A star is born

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: A star is born
Anno: 2018
Genere: drammatico (colore)
Note: Remake di "E' nata una stella" di Wellman del 1937.
Numero commenti presenti: 19
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Meglio Lady Gaga attrice di Bradley Cooper cantante: la sfida a imparare un'arte diversa dalla propria la vince a sorpresa la prima, che porta comunque in dote al film l'Oscar per il miglior brano, quella "Shallow" destinata a rimbalzare sulle radio di mezzo mondo per mesi. E il pezzo non si discute: per l'interpretazione e per la qualità della scrittura, anche se perfino di più colpisce la "I'll Never Love Again" su cui di fatto si chiude il film e che mette in luce la straordinaria mutevolezza e il calore di una voce davvero superba. Ma Lady Gaga, per l'appunto, vince pure sul set, regalando al suo personaggio una dolcezza e una fragilità non comuni. Ally, cameriera scoperta in un locale (mentre si esibisce intonando "La vie en rose") da...Leggi tutto Jack (Cooper), cantante di successo lì per puro caso, è timida ma piuttosto convinta delle proprie capacità compositive. Jack lo capisce e la invita sul palco ad esibirsi con lui e a presentare "Shallow", che Ally canta mettendo subito in luce un talento che non può passare inosservato. La strada per il successo è breve e va di pari passo con il declino di Jack (che nel frattempo Ally ha sposato), anche se di questo abbiamo sentore solo osservando l'ex idolo delle folle darsi all'alcol e stazionare nelle ampie stanze di casa più del necessario. Manca in effetti in questo terzo remake (Lady Gaga doveva vedersela soprattutto con le ombre di Judy Garland e Barbra Streisand) una narrazione più incisiva del lento e inesorabile incedere di Jack verso l'abisso. Tutte le attenzioni sono rivolte alla protagonista, presto lanciata nell'Olimpo delle star e pronta a ritirare il Grammy come miglior artista emergente, evento in cui si palesano in tutta la loro drammaticità le condizioni penose in cui versa il fresco marito, in preda ai fumi del'alcool e ormai fuori controllo. Ma non c'è mai un vero desiderio di allontanarsi, nella donna, ancora troppo innamorata di Jack per abbandonarlo al suo destino. La sceneggiatura, in alcuni frangenti scritta con gusto, sembra troppo spesso concentrarsi su momenti poco interessanti per trascurarne altri che avrebbero invece potuto arricchire facilmente il film; finisce per l'apparire più banale di quanto realmente non sia a causa di una riproposizione tristemente standardizzata di situazioni prevedibili e straviste, pronta a spingere sull'acceleratore del melodramma. Cooper è bravo a non insistere esageratamente sulla condizione penosa di Jack: trattiene il personaggio nell'ambito del credibile pur lasciando spazio all'inevitabile melanconia che lo avvolge e si limita, nelle performance live, a non sfigurare (ben differenti, com'era naturale fossero, le scene con Lady Gaga davanti al micofono). Piuttosto superficiale anche la descrizione delle relazioni tra i personaggi a conferma di un film che senza grandi ambizioni punta prima di tutto a sfruttare Lady Gaga in veste inedita lasciando che permetta alle non bellissime di immedesimarsi in lei (sintomatico il frequente riferimento al grosso naso) riscaldandone poi i cuori con la voce; cosa che la diva fa meno del previsto, comunque: A STAR IS BORN non è certo un musical e giù dal palco entrambi evitano o quasi di cantare.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/09/18 DAL BENEMERITO NANCY POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/03/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Capannelle 20/01/19 12:35 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Non era facile la missione intrapresa da Cooper, produttore regista cantante e interprete del film, ma si può dire che grazie alla genuinità delle interpretazioni sue e di Lady Gaga (e pure Sam Elliot) e a una certa freschezza di racconto l'esame viene ampiamente superato. Le loro performance vocali e fisiche compensano certi aspetti prevedibili o dalla lacrima facile, creando empatia con il pubblico. Cooper esordisce alla regia con sufficiente sensibilità e personalità, Lady Gaga dimostra di avere qualità anche lontano dai videoclip.

