Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Incredibile pastrocchio che utilizza la religione come sfondo e spunto per una saga (più di due ore!) dal sapore quasi fantasy, con l'eletto (Linda Fiorentino) chiamato per fermare piani di due angeli rinnegati (Ben Affleck e Matt Damon), le muse (Salma Hayek), i profeti involontari Jay e Silent Bob (gli immancabili Jason Mewes e lo stesso Kevin Smith, presenze fisse di tutti i film da lui firmati o quasi), il tredicesimo apostolo (Chris Rock) e addirittura Dio in persona (la cantante Alanis Morrissette). Tutti insieme a straparlare e pontificare sui dogmi cristiani, a confrontarsi, a spiegare allo spettatore frastornato la personale visione al solito fumettistica e goliardica di Kevin Smith...Leggi tutto in tema di religione. Una rielaborazione azzardata, con squarci di genialità assoluta (come il primo discorso dell'apostolo Rufus) ma troppe parole inutili. Se inizialmente il progetto sembra interessante, dopo la prima mezz’ora si resta basiti di fronte alle insistite, sconclusionate farneticazioni dei protagonisti. Una commedia tremendamente pesante, le cui alte ambizioni sono frustrate dall'ingenuità spesso triviale di un regista bravo (CLERKS resta un gioiello) ma a volte forse troppo sopravvalutato. Un cast folto di star gettato allo sbaraglio in un minestrone indigesto, nel quale ormai le gag riuscite (e le estemporanee e spiazzanti volgarità del logorroico Jay) sono sempre più rare e le citazioni cinematografiche appaiono fini a se stesse. Peccato, perché le idee sovversive del "cattolicesimo wow" (statue di Cristo non crocifisso ma "compagnone") promettevano benissimo!

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 22/04/07 14:06 - 2146 commenti

I gusti di Fabbiu

La storia è molto interessante anche se, a tratti, diventa troppo macchinosa. Il film si annuncia comico ancora prima dei titoli di testa con le didascalie che fanno cenno all'ornitorinco. Tuttavia, con il passare del tempo, molte cose si "scemizzano" e quello della religione diventa sempre più un pretesto per mettere in scena sequenze demenziali che non brillano per niente di particolare. Ci sono troppe scene che hanno lo scopo di dare spiegazioni e che pesano abbastanza sulla visione. Simpaticissimi Jay e Silent Bob. Nel complesso diverte, ma a volte pesa.

Supercruel 22/07/08 00:28 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Insolitamente pesante per un film di Kevin Smith, "Dogma" è un pastone che miscela in egual maniera grandi trovate e momenti di assoluto pretestuoso piattume. L'impianto narrativo è affascinante, ma Smith si perde tra mille rivoli, farneticazioni, eccessiva verbosità e qualche banalità di troppo. Se le premesse sono esaltanti, ben presto il film perde potenza e non graffia come Smith vorrebbe. Certo, qualche cattolico si potrà anche risentire, ma "Dogma" rimane un oggetto filmico insufficiente ancorchè interessante ed originale.

Ciavazzaro 1/03/09 12:08 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Fuori dal coro e molto curioso. Il modo nel quale i due angeli vendicatori annientano le loro vittime (tutte persone moralmente condannabili) sono estremi e davvero curiosi (ricordo il consiglio d'amministrazione). Molto grottesco, difficile da valutare. Sufficiente ma nulla di più, forse lo sopravvaluto troppo.

Galbo 4/03/09 07:18 - 12398 commenti

I gusti di Galbo

Impossibile da decifrare sulla carta per lo strano miscuglio di temi che lo caratterizza, il film di Kevin Smith si rivela a tratti divertente, specie quando assume toni irriverenti e si libera dalla patina dotta e di presunta critica socio-religiosa della quale è purtroppo spesso impregnato. In questa parte (prevalente dal punto di vista quantitativo), il film e' pedante e logorroico diventando un'occasione perduta.

