giustamente premiata col suo primo Oscar. Spalleggiata da un ottimo attore di vecchia data come Albert Finney (è Ed, il suo “capo”), un po' meno in ambito familiare dall'anonimo Aaron Eckhart (è George, l'amico disoccupato che si occupa dei tre figli quando lei non c'è), la Roberts fa valere tutta la sua spontaneità e guidata all'interno di una trama ben chiarificata dal redivivo Steven Soderbergh (datosi infine al commerciale dopo anni passati tra torbide ossessioni d’essai) domina il set in lungo e in largo. L'assenza di fasi “in aula” (lei starebbe solo a guardare, visto che avvocato non è) diversifica un po' il film dai suoi consimili, ma la sostanza è identica.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 8/03/07 10:55 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Bel film, coinvolgente e con una Julia Roberts credibile perché molto ben calata nella parte. Per una volta abbandona i sorrisetti e si confronta, bene, con una parte drammatica. Mi è piaciuto il meccanismo di progressiva scoperta delle cause dell'inquinamento delle falde acquifere con la sostanza (che non si dimenticherà dopo averlo visto) del cromo esavalente. Notevoli anche i duetti fra Erin e il suo capo, l'avvocato interpretato da Albert Finney.

Caesars 19/06/07 10:35 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Ispirato a fatti veri, il film merita sicuramente di essere visto perchè è un buon dramma recitato benissimo da Julia Roberts e Albert Finney. Storia tipicamente americana del successo del pesce piccolo contro i grandi squali del colosso industriale inquinatore, aiuta a passare 2 ore piacevoli ma anche a riflettere su cosa succede intorno a noi. Anche il tono usato per raccontare il tutto è quello giusto, senza cadere nella trappola dell'eccessiva retorica. Buono.

Cotola 27/12/07 18:45 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Film discreto che deve la sua buona riuscita all’atteggiamento di un Soderbergh finalmente sobrio che, abbandonate le sue velleità autoriali, si limita a dirigere professionalmente un film che mescola abilmente e furbescamente, denuncia sociale, intrattenimento e sogni consolatori. Molto brava Julia Roberts come d’altronde l’immarcescibile Albert Finney. Non il massimo ma comunque si lascia guardare senza affanni.

Galbo 25/01/08 07:40 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Steven Soderbergh realizza con Erin Brockovich un potente film di denuncia sociale (il film è basato su fatti e personaggi realmente esistenti) evitando il più possibile ogni tentazione retorica, anzi facendo leva sulle debolezze (evidenti) della protagonista che spesso costituiscono un vero punto di forza della sua azione. Il film ben scritto e diretto, ha il pregio della chiarezza ma rifugge dal sentimentalismo ed ha nella forza morale della vicenda il suo punto di forza. Ottime le interpretazioni della Roberts e di Finney.

Gugly 26/01/08 12:18 - 1010 commenti

I gusti di Gugly

Film che mi ha confermato ancora di più che l'America è la terra delle opportunità, perché da noi col cavolo che una segretaria di uno studio legale riesce a fare tutto il casino e la carriera della protagonista... Detto questo, film tipico di denuncia che ci fa riflettere sulla "cattiveria" delle multinazionali che non guardano in faccia a nessuno. Julia Roberts rozza al punto giusto, Finley bravo come al solito.

Capannelle 5/02/08 10:45 - 3691 commenti

I gusti di Capannelle

Film abbastanza bello e godibile. La storia ripercorre il solito clichè (anche se tratta da una vicenda reale) ma viene raccontata con brio, senza troppa retorica e facendo leva sulla forza dei personaggi, la Roberts e Finney. Il personaggio della Roberts basta da solo a dare verve al film ma è il suo rapporto col principale ad esser particolarmente indovinato. Finale consolatorio ma non vedo perché dovrebbe essere altrimenti, per una volta che rispecchia la realtà dei fatti.

Il Gobbo 11/03/08 09:01 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Dramma sociale di impianto abbastanza classico (anche nel suo svolgimento con happy end - ma questa sarebbe una storia vera, quindi alziamo le mani), condotto con polso da Soderbergh e solcato da una Roberts prorompente, nelle sue mises volgarotte e nella sua determinazione ferrea. Nonostante tutti i pezzi si trovino esattamente dove ci si aspetta che siano, si lascia guardare per intero. C'è l'ottima Marg Helgenberger/Catherine di CSI Las Vegas!

Homesick 30/05/08 08:58 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Neorealismo hollywoodiano di denuncia sociale e celebrazione – in veste muliebre – del sempreverde mito a stelle e strisce dell’intraprendenza e dell’eroismo dell’individuo che si fa strada in un contesto a lui ostile. La Roberts, appariscente nel look, dà un’ulteriore conferma del suo talento interpretativo e gigioneggia solare, determinata, travolgente, spiritosa, simpatica, acuta, pasticciona e materna; il motorizzato Eckhart la spalleggia nei panni di un "casalingo" esemplare.