Nancy 8/09/18 21:09 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Cooper scrive, dirige e interpreta questo remake dell'omonimo film del '54: sembrava un azzardo, ma l'attore non solo attualizza la sceneggiatura e la cuce intorno alla sua diva; dirige anche bene e interpreta il co-protagonista in modo pulito, senza mai prevaricare lei, la protagonista assoluta, Allie (Lady Gaga). Il film mischia il realismo della ripresa al mélo della trama, con intermezzi musicali godibili (anche se non sempre azzeccatissimi). Almeno una scena fa restare a bocca aperta. Indimenticabile la performance attoriale di Lady Gaga.
MEMORABILE: La scena della cerimonia dei Grammy awards.

Wupa Wump 13/10/18 09:30 - 17 commenti

I gusti di Wupa Wump

La relazione tra un celebre cantante rock (Cooper) e la cameriera d'un ristorante (Lady Gaga) che si diletta a cantare al night si trasforma in partnership di successo. Il feeling della coppia è notevole (ricordano la Pfeiffer e Bridges dei Favolosi Baker), la voce della diva pop mostra un'estensione che coinvolge in canzoni che non stancano mai (né sono in gran numero per farlo). Prima parte intensa e sentita, seconda che scade nel sentimentalismo chiudendo nel lacrima. Inattesa l'ottima performance vocale di Cooper, fastidiosamente fuori parte Rafi Gavron (il manager di lei).
MEMORABILE: Ally premiata ai Grammy Award come miglior esordiente e il marito che sale sul palco crollando in terra ubriaco fradicio.

Lou 27/10/18 18:22 - 972 commenti

I gusti di Lou

Nel suo genere è un film ben fatto, coinvolgente, con buona musica. L'accoppiata Bradley Cooper-Lady Gaga funziona, con la cantante che si rivela anche un'attrice fresca ed empatica. La prima parte, che racconta la scoperta del talento di Ally e la sua affermazione artistica, è la più riuscita. Più banale e densa di stereotipi la storia dell'auto-distruzione del protagonista nel tunnel dell'alcol e della droga.

Redeyes 14/11/18 07:35 - 2145 commenti

I gusti di Redeyes

Cooper abbrutito ma non imbruttito dirige e interpreta con un'ottima Germanotta questa piacevolissima pellicola, che certo niente nova e gioca anche molto su lacrime facili, ma che ci piace. Assolutamente azzeccate e belle le musiche e notevoli le interpretazioni dei due protagonisti, che risultano credibili e suscitano empatia. La durata, importante peraltro, non affatica affatto. Un ottimo esordio sia per la popstar che per il nostro Bradley dietro la macchina da presa.

Ryo 16/11/18 22:35 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Altalena di emozioni che porta a un apice finale struggente. Bradley Cooper protagonista e regista se la cava decisamente bene in entrambi i compiti. Attorialmente si nota un’ottima credibilità ed evoluzione del personaggio oltre a una discreta capacità canora. Come regista fa il suo dovere, tagliando alcune scene, interrompendo di netto l’azione e facendone intuire il proseguimento della stessa. Discreta performance di Lady Gaga, anche perché a un certo punto diventa quasi la macchietta (voluta) di se stessa.

Daniela 31/01/19 21:14 - 9510 commenti

I gusti di Daniela

La trama non riserva sorprese, non essendo presenti varianti significative rispetto le precedenti versioni. L'interesse quindi si concentra sulle prestazioni dei due divi: non era scontato che Lady Gaga desse buona prova come attrice drammatica, né che Cooper se la cavasse bene come cantante oltre che come regista al debutto. Invece la prima in versione "acqua e sapone" è di una bellezza non banale e mostra una notevole gamma di sfumature, il secondo dirige con abilità e sfodera a sorpresa una voce profonda, aspra e morbida al tempo stesso, che lo rende credibile come stella rock. Buon film.