Soga 27/03/09 23:18 - 125 commenti

I gusti di Soga

L'ultima discendente di Cristo corre in aiuto delle forze del paradiso per ricacciare nell'inferno due fanatici angeli caduti. La critica alla religione è qualunquista e inconsistente: più che altro funge da pretesto per reinterpretare in chiave goliardica alcune figure chiave del sacro, come Gesù, gli angeli, lo stesso Dio. Visto in quest'ottica il film può dirsi riuscito: diverte per tutta la sua durata, con alcune trovate particolarmente azzeccate. Jay & silent Bob fondamentali, permettono la costruzione di scene davvero esilaranti.

Patrick78 15/05/09 14:51 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Tedioso lungometraggio con intenti da commedia nera diretto da Smith che per l'occasione si affida ad un cast di all-stars nel tentativo inutile di alzare il livello di un'opera difficilmente difendibile. Deliranti ed interminabili dialoghi in un contesto pseudo-religioso non sono certificato di qualità. Purtroppo il regista ne abusa ed affligge lo spettatore con un'inumana serie di stupidate che si dimenticano nel momento stesso in cui si ascoltano. Definito da molti un cult, da altri una vera boiata; molto probabilmente la verità sta nel mezzo.

Scarlett 14/06/09 15:45 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Indubbiamente originale, ma privo forse di quel mordente e della giusta combinazione di genialità e anticonformismo che ne avrebbero fatto un lavoro migliore (in realtà sono elementi presenti, ma in parte infinitesimale). Più una commedia adatta a far passare una serata che non un film che riesca a esprimere un concetto diverso.

Rambo90 27/01/10 00:37 - 7700 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente parodia dei dogma religiosi, una specie di horror comico dove l'obiettivo principale è ribaltare le credenze cristiane un anno prima del giubileo. Il divertimento comunque c'è ed il cast è incredibile e all'altezza (c'è persino Alanis Morissette!). Alcune trovate sono un po' volgari ed eccessive ma nel complesso il film è goibilissimo e veloce.

Mdmaster 29/09/10 18:09 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Nonostante sia un film chiaramente sfuggito alle redini di Smith, Dogma resta un esperimento interessante e che tutto sommato sarebbe difficile ripetere con molti miglioramenti. Portato avanti da un bel cast e aiutato da diversi momenti divertenti, Dogma comunque pone di fronte a diversi argomenti importanti e interessanti, trattati sicuramente male, ma che non sfuggono all'attenzione dello spettatore. Imperfetto ma naturalmente interessante e coinvolgente, anche se prolisso.

Daniela 19/01/11 17:07 - 12669 commenti

I gusti di Daniela

Incredibile pasticcio che neppure la difesa del regista, accusato di blasfemia, riesce a riscattare: sarà anche vero che Dio è dotato di senso dell'umorismo ("basti pensare all'ornitorinco"), ma difficilmente riuscirà a trovare divertente questa commedia pesantuccia e troppo prolissa, in cui le poche cose carine rischiano di rimanere letteralmente sommerse da un mare di cacca. Se non gli affibbio un pallino solitario è per la simpatia residua dei duo Jay-Bob e per quella trovata del "Cristo compagnone" che aveva fatto ben sperare all'inizio.

Kevin Smith HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Clerks - CommessiSpazio vuotoLocandina In cerca di AmySpazio vuotoLocandina Generazione XSpazio vuotoLocandina Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!

Homesick 5/05/11 18:27 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Quella che sonori squilli di tromba annunciavano come un’irriverente satira sulla religione istituzionalizzata si incarna invece nei corrivi sincretismi new age di un guazzabuglio fumettistico e goliardico, dall’inconfondibile aroma artificiale e muffito del cinema mainstream. I grandi nomi del cast – qualcuno invero del tutto fuori luogo, come la cantante Alanis Morissette addirittura nel ruolo del Padre Eterno! – si infilano nell’imbuto di personaggi privi di attrattiva e il «mostro golgotiano di merda» è una delle trovate più disgustose ed esecrabili mai viste sul grande schermo. Trash.
MEMORABILE: Unica sequenza riuscita: l’intervento di Affleck e Damon al consiglio di amministrazione.

