Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Quentin Tarantino alle prese con CSI, la serie televisiva poliziesca più popolare degli ultimi anni. Tarantino la conosce bene, ne fa suoi i protagonisti e scrive un episodio (diviso in due puntate da una quarantina di minuti ciascuna) molto vicino al thriller classico, con uno degli specialisti della scientifica catturata dal pazzoide di turno proprio mentre sta raccogliendo le prove sulla scena del crimine. Finirà sottoterra, sepolto in una bara di vetro (dotata di telecamera, of course) con un registratorino, dei neon verdi e una pistola. Dalla centrale lo vedono, ma non sanno dov'è. Il sadico carceriere contatta Grissom (William Petersen, che già in MANHUNTER...Leggi tutto aveva ricoperto un ruolo simile) chiedendo come riscatto un milione di dollari, ma… Telecamere, prigioni claustrofobiche, torture in diretta… E’ il trend del momento (c'è passato anche il nostro Argento con IL CARTAIO). Applicato però ai ritmi televisivi e ai vincoli di una serie dalle caratteristiche già molto ben connotate l'impatto è minore. E nonostante Tarantino si confermi regista di prim'ordine, GRAVE DANGER non offre poi questi gran colpi di scena né riesce a sottrarsi alle tante banalità del caso. Si limita a svolgere diligentemente il proprio compito centrando l'intero episodio sulla caccia alla fossa che chissà dov'è (risolta poi in modo sbrigativo e con echi chiari dal cinema del nostro Argento). Per lasciare tracce del suo stile Tarantino confonde i tempi dell'antefatto, inserisce un paio di dialoghi bizzarri e un’inutile scenetta splatter nel finale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 14/03/08 09:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Seppur entro gli angusti limiti della confezione televisiva, Tarantino dirige un doppio episodio di uno dei serial moderni da lui più amati, lasciando alcuni dei suoi inconfondibili marchi di fabbrica: citazioni cinematografiche (Saw, Fulci), passione per i dialoghi-fiume (il resoconto della propria serata che un poliziotto fa al collega) e per lo humour nero (l’incubo del “sepolto vivo”), il recupero di vecchie glorie (Saxon, Gorshin, Curtis)... Professionale e rigoroso.

Il Gobbo 13/06/07 09:24 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il serial tv ha le sue regole, ed è un po' una camicia di forza (ancorchè, nel caso di CSI, confortevole): chiaro che un talento come quello di QT non si può sbrigliare del tutto, e però l'ingranaggio della suspense è senza intoppi, e grazie al copione Tarantino può, oltre che tornare sul già visitato topos del sepolto vivo, seminare qua e là i soliti omaggi e micro-citazioni. A noi sentimentali ha fatto particolarmente piacere la maglietta indossata da un tizio: "Lucio Fulci the godfather of gore"

Caesars 15/06/07 14:15 - 3364 commenti

I gusti di Caesars

Non sono un patito dei serial tv e non conosco C.S.I. e i suoi personaggi. Incuriosito dal nome di Quentin Tarantino mi sono quindi avvicinato a questo dvd che raduna le 2 puntate che formano l'episodio da lui diretto. Prodotto dignitoso ma che offre ben poco della genialità del regista americano, sicuramente ingabbiato dentro le ferree leggi che regolano il serial. Il sepolto vivo è un chiaro riferimento al Lucio Fulci di Paura nella città dei morti viventi già omaggiato in Kill Bill. Vedibile ma non indimenticabile.

Undying 14/06/07 17:18 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Quentin Tarantino porta sullo schermo una delle più belle storie della serie; ripartita in due episodi ed incentrati sulle azioni di un feroce killer (ricorda molto quello di Saw, per modalità punitiva) che ha sepolto vivo un poliziotto -in una cassa dotata di ossigenazione per alcuni giorni- "ingaggiando" un macabro "gioco" interattivo con la polizia -anche dopo essersi ucciso- senza dare indicazioni esatte sul luogo della sepoltura. Claustrofobico.