Rambo90 12/02/19 23:52 - 6388 commenti

I gusti di Rambo90

Un dramma convenzionale, dalla trama molto prevedibile ma che ha il pregio di essere girato molto bene e con una coppia di protagonisti affiatata e in parte. La parte musicale poi fa faville, con canzoni che restano impresse e le performance ai concerti ricreate in modo credibile. Alcune forzature nella parte finale (con svolte che ho trovato molto ingenue), ma non si può dire che il film demeriti particolarmente. Buono.

Galbo 15/02/19 19:38 - 11418 commenti

I gusti di Galbo

Una storia che torna periodicamente, pur con i dovuti aggiornamenti e che riesce a fare sempre presa sul pubblico. Bradley Cooper si rivela buon regista (forse memore di Eastwood che lo ha diretto in American Sniper) e sceglie benissimo la sua partner, Lady Gaga il cui carisma contribuisce alla riuscita del film, insieme alla buona colonna sonora e alla forza dei personaggi ben caratterizzati da una sceneggiatura efficace. Un po' troppo lungo ma decisamente godibile.

Pinhead80 16/02/19 16:37 - 3968 commenti

I gusti di Pinhead80

Una rockstar alcolizzata e con grossi problemi all'udito scopre per caso una talentuosa ragazza dalla voce straordinaria. Tra i due nasceranno l'amore e un sodalizio musicale. Passano gli anni ma il fascino di questa storia non cambia mai, anche se bisogna mangiare il frutto, quando alla fine diventa troppo maturo. La colonna sonora è da favola ed è quella che fa la differenza, mentre i protagonisti non sembrano del tutto spontanei. Il film fa emozionare e arrabbiare e per questo merita di essere visto.
MEMORABILE: Shallow.

Alexpi94 18/02/19 02:55 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Drammone sentimentale a sfondo musicale di livello medio-alto, che si lascia seguire senza alcuno sforzo (nonostante le oltre due ore di durata). Ottime le interpretazioni: Lady Gaga ha una voce bellissima e attorialmente se la cava molto bene, Cooper interpreta perfettamente il ruolo del rockettaro tutto alcool, droga e complessi e anche registicamente risulta ineccepibile. Eccellente la colonna sonora in cui troneggiano "Shallow" e "I'll never love again". Consiglio la visione in lingua originale (non soddisfa il doppiaggio italiano).
MEMORABILE: La premiazione ai Grammy Awards; Il naso di Gaga; La scena (pre)finale in garage.

Paulaster 19/02/19 15:15 - 2823 commenti

I gusti di Paulaster

Cantante affermato sposerà una cameriera di talento. Inizio promettente con la disparità nella realtà della coppia, poi il film diventa un polpettone con il successo di lei. Cooper (penalizzato dal doppiaggio) non ha il carisma di Bridges in Crazy heart ed è meglio quando è fuori dal palco ubriaco; Lady Gaga ha buoni momenti, specie all'inizio, poi non è ben diretta nella sua escalation. Regìa oltretutto che spesso dà per scontati alcuni passaggi e non ha ritmo.
MEMORABILE: Lady Gaga che canta in francese; L'intro al "Saturday Night Live"; La mossa del profilo.

Digital 20/08/19 10:59 - 1121 commenti

I gusti di Digital

Lui è un ubriacone, stella del rock, lei una sbarazzina cameriera con la passione per il canto; si incontreranno, ameranno e lei diventerà una popstar. Decisamente meglio la prima parte: il ritmo è vivace e i dialoghi frizzanti. Poi, da quando la Gaga diventa una diva e, parallelamente, Cooper entra sempre più nel vortice dell’alcolismo, il ritmo tende bruscamente a rallentare e il tasso di drammaticità aumenta esponenzialmente andando a intaccare la fruibilità. Tra la coppia di protagonisti è la Gaga a imporsi (recitativamente e musicalmente).