Ciavazzaro 6/06/09 15:40 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Film che senza riservare grandi sorprese si fa vedere. Julia Roberts è brava, non male anche Albert Finney. Sceneggiatura abbastanza curata, buona la regia di Soderbergh pulita e senza fronzoli. Cito anche il caratterista Peter Coyote. Più che sufficiente.

Giacomovie 12/06/09 20:11 - 1339 commenti

I gusti di Giacomovie

Film di denuncia interessante e mirato che avrebbe meritato 3 pallini, ma non capita tutti i giorni di trovarsi di fronte ad una super performance di un’attrice. Qui quel “mostro” della Roberts monopolizza la scena e diventa il quasi unico motivo della riuscita del film. Un meritato oscar per lei in un’interpretazione carismatica che rispecchia il prototipo della donna moderna: grintosa, volitiva, intraprendente e con una buona dose di sex-appeal, divisa tra il lavoro e le esigenze familiari. Al pur bravo Finney restano le briciole. ***1/2

Daniela 30/07/09 08:21 - 9103 commenti

I gusti di Daniela

Roberts nel miglior ruolo della carriera per questa storia vera, che sembra scritta da uno sceneggiatore hollywoodiano, dato che è impossibile non parteggiare per Erin, David in gonnella, nella sua lotta contro Golia, una multinazionale responsabile dell'inquinamento da cromo di una falda acquifera che ha causato gravi patologie agli abitanti della zona. Il film termina lasciando soddisfatto lo spettatore, mentre chi, spinto dalla curiosità, vorrà saperne di più su come si sviluppò successivamente la vicenda, ne ricaverà spunto di riflessione.
MEMORABILE: Il bicchiere d'acqua posto sul tavolo, davanti ai rappresentanti della controparte

Jandileida 11/03/10 16:07 - 1237 commenti

I gusti di Jandileida

Non mi ha fatto impazzire. La storia dell'azione collettiva contro la grande multinazionale cattivittissima e truffatrice è più trita della gomma di Fiorenza, la regia di Soderbergh è abbastanza anonima ed io ho la pecca di non amare molto la Roberts. Ci sono cose ben riuscite (come il buon vecchio Finney nella parte del capo burbero ma dal cuore d'oro) ed altre meno (la storia d'amore tra Erin ed il motociclista non emoziona). Resta il buon proposito di servire da testimonianza per un fatto criminale realmente accaduto.

Piero68 25/05/10 10:16 - 2752 commenti

I gusti di Piero68

Forte film di denuncia sociale (da un fatto vero) dove la vera sorpresa non è la naturalezza della Roberts, che con questo impegno guadagna l'Oscar, ma la fantastica interpretazione di Albert Finney che con la sua mimica facciale avrebbe meritato, lui sì, l'Oscar. Un plauso anche ad Eckhart, irriconoscibile nei panni del biker. Nel complesso un buon film che si segue senza fatica. La trama ti accompagna fino alla fine senza annoiare nonostante le sue oltre due ore di durata e nonostante Soderbergh non faccia niente per dare un po' di movimento.

124c 16/06/10 16:28 - 2756 commenti

I gusti di 124c

Julia Roberts non è mai stata una delle mie attrici preferite, quindi anche questo film, dove ha addirittura vinto un oscar per l'interpretazione femminile, mi è indigesto. Per carità, l'impegno sociale e la lotta di Erin Bokovich è lodevole, ma qui "Pretty woman" deve fare la bellona che ha un cervello, con le sue labbra a canotto e la sua antipatia che esce dai pori. Non metto in discussione nemmeno il talento di Albert Finney e di un Aaaron Eckhart in versione mammo-biker baffone, ma Julia Roberts è veramente detestabile!

Stefania 19/11/10 22:46 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Erin, working class heroin, una donna che piace a tutti, perché dimostra che il coraggio e l'onestà vincono sui privilegi di casta, che minigonna e maglietta scollata possono rappresentare un'impenetrabile armatura! Regia trasparente, fa solo risaltare la mattatrice Roberts, che sa rendere il calore di quel fiore d'acciaio che è il suo personaggio, le sue ansie private e la sua tenacia nella battaglia pubblica per l'interesse comune. Divertente e convincente la dinamica con Finney, che tenta invano di "contenere" una vera forza della natura.

Paulaster 16/12/12 12:59 - 2683 commenti

I gusti di Paulaster

Soderbergh dirige bene un fattaccio sociale realmente accaduto, dando respiro agli attori e lasciando i tempi per riflettere. La Roberts è all'altezza, specie nei momenti di sfogo e Finney un degnissimo coprotagonista. Il quadro viene reso di facile intendimento, pieno di momenti melodrammatici dove una luce calda si dimostra consolatoria e spinge a tifare verso il Davide della situazione. La parte giuridica viene toccata solo in parte, ma l'impronta umana ha a ragione il sopravvento (eccetto il ruolo di Eckhart, che è mieloso e stereotipato).