Redeyes 15/03/08 10:59 - 2295 commenti

I gusti di Redeyes

Grave Danger è figlio del nostro Quentin, ma in tutta onestà nell'arco delle sette stagioni non si può dire che questo doppio episodio si evidenzi in qualche modo. Belle alcune citazioni, riconoscibile la mano del regista, ma in complexu direi che si potrebbe benissimo confondere tra gli altri, tutti o quasi di pregevole fattura. Un Quentin (come Nick Stokes) imprigionato dagli schemi tv non ne riesce ad uscire: il prodotto è carino ma niente più.

Galbo 17/03/08 06:00 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Tarantino alle prese con un episodio di una delle serie televisive migliori prodotte negli ultimi anni, vi innesta alcuni temi della sua cinematografia. La puntata è ricca di riferimenti cinematografici al passato, com'è nello stile del regista. Il ritmo si mantiene piuttosto elevato ma nonostante gli sforzi, o forse proprio per lo sforzo di realizzare un episodio d'"autore", la puntata pur godibile si rivela inferiore alle migliori della serie. Eccesso di personalismo.

Supervigno 21/04/08 18:59 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

L'incontro tra uno dei nostri registi preferiti e uno dei nostri serial preferiti non poteva che dare la luce a questo: un lungo viaggio nell'incubo per antonomasia di ogni claustrofobico, che si trasforma in un viaggio nei sentimenti, nei legami familiari più profondi, nelle paure di ognuno dei protagonisti. Insostituibili, come sempre, gli attori, inimitabile il tocco dissacrante e allo stesso tempo celebrativo, di Tarantino, che celebra così una delle sue serie televisive preferite.

Ciavazzaro 18/02/09 16:41 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Da non appassionato della serie televisiva un prodotto discreto, con alcune trovate interessanti (il luogo dove viene rinchiuso l'agente rapito). Quentin Tarantino dirige quasi un tv-movie e mostra qualche guizzo d'inventiva, con special guest-star Tony Curtis. Il risultato è un pochino meglio della serie televisiva, ma comunque modesto.

Brainiac 21/02/09 12:09 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Tarantino può piacere o non piacere; personalmente lo venero, ma di sicuro non si può dire che non ami in maniera spropositata la cultura popolare. Questo rispetto per tutto ciò che "intrattiene" lo spettatore è il cardine su cui si muove il suo cinema, quindi non stupisce il suo approccio alla materia televisiva. I suoi interventi sono calibrati e mai eccedono per velleità referenziali (se si eccettua la dissezione finale). Tarantino ha un unico obbiettivo, far crescere la tensione, e in parte lo centra. Solo in parte, perché gli nuoce la patina Tv.

Ryo 20/09/11 16:32 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un lungometraggio diretto dal grande Tarantino, adattato con gli standard della famosa serie. La sceneggiatura è un qualcosa che va oltre le meccaniche trite e scontate della serie. Un impronta d'autore ad una storia ricca di suspance e colpi di scena, con gli attori diretti in maniera professionale. Gustosissime le citazioni e le auto-citazioni.
MEMORABILE: Il gioco da tavolo di Hazzard.

Quentin Tarantino HA DIRETTO ANCHE...

Gugly 10/04/14 22:14 - 1055 commenti

I gusti di Gugly

Doppio episodio cult diretto da Tarantino che si autocita ma non elimina i topoi che hanno fatto la fortuna di questa serie; in altre parole non vediamo Grissom e compagni abbandonarsi ad atti di violenza gratuita o citazioni della Bibbia, bensì raccogliere more solito le prove per un caso davvero drammatico; unica concessione una sorta di sogno pulp... In una breve scena compare anche un irriconoscibile e autoironico Tony Curtis.
MEMORABILE: Le formiche leone!