Nando 9/12/19 10:32 - 3485 commenti

I gusti di Nando

La parabola di una sconosciuta che grazie al suo pigmalione nonché futuro consorte otterrà uno straordinario successo musicale. Una pellicola affascinante che offre due valide interpretazioni: bravissimo Cooper e sorprendente Lady Gaga, che si mostra al naturale, scevra di tutti gli orpelli del suo personaggio. Duetti musicali appropriati e finale melodrammatico ma d'altronde...

Bruce 24/02/20 12:21 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Piacevole ed emozionante, un film drammatico nel quale la musica ha un ruolo predominante. Musicisti e cantanti sono i due protagonisti, interpretati magnificamente da Bradley Cooper e Lady Gaga. Il primo, anche regista, è una sorpresa come cantante rock country, Lady Gaga offre una prova straordinaria come attrice. Vi è una evidente e forte alchimia tra i due e questo rende la pellicola autentica e coinvolgente. Belle canzoni, buona musica. Merita.

Camibella 6/04/20 00:10 - 142 commenti

I gusti di Camibella

Al terzo remake sembrava arduo poter dire qualcosa di diverso, eppure il bel Bradley ci regala un film intenso, ricco di spunti drammatici e con una stupenda colonna sonora. La vera mattatrice è comunque la Germanotta, abile nel ritagliarsi un'interpretazione sicura e mai banale. Il film non scade mai nel ridicolo, nemmeno nell'agonico finale. La canzone "Shallow" vince l'Oscar ma lo meritava di più "I'll Never Love Again".
MEMORABILE: La canzone finale: "I'll Never Love Again".

Pigro 11/04/20 10:34 - 7819 commenti

I gusti di Pigro

Nuova e buona versione della storia della cantante in ascesa a fianco dell’artista pigmalione in decadenza. Regia salda e incalzante, interpretazione ottime (soprattutto Lady Gaga): necessario in un mélo dove il sentimentale si unisce al musicale e gli interpreti devono giostrarsi tra performance attorali e canore. Il focus è sul legame profondo dei due piuttosto che sulle dinamiche dello star system, appena accennate (con superflua deviazione dal country/rock al pop per dare un tocco di modernità). Piacevole con momenti emozionanti.

Domino86 24/09/20 10:14 - 553 commenti

I gusti di Domino86

Bella pellicola che racconta la nascita appunto di una stella della musica; ottima la scelta dei caratteri soprattutto se mescolati tra loro. La colonna sonora è la grande protagonista indiscussa del film, il giusto accompagnamento alla storia che racconta. Forse il finale non esalta lo spettatore come dovrebbe, però nel complesso la pellicola risulta decisamente godibile.

Xamini 16/09/20 20:58 - 1021 commenti

I gusti di Xamini

Un dramma amoroso relativamente semplice, già visto in altre salse, in cui il vero motivo di interesse è costituito dal duo Lady Gaga/Bradley Cooper, la prima in versione ragazza della porta accanto (ossia la persona dietro alla star) pur con una tenacia e un piglio che si evince possa avere anche nel mondo reale. Lui è belloccio e belloccio rimane, pur piegato dall'alcool, che tuttavia non lo sfigura e si cimenta con discreto successo nel canto. La solfa va avanti lungo i binari del prevedibile senza eccessivi slanci e l'operazione si può dire riuscita, pur senza entusiasmare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Redeyes • 29/10/18 16:48
    Contratto a progetto - 840 interventi
    Colonna sonora


    1. "Intro"
    2. “Black Eyes" (performed by Bradley Cooper
    3. "Somewhere Over the Rainbow" (dialogue; featuring Lady Gaga)

    4. "Fabulous French" (dialogue; featuring Bradley Cooper, Lady Gaga, Anthony Ramos and D.J. "Shangela" Pierce)

    5. "La Vie en rose" (performed by Lady Gaga)

    6. "I'll Wait for You" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    7. "Maybe It's Time" (performed by Bradley Cooper)
    8. "Parking Lot" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    9. [/b]"Out of Time" (performed by Bradley Cooper)
    10. "Alibi" (performed by Bradley Cooper)
    11. "Trust Me" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    12. "Shallow" (performed by Lady Gaga and Bradley Cooper)