Darkknight 13/09/11 20:37 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Bello e frainteso dal fanatismo laicista. Smith unisce le sue radici cattoliche con la sua vocazione fumettara. E la cosa geniale è che, per quanto la lotta Paradiso vs Inferno sembri presa da X-Men, ogni dogma del cattolicesimo è pienamente rispettato, dalla verginità di Maria (gli altri figli li ha avuti dopo Gesù) alla capacità della Chiesa di rimettere i peccati. Vi dirò che, alla fine, ci si sente riconciliati con la Fede.
MEMORABILE: Un umano non può sopportare la voce di Dio senza che gli scoppi la testa. Ha dovuto resuscitare Adamo cinque volte prima di capire cosa non andava...

Almicione 23/08/13 20:40 - 764 commenti

I gusti di Almicione

Se questo è il massimo che la satira religiosa può offire al pubblico siamo caduti molto in basso. A parte lo spunto iniziale di Smith non salvo nulla: una trama che fino alla fine cerca (forse) di canzonare malamente la storia biblica; scene lunghe, inutili, a volte ripugnanti, spesso così noiose da indurre lo spettatore a distrarsi e perdere passaggi "importanti"; la deprimente comicità che, tranne in un paio di occasioni, non è affatto comica; Smith odioso; attori, eccetto pochi, pessimi. E non sono credente!

Luke v.9. 4/08/17 11:56 - 12 commenti

I gusti di Luke v.9.

Dopo tre film nel bene o nel male sullo stesso piano, Smith prende il suo modus operandi per mettere in scena una pellicola completamente folle e discontinua ma con un suo perché. Una vera sarabanda di grandissimi nomi a cui si uniscono tutti i vecchi amici del regista apparsi nelle pellicole precedenti. Sghangherato e ricco di tantissima carne al fuoco ma senza dubbio una bella prova e un tentativo coraggioso di percorrere altre strade. Alla fine si lascia largamente apprezzare.

Anthonyvm 17/02/18 01:18 - 5700 commenti

I gusti di Anthonyvm

Il miglior Kevin Smith che abbia visto. Verboso quanto si vuole, con un paio di plot hole che ancora non si capisce come abbiano fatto a passare in revisione, ma assolutamente irresistibile. Dialoghi frizzanti, situazioni grottesche che sfociano talvolta nel gore, un approccio satirico-religioso immediato e senza tante sottigliezze, anche infantile per certi versi, ma trattato comunque con un certo tatto da un regista che ateo non è. Non tutto funziona, ma il complesso è straordinariamente godibile e divertente.

Bubobubo 6/09/18 21:03 - 1847 commenti

I gusti di Bubobubo

La critica sociale esplicita non è davvero cosa per il buon Kevin, che - con in mano un tema potenzialmente esplosivo - confeziona un papocchio mezzo moralista i cui afrori di qualunquismo adolescenziale fanno più volte storcere il naso. Ne risente, primariamente, il ritmo comico: nonostante (o forse a causa di?) svariate puntate grossolane, si ride davvero a stento e in pochissime occasioni. Un ibrido sostanzialmente malriuscito. Alanis Morrissette fuori posto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Raremirko • 28/10/18 21:47
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Adolescenziale, come certi han scritto, è il termine che meglio descrive il film.

    Film con qualche potenzialità, già, ma che comunque tedia, risulta troppo lungo ed ambizioso (addirittura all'inizio ammontava a quasi 4 ore!) e può contare almeno su di un buon cast.

    Non si cpaisce bene cosa voglia fare, se criticare o valorizzare la religione; si vede senza troppi problemi, ma qua e là (come quando appar eil mostro di escrementi) pare di esser di fronte ad un film Troma, che non sempre è una cosa bella.

    Diverte un pò, ma Smith ha fatto di meglio.


    20 anni fa però, in effetti, avrà avuto più impatto sul pubblico, vista la MTV generation, che un pò rimpiango e che un pò mi rende malinconico.
  • Discussione Raremirko • 28/10/18 21:50
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    * Oltre 90 i minuti di scene tagliate.

    Fonte: extra del dvd