Marrowbone - Sinistri segreti - Film (2017)

Marrowbone - Sinistri segreti

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/03/18 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 4/03/18 10:55 - 11773 commenti

I gusti di Daniela

Per sfuggire al marito violento, una donna si rintana in una villa isolata insieme ai 4 figli. Prima di morire, fa loro promettere che non si separanno mai... Horror spagnolo ma girato in inglese con un cast anglosassone, di bella fattura, ben recitato ed abile nella parte iniziale a costruire un clima morboso ed avvolgente. Poi iniziano i colpi di scena: il primo è troppo prevedibile, il secondo risulta più inaspettato ma non va d'accordo col precedente, il terzo appare piuttosto forzato. Film compromesso dalla sceneggiatura pasticciata opera dello stesso regista, ma formalmente molto curato.

Mco 3/12/19 11:00 - 2263 commenti

I gusti di Mco

Sarebbe piaciuto a Henry James questo ritratto di famiglia. Il giovane protagonista che si prende cura dei fratelli più piccoli, che scrive un diario da lasciare ai posteri, che vive dentro una casa che sembra respirare dietro le sue fredde pareti. Un caleidoscopio emozionale che trascina lo spettatore lungo un cunicolo di penombre, con qualche schizzo di sangue sparso qua e là. La fotografia, elegante, consegna immagini belle, senza età. Gli attori s'immedesimano perfettamente nel ruolo e l'atmosfera è sempre densa d'inquietudine. Bel film.
MEMORABILE: Le medicine riposte nell'armadietto.

Magi94 28/07/20 22:43 - 852 commenti

I gusti di Magi94

Un thriller, più che un horror spagnolo, un po' incespicante anche se con qualche idea buona. Sono discutibili le scelte di regia, con un'insistenza modaiola sui primi piani, i dettagli trascurabili e i volti, che certo non aiuta a creare una sana atmosfera di terrore (la casa quasi non la "sentiamo"). Voto basso inoltre alla fotografia, rovinata dal digitale spintissimo ed eccessivamente "pulita", proprio come gli abiti dei personaggi. La storia invece porta degli elementi intriganti, fino ad arrivare a una soluzione forse non logicamente ineccepibile ma curiosa e "divertente".
MEMORABILE: La scena dello specchio nell'armadio, il cui senso verrà svelato solo nel finale.

Capannelle 8/09/20 09:01 - 4105 commenti

I gusti di Capannelle

Nel complesso Sanchez dirige con sicurezza, adottando il giusto ritmo e la storia acquista una sua personalità, grazie anche al cast che racchiude delle abilità niente male. Quello che poteva essere migliorato sono alcuni passaggi del secondo tempo, un po' incoerenti o sopra le righe, ma rimangono una ambientazione riuscita, alcuni sprazzi di tensione ben dosati e come detto la buona prova dei giovani attori.

Kinodrop 3/01/21 19:32 - 2360 commenti

I gusti di Kinodrop

Per sfuggire a un maniaco padre-padrone, il resto della famiglia si isola lontano da tutto e da tutti con un segreto patto, ma pian piano il passato si ripresenta in carne ed ossa. Horror che si può definire d'autore per l'aspetto formale e per la fotografia ricercata che esalta l'aura di mistero e di ambiguità, facendo di essi la chiave interpretativa degli inquietanti eventi. Qualche dispersione e qualche passaggio tirato via tolgono un po' di pathos e di coinvolgimento, compensati però dalla prova attoriale dei giovani interpreti (in particolare Mackay, il fratello maggiore).
MEMORABILE: Il recupero della scatola coi soldi; Lo scontro col padre; Il diario illustrato; La soffitta.

Enzus79 2/05/21 21:39 - 2392 commenti

I gusti di Enzus79

Suspense, tensione e tutto ciò che riguarda lo spavento non mancano, a questo film. La storia in sé non ha granché di originale, ma riesce a intrattenere e non annoia, pur non avendo dei ritmi alti e la durata di quasi due ore. Finale abbastanza controverso e di difficile comprensione logica. Ottima la fotografia. Apprezzabili il cast e la regia di Sergio Sanchez.

Pumpkh75 26/08/21 14:21 - 1538 commenti

I gusti di Pumpkh75

Si adagia languido nel tipico solco delle contemporanee ghost stories iberiche, quelle del lutto familiare distruttivo e di quel fantasma che chissà poi chi è o se lo è davvero. Vuoi un po' per gli attori tutti in parte e vuoi per la notevole cura formale per quale ringraziamo location e regia, l’interesse continuo trova però piacevole soddisfazione nelle molteplici “shaymalanate” con cui è nutrito, portandoci anche a dimenticare qualche passaggio precocemente rivelatore. Un fuoco fatuo, ma che emana un bel calore confortevole.

Gabigol 15/08/21 18:10 - 479 commenti

I gusti di Gabigol

Produzione e regia spagnola al servizio di una storia gotica, il cui fulcro risponde all'interazione tra i membri di una famiglia infranta. Il cast, composto da attori anglofoni, regge ottimamente e restituisce affiatamento; la sceneggiatura si tradisce double-face: a una prima parte di ottima costruzione di tensione ne segue una seconda metà arrabattata con colpi di scena tra loro contrastanti. La confezione tecnica - ambientazione, fotografia, regia - non è in discussione. Maggiore perizia nella scrittura della storia avrebbe condotto a un piccolo gioiellino.
MEMORABILE: L'armadio dei medicinali; Lo sparo al vetro; Il diario illustrato; La soffitta.

Herrkinski 18/08/22 01:51 - 6942 commenti

I gusti di Herrkinski

Thriller spagnolo ma con cast anglofono che mette in mostra il buon mestiere del regista, capace di creare un'efficace atmosfera per tutta la durata - anche grazie a scenografie alquanto suggestive e ben fotografate - rimanendo costantemente in bilico tra dramma a sfondo noir e tentazioni soprannaturali, queste ultime invero più delle red herring che altro. È proprio il finale più "terreno" infatti a risultare tutto sommato un po' deludente, ma le prove convincenti di un cast affiatato e il mood da ghost-story con sorpresa permettono di arrivarci senza mai annoiarsi.

Lupus73 29/08/22 12:14 - 1283 commenti

I gusti di Lupus73

Siamo nell'America rurale di fine '60, una madre con i figli "al sicuro" nella nuova tenuta. Thriller/horror prevalentemente psicologico dall'ambientazione e fotografia buone, in cui iniziamo a capire qualcosa dopo 55'. Un twist nella parte finale spiazza lo spettatore e mostra la cruda realtà. Come di sovente il mito può offrire interpretazione metaforico-psicologica: un padre/Saturno che divora i figli, un figlio/Giove che prevale e una donna/Giunone con spiccato istinto materno che chiude il cerchio. Andrebbe rivisto dopo la rivelazione finale, ma la prima parte può stancare.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 3/05/21 22:23
    Pianificazione e progetti - 24253 interventi
    Esce da noi in dvd/blu ray con il titolo Marrowbone-Sinistri segreti