Schramm 31/08/14 10:39 - 2921 commenti

I gusti di Schramm

In un’ideale cine-genealogia dell’inumazione (la sala come tomba?) il bisnonno di Buried (ma si sa, per fare il tavolo ci vuole il fiore, per fare il fiore ci vuole il seme) porta il gentilizio di Quentin Tarantino. Forse un po’ siderale per chi non è habitué della serie, così come si stenta a riconoscervi appieno la mano del nostro, sebbene non lesini repechages dalla propria e dall'altrui cine-cache, ma che resta circostanziata. Entra comunque dalla finestra quel Cinema che la tv sbatte fuori dalla porta, a partire da una sublime e scintillante fotografia tutta allures al limite del metallizzato.

Il ferrini 31/01/21 01:40 - 1954 commenti

I gusti di Il ferrini

Nonostante il taglio televisivo la mano di Tarantino si percepisce chiaramente, e infatti quello che inizialmente doveva essere un episodio si trasformò in due proprio per non snaturare il suo stile di regia. La sensazione claustrofobica della sepoltura da vivi, già vista in Kill Bill vol.2, qui è amplificata e dilatata, rappresentando il motore degli eventi. Il ritmo cresce progressivamente fino a diventare un'ansiogena corsa contro il tempo. Difficile il ruolo di Eads, immobile per tutta la durata eppure convincente. Piacevole.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 31/12/12 21:34
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Il film è minuziosamente trattato ed analizzato nel libro Semiotica dei media, del prode e caro professore Ruggero Eugeni.
  • Discussione Raremirko • 1/02/13 21:40
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    L'ho visto oggi, è il riscatto chiesto mi pare sia di 1 milione di dollari, e non di 12 come dice il Davinotti.
  • Discussione Zender • 2/02/13 08:20
    Pianificazione e progetti - 45839 interventi
    Boh, strano, considerato che il Davinotti scrive sempre immediatamente dopo aver visto il film. Magari nella nuova traduzione han voluto disincentivare eventuali richieste eccessive da parte dei sequestratori di oggi, non saprei... Magari ricontrolla, perché non capisco da dove avrebbe potuto prendere quel numero così preciso il Marcel, se no. Poi certo, c'è sempre la possibilità che stesse bevendo, in quel momento, ma mi piacerebbe non doverla considerare.
    Ultima modifica: 2/02/13 08:20 da Zender
  • Discussione Raremirko • 2/02/13 21:05
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Boh, strano, considerato che il Davinotti scrive sempre immediatamente dopo aver visto il film. Magari nella nuova traduzione han voluto disincentivare eventuali richieste eccessive da parte dei sequestratori di oggi, non saprei... Magari ricontrolla, perché non capisco da dove avrebbe potuto prendere quel numero così preciso il Marcel, se no. Poi certo, c'è sempre la possibilità che stesse bevendo, in quel momento, ma mi piacerebbe non doverla considerare.

    1, 1, son sicuro
  • Discussione Zender • 3/02/13 08:17
    Pianificazione e progetti - 45839 interventi
    Ok grazie, gliel'ho corretto.
  • Discussione Raremirko • 3/02/13 13:51
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ok grazie, gliel'ho corretto.

    marò, direttamente sul papiro, grande Zender.
  • Discussione Zender • 3/02/13 18:17
    Pianificazione e progetti - 45839 interventi
    Sì, perché qui bastava una minima correzione, non serviva riscrivere il tutto.
  • Discussione Raremirko • 3/02/13 21:05
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì, perché qui bastava una minima correzione, non serviva riscrivere il tutto.

    no, non in quel senso, mi ha stupito la correzione on-line, su un papiro on-line (insomma, non credo più esistente in maniera vera e propria), tutto qui.
  • Discussione Zender • 4/02/13 07:35
    Pianificazione e progetti - 45839 interventi
    Non più esistente? Stai scherzando??? Tutti i papiri sono gelosamente custoditi da Marcel nelle sue segrete. Lui si legge quelli, non certo il sito. Sono 64 quadrni o giù di lì, tuttora in aggiornamento.
  • Discussione Raremirko • 4/02/13 21:18
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Non più esistente? Stai scherzando??? Tutti i papiri sono gelosamente custoditi da Marcel nelle sue segrete. Lui si legge quelli, non certo il sito. Sono 64 quadrni o giù di lì, tuttora in aggiornamento.

    mi scuso, non sapevo