Cangaceiro 28/07/13 12:03 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Film tratto da una storia vera in cui non a caso c'è tutta la routinaria liturgia del quotidiano tra marmocchi da accudire, bollette da pagare, una sbiaditissima liaison e il lavoro da fare. È quest'ultimo aspetto la ragion d'essere cinematografica dell'opera, per meritori contenuti di denuncia sociale e impegno civile. La battaglia legale viene però proposta da Soderbergh senza grinta e guizzi particolari, annoiando più del dovuto. La pasionaria Roberts vive sia il suo apice (premio Oscar) che il canto del cigno: da qui in poi non combinerà più granché.

Saintgifts 4/01/16 11:03 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

È vero che la brava attrice la si riconosce anche nell'interpretazione di personaggi antipatici, ma qui la Roberts è avvantaggiata dall'empatia che crea la sua Erin, ex reginetta di bellezza con tanto di diadema conservato con cura. Non basta; la Roberts, che di solito mi lascia indifferente, dimostra finalmente le sue possibilità recitative e vince un meritato Oscar. Bravo anche Finney. La storia è raccontata molto bene, sono chiari tutti i passaggi e le trappole legali, lo spettatore è ben coinvolto nella vicenda. Buona la fotografia solare.

Ilpiccio75 24/09/16 21:55 - 8 commenti

I gusti di Ilpiccio75

Erin Brocovich è un po' come "Mi manda RaiTre", ma è più bella di Vianello e ha questa specie di "licenza di offendere" che crea situazioni divertentissime e mai veramente volgari. "Prenditi quel ca*** di caffè, Ed": con questa battuta la tipa dimostra quelle capacità sociali che nemmeno un avvocato con 40 anni di esperienza ha e che la condurranno al successo. Senza i suoi dialoghi, senza le sue battute al "cromo esilarante" la commedia, data la tematica non certo originale alla base, avrebbe lasciato allo spettatore solo lacrime e rabbia.
MEMORABILE: "Guarda a caso invece io penso di stare bene e dal momento che ho un cu** solo e non due, mi metterò quello che mi pare, se la cosa non La disturba".

Mutaforme 10/01/17 10:48 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Tratta da una storia vera, questa pellicola si caratterizza per il ritmo incalzante e una sceneggiatura ben congegnata. Un ottimo film, che diventa eccezionale grazie all'interpretazione di una Julia Roberts davvero al top della forma. L'attrice americana, bella e carismatica, appare perfettamente in parte e dimostra di meritare l'Oscar. Consigliato.

Xamini 22/05/17 12:01 - 993 commenti

I gusti di Xamini

Non riesco a farmi piacere la Roberts, non c'è verso. Eppure le riconosco una certa qual bravura: qui, in veste di una madre tutta pepe e dal turpiloquio facile (non così dissimile dalla sua Pretty Woman), dà energia a tutto il film, duettando più con Finney che con uno spento Eckhart. Soderbergh, dal canto suo, contribuisce a costruire un film hollywoodiano il meno retorico possibile, togliendo dove può, ma non risparmiandosi qualche slancio. In ogni caso assai godibile.

Camibella 3/06/20 00:15 - 91 commenti

I gusti di Camibella

Segretaria caparbia indaga per conto di un piccolo studio legale contro una compagnia idrica che ha inquinato le falde acquifere provocando gravissime malattie ai residenti. Steven Soderbergh dirige una maestosa e sensualissima Julia Roberts, meritatamente vincitrice sia dell'Oscar che del Golden Globe, in un film di denuncia basato su fatti realmente accaduti con lucida precisione e con un ritmo narrativo senza pause né cadute di stile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 25/07/09 11:51
    Vice capo scrivano - 5595 interventi
    Richard Lagravanese non accreditato fece alcuni ritocchi alla sceneggiatura.
  • Curiosità Gugly • 26/07/09 11:48
    Segretario - 4679 interventi
    fonte?
  • Curiosità Ciavazzaro • 26/07/09 11:50
    Vice capo scrivano - 5595 interventi
    Imdb.
  • Curiosità Columbo • 4/11/10 12:31
    Magazziniere - 1104 interventi
    La vera Erin Brockovich Ellis interpreta la cameriera Julia. Uno dei produttori è Danny De Vito.
  • Homevideo Gestarsh99 • 6/12/11 01:01
    Scrivano - 13806 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Sony Pictures: DATI TECNICI * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p * Formato audio Dolby TrueHD 5.1: Italiano Inglese Spagnolo * Sottotitoli Italiano Inglese Spagnolo Portoghese Greco * Extra Dietro le quinte con interviste al regista e al cast La vera Erin Brockovich Scene eliminate