    13. "First Stop, Arizona" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    14. "Music to My Eyes" (performed by Lady Gaga and Bradley Cooper)
    15. "Diggin' My Grave" (performed by Lady Gaga and Bradley Cooper)
    16. "I Love You" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    17. "Always Remember Us This Way" (performed by Lady Gaga)

    18. "Unbelievable" (dialogue; featuring Lady Gaga and Rafi Gavron)

    19. "How Do You Hear It?" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    20. "Look What I Found" (performed by Lady Gaga)
    21. "Memphis" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    22. "Heal Me" (performed by Lady Gaga)
    23. "I Don't Know What Love Is" (performed by Lady Gaga and Bradley Cooper)
    24. "Vows" (dialogue; featuring Lady Gaga)
    25. "Is That Alright?" (performed by Lady Gaga)

    26. "SNL" (dialogue; featuring Alec Baldwin, Donald King, Michael Mancini and Gena Rositano)

    27. "Why Did You Do That?" (performed by Lady Gaga)
    28. "Hair Body Face" (performed by Lady Gaga)
    29. "Scene 98" (dialogue; featuring Bradley Cooper and Lady Gaga)
    30. "Before I Cry" (performed by Lady Gaga)
    31. "Too Far Gone" (performed by Bradley Cooper)
    32. "Twelve Notes" (dialogue; featuring Lady Gaga and Sam Elliott)

    33. "I'll Never Love Again" (film version)" (performed by Lady Gaga and Bradley Cooper)

    34. "I'll Never Love Again" (extended version) (performed by Lady Gaga)[/size]
    Ultima modifica: 29/10/18 16:51 da Redeyes
  • Curiosità Daniela • 18/11/18 21:24
    Consigliere massimo - 5216 interventi
    Il soggetto ha avuto più versioni cinematografiche e quella più famosa, diretta da Cukor nel 1954, è la seconda in ordine di tempo.
    Questa la scansione:
    È nata una stella (A Star Is Born) del 1937, diretto da William A. Wellman, con Janet Gaynor e Fredric March;
    E'nata una stella (A Star Is Born) del 1954 diretto da George Cukor con Judy Garland e James Mason;
    E'nata una stella (A Star Is Born) del 1976, diretto da Frank Pierson con Barbra Streisand e Kris Kristofferson.

    La stessa trama era stata al centro di un film del 1932, ambientato nel mondo del cinema invece che in quello musicale:
    A che prezzo Hollywood? (What price Hollywood?), regia di George Cukor, con Constance Bennett e Lowell Sherman;
  • Discussione Capannelle • 20/01/19 14:07
    Scrivano - 2506 interventi
    Nel film Allie incontra il cantante affermato suonando in un bar di drag queen.
    Anche la vera Lady Gaga a inizio carriera si trovò a suonare in vari locali di drag queen e spogliarellisti di New York, con la disapprovazione del padre.
  • Curiosità Zender • 25/02/19 16:50
    Consigliere - 43607 interventi
    Premio Oscar 2019 per:

    Migliore canzone (Shallow, musica e testi di Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt)
  • Musiche Capannelle • 12/03/19 23:59
    Scrivano - 2506 interventi
    La canzone vincitrice dell'Oscar
    https://www.youtube.com/watch?v=bo_efYhYU2A
  • Discussione Digital • 20/08/19 10:43
    Segretario - 3038 interventi
    Visto ieri al cinema. Lo hanno riproposto in una settimana evidentemente esangue da un punto di vista delle uscite.
  • Discussione Raremirko • 24/08/20 22:33
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    E' proprio come me l'aspettavo, ne più ne meno.

    Banale e prevedibile, vale solo per i due attori (Lady Gaga ha sempre avuto una bella voce); dalla sua ha una certa scorrevolezza (130 minuti non son pochi) e una trama che va sul sicuro.

    Ma mi sa che, a divertirsi, han goduto più loro nel farlo che noi nel vederlo...